L'opinione

Alla ricerca della “cittadinanza” perduta

86

L’importante progetto di “modernizzazione” dei servizi pubblici nazionali avviata nella seconda metà del 1993 da Sabino Cassese, Ministro della Funzione Pubblica dell’epoca fa tornare alla mente le parole di James Madison, uno dei padri della Costituzione americana, quando teorizzava che «un buon governo implica due cose: primo, la fedeltà allo scopo del governare, cioè la felicità della gente; secondo, la conoscenza degli strumenti con cui tale fine può essere raggiunto».

Quella della Carta dei Servizi Pubblici è stata infatti una esperienza veramente importante per tutto il Paese; emanata con Direttiva del 27 gennaio 1994, racchiudeva i princìpi sull’erogazione dei servizi pubblici.

La Carta, in linea con la tradizione anglosassone, delineava le linee politiche del progetto da lanciare, supportandole con argomentazioni teoriche e tecniche, nonché con una analisi di benchmarking rispetto alle migliori “pratiche” adottate nel mondo.

Nel suo spirito originario la Carta dei Servizi avrebbe dovuto, quindi, costituire uno strumento “centrale” per alimentare i processi di miglioramento continuo ed incrementale dei livelli qualitativi dei servizi pubblici nazionali, attivando un opportuno circuito virtuoso dopo aver assicurato l’efficacia della gestione; in questo progetto, ovviamente, un ruolo cruciale avrebbe dovuto essere assunto dal coinvolgimento diretto delle persone interessate – sia nel back office, sia nel front-line – ai processi di erogazione dei servizi pubblici.

La fine del mandato del Ministro Cassese – contestualmente alle dimissioni del Governo Ciampi – non ha consentito, purtroppo, che venisse assicurato il necessario “commitment”, in particolare nella fase di implementazione del progetto. Successivamente, la breve vita dei Governi nazionali ha comportato il succedersi piuttosto ravvicinato di nuovi ministri della Funzione Pubblica che, conseguentemente, ha impresso all’implementazione del progetto un andamento del tipo stop and go, con l’inserimento di inevitabili momenti di riflessione allo sviluppo del progetto stesso. In questo scenario, il percorso è risultato essere più faticoso del previsto e, sicuramente, ha richiesto energie di gran lunga maggiori rispetto a quelle preventivate. Durante queste “fasi di riflessione”, è sembrato che le Amministrazioni applicassero a se stesse il principio di Le Chatelier (sugli equilibri chimici): «Se si modifica un sistema in equilibrio, lo stesso reagisce per ripristinare il proprio equilibrio» (a prescindere che questo sia corretto o meno, giusto o meno).

È sembrato, cioè, che nelle Amministrazioni si fosse realizzata, silenziosamente, una forte azione tendente a recuperare l’originaria condizione di “equilibrio”, fatta di autoreferenzialità, comodità, privilegi, insindacabilità, asimmetria tra i diritti del cittadino/lavoratore e i diritti del cittadino/utente, inefficienze, e così via).

Certo, parlare oggi di “qualità” dei servizi pubblici sembra quasi sfogliare un testo di archeologia o visitare una necropoli; le priorità sono altre nell’epoca di concetti “esoterici” come lo “spread”, il “fiscal compact”, la “spending review”, l’efficientamento a prescindere, il “rapporto deficit/PIL”, Maastricht, la flessibilità del lavoro, e così via.

Per chi ha dedicato una vita alla Qualità resta il sogno di poter vivere in un Paese normale che abbia la podestà di decidere autonomamente gli standard minimi – qualitativi e quantitativi – dei servizi da offrire ai propri cittadini, del benessere da assicurare quotidianamente alle proprie comunità e del futuro da assicurare alle generazioni future.

Venti anni fa ci si confrontava scientificamente sull’esigenza di chiamare il cittadino non più “utente”, bensì “cliente”; ma nessuno avrebbe mai immaginato di poter arrivare alla situazione attuale nella quale si esiste solo in quanto si è “contribuente” e “consumatore”.

Ed è proprio riappropriarsi di quei principi lo sforzo che oggi deve guidarci per ridisegnare un percorso orientato sia al recupero della qualità dei servizi, sia per far recuperare la possibilità di applicare leggi ed esercitare diritti, senza intermediari.

La vera priorità rimane quella di lavorare coralmente per riuscire ad attivare meccanismi inversi per tornare ad essere cittadini, dismettendo progressivamente i panni di sudditi.

 

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli