Intervista

Italia addio. La fuga all’estero dei pensionati italiani. La storia

949

Pensionati italiani che “fuggono” all’estero: si stima che siano circa 400mila, distribuiti in 160 diversi paesi del mondo. Molti di loro si sono trasferiti in età lavorativa, sono però in forte aumento, negli ultimi anni, i pensionati che decidono di cambiar vita ed emigrare.
Tra le ragioni determinanti, c’è senz’altro il minor costo della vita e, in alcune nazioni, la possibilità di avere agevolazioni fiscali; in molti casi, la scelta è determinata da un clima più favorevole o da ritmi di vita più rilassanti. Portogallo, Spagna, Brasile, Argentina, Thailandia, Ungheria, Tunisia sono alcune delle mète più gettonate. Rossana e Franco sono due delle tante coppie che hanno compiuto questa scelta.

Rossana e Franco, dove vivevate prima di trasferirvi? Da quanto tempo?
Vivevamo a Sant’Ilario d’Enza, in provincia di Reggio Emilia. Franco dalla nascita, Rossana da 39 anni, tanti quanti sono gli anni di matrimonio.

Come è nata l’idea di lasciare il vostro paese?
Già da qualche anno avevamo cominciato a trascorrere alcuni mesi invernali in luoghi caldi. Siamo stati in Spagna, a Malaga, e nell’isola Gran Canaria. Così è partita l’idea di un trasferimento definitivo in un luogo più caldo.

Come è maturata la decisione definitiva? Quali sono stati gli elementi che vi hanno maggiormente motivati ad una scelta tanto radicale?
La vita del paese diventava sempre più noiosa e monotona. Gli amici, che diventavano nonni, erano sempre più impegnati e ci si vedeva sempre meno. A questo, lo scorso anno, si è aggiunto il nuovo Governo, che non ci ispira fiducia di un futuro sereno in Italia.

Prima di trasferirvi eravate soddisfatti della vita in Italia e nello specifico a Sant’Ilario? Avete lasciato una situazione di disagio o di relativo benessere?
Non possiamo di certo parlare di disagio, tutt’altro. Ma il clima della Val Padana, con un’umidità che tocca il 100% in gran parte dell’anno, ormai ci stava danneggiando la salute.

Quali resistenze, al contrario, avete dovuto superare per partire?
Essendo una famiglia composta soltanto da tre persone ed avendo una di queste, nostro figlio, lasciato l’Emilia, per motivi di lavoro, ormai da parecchi anni, rimanevano pochi amici e la nostra attività di volontariato nella Pubblica Assistenza a poterci mancare. E, mettendo un clima più sano ed una vita, anche economicamente, più ricca sulla bilancia, il peso si è orientato decisamente sul trasferimento. Per quanto riguarda la lingua non è un grosso impedimento: nella vita di tutti i giorni si riesce sempre a capire e a farsi capire.

E la scelta di Portimao come mèta? Avevate valutato altre possibili destinazioni? Quali sono le prerogative di Portimao che vi hanno attratti?
Avevamo preso in considerazione sia Malaga sia la Gran Canaria. Ma quando un amico ci ha parlato di Portimao e ci ha messo in contatto con un’italiana che abita qui già da anni e che aiuta gli espatriati in tutte le faccende burocratiche, siamo venuti a vedere la cittadina. Ci è piaciuta subito. Dal punto di vista panoramico è ricca di belle spiagge; la vita è poco movimentata; e il costo della vita stessa è molto inferiore a quello italiano.

È stato semplice organizzare il trasferimento? Vi siete affidati all’aiuto di qualcuno? Esistono soggetti che si occupano in modo specifico di questo?
Come già detto, ci siamo affidati ad un’italiana che si occupa di questo per lavoro. Sappiamo che esistono anche agenzie nate proprio a questo scopo.

Dopo questi primi mesi qual è il primo bilancio? Quali sono i principali vantaggi?
Il primo bilancio è sicuramente positivo. Fare la spesa è più economico che in Italia, soprattutto per carne e pesce. E il ritmo di vita tranquillo comincia a piacerci.

In che cosa Portimao si differenzia maggiormente dall’Italia? A che cosa vi è risultato meno facile abituarvi?
Una delle cose che salta subito all’occhio è il diverso ritmo di vita, qui sicuramente molto più lento e tranquillo che in Emilia. Le persone stanno in coda nei negozi e negli uffici senza spazientirsi. Per noi è un po’ più difficile. Soprattutto per Franco.
A parte le persone, parenti ed amici, ci mancano le comodità della nostra casa. Ma in futuro contiamo di migliorare la nostra situazione abitativa.

Avete trovato una comunità italiana? Avete fatto nuove conoscenze?
Esiste una comunità italiana, abbastanza numerosa, composta quasi esclusivamente da pensionati. Ci sono alcuni bar dove gli italiani si ritrovano. Noi frequentiamo alcuni italiani, ma senza un rapporto fisso e continuo. Non ci interessa frequentare i luoghi dove gli italiani si riuniscono e stanno insieme.

Che cosa state facendo per integrarvi maggiormente nella vostra nuova vita?
Franco praticamente niente, si affida totalmente a me. Io ho frequentato il primo livello di apprendimento del portoghese. Per il resto ci affidiamo all’istinto ed ai gesti.

Avete mantenuto rapporti stretti con l’Italia e parenti/amici?
Grazie alle nuove tecnologie, non è un problema mantenere rapporti con parenti ed amici. Nostro figlio è già venuto a trovarci. E con le videochiamate ci si sente più vicini.

Che cosa immaginate per il futuro? Restare a Portimao, restare all’estero ma non necessariamente a Portimao, valutare un giorno il ritorno in Italia?
Di tornare in Italia, per il momento (sicuramente finché rimane l’attuale Governo) non se ne parla. Faremo sicuramente dei viaggi in Italia, ogni tanto, ma contiamo di rimanere a vivere qui a Portimao, che ci piace veramente tanto.

Ultime notizie
Intervista

Camilleri come Verga e Pirandello. “Il vigatese è italiano come la lingua dei Malavoglia”

Andrea Camilleri non è solo un caso letterario. È una figura poliedrica di intellettuale, capace di esprimere la corda universale della sicilianità, come hanno fatto i grandi della letteratura isolana: da Verga a Pirandello. Ne parliamo con Franco Lo Piparo, professore filosofia del linguaggio all’Università di Palermo.
di Massimiliano Cannata
Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di...
di Gian Maria Fara
agricoltura

Mafia nei mercati ortofrutticoli. Sud Pontino epicentro della filiera criminale

Mafia nei mercati ortofrutticoli: quando la criminalità riesce a mettere le mani sui grandi mercati ortofrutticoli o sul sistema della logistica, condiziona l'intera filiera agricola italiana e internazionale. Si tratta di un avanzamento importante e pericoloso della strategia delle agromafie italiane.
di Marco Omizzolo
Intervista

Salvini e il bluff della crisi di “ferragosto”. Il Papeete è un format politico

Crisi di governo: Matteo Salvini protagonista del “mistero buffo” di Ferragosto. L'analisi di Aldo Cazzullo, cronista di razza, editorialista e firma di punta del Corsera. «Più passano i giorni, più l'azzardo di Salvini si rivela sempre più tale. La mia impressione è che abbia sbagliato i tempi».
di Massimiliano Cannata
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Istruzione

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua