Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Politica

Ue e manovra economica, ottimismo ma non senza riserve

PIL

L’Italia dovrebbe riuscire ad ottenere maggiore flessibilità dalla Commissione europea. A una settimana dalla pubblicazione del giudizio Ue sulla manovra, il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan è ottimista, anche perché nel confronto avuto con i commissari responsabili della valutazione non c’è stata alcuna richiesta supplementare in cambio del via libera alla legge finanziaria. Secondo fonti di Bruxelles, la Commissione potrebbe avere ancora qualche riserva sul “cumulo” di flessibilità chiesto dall’Italia. Padoan comunque ha spiegato di nuovo “le ragioni per cui l’Italia ha indicato nella legge di stabilità la possibilità di avvalersi sia della clausola riforme sia di quella degli investimenti”. Il titolare del Mef non nasconde però che ci potrebbe essere un nuovo richiamo sul debito pubblico. Esposizione elevata ma pienamente sostenibile.

La legge di Stabilità proseguirà il suo cammino in commissione Bilancio del Senato. I lavori non sono ancora entrati nel vivo ma il governo ha già fatto capire quale sarà il suo orientamento in merito ad alcuni degli emendamenti presentati da maggioranza e opposizioni. L’esecutivo per ora si è limitato a presentare solo piccoli aggiustamenti rispetto al testo licenziato da Palazzo Chigi: dalle agevolazioni per gli Erasmus alla copertura assicurativa per carcerati e richiedenti asilo che fanno volontariato, in attesa che maturi il dibattito in Parlamento e che, soprattutto, sia più chiara la dote destinata a finanziare le correzioni della manovra. Risorse che, secondo i ‘dissidenti’ di Alleanza popolare guidati da Gaetano Quagliariello, si potrebbero agilmente trovare attraverso una vera spending review, sostanzialmente assente dal testo. Sembra comunque che ci sia davvero poco spazio per approvare norme capaci di causare ulteriori uscite. Le relatrici della legge di Stabilità, Magda Zanoni e Federica Chiavaroli, sono comunque al lavoro per cercare di trovare una sintesi delle diverse richieste dei senatori, compresa quella di esentare dall’IMU anche le case lasciate al coniuge in caso di separazioni e divorzi. Intanto da oggi pomeriggio si dovrebbe iniziare a votare in commissione, che mantiene l’obiettivo di arrivare a portare in Aula un testo “chiuso” con il mandato alle relatrici, in modo che l’eventuale maxiemendamento del governo con relativa apposizione della questione di fiducia, che in molti danno già per scontato, possa essere aderente alle scelte della Commissione. Lo sforzo maggiore che si metterà in campo in Senato, e questa è ormai una certezza, è quello per rafforzare gli interventi per il Sud, attraverso il credito d’imposta rafforzato oppure con una accentuazione del bonus per le nuove assunzioni”, come ha confermato in commissione anche il viceministro dell’Economia, Enrico Morando. Intanto in commissione Industria proseguiranno le audizione connesse all’esame della Legge annuale sul mercato e la concorrenza. Tra gli altri saranno auditi la Confartigianato, la Cna, Federcarrozzieri e l’Organismo unitario dell’avvocatura italiana.

Alla Camera proseguirà il dibattito sulle proposte di legge in tema di gestione dei beni e delle aziende confiscate alle organizzazioni mafiose e di tutela della biodiversità in ambito agricolo. Proseguirà inoltre il procedimento legislativo della legge delega sugli appalti e del disegno di legge di conversione del dl di proroga delle missioni internazionali. Inizierà anche la discussione generale del ddl di conversione del decreto-legge con cui si sono sterilizzate le clausole di salvaguardia e si sono prorogati i termini per aderire alla voluntary disclosure. In commissione Affari costituzionali proseguirà l’esame del disegno di legge di revisione costituzionale sul superamento del bicameralismo paritario e la ridefinizione dei rapporti tra Stato e Regioni. Nel primo pomeriggio la commissione Finanze terminerà l’esame del dl sulla sterilizzazione delle clausole di salvaguardia e la proroga delle voluntary disclosure. Dalle 14 la commissione Ambiente si misurerà con le risoluzioni concernenti “Criteri di assegnazione dei proventi delle aste per lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra” e “Disposizioni previste dallo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei ministri inerenti agli impianti di incenerimento di rifiuti urbani assimilati”. La commissione Attività produttive porterà avanti l’esame del testo unificato contenente “Disposizioni per l’introduzione di un sistema di tracciabilità dei prodotti finalizzato alla tutela del consumatore”. Lo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva Ue sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative alla lavorazione, alla presentazione e alla vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati sarà trattato dalla commissione Affari sociali che dovrà esprimere il proprio parere entro il 23 novembre.

 

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica