La Scuola riapre su Twitter

654.764 tweets analizzati, 5.280.807 likes, 1.031.341 retweets, 651.493 risposte, 110.694 citazioni. È stata isolata e analizzata una mole imponente di dati per raccontare la Scuola su Twitter dall’inizio del lockdown alle ultime battute prima della riapertura. Attraverso alcune parole chiave la ricerca Eurispes ha osservato l’evoluzione dei temi e del dibattito connesso con l’istruzione e i cambiamenti che il sistema scolastico dovrà necessariamente affrontare.

Dal monitoraggio sul periodo che va dall’8 marzo 2020 al 31 agosto 2020 emerge una prevalenza di argomenti proposti dall’opinione pubblica su Twitter con particolare rilevanza sugli hashtag: “Scuola”, “Azzolina” e l’immancabile “Coronavirus”.

Tra i profili più menzionati dagli utenti quello della Ministra Azzolina, seguito da quello di Matteo Salvini, Giuseppe Conte, Matteo Renzi, Carlo Calenda e Giorgia Meloni. Tra le testate giornalistiche, la Repubblica distanzia il Corriere della Sera con il Fatto Quotidiano e La Stampa che seguono da lontano.

Matteo Salvini fa incetta di likes ed è seguito alla lunga dalla stessa Azzolina. Calenda vince la sfida contro Matteo Renzi, Giorgia Meloni poco presente sul tema, occupa gli ultimi gradini del podio, mentre Luca Bizzarri, conduttore Tv, e Jacopo Iacoboni, giornalista, sono i personaggi non politici più graditi dal pubblico. Moltissimi gli utenti “comuni” che raccolgono gradimento da influencer pur non essendo tali.

Per quanto riguarda gli organi di informazione, la Repubblica è leader nella capacità di coinvolgimento dei lettori, seguito da Corriere della Sera, dalle agenzie Adnkronos e Ansa con l’Huffington post. Si può affermare che, a differenza di molte tematiche, la questione scuola è trainata dai giornali e dai giornalisti i quali, tra blog e articoli di redazione, sono stati forieri di un dibattito interessante e vivo, sebbene spesso inasprito dalla presa di posizioni politiche o di dissenso.

Roma infine è la città più attiva con il numero maggiore di tweets sul tema scuola che arriva a coprire il 30% del totale. Il Centro-Nord sembra dunque essere più presente sul tema, mentre il Sud dedica minore attenzione secondo quanto riportato dal rapporto di analisi sulle interazioni.

I dati che emergono sugli interessi reali che gli italiani hanno mostrato sul tema riguardano: l’esame di maturità e l’universo dei precari impiegati nella scuola. Preoccupazioni per i figli e per l’anno scolastico andato in rovina tra sei politici che hanno promosso un’intera generazione di giovani e le prove finali del liceo che hanno incuriosito gli spettatori del web. Dibattito aperto anche sulle condizioni dei bambini rimasti per mesi senza scuola e per la didattica a distanza.

Osserviamo dunque lo spaccato di un Paese diverso da quello a cui siamo abituati. Cittadini che coordinano un dibattito su un argomento concreto e reale come la scuola e si fanno promotori di proposte oltre al semplice dibattito politico che quotidianamente affolla le Echo Room sui Social. Cosa ancora più importante è che il tema della scuola non riguarda solo ed esclusivamente il presente del Paese, ma è un àmbito istituzionale che si occupa dei bambini, dei giovani che rappresentano il futuro ed una opportunità di cambiamento e miglioramento se, ovviamente, oltre al mero dibattito si sarà in grado di articolare soluzioni concrete, utili ad assicurare il funzionamento del sistema di istruzione e forgiare la classe dirigente del domani.

La ricerca, condotta per l’Eurispes dal data journalist e scrittore Livio Varriale, è disponibile in versione integrale cliccando qui

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica