Recensioni

L’Ombra di Aldo Moro e della sua scorta. Chi era Oreste Leonardi

441

Il 16 marzo 1978 si consumava uno degli atti più efferati della recente storia italiana: l’agguato di via Fani compiuto dalle Brigate Rosse per uccidere gli uomini della scorta di Aldo Moro e sequestrare l’esponente politico.
Ma quanto si parlò degli uomini della scorta e quali ricordi sono rimasti di loro? Quarantuno anni dopo, pochi ricordano i nomi degli uomini che avevano il compito di tutelare Aldo Moro; eppure, l’immagine del presidente della Democrazia Cristiana insieme con Oreste Leonardi, è divenuta iconica.
Delle cosiddette “vittime collaterali” che, nel caso di via Fani, come in tutti gli altri episodi di terrorismo, erano e sono rimasti soltanto dei nomi su una lapide sulla quale solo i familiari piangono, si sa poco o nulla. Le persone che proteggono la quotidianità di politici, “testimoni di mafia”, giornalisti, magistrati, rischiano la vita tutti i giorni rimanendo nell’ombra.
Quell’atto di terrorismo rappresentò l’acme della lotta armata in Italia, investì in maniera brutale e indelebile indistintamente decine di vittime collaterali. Il rapimento e l’uccisione di Moro segnarono una svolta storica e di costume che molti – politici, intellettuali e storici – non esitarono a definire un punto di non ritorno. Nulla sarebbe stato più come prima.

Il reading L’Ombra di Aldo Moro, scritto da Patrizio J. Macci e interpretato e diretto da Pino Calabrese, tenta di riempire questa lacuna, attraverso il ritratto di Oreste Leonardi, il capo scorta del presidente della Democrazia Cristiana, per l’appunto “l’ombra” di Aldo Moro. E, attraverso di lui, dare voce a tutti gli altri – poliziotti, carabinieri e uomini di ogni corpo delle Forze armate – che hanno fatto della loro vita l’ultimo baluardo della difesa di qualcosa nella quale hanno creduto o hanno dovuto credere. L’Ombra di Aldo Moro è un testo “anomalo” nel panorama della produzione teatrale su Moro, perché racconta il sequestro dal punto di vista del suo caposcorta: il Maresciallo Oreste Leonardi.

Per la sua rappresentazione, è stato scelto in maniera mirata il Teatro del Lido di Ostia per dare un segno di rinascita civile in un territorio (il X municipio di Roma Capitale) profondamente depresso dopo il Commissariamento per mafia, l’aggressione al giornalista della Rai, Daniele Piervincenzi, e i fatti accaduti nel quartiere Axa, dove il nuotatore Bortuzzo è stato offeso nella vita da mani scellerate.
In questo reading si rivive in maniera emozionale e coinvolgente uno spaccato della Storia d’Italia, una ferita ancora aperta.

L’appuntamento è per venerdì 29 marzo alle ore 20 presso il Teatro del Lido di Ostia, Via delle Sirene 22 – INGRESSO LIBERO.

Ultime notizie
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot
Informazione

Italia Paese pigro e disimpegnato. Pagnoncelli: “La realtà fa a pugni con la percezione”

Qual è il nostro livello di conoscenza della realtà, quale consapevolezza abbiamo del mondo che ci sta attorno, dei fenomeni che si verificano, delle conseguenze che generano? Il libro di Pagnoncelli, La penisola che non c’è, è una guida utile nella comprensione del momento attuale e delle sue dinamiche.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura & Turismo

Turismo, Federalberghi: “Sgravi fiscali per gli operatori e lotta all’abusivismo”

Le opportunità, ma anche i pericoli, delle piattaforme digitali di condivisione che hanno introdotto modi nuovi di viaggiare; la necessità di tornare a governare questa industria con un Ministero dedicato. Ne parliamo con il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.
di Susanna Fara