Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”.

Un fenomeno non solo italiano ma di portata mondiale, in crescita esponenziale negli ultimissimi anni. Con conseguenze non soltanto in termini di spesa, ma anche di carenze nutritive.
Molti italiani assumono alimenti speciali per evitare glutine, lievito o lattosio, pur non avendo ricevuto una diagnosi di intolleranza dal proprio medico. Si tratta di alimenti negli ultimi anni molto al centro dell’attenzione mediatica e, in conseguenza di ciò, assurti in un certo senso a spauracchi dell’alimentazione.
Quasi un quinto del campione dichiara di acquistare alimenti privi di glutine; tuttavia, solo al 6,4% è stata diagnosticata una intolleranza, mentre il 12,9% li assume senza essere intollerante al glutine. Una situazione simile si rileva per gli alimenti senza lievito, che vengono comprati da quasi un quinto degli intervistati: il 4,6% è stato effettivamente riconosciuto intollerante, a differenza del 14% che ammette di non esserlo. L’8,5% degli italiani acquista prodotti alimentari senza lattosio perché ha avuto una diagnosi di intolleranza e ben il 17,5% pur dichiarando di non essere intollerante. La tendenza risulta leggermente più diffusa tra le donne. Benché si possa maturare la convinzione di digerire con fatica alcuni cibi, pur non avendo ricevuto una diagnosi di intolleranza, è forte il sospetto che le auto-diagnosi e le diete auto-gestite abbiano poco fondamento, in mancanza di una validazione medico-scientifica.
Anche gli integratori alimentari sono sempre più presenti nella comunicazione pubblicitaria, nelle farmacie, nelle diete particolari (sia quella vegetariana o vegana, sia quella senza lattosio e non solo). Il 10,5% degli italiani dichiara di farne uso abitualmente, il 46,5% qualche volta, il 43% mai. Le donne acquistano integratori più spesso degli uomini, come riflesso della maggiore attenzione femminile nei confronti dell’alimentazione, della cura di sé e del benessere in generale. Il 45,6% del campione assume integratori solo su indicazione di un medico. Tuttavia, il 28,3% effettua l’acquisto su propria iniziativa, mentre il 26,1% alterna acquisti prescritti dal medico ad acquisti su iniziativa personale. Anche in questo caso è legittimo ipotizzare che molte scelte non supportate dal consiglio medico, stimolate dalla pubblicità o da sensazioni soggettive, possano rivelarsi inutili se non inopportune.
Quasi quattro italiani su dieci, inoltre, ricorrono agli antibiotici senza consultare il proprio medico, trascurando il rischio di assuefazione e le eventuali controindicazioni. Un terzo degli intervistati afferma di assumere antibiotici senza prescrizione medica qualche volta (33%); a farlo spesso è il 4,8%.

Per approfondire, si può consultare il sondaggio pubblicato nel Rapporto Itali 2019

Rapporto Italia 2019. Vegetariani e vegani: le nuove diete si consolidano

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica