Crescita

Strategie per il futuro: costruire un’Europa forte

36

“Come costruire un’Europa forte? Strategie per il futuro” è il tema di apertura della sessione plenaria del 25° Forum economico che si terrà dall’8 al 10 settembre prossimi a Krynica-Zdrój, in Polonia.

Gli studiosi e le personalità che prenderanno parte al dibattito si interrogheranno sulle sfide principali che il Vecchio Continente deve affrontare sul fronte interno e, allo stesso tempo, rispetto alle minacce esterne. La discussione sarà incentrata sulle questioni economiche e politiche all’interno della comunità europea, così come questioni di sicurezza connesse alla situazione in Ucraina e in Nord Africa.

Proprio in considerazione della crescente importanza delle questioni di sicurezza connesse alla crisi in Ucraina e tensioni nelle relazioni con la Russia, gli attacchi terroristici e l’attività sempre più intensa e articolata dello Stato Islamico, i lavori della prossima conferenza promuoveranno anche un nuovo evento: un Forum dedicato alla Sicurezza.  Tra i diversi blocchi tematici che saranno affrontati all’interno del Security Forum: “Mondo contemporaneo, le sfide attuali. Come rispondere all’aggressione ibrida”, “Il rapporto tra i paesi dell’Est e quelli occidentali nel nuovo contesto geopolitico”, “Nuove sfide: la sicurezza informatica come condizione necessaria per uno sviluppo stabile”, “Sicurezza civile, come contrastare le minacce?”, “La cooperazione europea in materia di sicurezza interna”.

logo1

La partecipazione agli incontri è stata annunciata, tra gli altri, da: Tinatin Hidaszeli, ministro della Difesa della Georgia, Iveta Radicova, Primo Ministro della Slovacchia nel 2010 – 2012; Bartłomiej Bodio, vice-presidente del Comitato per la sicurezza nazionale; Michel Van Leeuwen, responsabile della politica di sicurezza informatica presso il Ministero della Sicurezza e della Giustizia dei Paesi Bassi; Leonid Kożara, Vicepresidente degli Affari Esteri nel Consiglio Supremo di Ucraina; Péter Siklósi, Sottosegretario di Stato per la politica di difesa e la pianificazione dell’Ungheria; Karel Schwarzenberg, ministro degli Affari esteri della Repubblica Ceca nel periodo 2007-2009 e 2010 -2013.

Il Forum Economico comprenderà più di 170 eventi – dibattiti, blocchi di programma, sessioni plenarie, presentazioni di rapporti in 12 tracce di attualità. Politici, economisti, rappresentanti delle più grandi aziende ed esperti europei hanno già annunciato la loro presenza durante il Forum.

Per l’Italia, tra i partner dell’iniziativa anche l’Eurispes che parteciperà inoltre ai lavori del Forum con il Segretario, Marco Ricceri, che porterà un contributo di conoscenza nell’ambito dei dibattiti dedicati a temi specifici seguiti e sviluppati in questi anni dall’Istituto.

È possibile accreditarsi al. Convegno grauitamente compilando il seguente modulo: https://www.forum-ekonomiczne.pl/rejestracjaForum2015/form/akr?_lang=en

Leggi l’articolo in inglese

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani