Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase di grandi trasformazioni economiche e sociali? L’esperienza di un rapporto continuo con i lavoratori è sufficiente a promuovere una contrattazione idonea da parte di chi opera nel sindacato? Queste domande trovano una giustificazione nelle sfide che i cambiamenti strutturali in atto nel sistema produttivo pongono a tutti gli attori dello sviluppo, sindacati compresi, in particolare per l’impulso della rivoluzione digitale e della scelta strategica a favore di un nuovo ordine economico basato sullo sviluppo sostenibile. La necessità di trovare risposte adeguate a queste domande e di promuovere un salto di qualità nella preparazione professionale degli operatori sindacali ha fatto nascere all’estero alcune iniziative molto originali che possono essere prese come uno stimolo e un riferimento anche per il mondo sindacale italiano.

L’Università del Lavoro

Nell’aprile 2021, a Francoforte, in Germania è stata riconosciuta ufficialmente la “Università del Lavoro” che inizierà i propri corsi di laurea nel prossimo inverno. È una Università riservata, appunto, agli operatori sindacali, ai rappresentanti dei consigli di fabbrica e dei comitati di cogestione. Per chi è protagonista dell’attività contrattuale e di pratiche di co-gestione, come nel caso tedesco, avere un adeguato livello di istruzione è ormai una necessità inderogabile. «I risultati delle trattative  tra i rappresentanti dell’ impresa e dei dipendenti – spiega per la nuova università Tobias Soechtig su Social Europe (2021) – sono sempre più determinati dal livello di professionalità ed esperienza dei partner del negoziato. Al giorno d’oggi è ormai un’esigenza diffusa che i rappresentanti imprenditoriali dotati di un elevato livello di istruzione universitaria dovrebbero trovarsi di fronte dei rappresentanti sindacali altrettanto ben istruiti». Il fatto è che le Università pubbliche, ad esempio nei dipartimenti di economia e business, non offrono corsi di laurea adeguati a chi è orientato ad operare o già opera nel mondo sindacale. Da qui l’esigenza di promuovere una specifica Università del Lavoro nella quale tanto i futuri sindacalisti quanto quelli già impegnati all’interno delle organizzazioni, faranno corsi di finanza, contabilità, teorie dell’organizzazione, gestione del business, scienza dell’istruzione, gestione progettuale; il tutto con un approccio interdisciplinare che lega insieme le scienze economiche, sociali e politiche. Un particolare molto interessante è che i corsi sono organizzati in base al principio orientativo della “integrazione del lavoro”, in modo che gli studenti sindacalisti possano valutare le loro esperienze concrete di contrattazione alla luce delle diverse discipline scientifiche. I nuovi sindacalisti dovranno essere dei laureati con laurea triennale e magistrale se vogliono migliorare l’efficacia delle loro trattative con le imprese e partecipare attivamente ai processi di riqualificazione delle attività economiche e produttive: questo è il messaggio che arriva con l’iniziativa avviata a Francoforte in Germania.

La piattaforma per l’informazione, formazione, istruzione di Mopo Lukoil

Nella stessa direzione opera un’altra iniziativa originale promossa dal sindacato russo Mopo della Lukoil, una delle più grandi compagnie petrolifere del mondo famosa, tra l’altro, per il suo sistema di relazioni industriali molto avanzato il cui valore è ampiamente riconosciuto a livello internazionale, ad esempio, nell’ambito del sindacato industriale IndustriAll. In occasione del 30° anniversario della società, il sindacato ha riunito, lo scorso settembre, il Consiglio direttivo allargato ai rappresentanti che operano nelle numerose sedi internazionali, per definire le nuove strategie dell’organizzazione. Tra le diverse iniziative deliberate – di primaria importanza quella finalizzata a garantire la massima sicurezza nei luoghi di lavoro – si distingue l’approvazione del documento “Concept of Information Policy” (Atto sulla Politica di Informazione) in base al quale Mopo Pjsc Lukoil avvia un nuovo sistema di informazione, formazione e istruzione dei propri rappresentanti sindacali. È nata così una piattaforma che garantisce innanzitutto un flusso interattivo di informazioni “continuo, tempestivo, aggiornato, trasparente e affidabile” sulle attività aziendali e sindacali, fondamentale per l’attività dei sindacalisti e anche per l’orientamento della stessa opinione pubblica. «Il lavoro in questa direzione – ha affermato il presidente del consiglio sindacale Georgy Kiradiev – deve essere sistematico e propositivo e accompagnato da un continuo monitoraggio della sua efficacia». La piattaforma sarà anche la base per l’avvio di una formazione continua dei sindacalisti, l’arricchimento del loro patrimonio conoscitivo e delle loro competenze. I rappresentanti del mondo del lavoro devono essere consapevoli della complessità dei cambiamenti in atto nel sistema produttivo, devono conoscere a fondo le nuove dinamiche di sviluppo. A questo fine «è importante coprire tutti gli aspetti del lavoro sindacale (…) il sindacato deve essere in prima linea sui problemi dello sviluppo», così la vice presidente del consiglio sindacale, Nadezdha Ivchenko, che ha aggiunto: «Non siamo nati leader sindacali. Per esserlo è importante padroneggiare nuove competenze sovra-professionali, scientifiche, tecniche e comunicative».  

La formazione continua specializzata di ETUI

Anche l’Istituto Europeo ETUI, che fa capo alla Confederazione Europea dei Sindacati CESE-EESC, con sede a Bruxelles, ha deciso di operare sulla formazione continua dei sindacalisti promuovendo di recente corsi di aggiornamento e la pubblicazione di manuali destinati ai rappresentanti dei lavoratori che siedono nei Comitati Aziendali Europei – CAE. Come è noto, si tratta dei comitati, la cui costituzione risale a due direttive europee del 1994 e del 1997, che operano nelle imprese multinazionali con sedi operative presenti in diversi Stati europei ed extra europei, senza svolgere attività contrattuale ma garantendo lo scambio di informazioni e aggiornamento sulle strategie e i piani aziendali. Anche in questo caso, ETUI sottolinea che, per comprendere adeguatamente la complessità dei processi di innovazione che le imprese sono indotte ad avviare con sempre maggiore continuità, la cultura tradizionale dei sindacalisti basata in prevalenza sulla esperienza pratica non è più sufficiente; di conseguenza, occorre promuovere una formazione continua specializzata che aggiorni e innalzi il loro livello delle conoscenze e competenze. I 13 corsi di formazione definiti da ETUI fanno riferimento ad una matrice intersettoriale, sono basati su una metodologia di apprendimento adattata ai diversi settori di specializzazione, organizzati in modo pluriennale e secondo una prospettiva di lungo termine.

Queste tre iniziative avviate a livello internazionale aprono un capitolo nuovo anche per il sindacato italiano, ovvero, per essere più precisi, riprendono le fila di una esperienza che il sindacato aveva ben maturato in passato, con i suoi centri studi e scuole di formazione, quando è stato protagonista attivo primario del miracolo economico del nostro Paese. In ogni caso, il messaggio è chiaro: per essere addentro i processi innovativi in atto nell’economia e nella società, ai sindacalisti occorrono un patrimonio conoscitivo equivalente alla laurea universitaria e una formazione continua.  

 

*Marco Ricceri, Segretario generale dell’Eurispes.

 

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica