Right to be forgotten

La decisione della Corte di Giustizia Europea del 13 maggio scorso relativa alla causa fra Google, l’Agencia Española de Protección de Datos (AEPD) e Mario Costeja González, ha sancito, per la prima volta la possibilità, per ogni cittadino appartenente all’Unione Europea di poter ottenere dai motori di ricerca la deindicizzazioni di notizie da essi riportate che siano irrilevanti o non più rilevanti.

La pronuncia della Grande Sezione della Corte se da un lato, dopo un lungo e annoso dibattito, riconosce in via astratta il cosiddetto diritto all’oblio a tutti i cittadini della Ue, dall’altro lato lascia aperte tutta una serie di problematiche inerenti la concreta applicazione del diritto in questione.

La stessa società di Mountain View, per correre ai ripari dopo la sentenza, ha predisposto un modulo compilabile online con cui i consumatori utenti possono richiedere la deindicizzazione di link ritenuti irrilevanti o non più rilevanti.

Ciò ha però destato tra i giuristi una serie di perplessità, prima fra tutte il fatto che la decisione sulla rimozione o meno del link e, quindi la tutela di un diritto personale, è affidata allo stesso motore di ricerca.

Google ha provveduto inoltre a nominare un comitato di esperti con il compito di delineare delle linee guida che bilanciassero sia il diritto all’oblio sia il diritto di cronaca o più in generale alla libera informazione.

Il lavoro del comitato ha messo in evidenza due anime contrapposte e divise tra un orientamento volto a limitare il diritto sancito dalla Corte e un altro indirizzo teso ad una corretta ed efficace applicazione della pronuncia. Le linee guida prodotte hanno però scontentato entrambe le parti lasciando sul tavolo i nodi più significativi.

Infatti, lo stesso Jimmy Wales, co-fondatore di Wikipedia e membro del comitato, scrive in appendice alla linee guida la seguente affermazione: «Sono del tutto contrario a una situazione legale in cui un’azienda commerciale è costretta a diventare il giudice dei nostri più fondamentali diritti», auspicando nello stesso tempo un intervento legislativo da parte delle Istituzioni della Ue.

La questione che ha a però acceso gli animi all’interno del comitato, così come risulta dal documento finale, è che Google tutelerà il diritto all’oblio tenendo conto dei sistemi legislativi di ogni singolo Paese appartenente alla Ue, ma non sarà tenuta a deindicizzare i risultati accessibili eseguendo la ricerca da Paesi extra Ue, in particolare dagli Stati Uniti. Insomma, per gli utenti e per il diritto alla privacy una vittoria a metà, con un sentore di amaro.

Questa decisione non consente un’effettiva tutela del diritto all’oblio, così come affermato dall’ex Ministro della giustizia tedesco, Sabine Leutheusser-Schnarrenberger, che ha dichiarato: «Internet è globale, quindi la protezione dei diritti degli utenti deve essere globale».

Il problema della tutela globale del diritto all’oblio si inserisce, infatti nel più ampio dibattito della tutela degli utenti della Rete tenuto conto che l’“ecosistema digitale” e la sua rapida e inarrestabile diffusione richiedono regole certe e condivise, valide in ogni paese, in ogni parte del mondo. Il Web piuttosto andrebbe considerato come un sovra-Stato, dove norme, possibilità e diritti siano le stesse per tutti.

Ultime notizie
noleggio
Diritto

Sharing mobility e disciplina legale, muoversi in un mondo che cambia

Noleggio a lungo termine e car sharing hanno cambiato profondamente il mondo della mobilità. Anche la normativa, e chi ha il compito di garantirne il rispetto, devono adeguarsi a queste nuove istanze, laddove le norme tradizionali tendono ad identificare proprietario e utilizzatore della vettura in un soggetto unico.
di Enrico Al Mureden*
noleggio
nuovo ordine globale
Rapporti

Il nuovo ordine globale, un dibattito aperto sul mondo di oggi

La presentazione del libro “Il nuovo ordine globale” a cura di Marco Ricceri, ospitata presso la sede di Sioi, ha offerto un’opportunità di dibattito sulla geopolitica odierna e sulle organizzazioni multilaterali che la regolano, tra studiosi ed esperti, tra cui l’On. Tremonti, prof. Giovanni Barbieri, prof. Riccardo Sessa.
di redazione
nuovo ordine globale
BRICS
Internazionale

BRICS e Unione europea, alternativi e competitivi: intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi

I BRICS sono al centro dell’intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi e della recente collaborazione tra Università di Parma e Istituto Eurispes, Laboratorio sui BRICS. Nel dialogo con la prof.ssa Scaffardi emergono diversità e parallelismi tra NATO e Unione europea da un lato, e BRICS dall’altro, come blocchi contrapposti nella geopolitica attuale.
di Susanna Fara
BRICS
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara