Intervista

Mannone (Cisl): “Noi Vigili del fuoco amati dalla gente e dimenticati dalla politica”

7459

Si sono coperti di gloria nella tragedia del crollo del Ponte Morandi, riscuotendo applausi persino in chiesa, il giorno dei funerali. Hanno conquistato la medaglia d’oro per aver salvato vite umane nella terribile slavina che al Gran Sasso investì l’Hotel Rigopiano, nell’inverno del 2017. Per i loro pronti e coraggiosi interventi, sono i più amati dalla gente, come ha mostrato il Rapporto Italia 2018 di Eurispes: ad apprezzarli è infatti l’86 per cento degli italiani. Ma i Vigili del fuoco sono anche pochi e malpagati. Ce ne vorrebbero 15mila di più, e il loro salario medio è di 250-300 euro più basso rispetto alle altre Forze dell’ordine. Nell’intervista che segue, Pompeo Mannone, segretario generale della Fns, la Federazione nazionale sicurezza della Cisl, anticipa quello che il 5 settembre andrà a dire alle Commissioni riunite Affari Costituzionali di Camera e Senato, che hanno convocato i sindacati.

Il vostro sindacato è il più importante fra i Vigili del fuoco, dato che ne aggrega il 40 per cento. Perché, intanto, questo incontro in Parlamento?
Nel mese di luglio il Governo ha varato la legge delega sul riordino delle carriere del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, completando un iter avviato dall’Esecutivo Gentiloni. Ma il provvedimento può diventare operativo solo dopo aver acquisito il parere delle Commissioni riunite Affari costituzionali. Come premessa, vorrei sottolineare un rischio che ogni tanto fa capolino: quello di regionalizzare il Corpo. Ci aveva provato Franco Bassanini, quando era ministro della Funzione pubblica in un governo di centro-sinistra, ed ogni tanto la tentazione ritorna, anche nel Governo attuale.

Sarebbe un danno, la regionalizzazione?
Un danno gravissimo, un’autentica sciagura. I Vigili del fuoco debbono restare un Corpo nazionale, se si ha a cuore l’efficacia degli interventi. Non bastano, infatti, le forze che abbiamo dislocate sul posto. Nel più breve tempo possibile, durante un’emergenza, debbono intervenire a supporto le cosiddette “colonne mobili”, ovvero le forze provenienti dalle altre Regioni. E questa garanzia la può dare soltanto un Corpo nazionale. Nella tragedia di Genova, per fare un esempio, sono intervenuti in tutto ben 280 Vigili, con apporti dalle Regioni vicine, come Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna, poi anche dal Lazio. Piuttosto, per assicurare un servizio omogeneo in tutte le parti d’Italia, è necessario creare strutture decentrate, caserme come quelle dei Carabinieri. Il nostro intervento si può dire efficace se riusciamo ad essere sul posto dell’evento nell’arco di tempo di 15-20 minuti dal suo manifestarsi.

Come sono organizzati gli altri Paesi?
In varie modalità. I francesi, ad esempio, danno più spazio al volontariato. In Germania, a differenza che da noi, i Vigili del fuoco, invece, sono dei militari. Ma gli italiani sono considerati il modello internazionale di efficienza ed efficacia. Per questo, ci studiano tutti.

Ed è anche per questo che la gente vi ama. Come spiega tanto successo?
Perché uniamo la competenza tecnica al coraggio ed alla voglia di salvare vite umane. È un’esperienza terribile, per un Vigile del fuoco, portare indietro, in braccio, un bimbo morto. Anche io, purtroppo, l’ho fatta. Avevo vent’anni, era la mia prima uscita, durante il terremoto dell’Irpinia. Mi trovai con una bimba di dieci anni, priva di vita. Un momento terribile, non lo dimenticherò mai.

Ma torniamo alle richieste che avanzate al potere politico.
Siamo troppo pochi, a fronte di interventi in continuo aumento. Ne abbiamo compiuti ben 1 milione nell’arco del 2017, 300mila in più del decennio precedente. In tutto, pronti ad intervenire siamo soltanto in 30mila, ai quali vanno aggiunti altri 2mila che hanno incarichi amministrativi e 3mila virtuali, che sono, cioè, soltanto sulla carta. Si copre il turn-over dell’anno precedente, ma non quello accumulato prima ancora. Per essere davvero efficaci, dovremmo essere dai 15 ai 20mila in più. Abbiamo inoltre bisogno di aumentare il numero dei capisquadra, figure fondamentali che hanno cinque Vigili alle loro dipendenze. Sono 5mila in tutto, mentre ce ne vorrebbero almeno 6mila. E abbiamo pochi medici, appena una quindicina in tutto. Sarebbero di grande aiuto anche gli psicologi, per le situazioni che andiamo ad affrontare nelle emergenze.

