Economia

Porto di Palermo, anche gli arabi si “innamorano” del progetto

379

Non c’é pace per i detrattori, più o meno interessati, del progetto sul porto hub di Palermo che l’Eurispes ha elaborato e presentato nel luglio del 2018. Ora, dopo il fondo di investimento di Shangai, anche un importante gruppo di Dubai mostra grande interesse nei confronti di un’opera che rivoluzionerebbe il traffico delle merci e il ruolo stesso della Sicilia, restituendole la sua centralità commerciale nel Mediterraneo.
Nella giornata di martedì, infatti, due rappresentanti della Mohammad Omar Bin Haider (Mobh), holding di Dubai con 5mila dipendenti e 60 filiali nel mondo, hanno incontrato a Palermo l’Eurispes per prendere visione del progetto da 5 miliardi di euro per la realizzazione di una piattaforma commerciale capace di movimentare fino a 16 milioni di container. I colloqui si sono tenuti a Villa Zito.
In rappresentanza dell’Eurispes erano presenti Saverio Romano, responsabile del Dipartimento Mezzogiorno dell’Eurispes e l’ingegnere Giovanni Battista Rubino, membro del Comitato Scientifico; la holding di Dubai, era rappresentata dal ceo di Mobh, Zahed Albattarni e da Tom Nauwelaerts.
L’argomento usato da chi, in modo strumentale se non miope, scoraggia l’investimento è quello della difficoltà realizzativa ma, a quanto pare, esistono forti interessi economici favorevoli all’opera che ha, invece, carattere strategico per l’intero Paese.
La recente visita del Presidente della Repubblica popolare cinese, Xi Jinping, in Sicilia, aveva indotto i pessimisti e gli oppositori del progetto a ritenere che l’interesse del gruppo di Shangai – ricevuto da esponenti di Eurispes il 27 febbraio nel capoluogo siciliano per apprendere i particolari del progetto – fosse legato a questa visita ma, evidentemente, la forza del progetto sta proprio nel progetto, nei suoi numeri e nella sua lungimiranza strategica.

La posizione geografica di Palermo e del suo porto commerciale, la via della Seta promossa dalla Cina, la necessità di raggiungere i mercati del Nord Europa e delle Americhe: sono tutti elementi che “remano” – è proprio il caso di dirlo – a favore. Questi i numeri e i dettagli del progetto: l’area portuale è rappresentata da una piattaforma collegata con la costa all’altezza della Bandita e che forma con essa una baia larga circa 300 metri e lunga tre chilometri, destinata agli sport acquatici e con 200 posti per le imbarcazioni da diporto in transito. Lungo la baia si prevede di realizzare una grande spiaggia, in parte libera e in parte attrezzata e, a monte di essa, impianti sportivi all’aperto per 10 ettari, un parco urbano sul mare ed ampi spazi per il tempo libero con punti ristoro e negozi. Nello spazio compreso tra quest’area e la statale 113, il progetto prevede una strada panoramica che parte con un nuovo ponte sull’Oreto per giungere sino alla Bandita. A valle della strada, una pista ciclabile ed una per il running lunghe tre chilometri che, attraverso un ponte ciclopedonale, arrivano al porto turistico.
Il porto, così come è stato pensato, ha 9 chilometri di banchine e un piazzale di circa 200 ettari, è un porto-canale con ingresso a Nord-Ovest e uscita a Sud-Est ed è direttamente collegato ad un retroporto di 100 ettari. Ha una profondità che va da 18,5 a 27 metri ed è dotato di tutti i servizi. Nell’area del retroporto sono stati previsti un hotel, un residence, un parcheggio multipiano e 8mila metri quadrati destinati ad uffici. L’opera, che avrebbe un costo di 5 mld di euro e che a regime darebbe lavoro a oltre 435 mila persone, potrebbe essere finanziata prevalentemente con capitali privati; e l’interesse dei due gruppi, quello di Shangai e quello di Dubai, confermerebbe la bontà dell’idea.

Ultime notizie
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Politica

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua
Europa

L’Europa? Mattiello: “Un condominio litigioso dove ci si fa concorrenza sleale”

Sognare una “Repubblica d'Europa” che ricoscopra valori comuni, scavalchi le demagogie dei nazionalismi, costruisca una nuova realtà politica, economica e culturale: è l'idea proposta nel libro La Repubblica d'Europa (Add Editore). Ne parliamo con Davide Mattiello, coautore del testo.
di Pina Sodano
International

La riscossa dell’Uzbekistan, Paese “in fiore” dell’Asia Centrale

La Repubblica dell’Uzbekistan sta vivendo da tempo un lungo processo di trasformazione interna, e la sua posizione geografica la rende un punto focale della Nuova Via della Seta e luogo di interconnessione con l’intero mercato euroasiatico. L'analisi
di Giuliano Bifolchi
Società

Vita di coppia ancora tra i “massimi” desideri. Anche senza figli per 7 su 10

La vita di coppia è ancora una delle aspirazioni importanti della vita? I giovani italiani, donne e uomini, sono disposti a rinunciare alla carriera per curare figli? Qual è e come è cambiato l’atteggiamento rispetto a temi “tabù”? La ricerca dell'Eurispes “Coppie millennials tra stereotipi, nuovi valori e libertà”
di redazione
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata