Criminalità e contrasto

L’Enciclopedia delle Mafie, l’opera kolossal per capire l’Italia

Sei volumi e sei dvd, oltre 350 autori, più di 400mila pagine di atti parlamentari, 70mila pagine di sentenze, alcune miracolosamente emerse dagli archivi storici, oltre 5mila fotografie, centinaia di grafici e tabelle, per un totale di circa 4mila lemmi. La Grande Enciclopedia delle Mafie è un’opera kolossal, uno di quei testi a cui si lavora per una vita intera, uno strumento di lavoro unico diventato ormai un punto di riferimento imprescindibile per chi si occupa di mafia e lotta alle mafie.
L’ultimo “aggiornamento” dell’opera, curata dal maresciallo dei carabinieri Fabio Iadeluca, è stato presentato nel corso di un convegno dedicato alla “Storia della criminalità organizzata nel nostro Paese”, che si è svolto presso la sede della Corte d’Appello di Roma.
In quest’opera, il fenomeno della criminalità organizzata, in tutte le sue forme, declinazioni ed estensioni, è trattato in maniera scientifica e oggettiva sotto tutti i punti di vista: storico, sociologico, economico, criminale e giuridico.
L’autore parte dal presupposto che i fenomeni mafiosi rappresentino un pezzo molto importante della storia del nostro Paese, da cui non è possibile prescindere se si vuole capire il presente. «La storia d’Italia senza la storia delle mafie è una storia a metà», sostiene Iadeluca.

L’opera si apre con l’importante prefazione dell’onorevole Rosy Bindi, Presidente dalla Commissione parlamentare antimafia, e si chiude con la postfazione del dottor Pier Luigi Maria Dell’Osso, procuratore generale di Brescia.
Spiega Iadeluca: «I primi 3 tomi trattano le mafie autoctone nei loro territori di origine, Cosa nostra in Sicilia, la Camorra in Campania, la ’Ndrangheta in Calabria, la Sacra corona unita in Puglia, i basilischi in Basilicata. Magistrati e membri delle Forze dell’ordine impegnati nella lotta al crimine analizzano la situazione della criminalità organizzata; una ricca sezione è dedicata alla storia di queste forme di criminalità organizzata e alle biografie criminali dei principali boss».
L’autore prosegue: «Il secondo volume amplia gli orizzonti al resto d’Italia e al mondo. È noto infatti che le mafie “classiche” non siano presenti solo nel Sud Italia, ma abbiano infiltrazioni in tutto il resto del Paese. E poi ci sono le mafie straniere, ossia quelle forme di criminalità organizzata che hanno una struttura simile a quella delle mafie italiane e che operano in Italia, spesso in collaborazione con esse, soprattutto nel traffico di stupefacenti, nella tratta degli esseri umani, nell’usura ed estorsione e nei reati contro il patrimonio».

Il terzo volume è dedicato agli strumenti legislativi – come l’articolo 41 bis sul carcere duro o l’aggravante mafiosa – e alle istituzioni il cui compito è il contrasto alla criminalità organizzata: Direzioni antimafia, commissioni, raggruppamenti speciali delle Forze dell’ordine, “Eurojust”, ma anche associazioni di semplici cittadini come “Libera”, a dimostrazione di come sia cambiata la percezione della criminalità organizzata anche dove essa è più profondamente radicata.
Il quarto volume è il vero e proprio Dizionario delle mafie, un’opera di oltre 4.000 lemmi, realizzata con il prezioso apporto di dottrina e di esperienza di docenti universitari, magistrati, avvocati e appartenenti alle Forze dell’ordine.
I diritti di autore dell’opera sono interamente devoluti alle attività del dipartimento di Onco-ematologia pediatrica e Medicina trasfusionale dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia