Gioco

Esports, il primo obiettivo è il riconoscimento come DSA. L’intervento

81

Intervento dell’Avv. Andrea Strata, Direttore Osservatorio Permanente su Giochi legalità e patologie dell’Eurispes, in occasione della Fiera Enada di Rimini

Prima di focalizzare il mio intervento sul possibile inquadramento degli eSports nell’ambito del diritto sportivo italiano (dunque nell’ambito del CONI), ritengo sia utile porci una domanda: che cosa si intende per sport?
Molti risponderebbero che per sport si intendono quelle attività che richiedono allenamento, competizione, concentrazione, ma anche un notevole sforzo fisico, sudore, fatica. Ma siamo davvero sicuri sia così? Siamo davvero sicuri che per essere considerato “sport” occorra necessariamente la componente “fisica” (lo sforzo fisico)?
Attenzione, perché quello che per noi adulti può sembrare paradossale, per le nuove generazioni è del tutto normale. Siamo nell’epoca dei “nativi digitali”. E se per gli adulti è normale pensare: «Che cosa danno stasera in televisione?», per i nativi digitali il pensiero è ben diverso: «Stasera, anzi, all’ora in cui voglio io, vedrò esattamente quello che voglio io».
La tecnologia di oggi permette questo. La TV on demand ha rappresentato una rivoluzione del concetto stesso di televisione: l’utente non sceglie più tra i palinsesti che le emittenti propongono, ma costruisce da sé la propria programmazione. Allo stesso modo, per noi può sembrare assurdo inserire le competizioni di videogiochi tra gli sport tradizionali, per un millennial invece può sembrare ridicolo il contrario.
Ecco, per comprendere appieno il fenomeno, dobbiamo necessariamente fare uno sforzo intellettuale: proiettarci nella testa di un giovane ed uscire dai nostri preconcetti.

In Italia gli eSports non sono ancora discipline riconosciute dal CONI; attualmente, in àmbito eSports, vi sono delle associazioni che operano sotto l’egida di Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal CONI (come l’AICS, MSP, ASI).
Sul punto credo sia interessante sapere che la struttura del CONI è composta da tre tipologie di enti:

1. Le Federazioni Sportive Nazionali: si pensi alla Federcalcio, alla FIT, Federbasket, ecc.
Le Federazioni Sportive hanno il monopolio dell’attività agonistica.
In sostanza, chiunque voglia svolgere attività sportiva a livello agonistico deve rivolgersi alle istituzioni federali per poterlo fare.

2. Enti di Promozione Sportiva: si tratta di associazioni che vengono riconosciute dal CONI, al fine di promuovere attività fisico-sportive con obiettivi ricreativi e formativi.
In sostanza, la mission degli Enti di Promozione Sportiva è quella di diffondere, nel modo più capillare possibile, la pratica delle determinate discipline di cui si occupano. Gli Enti di Promozione Sportiva sono quindi associazioni che si rivolgono ad un pubblico strettamente amatoriale.

3. Discipline Sportive Associate (DSA): sono discipline riconosciute dal CONI, che si distinguono per due ordini di motivi: o si tratta di discipline di tipo ludico-ricreativo, che non danno una percezione immediata di attività di carattere sportivo, anche a causa della scarsa componente fisica (si pensi al bridge, alla dama o agli scacchi); oppure si tratta di discipline che, pur essendo assolutamente percepibili come sportive da un punto di vista della componente fisica, sono di recente invenzione o organizzazione e comunque non sono riconosciute come sport olimpico (ad esempio, il rafting e l’arrampicata sportiva).

Al momento, le DSA riconosciute dal CONI sono 19:

– Federazione Arrampicata Sportiva
– Federazione Cricket Italiana
– Federazione Italiana Giochi e Sport Tradizionali
– Federazione Italiana Palla Tamburello
– Federazione Italiana Pallapugno
– Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso
– Federazione Italiana Wushu-Kung Fu
– Federazione Italiana Biliardo Sportivo
– Federazione Italiana Bowling
– Federazione Italiana Sport Orientamento
– Federazione Italiana Kickboxing, Muay Thai e Shoot Boxe
– Federazione Italiana Twirling (uno sport simile alla ginnastica artistica)
– Federazione Italiana Turismo Equestre
– Federazione Italiana Rafting
– Federazione Italiana di America Football
– Federazione Italiana Tiro Dinamico Sportivo
– Federazione Italiana Gioco Bridge
– Federazione Italiana Dama
– Federazione Scacchistica Italiana.

Dunque, approfondendo il tema, scopriamo che il CONI riconosce come discipline sportive anche attività che non richiedono una componente fisica: dama, scacchi, bridge; o ancora discipline che non sono sport olimpici: bowling, rafting, arrampicata, ecc.

Ora, considerati gli alti livelli di agonismo raggiunti dai giocatori di eSports, è evidente che la strada che può essere intrapresa è quella di essere inizialmente inquadrati nell’ambito delle Discipline Sportive Associate (come gli scacchi, la dama, e tutte le discipline prima elencate), per poi valutare se vi siano i presupposti per la nascita di una vera e propria Federazione Nazionale di eSports, anche per sopperire a tutte le esigenze che questa disciplina pone su svariati fronti in termini organizzativi, procedurali, di tutela dell’integrità e della legalità.
Dunque, dopo aver esaminato le Discipline Sportive Associate, siamo ancora sicuri che per sport si devono intendere solamente le attività che richiedono necessariamente la prevalenza della componente fisica?
Gli eSports ben potrebbero essere inseriti nell’ambito delle discipline sportive riconosciute dal CONI, perché, pur non avendo una componente fisica prevalente, richiedono comunque una concentrazione elevatissima, allenamento costante e tanta competizione.
Tuttavia, per arrivare a ciò, occorrerà che il settore superi la frammentarietà che ad oggi lo contraddistingue; occorrono regole comuni ed uniformi, anche per il contrasto delle frodi nelle competizioni elettroniche. Occorre che il settore si ispiri a princìpi democratici ed al principio di uguaglianza e di pari opportunità nella partecipazione all’attività.
Su quest’ultimo punto, in realtà, credo che gli eSports possano insegnare molto allo sport tradizionale: in questo settore una persona disabile, tramite un pc, può battere un soggetto normodotato. Una donna può competere alla pari con un uomo.
Concludendo, credo che proprio come la TV on demand ha rivoluzionato il concetto di televisione, da qui a breve gli eSports potranno rivoluzionare il concetto di sport.
E se, come credo, gli eSports entreranno a pieno titolo nel mondo sportivo, allora immaginate arene gremite di spettatori che vanno a vedere i loro idoli che competono con i videogiochi: ciò che in realtà già accade in Asia (in Corea in particolare) ed in America.
Immaginate i circoli sportivi ed i circoli di eSports. Immaginate i classici esercizi (sale Bingo, sale Slot, punti scommesse) che sono soggetti alle limitazioni imposte dal “distanziometro” ed alle restrizioni orarie e che, quindi, non riescono più ad essere “economicamente sostenibili”, riconvertirsi in oratori digitali.
Siamo davanti ad un nuovo mercato, nuove occasioni di business: vedremo chi riuscirà a cogliere le opportunità che il fenomeno eSports darà certamente.

Ultime notizie
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione
Cultura & Turismo

Italia addio. La fuga all’estero dei pensionati italiani. La storia

Pensionati italiani che “fuggono” all'estero: si stima che siano circa 400mila, distribuiti in 160 diversi paesi del mondo. Rossana e Franco sono due delle tante coppie che hanno compiuto questa scelta.
di Raffaella Saso