Rapporto Italia

RItalia 2020. Inizia il viaggio verso il 32° Rapporto Italia

141

Rapporto Italia è, da oltre trent’anni, una delle più efficaci narrative del Paese.

È un ragionamento complesso, che ogni anno assume la forma di un poderoso volume cartaceo – proprio cartaceo – e si presenta all’attenzione di quanti, cittadini comuni e classe dirigente, hanno interesse a farsi un’idea dei tempi che attraversiamo.

Il Rapporto Italia è anche il frutto e la sintesi della ricerca Eurispes sull’evoluzione sociale, economica e politica del Paese.
Una sintesi con una precisa struttura teoretica, fondata su tre pilastri: sei dicotomie, sessanta schede fenomeniche e una lettura trasversale e universale del tutto.

Le dicotomie offrono, in forma di mini saggi monografici, spunti di riflessione intorno ad alcuni temi critici, letti in una duplice prospettiva: quella temporale e quella dialettica.
Dal primo punto di vista, si ragiona sull’anno che è stato, sulla storia del Paese e del tempo futuro che abbiamo dinnanzi. Dal secondo si lega questo ragionamento a due estremi opposti, antitetiche forme della realtà: pubblico e privato, sicurezza e insicurezza, mondialismo e sovranismo, sono tre esempi delle oltre cento dicotomie con le quali, nei suoi trent’anni di vita, il Rapporto Italia ha riflettuto sul Paese.

Le sessanta schede descrivono fenomeni qualificanti la realtà economica, politica e sociale del Paese. Hanno lo scopo di fotografare, da molti punti di osservazione diversi, l’Italia che agisce, crea, pensa, viaggia, eccetera. Le schede hanno descritto, in questi anni, le cento facce della politica – fiducia nelle istituzioni, devolution, destra e sinistra, riforme, classe dirigente eccetera; dell’economia – consumi, competitività, eccellenze, liberalizzazioni, eccetera; della società – famiglia, genere, sicurezza, costume e via dicendo.

Last but not least, le Considerazioni generali: la lettura, sintetica e proiettiva, con la quale il Presidente dell’Istituto, tira le fila del Rapporto e lancia quel (o quei) messaggio fondamentale al Paese. Per stare solo agli ultimi anni, la Relazione del Presidente ha denunciato la qualipatia (paura della qualità e del merito) italiana, la Sindrome del Palio (preferenza per la sconfitta dell’avversario al successo proprio) che affligge il Paese, il difficile gioco fra potenza e atto, che lascia inespresse ancora troppe forze italiane e via dicendo.

Il film che esce dalla lettura longitudinale delle 31 edizioni del Rapporto Italia è quello di un Paese dinamico ma anche molto timoroso dei cambiamenti; capace di grandi salti interpretativi ma attento alla sostanziale continuità della propria vicenda storica; un passo sempre avanti ma senza perdere di vista ciò che si ha alle spalle. Un Paese, insomma, fermo ma dinamico: un motore immobile che è una solo apparente contraddizione.

Ora, in questo strano anno, l’ennesimo della lunga transizione italiana ed europea verso l’assetto nuovo che il mondo globalizzato e digitalizzato richiede, il Rapporto Italia potrà contare su una squadra intellettuale rinnovata e potenziata; un think tank come si usa dire oggi, composto da donne e uomini appartenenti al mondo della scienza e della cultura, della medicina e dell’economia, della politica e dell’accademica, che di mestiere vivono e studiano la realtà.
Lo scopo è sempre lo stesso: capire, concettualizzare ed esprimere il Paese e al Paese porre le domande rilevanti, senza avere la presunzione di avere una risposta buona per ogni occasione. Perché crediamo che Heidegger fosse nel giusto dicendo che «l’essenza dell’Uomo ha forma di domanda».

Il Rapporto Italia con il rinnovato Comitato Scientifico dell’Eurispes incomincia il proprio cammino il 4 luglio, una data simbolica per molti: inizia a maturare il nuovo Rapporto Italia, quello che presenteremo al Paese a fine gennaio prossimo.

Una riflessione che troverà su L’Eurispes, il nostro magazine online, uno spazio fisso, nel quale proporre tesi, lanciare idee, definire problemi. Lo spazio è questo: RItalia 2020 che diverrà RItalia 2021 e così via. Un nuovo orizzonte, un nuovo cammino con la stessa, solita, ambizione: essere l’Istituto di ricerca degli italiani.

Ultime notizie
Società

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo