Crescita

Strategie per il futuro: costruire un’Europa forte

55

“Come costruire un’Europa forte? Strategie per il futuro” è il tema di apertura della sessione plenaria del 25° Forum economico che si terrà dall’8 al 10 settembre prossimi a Krynica-Zdrój, in Polonia.

Gli studiosi e le personalità che prenderanno parte al dibattito si interrogheranno sulle sfide principali che il Vecchio Continente deve affrontare sul fronte interno e, allo stesso tempo, rispetto alle minacce esterne. La discussione sarà incentrata sulle questioni economiche e politiche all’interno della comunità europea, così come questioni di sicurezza connesse alla situazione in Ucraina e in Nord Africa.

Proprio in considerazione della crescente importanza delle questioni di sicurezza connesse alla crisi in Ucraina e tensioni nelle relazioni con la Russia, gli attacchi terroristici e l’attività sempre più intensa e articolata dello Stato Islamico, i lavori della prossima conferenza promuoveranno anche un nuovo evento: un Forum dedicato alla Sicurezza.  Tra i diversi blocchi tematici che saranno affrontati all’interno del Security Forum: “Mondo contemporaneo, le sfide attuali. Come rispondere all’aggressione ibrida”, “Il rapporto tra i paesi dell’Est e quelli occidentali nel nuovo contesto geopolitico”, “Nuove sfide: la sicurezza informatica come condizione necessaria per uno sviluppo stabile”, “Sicurezza civile, come contrastare le minacce?”, “La cooperazione europea in materia di sicurezza interna”.

logo1

La partecipazione agli incontri è stata annunciata, tra gli altri, da: Tinatin Hidaszeli, ministro della Difesa della Georgia, Iveta Radicova, Primo Ministro della Slovacchia nel 2010 – 2012; Bartłomiej Bodio, vice-presidente del Comitato per la sicurezza nazionale; Michel Van Leeuwen, responsabile della politica di sicurezza informatica presso il Ministero della Sicurezza e della Giustizia dei Paesi Bassi; Leonid Kożara, Vicepresidente degli Affari Esteri nel Consiglio Supremo di Ucraina; Péter Siklósi, Sottosegretario di Stato per la politica di difesa e la pianificazione dell’Ungheria; Karel Schwarzenberg, ministro degli Affari esteri della Repubblica Ceca nel periodo 2007-2009 e 2010 -2013.

Il Forum Economico comprenderà più di 170 eventi – dibattiti, blocchi di programma, sessioni plenarie, presentazioni di rapporti in 12 tracce di attualità. Politici, economisti, rappresentanti delle più grandi aziende ed esperti europei hanno già annunciato la loro presenza durante il Forum.

Per l’Italia, tra i partner dell’iniziativa anche l’Eurispes che parteciperà inoltre ai lavori del Forum con il Segretario, Marco Ricceri, che porterà un contributo di conoscenza nell’ambito dei dibattiti dedicati a temi specifici seguiti e sviluppati in questi anni dall’Istituto.

È possibile accreditarsi al. Convegno grauitamente compilando il seguente modulo: https://www.forum-ekonomiczne.pl/rejestracjaForum2015/form/akr?_lang=en

Leggi l’articolo in inglese

Ultime notizie
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata