Attualità

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

324

“Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere che ha privato l’Italia del controllo e della pianificazione del suo sviluppo”.

A due giorni dalla tragedia di Genova e in pieno dibattito sul ruolo delle concessioni, il presidente di Eurispes Gian Maria Fara, interviene nella riflessione post disastro e sugli aspetti economici, sociali e culturali dell’attuale sistema nazionale di gestione delle infrastrutture primarie.
Sostiene Fara: “L’Italia ha di fatto ceduto la proprietà e il controllo dei suoi asset strategici attraverso la vendita di gioielli o attraverso quel sistema concessorio che non ha garantito un adeguato controllo sulle manutenzioni e sull’efficienza della rete. Dalle reti digitali alla sanità, passando per porti, aeroporti e autostrade, è ora che il Paese recuperi il suo patrimonio e ridiscuta il ruolo del privato nella gestione del bene pubblico. Anche se questo programma dovesse portare alla ri-contrattazione immediata di tutte le concessioni esistenti”.
Conclude il presidente di Eurispes: “Quello che è accaduto a Genova deve essere l’occasione per riflettere su una nuova concezione del rapporto tra Stato e mercato”.

Ultime notizie
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata