Salute

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

107

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”.

Un fenomeno non solo italiano ma di portata mondiale, in crescita esponenziale negli ultimissimi anni. Con conseguenze non soltanto in termini di spesa, ma anche di carenze nutritive.
Molti italiani assumono alimenti speciali per evitare glutine, lievito o lattosio, pur non avendo ricevuto una diagnosi di intolleranza dal proprio medico. Si tratta di alimenti negli ultimi anni molto al centro dell’attenzione mediatica e, in conseguenza di ciò, assurti in un certo senso a spauracchi dell’alimentazione.
Quasi un quinto del campione dichiara di acquistare alimenti privi di glutine; tuttavia, solo al 6,4% è stata diagnosticata una intolleranza, mentre il 12,9% li assume senza essere intollerante al glutine. Una situazione simile si rileva per gli alimenti senza lievito, che vengono comprati da quasi un quinto degli intervistati: il 4,6% è stato effettivamente riconosciuto intollerante, a differenza del 14% che ammette di non esserlo. L’8,5% degli italiani acquista prodotti alimentari senza lattosio perché ha avuto una diagnosi di intolleranza e ben il 17,5% pur dichiarando di non essere intollerante. La tendenza risulta leggermente più diffusa tra le donne. Benché si possa maturare la convinzione di digerire con fatica alcuni cibi, pur non avendo ricevuto una diagnosi di intolleranza, è forte il sospetto che le auto-diagnosi e le diete auto-gestite abbiano poco fondamento, in mancanza di una validazione medico-scientifica.
Anche gli integratori alimentari sono sempre più presenti nella comunicazione pubblicitaria, nelle farmacie, nelle diete particolari (sia quella vegetariana o vegana, sia quella senza lattosio e non solo). Il 10,5% degli italiani dichiara di farne uso abitualmente, il 46,5% qualche volta, il 43% mai. Le donne acquistano integratori più spesso degli uomini, come riflesso della maggiore attenzione femminile nei confronti dell’alimentazione, della cura di sé e del benessere in generale. Il 45,6% del campione assume integratori solo su indicazione di un medico. Tuttavia, il 28,3% effettua l’acquisto su propria iniziativa, mentre il 26,1% alterna acquisti prescritti dal medico ad acquisti su iniziativa personale. Anche in questo caso è legittimo ipotizzare che molte scelte non supportate dal consiglio medico, stimolate dalla pubblicità o da sensazioni soggettive, possano rivelarsi inutili se non inopportune.
Quasi quattro italiani su dieci, inoltre, ricorrono agli antibiotici senza consultare il proprio medico, trascurando il rischio di assuefazione e le eventuali controindicazioni. Un terzo degli intervistati afferma di assumere antibiotici senza prescrizione medica qualche volta (33%); a farlo spesso è il 4,8%.

Per approfondire, si può consultare il sondaggio pubblicato nel Rapporto Itali 2019

Rapporto Italia 2019. Vegetariani e vegani: le nuove diete si consolidano

Ultime notizie
Società

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo