Prof. Alberto Mattiacci all’Eurispes: “La vicenda del Ponte Morandi: buoni contro cattivi?”


 

Il Prof. Alberto Mattiacci all’Eurispes: “La vicenda del Ponte viene affrontata e rivoltata sull’immaginario collettivo con una banalizzazione tremenda: come in un film di John Wayne, in uno scontro tra buoni e cattivi”.

Nella triste ricorrenza del crollo del Ponte Morandi, l’Eurispes attraverso le pagine elettroniche del suo magazine online ha realizzato uno speciale, raccogliendo diversi videocontributi a firma di Emilio Albertario. Tra questi, l’intervista realizzata con il Prof. Alberto Mattiacci, ordinario di Economia e Gestione delle imprese presso la Sapienza Università di Roma.

Professore, facciamo un esame sociologico di tutta questa vicenda, a due anni dal crollo del Ponte Morandi e sulla nascita del Ponte San Giorgio. Oggi, le due parole al centro dell’attenzione sembrano essere “giustizia” e “vendetta”. Giustizia, le 43 vittime la vedranno chissà quando, e vendetta sembra quella che invocano, come subita, i Benetton, una vendetta dello Stato, anche se le cose vanno così a rilento che anche in questo caso, per vedere se le concessioni verranno revocate o modificate, ci vorrà del tempo.

È il racconto di un film western quello che facciamo e questo è il suo limite. “Giustizia” e “vendetta” sono parole dette spesso da John Wayne, non lo dico polemicamente, ma per fotografare la realtà del nostro dibattito pubblico. Da anni siamo stati abituati dai media – che hanno un ruolo secondo me mai abbastanza messo sotto la lente di ingrandimento e sotto la dovuta luce nel decadimento morale e culturale di questo Paese – ad un confronto in cui c’è il buono da un lato e il cattivo dall’altro, e sono due attori ben distinti.

Professore, però è sempre colpa dei medici, è sempre colpa dei giornalisti, degli avvocati, dei magistrati?

No, è colpa di tutti e tutti abbiamo le nostre responsabilità. Però, mi consenta di dire che i media, proprio per quello che sono, cioè un megafono, un amplificatore che ripete i messaggi nel tempo, da questo punto di vista hanno un pizzico di responsabilità particolare. Ricordiamoci che questa, purtroppo, è propaganda politica che viene da Goebbels, la ripetizione di un messaggio in un certo modo diventa, automaticamente, verità in un corpo sociale ignorante. Siccome ci siamo dotati di un corpo sociale ignorante – perché noi italiani abbiamo votato tutti complici dei politici che si sono riempiti la bocca con le parole come istruzione, scuola, Università, ricerca ma non hanno mai fatto nulla di serio su questo da quarant’anni – le responsabilità sono di tutti. Però, è passata l’idea di una qualità del confronto sui singoli problemi veramente tipico da film di John Wayne, dove c’è il buono che è buonissimo, il cattivo che è pessimo ed è tutto un parlare di giustizia e vendetta. La giustizia deve essere fatta, ma ha i suoi tempi necessari, se non altro perché c’è un principio che qualcuno ha messo recentemente in discussione: vale a dire quello dell’innocenza fino a prova contraria. Si è innocenti fino a prova contraria e questo è un portato di civiltà, e bisogna far capire ai cittadini che questo nei film western non succede, perché nei film western è chiaro, non hai bisogno della prova contraria, sai già chi è il cattivo. La vendetta: che ci sia stata una risposta emozionale da parte del Governo, della classe dirigente responsabile della tenuta dello stato di diritto del Paese, una risposta di tipo emotivo, che ha tirato fuori la colt e intanto ha sparato, poi ha chiesto “chi è?”, è indubbio. In questo avallando, anche non so se a torto o a ragione, l’idea di una vendetta di nuovo da film western. Ma stiamo parlando di un impoverimento della questione, perché tutta questa vicenda del Ponte, a mio modo di vedere, viene affrontata e viene rivoltata sull’immaginario collettivo con una banalizzazione tremenda.

Ricordando il 2 agosto (la strage di Bologna), il 3 è stato inaugurato il Ponte. Ci sono poi le stragi famose definite “stragi di Stato”. Il Ponte Morandi, secondo Lei, si iscrive nella lunga lista?

Mi vengono in mente le parole di Walter Veltroni, e in questo senso non vorrei dire cose che non siano vere: «Immaginate di incontrare qualcuno che vi racconti di venire da un Paese dove buttano giù gli aerei, mettono le bombe nelle banche, nelle piazze, nei treni, sparano ai magistrati, ai professori universitari, ai giornalisti (aggiungerei mettono la sabbia nel cemento per costruire le residenze per i ragazzi che vanno a studiare in città in zone altamente sismiche, non fanno le verifiche che devono pur quando è a rischio la vita delle persone, eccetera, ndr) ecco, chiedetevi che Paese è questo». Questo lo metto nella narrazione, fatti i debiti distinguo, perché lo stragismo è stato la guerra civile, a mio modo di vedere, europea, che si è combattuta in Italia. Cioè, noi siamo un Paese in cui la grande sfida – ed è quello che non si è riuscito a fare come Stato repubblicano, democratico, liberale – è quella di costruire una struttura fiduciaria fra il cittadino e la collettività organizzata nella quale questo vive. Lo vediamo anche sul fisco, dove siamo tutti in autodifesa, perché non c’è fiducia. In parte i colpevoli sono i cittadini, in parte sono le norme fiscali, in parte gli attuatori di queste norme fiscali.

