Trasporti, Fs primo investitore in Italia. Moraci: “In arrivo 600 treni regionali. 42 mld per infrastrutture”

401

Lo scorso 10 maggio è stato presentato dall’Amministratore Delegato, Gianfranco Battisti, il Piano Industriale 2019-2023 del Gruppo FS Italiane.
58 miliardi di euro gli investimenti previsti, che confermano il Gruppo come primo investitore in Italia, capace di creare un indotto per 120mila posti di lavoro all’anno, 15mila assunzioni dirette in cinque anni e un contributo annuo all’aumento del Pil fra lo 0,7 e lo 0,9%.
L’obiettivo è quello di trasformare la mobilità collettiva in Italia. La crescita stimata all’anno è di 90 milioni di passeggeri; aumento che dovrebbe portare ad una diminuzione delle auto sulle strade di 400mila unità e ad un abbattimento di 600 milioni di chilogrammi di Co2 nell’ambiente.
Ne parliamo con la professoressa Francesca Moraci, componente del Consiglio di Amministrazione di Ferrovie dello Stato Italiane, Ordinario di Urbanistica presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria e membro dell’Osservatorio su Infrastrutture, Logistica e Trasporti dell’Eurispes.

Professoressa Moraci, lo scorso 14 giugno sono stati inaugurati in Emilia Romagna i nuovi treni regionali, Rock e Pop: secondo lei, questo farà da apripista ad una migliore qualità del viaggiare anche per i pendolari delle altre Regioni?
Nel Piano Industriale 2019-2023, sono previsti 600 nuovi treni regionali: un investimento ben preciso che testimonia la nostra attenzione nei confronti dei pendolari. Questo è uno degli elementi cardine del Piano.

Quali sono i numeri degli investimenti del Piano Industriale?
Principalmente, gli investimenti sono dedicati alle infrastrutture: parliamo di 42 mld di euro, di cui 28 mld saranno destinati alle opere sulla rete ferroviaria gestita da Rfi e 14 mld alle strade Anas. Inoltre, sono stanziati 12 mld, in gran parte autofinanziati, per treni e bus, 2 mld per metropolitane, 2 mld per l’Information Technology, e di oltre 6 mld di euro per tecnologie e digitalizzazione, aspetti trasversali a tutti i settori.

Quando parliamo di investimenti in infrastrutture, sono comprese anche le opere per la manutenzione di quelle già esistenti?
Esiste da sempre un importante piano di manutenzione sia stradale che ferroviario, per mettere al centro la sicurezza dei passeggeri e di chi percorre strade o ferrovie.
È prevista dal nuovo Piano una forte accelerazione che comprende 1.600 cantieri sia di Rfi che di Anas, con particolare attenzione ai processi di manutenzione per tutte le società di trasporto e le infrastrutture del Gruppo, inclusi gli investimenti per il trasporto merci.

Nelle aree del Sud Italia, considerate aree deboli del nostro Paese, quali investimenti sono previsti?
Considero fondamentali gli avanzamenti dei progetti ferroviari Napoli-Bari e Palermo-Catania-Messina. Per le infrastrutture sono destinati 16 mld di euro, una somma importante, in particolare sui progetti stradali che riguardano l’Autostrada del Mediterraneo (A12), la Strada Statale Jonica e la Palermo-Catania (A19).

Quindi si può parlare di mobilità integrata per migliorare il trasporto dei passeggeri e delle merci?
La mobilità integrata è uno dei principali obiettivi per Rfi: si consideri che le stazioni diventeranno nodi di mobilità estremamente importanti; l’intento è quello di facilitare lo spostamento “door to door”, dalla partenza alla destinazione, con il solo utilizzo di sistemi di trasporto collettivi, cioè sviluppando sistemi di mobilità integrata con treni, metropolitane e trasporto pubblico su gomma, ma non solo; sarà, infatti, anche inserito il mondo sharing (car, bike, scooter).
Negli ultimi anni sono state lanciate una serie di iniziative orientate alla mobilità integrata per il trasporto passeggeri, merci e per l’assistenza ai viaggiatori del trasporto regionale; un esempio è l’esperimento che Ferrovie ha fatto con M5 Spa a Milano, evidentemente molto importante.
È fondamentale investire in questo campo per reggere la competitività con gli altri paesi a livello mondiale.

Ferrovie come si sta sviluppando all’estero?
Consideri che Ferrovie ha 7.000 dipendenti all’estero, e, addirittura, una società che si chiama FS International, che propone soluzioni di mobilità integrata in aree strategiche a livello internazionale, esportando il proprio know-how tecnologico, non solo in Europa ma anche nei paesi extra europei; lo fa attraverso lo sviluppo, la gestione e la manutenzione di linee ferroviarie convenzionali e ad Alta Velocità, di sistemi metropolitani di mobilità integrata, di infrastrutture stradali, merci; ma anche attraverso la logistica, la consulenza specialistica e la formazione del personale.

A proposito del personale, parliamo di assunzioni e di una maggiore attenzione al cliente. È più importante la qualità o la quantità?
Entrambe direi, in un Piano industriale ci vogliono competenze professionali che ne assicurano la buona riuscita. Sono previste delle assunzioni, come riporta anche l’Amministratore Delegato, con particolare attenzione ai giovani. Fsi è una azienda simbolo per il nostro Paese, verso la quale i giovani tendono, trovando un parco di opportunità in cui esprimere competenze che vanno dalla progettazione alla gestione, all’amministrazione. Il Piano si sta confrontando con esigenze di sostenibilità e abbassamento di emissioni Co2: questi sono obiettivi fondamentali e su questi settori si orientano anche le ambizioni di molti giovani. Io penso che, con molta probabilità, a parte i settori canonici dell’ingegneria, ci sarà una forte domanda di lavoro sull’Information Technology (IT) e sul digitale. A questo proposito, abbiamo creato una nuova società, che si chiama appunto FS Technology, cuore pulsante dell’innovazione e dell’organizzazione sistemica.
Vorrei sottolineare, infine, una forte spinta verso l’assistenza clienti, la cosiddetta costumer care, che insieme alla security, rappresenterà un bacino per 800 nuovi addetti.

Ultime notizie
Gioco

Lotta al gioco illegale: Agenzia delle Dogane e Monopoli e Forze dell’ordine firmano il nuovo regolamento

Il Direttore Generale dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, Marcello Minenna, insieme al Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Giovanni Nistri, al Comandante Generale della Guardia di Finanza, Giuseppe Zafarana, e al Capo della Polizia, Franco Gabrielli, hanno firmato il Regolamento Operativo del “Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, la sicurezza del gioco e la tutela dei minori”.
di redazione
Gioco

E-Sport, il gaming è in salute dopo il Covid. Olimpiadi più vicine

Che cosa è accaduto nel mondo del gaming nel periodo della pandemia del Covid-19? Secondo le ultime previsioni, l’emergenza sta rappresentando una incredibile opportunità di crescita per il settore degli E-Sports.
di Valentina Renzopaoli
Cultura

Fellini-Sordi a 100 anni dalla nascita. La mostra dell’Archivio Riccardi a Spazio 5

Il 20 gennaio e il 15 giugno di quest'anno Federico Fellini e Alberto Sordi avrebbero compiuto 100 anni. Per celebrarne il genio e il peso avuto nel panorama cinematografico italiano e non solo, è stata organizzata la mostra: "Fellini-Sordi, 100 anni per i protagonisti del cinema italiano".
di redazione
scuola

Il ritorno dell’educazione civica nelle Scuole: italiani favorevoli

L’importanza di reintrodurre l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole ha trovato il favore della maggior parte degli italiani (67,8%) nell’ultima indagine condotta sul...
di redazione
Osservatori

Iva e scuola: nei Tg l’anticipo di campagna elettorale. Azzolina al centro delle polemiche. Sileri e il dilemma del Mes

L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 22 al 26 giugno – Il dibattito tra le forze politiche su molti fronti...
di Eurispes e Coris Sapienza
Europa

Superare la “democrazia del ricatto”. Un Piano per la prossima generazione Ue

Il Piano anticrisi dell’Unione rappresenta un passo piccolissimo, ma comunque importante perché rompe un tabù ed indica una nuova direzione di marcia per l’Europa, con un profondo significato politico. Restano però molti nodi aperti in Europa, dove ancora ci sono paesi che usano il diritto di veto come un’arma per impedire che gli altri avanzino.
di Carmelo Cedrone*
Criminalità e contrasto

Abbassare la soglia di spendibilità del contante davvero favorisce la lotta al riciclaggio?

Il contante rappresenta, da sempre, il principale canale di riciclaggio dei proventi di attività illecita e contingentarne l’uso ha dato nel tempo risultati strategici, apprezzabili anche in termini di prevenzione e contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale. Quanto maggiore è stata l’attenzione investigativa verso il contante, tanto più le organizzazioni criminali hanno saputo diversificare la forma di manifestazione di quei proventi in un complesso processo di dematerializzazione delle attività criminali.
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Luciano Canfora all’Eurispes: “I fascismi hanno immense praterie a loro disposizione. Gli aiuti europei? Vengano utilizzati contro le disuguaglianze sociali”

Luciano Canfora nell'intervista rilasciata all'Eurispes auspica, senza ottimismo, che “questa rabbia sociale riesca a imporre all’attenzione un malessere profondo che attraversa il Paese, vissuto dalle fasce più deboli della popolazione, sostanzialmente abbandonate a se stesse”.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura

Riscopriamo l’etica pubblica per uscire dalla crisi

Il quarto shock è il titolo di un interessante scritto del filosofo della politica, Sebastiano Maffettone, sulla “filosofia del presente”. «Il virus ha cambiato il nostro modo di vedere e abitare il mondo, stiamo acquisendo la consapevolezza che bisogna fare qualcosa perché il modo in cui abbiamo proceduto nell’ultimo periodo storico non ha funzionato».
di Massimiliano Cannata
Innovazione

Lo sviluppo della telemedicina: una opportunità da non perdere

L’utilizzo della tecnologia elettronica in àmbito sanitario costituisce una delle componenti fondamentali del futuro modello di governance alla cui implementazione si dovrà provvedere sollecitamente per garantire al meglio, e in modo uniforme, la tutela della salute delle persone.
di Francesco Giulio Cuttaia