Lavoro e nuove schiavitù: sradicare il “caporalato” dai nostri campi

Non passa giorno in cui in Italia, grazie in particolare all’attività investigativa delle Forze dell’ordine e di varie Procure, non risulti evidente l’emergenza diffusa legata alle modalità di reclutamento, intermediazione e impiego di lavoratori e lavoratrici, spesso migranti, nelle campagne del Paese. Si tratta di condizioni che a volte rasentano la schiavitù, producendo un costante e quotidiano stato di segregazione per migliaia di persone. È questa la voce fondamentale – come ha stimato l’Eurispes nell’ultimo Rapporto Agromafie, realizzato in collaborazione con Coldiretti – di un business agromafioso complessivo e criminale di 24,5 miliardi di euro nel 2019, con una crescita del 12,4% rispetto al 2018.

L’ultimo intervento, in ordine di tempo, porta la firma della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, guidata da Maria Antonietta Troncone, ed è stato condotto il 15 settembre scorso dai finanzieri della Compagnia di Mondragone. Un’operazione attuata in un territorio già caratterizzato da una diffusa e storicizzata attività di “caporalato” e dalla presenza di importanti clan della Camorra. Tale intervento della Procura ha permesso l’applicazione di un’ordinanza esecutiva di misure cautelari personali e reali nei confronti di due imprenditori agricoli, ritenuti responsabili del delitto di sfruttamento del lavoro, previsto e punito dall’art. 603-bis Codice penale. Si tratta del noto reato di “caporalato”, diffuso in realtà in tutto il Paese, sia pure con modalità e capacità di penetrazione e condizionamento diverse.

Il provvedimento della Procura di Santa Maria Capua Vetere ha disposto per i titolari delle imprese agricole interessate – una operante nel territorio di Carinola, l’altra in quello di Falciano del Massico (Provincia di Caserta) – il divieto di dimora nella Regione Campania e nella Regione Lazio, nonché l’interdizione all’esercizio di attività d’impresa e di direzione delle persone giuridiche per un periodo di dodici mesi. Un’interdizione che indica una evidente volontà di espulsione di questi soggetti dall’attività di impresa che, invece, richiede una rigorosa adesione alla normativa vigente sia in termini ambientali sia, soprattutto, giuslavoristici.

Sono state, inoltre, sequestrate due aziende e beni mobili e immobili per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro, tra cui disponibilità finanziarie per circa 450mila euro. Ciò indica un’attività produttiva sviluppata, in grado di reggere la competizione del mercato – agevolata dalla violazione evidente della leale concorrenza d’impresa – e di ottenere profitti milionari. Sono stati sequestrati due terreni sui quali gli agenti della Guardia di Finanza hanno accertato l’attività lavorativa svolta in condizioni di sfruttamento da parte di numerosi lavoratori migranti.

Secondo l’accusa, gli imprenditori agricoli si sarebbero avvalsi dell’intermediazione illecita di diversi “caporali” (arrestati anch’essi nell’ambito della medesima indagine), i quali reclutavano, quotidianamente, decine di lavoratori, spesso migranti non comunitari, versanti in uno stato cronico di povertà, emarginazione e ricattabilità, per impiegarli, alle condizioni economiche e lavorative stabilite dai datori di lavoro coinvolti, nella raccolta di prodotti agricoli. Questo risultato è stato ottenuto grazie ad un’accurata e attenta attività di indagine che ha consentito di acquisire rilevanti elementi probatori a carico dei sei soggetti accusati di “caporalato”, peraltro già sottoposti nel 2018 a misure restrittive per via ancora di questa attività criminale.

Le indagini della Guardia di Finanza hanno consentito, peraltro, di ricostruire i profili economico-finanziari legati alla filiera della loro illecita redistribuzione tra datori di lavoro consapevoli e “caporali”. Proprio questa attività ha permesso di adottare diverse misure di aggressione patrimoniale che derivano dall’applicazione specifica della legge 199/2016, più comunemente definita “legge anti-caporalato”. Una norma, è utile ricordarlo, fondamentale per contrastare le agromafie in Italia di cui è, però, necessaria la completa applicazione su tutto il territorio nazionale. Tutti gli elementi investigativi hanno confermato la gravità e la diffusione di un fenomeno che alimenta il “lavoro nero” e, nel contempo, nega ai lavoratori alcuni loro diritti fondamentali. Non si tratta infatti solo di sfruttamento, ma di un’attività di emarginazione, di violenza e di ricatto che produce forme radicali di mortificazione e, in alcuni casi, anche di riduzione in schiavitù. È questa l’espressione, come ricorda l’Eurispes, di una rete criminale che incrocia la filiera del cibo, dalla produzione al trasporto, dalla distribuzione alla vendita, che inquina l’attività agricola di qualità, rafforza sistemi criminali già diffusi nel Paese e produce violenza e segregazione.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili