Recensioni

L’Ombra di Aldo Moro e della sua scorta. Chi era Oreste Leonardi

369

Il 16 marzo 1978 si consumava uno degli atti più efferati della recente storia italiana: l’agguato di via Fani compiuto dalle Brigate Rosse per uccidere gli uomini della scorta di Aldo Moro e sequestrare l’esponente politico.
Ma quanto si parlò degli uomini della scorta e quali ricordi sono rimasti di loro? Quarantuno anni dopo, pochi ricordano i nomi degli uomini che avevano il compito di tutelare Aldo Moro; eppure, l’immagine del presidente della Democrazia Cristiana insieme con Oreste Leonardi, è divenuta iconica.
Delle cosiddette “vittime collaterali” che, nel caso di via Fani, come in tutti gli altri episodi di terrorismo, erano e sono rimasti soltanto dei nomi su una lapide sulla quale solo i familiari piangono, si sa poco o nulla. Le persone che proteggono la quotidianità di politici, “testimoni di mafia”, giornalisti, magistrati, rischiano la vita tutti i giorni rimanendo nell’ombra.
Quell’atto di terrorismo rappresentò l’acme della lotta armata in Italia, investì in maniera brutale e indelebile indistintamente decine di vittime collaterali. Il rapimento e l’uccisione di Moro segnarono una svolta storica e di costume che molti – politici, intellettuali e storici – non esitarono a definire un punto di non ritorno. Nulla sarebbe stato più come prima.

Il reading L’Ombra di Aldo Moro, scritto da Patrizio J. Macci e interpretato e diretto da Pino Calabrese, tenta di riempire questa lacuna, attraverso il ritratto di Oreste Leonardi, il capo scorta del presidente della Democrazia Cristiana, per l’appunto “l’ombra” di Aldo Moro. E, attraverso di lui, dare voce a tutti gli altri – poliziotti, carabinieri e uomini di ogni corpo delle Forze armate – che hanno fatto della loro vita l’ultimo baluardo della difesa di qualcosa nella quale hanno creduto o hanno dovuto credere. L’Ombra di Aldo Moro è un testo “anomalo” nel panorama della produzione teatrale su Moro, perché racconta il sequestro dal punto di vista del suo caposcorta: il Maresciallo Oreste Leonardi.

Per la sua rappresentazione, è stato scelto in maniera mirata il Teatro del Lido di Ostia per dare un segno di rinascita civile in un territorio (il X municipio di Roma Capitale) profondamente depresso dopo il Commissariamento per mafia, l’aggressione al giornalista della Rai, Daniele Piervincenzi, e i fatti accaduti nel quartiere Axa, dove il nuotatore Bortuzzo è stato offeso nella vita da mani scellerate.
In questo reading si rivive in maniera emozionale e coinvolgente uno spaccato della Storia d’Italia, una ferita ancora aperta.

L’appuntamento è per venerdì 29 marzo alle ore 20 presso il Teatro del Lido di Ostia, Via delle Sirene 22 – INGRESSO LIBERO.

Ultime notizie
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione
Cultura & Turismo

Italia addio. La fuga all’estero dei pensionati italiani. La storia

Pensionati italiani che “fuggono” all'estero: si stima che siano circa 400mila, distribuiti in 160 diversi paesi del mondo. Rossana e Franco sono due delle tante coppie che hanno compiuto questa scelta.
di Raffaella Saso