Il punto

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

121

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni che si sono succedute nel corso dei secoli. Il Padreterno ci ha regalato un territorio di incomparabile bellezza che, tra parentesi, siamo fortemente impegnati a mortificare. Tuttavia, è un Paese che non ha mai posseduto materie prime, delle quali sono ricche, invece, altre nazioni.
Proprio questa mancanza ci ha spinto a dedicarci, nel corso dei secoli, alla lavorazione e alla trasformazione di ciò che eravamo costretti a importare: le materie prime, appunto.
Così, siamo diventati eccellenti artigiani, invidiati designer, grandi artisti, inventori, commercianti e scopritori di nuove frontiere. Insomma, la povertà di materie prime ci ha spinto a sviluppare il genio, la creatività, la fantasia.
In mancanza di fonti energetiche rilevanti e di materie prime, la manifattura italiana ha fatto, nel Dopoguerra, passi da gigante, trasformando un Paese povero in una delle prime dieci potenze economiche mondiali. Oggi, all’estero ciò che è chiaramente italiano, soprattutto quando ha una diffusione e un successo planetario, viene assunto come “proprio”.

Gli americani sono convinti che la pizza sia una loro specialità, i tedeschi sono convinti che il motore a scoppio sia stato inventato in Germania e i francesi che la Nutella sia un tipico prodotto francese. E poiché in molti settori siamo diventati i più bravi al mondo, veniamo spesso copiati e dobbiamo combattere contro le imitazioni delle nostre migliori produzioni.
Si può dunque affermare, alla luce della crescita esponenziale dell’immagine del Made in Italy, che il mondo esprime una notevole “fame” di Italia. E tutto ciò è confermato dalla diffusione continua dell’Italian Sounding, cioè la falsificazione e vendita delle nostre produzioni migliori e, nello stesso tempo, del numero degli acquisti di aziende e marchi italiani da parte di società straniere.
Si calcola che l’Italian Sounding produca un giro d’affari di almeno 60 mld di euro l’anno. In molti casi sono organizzazioni straniere ad essere impegnate nella falsificazione a nostro danno ma, spesso, anche se le basi sono all’estero, sono proprio le organizzazioni italiane a gestire la danza.
Mentre l’acquisto, attraverso società di copertura, dei nostri marchi e delle nostre aziende nasconde operazioni di riciclaggio se si considerano i numerosi passaggi di acquisto, vendita, riacquisto ai quali tante aziende italiane sono state sottoposte. E, in particolar modo, le aziende e i marchi delle nostre tradizioni agroalimentari.
Nel corso di questi ultimi decenni, insieme all’arte, alla cultura e alle bellezze naturali, il cibo italiano ha conquistato le vette delle classifiche mondiali e lo sviluppo delle produzioni della filiera agroalimentare assicura al Paese 274 mld di euro e occupa due milioni e mezzo di persone. Dal che deriva con evidenza che questo settore è uno dei principali motori dell’economia nazionale. Come si sa, le organizzazioni criminali, e le mafie in particolare, hanno un’innata vocazione economica: di conseguenza, la ricchezza che si produce in questo settore non poteva sfuggire alle loro attenzioni che un tempo di limitavano alla gestione del caporalato, all’abigeato e alla macellazione clandestina, al furto di attrezzature agricole o all’usura quando l’agricoltura in difficoltà non riusciva ad ottenere credito dalle banche.
Nel tempo, grazie anche ai passaggi generazionali all’interno delle organizzazioni criminali, si è assistito a profonde mutazioni delle vocazioni mafiose. L’interesse e le sfere di attività si sono allargati enormemente occupando e ipotecando tutte le articolazioni dei percorsi di produzione, raccolta, trasporto, gestione dei centri di raccolta e smistamento, delle reti di vendita al pubblico. Secondo i nostri calcoli, il giro d’affari delle agromafie si aggira ormai intorno ai 25 mld di euro l’anno.
Nello stesso tempo, assistiamo alla progressiva trasformazione non solo del modus operandi ma – per certi profili – della stessa identità delle organizzazioni mafiose e dobbiamo quindi adeguare i nostri stessi modelli di lettura dei fenomeni in modo da migliorare in chiave preventiva e repressiva le modalità di contrasto. San Tommaso diceva che «la forma è parte integrante della sostanza»: vale a dire che, se vogliamo cogliere la sostanza, dobbiamo coltivare l’interesse sulla forma stessa.
Ora, accanto alle vecchie modalità operative se ne registrano di significativamente nuove. Per esempio, espresse da quella che Gian Carlo Caselli ha definito “mafia silente”. Una mafia che esprime una straordinaria capacità di mimetizzazione, soprattutto quando i mafiosi lasciano i loro territori di origine per trapiantarsi altrove. È una mafia, quella di oggi, che non spara ma corrompe e compra aziende o pezzi della politica e delle Istituzioni, che si è fatta sistema nel sistema, che alleva e inserisce i propri uomini nelle banche o nei grandi fondi internazionali. Colletti bianchi che siedono in importanti consigli di amministrazione, che spostano capitali enormi da un capo all’altro del mondo in pochi secondi. La mafia 3.0 è una realtà, il prodotto della finanziarizzazione dell’economia e della globalizzazione. Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo che la mafia vera è quella che interviene nello stesso meccanismo di formazione dei prezzi e che si pone come soggetto autorevole di intermediazione tra i luoghi della produzione e il consumo, assumendo l’identità di un centro autonomo di potere.
In conclusione, un sistema criminale sempre più raffinato e pervasivo che minaccia e sfida i valori civili e le regole del libero mercato. E tutto ciò si traduce in una perdita di sicurezza sociale dei cittadini e in un impoverimento dei territori.

Ultime notizie
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione
Cultura & Turismo

Italia addio. La fuga all’estero dei pensionati italiani. La storia

Pensionati italiani che “fuggono” all'estero: si stima che siano circa 400mila, distribuiti in 160 diversi paesi del mondo. Rossana e Franco sono due delle tante coppie che hanno compiuto questa scelta.
di Raffaella Saso