 

 

Ultime notizie
piattaforme
Società

L’età delle piattaforme nella società del rischio

Le piattaforme sono oggi il luogo in cui si esercita il vero potere di controllo e di indirizzo, con conseguenze politiche non di poco conto. Il saggio “I poteri privati delle piattaforme e le nuove frontiere della privacy” (ed. Giappichelli), curato dal presidente dell’Authority di settore, Pasquale Stanzione, tematizza, in particolare, il delicato rapporto che oggi sussiste tra evoluzione del diritto e sviluppo tecnologico.
di Massimiliano Cannata
piattaforme
grandi stazioni
Infrastrutture

Infrastrutture italiane tra innovazione e corporativismo: intervista ad Alberto Baldan, AD di Grandi Stazioni Retail

Alberto Baldan, amministratore delegato di Grandi Stazioni Retail, sostiene il ruolo delle infrastrutture ferroviarie per avvicinare le città italiane e modernizzare il trasporto nel Paese in termini di sostenibilità e rigenerazione urbana.
di Angela Abbrescia
grandi stazioni
patrimonio culturale
Criminalità e contrasto

Tecnologie avanzate e collaborazione interforze. TPC dei Carabinieri: un Corpo in difesa del Patrimonio Culturale

Dal 1969 il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale svolge la sua attività di contrasto al traffico di opere d’arte, primo Corpo speciale al mondo individuato specificamente per tale funzione. Da allora, sono circa 3 milioni le opere recuperate e rientrate legittimamente nel nostro Paese.
di redazione
patrimonio culturale
costo della vita
Economia

Costo della vita e occupazione in discesa nei settori a basso reddito nel post-Covid come effetto della crisi ucraina

Mentre l’economia mondiale, seppur con variazioni significative, si è ripresa rapidamente dopo la pandemia – 57 milioni i posti di lavoro persi...
di redazione
costo della vita
libere per tutte
Immigrazione

Libere per tutte. Storie di donne e del loro coraggio

Libere per tutte. Il coraggio di lottare per sé e per gli altri di Marco Omizzolo (Fondazione Feltrinelli 2022) racconta tre donne diverse ma ugualmente resistenti, descritte in chiave sociologica ma non priva di trasporto, con lo scopo di documentare e denunciare patriarcato, sfruttamento e discriminazione contro le donne.
di Giusy Rosato
libere per tutte
Made in Italy
Economia

Strategie fiscali in difesa del Made in Italy

Made in Italy, un patrimonio da difendere e valorizzare con efficaci strategie fiscali, prima fra tutte l’agevolazione fiscale alle reti di imprese e la valorizzazione del capitale umano. In primo piano anche la lotta alla contraffazione sul piano fiscale per disincentivare la concorrenza sleale.
di Giovambattista Palumbo*
Made in Italy
gentrificazione
Società

Gentrificazione e turismo, quale futuro ci aspetta

Gentrificazione e turismo di massa sono due fenomeni in aumento e interconnessi, generanti profondi cambiamenti nel tessuto urbano e sociale delle città italiane. Per questo motivo andrebbero riconsiderati in relazione a logiche di pianificazione urbana e non di laissez faire.
di Roberta Rega
gentrificazione
flat tax
Economia

Flat tax, questa sconosciuta

La flat tax richiama la questione della corrispettiva copertura finanziaria, nonché della progressione di aliquota. Ma il vero problema in materia fiscale è l’evasione, e la flat tax va vista come una misura mirata in primis a favorire la emersione dei redditi non dichiarati.
di Giovambattista Palumbo*
flat tax
Carmelo Cedrone
Biografia

In ricordo di Carmelo Cedrone

Ci ha lasciato Carmelo Cedrone, scomparso ai primi di settembre; è stato un sincero europeista, autentico sindacalista, promotore e coordinatore del “Laboratorio Europa” per l’Eurispes, fino all’ultimo impegnato a dare il proprio contributo al processo di integrazione europea.
di Marco Ricceri*
Carmelo Cedrone
giustizia tributaria
Economia

Riforma della giustizia tributaria. Contesto, prospettive e criticità

La Giustizia tributaria è finalmente oggetto di una riforma, arrivata alla Camera con la seduta straordinaria del 9 agosto 2022. Uno degli obiettivi della riforma, negoziati nell’ambito del Pnrr, era la riduzione della durata media dei processi in Cassazione.
di Giovambattista Palumbo*
giustizia tributaria