Dulcis in fondo, il trattamento economico.
Molto poco “dulcis”, in verità. Lo stipendio medio di un Vigile del fuoco è di 1200-1300 euro al mese. Quello di un poliziotto, o di un carabiniere è di 1500-1550 euro al mese. Vi sembra che sia giustificata questa sproporzione? Abbiamo forse meno impegni, meno coraggio, meno abnegazione delle altre unità di pubblica sicurezza?

Ultime notizie
Politica

Migranti, Arci: «Calpestati i diritti: il Pd ha alzato la palla a Salvini»

Migranti e Decreto Sicurezza: Filippo Miraglia, responsabile per l’immigrazione dell’Arci: «Stiamo calpestando decenni di conquiste della democrazia. Ci vorranno tanti anni per uscirne fuori»
di Corrado Giustiniani
Gioco

Gioco legale in Puglia. Si apre la fase di riflessione

Il 27 ottobre scorso a Bari, l’Eurispes ha presentato il rapporto Gioco legale e dipendenze in Puglia, realizzato nel quadro delle attività...
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Politica

L’offerta politica nella postmodernità liquida. La visione M5S del grappolo

In uno dei primi passi di quel lento pensiero lungo che è Modernità Liquida, il grande sociologo Zygmunt Bauman afferma: «alcuni degli...
di Alberto Mattiacci
Informazione

Fake news, quando a “barare” era il Vaticano. Lo studio

Fake news e informazione manipolata nella storia della Chiesa. Alessandro Corvisieri compie una vera e propria analisi filologica dei testi di Ludwing Von Pastor scritti alla fine del 1800, su commissione di Papa Leone XIII
di Diego Sambucini
Immigrazione

Immigrazione, centri d’accoglienza “decapitati” dai nuovi bandi

Una scelta improntata esclusivamente al drastico taglio dei fondi, con la conseguenza di determinare un peggioramento delle condizioni di accoglienza per i richiedenti asilo. Il quadro tracciato da In Migrazione nell’analizzare i nuovi bandi di gara
di Marco Omizzolo
Recensioni

Governo Lega-M5S. Miseria e nobiltà dello strumento “contratto”

Lega e M5S legati da un “contratto di Governo”. La politica e il contratto. Nel saggio di Fabrizio Di Marzio, La politica e il contratto, la ricchezza, i limiti, la miseria e la nobiltà dello strumento contrattuale che oggi domina in tutti i campi.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Democrazia in crisi, Lazar: “Più Balotelli per rinnovare la politica”

Nel processo di ripensamento del capitalismo, abbiamo dimenticato il ruolo dei sindacati e dei corpi intermedi. Il politicolo Marc Lazar ha affrontato il tema inquadrandolo nella difficile partita di un’Europa che si prepara al voto
di Massimiliano Cannata
Europa

Europa e diritto d’autore. Copy (and Paste) right. Con chi stiamo?

Il Parlamento Europeo approva la direttiva “Il diritto d’autore nel mercato unico digitale”. L’approvazione della Direttiva Ue è piombata sul Vecchio Continente come un meteorite: un gran polverone e tutti lì a correre e strillare
di Alberto Mattiacci
Attualità

Eccidio Fosse Ardeatine, ecco il prototipo che ricostruisce le stragi

Un archivio virtuale con documenti inediti, oggetti e reperti sull’eccidio delle Fosse Ardeatine. Si chiama ViBiA la piattaforma che ha permesso di ricostruire nel dettaglio le 48 ore precedenti la strage del 24 marzo 1944
di Diego Sambucini
Informazione

Da “sapiens” a “stupidus”: l’uomo digitale verso la barbarie

L'uomo a rischio autismo digitale, da “sapiens” sta diventando “stupidus”. Lo scrive Vittorino Andreoli, uno dei più noti psichiatri italiani, nel suo ultimo saggio Homo Stupidus Stupidus. "Si va verso la barbarie"
di Massimiliano Cannata