Innovazione

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

481

Nell’era delle tecnologie data as a service, delle unified communications, dell’industria 4.0 e della tanto chiacchierata “rivoluzione digitale”, istituzioni, associazioni di categoria, istituti e osservatori concordano tutti: i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima.
Sono emerse, e continueranno a farlo, nuove categorie di lavoratori iper-specializzati (già oggi assai difficili da individuare), sviluppatesi in seguito all’evoluzione dei processi di automazione industriale, così come sono mutate le necessità imprenditoriali, instradate oramai in una nuova e complessa ricerca di profili con nuove skill che meglio si adattano a business poggianti su circuiti globali. Secondo Confindustria, saranno poco meno di 193mila i posti di lavoro a disposizione nel prossimo triennio (2019-2021) nei settori della meccanica, dell’ICT, dell’alimentare, del tessile, della chimica e del legno-arredo, vale a dire sei tra i settori più rilevanti del Made in Italy. Nello specifico, gli imprenditori stanno esprimendo l’urgenza di individuare particolari figure professionali che in un caso su tre sono di difficile reperimento, a causa della scarsità complessiva dell’offerta formativa, carente specialmente per le competenze tecnico-scientifiche medio-alte.

L’Eurispes, nel suo ultimo Rapporto Italia, in particolare nella Scheda 24 dedicata al “lavoro che cambia”, ha evidenziato l’importante significato che, in maniera sempre più vistosa, stanno assumendo quei fenomeni caratteristici dell’economia digitale e della nuova natura dei modelli industriali. L’Italia affronta le novità con un mercato del lavoro nel quale permangono dualismi e criticità, evidenti soprattutto ad un confronto con la situazione europea. Il tasso di occupazione è tra i più bassi del continente, così come quello di disoccupazione tra i più alti. Senza considerare la storica polarizzazione Nord/Sud e città/periferie – ma solo per concentrare la nostra attenzione su altri fattori – secondo l’OECD, l’Italia è all’ultimo posto circa l’alfabetizzazione digitale di base degli adulti, al penultimo posto, prima della Spagna, nell’istruzione numerica e al penultimo posto, prima della Francia, nell’educazione degli adulti alla soluzione dei problemi in ambienti tecnologicamente avanzati. Tali criticità avranno ripercussioni sull’intero sistema proprio in questi anni, traducendosi nella riduzione di un’ampia fetta di lavoratori, facilmente sostituibili, a causa dell’automazione, in particolare appartenenti a quelle mansioni di tipo routinario e intermedio, in Italia molto più diffuse che in Europa.

Uno degli ultimi rapporti elaborati dal sistema informativo Excelsior di Unioncamere parla chiaro: tra il 2019 e il 2023 lo stock nazionale di occupati potrà crescere in una misura compresa tra 427.000 e 905.000 unità. In particolare, ad avere un peso determinante nel caratterizzare i fabbisogni occupazionali dei diversi settori economici saranno la digital trasformation e l’ecosostenibilità. Imprese e Pubblica Amministrazione avranno bisogno in particolare di lavoratori con specifiche competenze matematiche e informatiche, digitali o connesse all’Industria 4.0. Fra le figure professionali emergenti maggiormente richieste sul mercato ci saranno gli esperti nell’analisi dei dati, nella sicurezza informatica, nell’intelligenza artificiale e nell’analisi di mercato. Le nuove professioni emergenti in questo campo saranno quelle del Data Scientist, Big Data Analyst, Cloud Computing Expert, Cyber Security Expert, Business Intelligence Analyst, Social Media Marketing Manager, Artificial Intelligence Systems Engineer. Forse sorprenderà molti, ma la ricerca di competenze digitali non sarà confinata esclusivamente alle aree funzionali cosiddette “tecniche”, vale a dire Ict, progettazione, ricerca o sviluppo, ma sarà presente anche nell’area amministrativa, nelle HR o nei servizi generali, tant’è che in molti parlano di nuovo umanesimo tecnologico. Le abilità trasversali a-contestuali stanno prevalendo sempre di più nel mondo del lavoro e oramai a oltre 9 profili su 10 è associata la richiesta di competenze digitali.
Ed è qui che arrivano i problemi più grandi: come confermano le indagini Excelsior, già oggi molte imprese fanno fatica a trovare candidati con queste competenze, riconducendo questa criticità alle carenze del sistema formativo, poiché è proprio la formazione, attraverso l’acquisizione di know-how in maniera rapida e continuativa, a rappresentare oggi il fattore competitivo in grado di determinare il successo di un business. Per evitare il rischio di marginalizzazione dal mercato del lavoro, appare prioritario ripensare il sistema educativo e universitario, intensificare le iniziative di ri-alfabetizzazione degli adulti, potenziare al massimo i programmi di formazione continua e il coinvolgimento delle persone nella pratica di un apprendimento costante durante tutto l’arco della vita, in una direzione di “lifelong learning”.

Ultime notizie
Salute

Farmaci e prestazioni inutili, colpa della medicina difensiva. Ma è davvero così?

Malasanità ed errori sanitari: a due anni dall'entrata in vigore della legge Gelli, che aveva come obiettivo quello di ridefinire il tema della responsabilità medica e arginare la medicina difensiva, abbiamo raccolto l'opinione dell'avvocato Franco Di Maria, membro dell'Osservatorio Salute, Legalità e Previdenza dell'Eurispes.
di Valentina Renzopaoli
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione