Rapporto Italia

RItalia 2020. Inizia il viaggio verso il 32° Rapporto Italia

133

Rapporto Italia è, da oltre trent’anni, una delle più efficaci narrative del Paese.

È un ragionamento complesso, che ogni anno assume la forma di un poderoso volume cartaceo – proprio cartaceo – e si presenta all’attenzione di quanti, cittadini comuni e classe dirigente, hanno interesse a farsi un’idea dei tempi che attraversiamo.

Il Rapporto Italia è anche il frutto e la sintesi della ricerca Eurispes sull’evoluzione sociale, economica e politica del Paese.
Una sintesi con una precisa struttura teoretica, fondata su tre pilastri: sei dicotomie, sessanta schede fenomeniche e una lettura trasversale e universale del tutto.

Le dicotomie offrono, in forma di mini saggi monografici, spunti di riflessione intorno ad alcuni temi critici, letti in una duplice prospettiva: quella temporale e quella dialettica.
Dal primo punto di vista, si ragiona sull’anno che è stato, sulla storia del Paese e del tempo futuro che abbiamo dinnanzi. Dal secondo si lega questo ragionamento a due estremi opposti, antitetiche forme della realtà: pubblico e privato, sicurezza e insicurezza, mondialismo e sovranismo, sono tre esempi delle oltre cento dicotomie con le quali, nei suoi trent’anni di vita, il Rapporto Italia ha riflettuto sul Paese.

Le sessanta schede descrivono fenomeni qualificanti la realtà economica, politica e sociale del Paese. Hanno lo scopo di fotografare, da molti punti di osservazione diversi, l’Italia che agisce, crea, pensa, viaggia, eccetera. Le schede hanno descritto, in questi anni, le cento facce della politica – fiducia nelle istituzioni, devolution, destra e sinistra, riforme, classe dirigente eccetera; dell’economia – consumi, competitività, eccellenze, liberalizzazioni, eccetera; della società – famiglia, genere, sicurezza, costume e via dicendo.

Last but not least, le Considerazioni generali: la lettura, sintetica e proiettiva, con la quale il Presidente dell’Istituto, tira le fila del Rapporto e lancia quel (o quei) messaggio fondamentale al Paese. Per stare solo agli ultimi anni, la Relazione del Presidente ha denunciato la qualipatia (paura della qualità e del merito) italiana, la Sindrome del Palio (preferenza per la sconfitta dell’avversario al successo proprio) che affligge il Paese, il difficile gioco fra potenza e atto, che lascia inespresse ancora troppe forze italiane e via dicendo.

Il film che esce dalla lettura longitudinale delle 31 edizioni del Rapporto Italia è quello di un Paese dinamico ma anche molto timoroso dei cambiamenti; capace di grandi salti interpretativi ma attento alla sostanziale continuità della propria vicenda storica; un passo sempre avanti ma senza perdere di vista ciò che si ha alle spalle. Un Paese, insomma, fermo ma dinamico: un motore immobile che è una solo apparente contraddizione.

Ora, in questo strano anno, l’ennesimo della lunga transizione italiana ed europea verso l’assetto nuovo che il mondo globalizzato e digitalizzato richiede, il Rapporto Italia potrà contare su una squadra intellettuale rinnovata e potenziata; un think tank come si usa dire oggi, composto da donne e uomini appartenenti al mondo della scienza e della cultura, della medicina e dell’economia, della politica e dell’accademica, che di mestiere vivono e studiano la realtà.
Lo scopo è sempre lo stesso: capire, concettualizzare ed esprimere il Paese e al Paese porre le domande rilevanti, senza avere la presunzione di avere una risposta buona per ogni occasione. Perché crediamo che Heidegger fosse nel giusto dicendo che «l’essenza dell’Uomo ha forma di domanda».

Il Rapporto Italia con il rinnovato Comitato Scientifico dell’Eurispes incomincia il proprio cammino il 4 luglio, una data simbolica per molti: inizia a maturare il nuovo Rapporto Italia, quello che presenteremo al Paese a fine gennaio prossimo.

Una riflessione che troverà su L’Eurispes, il nostro magazine online, uno spazio fisso, nel quale proporre tesi, lanciare idee, definire problemi. Lo spazio è questo: RItalia 2020 che diverrà RItalia 2021 e così via. Un nuovo orizzonte, un nuovo cammino con la stessa, solita, ambizione: essere l’Istituto di ricerca degli italiani.

Ultime notizie
Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di...
di Gian Maria Fara
agricoltura

Mafia nei mercati ortofrutticoli. Sud Pontino epicentro della filiera criminale

Mafia nei mercati ortofrutticoli: quando la criminalità riesce a mettere le mani sui grandi mercati ortofrutticoli o sul sistema della logistica, condiziona l'intera filiera agricola italiana e internazionale. Si tratta di un avanzamento importante e pericoloso della strategia delle agromafie italiane.
di Marco Omizzolo
Politica

Salvini e il bluff della crisi di “ferragosto”. Il Papeete è un format politico

Crisi di governo: Matteo Salvini protagonista del “mistero buffo” di Ferragosto. L'analisi di Aldo Cazzullo, cronista di razza, editorialista e firma di punta del Corsera. «Più passano i giorni, più l'azzardo di Salvini si rivela sempre più tale. La mia impressione è che abbia sbagliato i tempi».
di Massimiliano Cannata
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Istruzione

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua
Europa

L’Europa? Mattiello: “Un condominio litigioso dove ci si fa concorrenza sleale”

Sognare una “Repubblica d'Europa” che ricoscopra valori comuni, scavalchi le demagogie dei nazionalismi, costruisca una nuova realtà politica, economica e culturale: è l'idea proposta nel libro La Repubblica d'Europa (Add Editore). Ne parliamo con Davide Mattiello, coautore del testo.
di Pina Sodano