Ue e manovra economica, ottimismo ma non senza riserve

PIL

L’Italia dovrebbe riuscire ad ottenere maggiore flessibilità dalla Commissione europea. A una settimana dalla pubblicazione del giudizio Ue sulla manovra, il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan è ottimista, anche perché nel confronto avuto con i commissari responsabili della valutazione non c’è stata alcuna richiesta supplementare in cambio del via libera alla legge finanziaria. Secondo fonti di Bruxelles, la Commissione potrebbe avere ancora qualche riserva sul “cumulo” di flessibilità chiesto dall’Italia. Padoan comunque ha spiegato di nuovo “le ragioni per cui l’Italia ha indicato nella legge di stabilità la possibilità di avvalersi sia della clausola riforme sia di quella degli investimenti”. Il titolare del Mef non nasconde però che ci potrebbe essere un nuovo richiamo sul debito pubblico. Esposizione elevata ma pienamente sostenibile.

La legge di Stabilità proseguirà il suo cammino in commissione Bilancio del Senato. I lavori non sono ancora entrati nel vivo ma il governo ha già fatto capire quale sarà il suo orientamento in merito ad alcuni degli emendamenti presentati da maggioranza e opposizioni. L’esecutivo per ora si è limitato a presentare solo piccoli aggiustamenti rispetto al testo licenziato da Palazzo Chigi: dalle agevolazioni per gli Erasmus alla copertura assicurativa per carcerati e richiedenti asilo che fanno volontariato, in attesa che maturi il dibattito in Parlamento e che, soprattutto, sia più chiara la dote destinata a finanziare le correzioni della manovra. Risorse che, secondo i ‘dissidenti’ di Alleanza popolare guidati da Gaetano Quagliariello, si potrebbero agilmente trovare attraverso una vera spending review, sostanzialmente assente dal testo. Sembra comunque che ci sia davvero poco spazio per approvare norme capaci di causare ulteriori uscite. Le relatrici della legge di Stabilità, Magda Zanoni e Federica Chiavaroli, sono comunque al lavoro per cercare di trovare una sintesi delle diverse richieste dei senatori, compresa quella di esentare dall’IMU anche le case lasciate al coniuge in caso di separazioni e divorzi. Intanto da oggi pomeriggio si dovrebbe iniziare a votare in commissione, che mantiene l’obiettivo di arrivare a portare in Aula un testo “chiuso” con il mandato alle relatrici, in modo che l’eventuale maxiemendamento del governo con relativa apposizione della questione di fiducia, che in molti danno già per scontato, possa essere aderente alle scelte della Commissione. Lo sforzo maggiore che si metterà in campo in Senato, e questa è ormai una certezza, è quello per rafforzare gli interventi per il Sud, attraverso il credito d’imposta rafforzato oppure con una accentuazione del bonus per le nuove assunzioni”, come ha confermato in commissione anche il viceministro dell’Economia, Enrico Morando. Intanto in commissione Industria proseguiranno le audizione connesse all’esame della Legge annuale sul mercato e la concorrenza. Tra gli altri saranno auditi la Confartigianato, la Cna, Federcarrozzieri e l’Organismo unitario dell’avvocatura italiana.

Alla Camera proseguirà il dibattito sulle proposte di legge in tema di gestione dei beni e delle aziende confiscate alle organizzazioni mafiose e di tutela della biodiversità in ambito agricolo. Proseguirà inoltre il procedimento legislativo della legge delega sugli appalti e del disegno di legge di conversione del dl di proroga delle missioni internazionali. Inizierà anche la discussione generale del ddl di conversione del decreto-legge con cui si sono sterilizzate le clausole di salvaguardia e si sono prorogati i termini per aderire alla voluntary disclosure. In commissione Affari costituzionali proseguirà l’esame del disegno di legge di revisione costituzionale sul superamento del bicameralismo paritario e la ridefinizione dei rapporti tra Stato e Regioni. Nel primo pomeriggio la commissione Finanze terminerà l’esame del dl sulla sterilizzazione delle clausole di salvaguardia e la proroga delle voluntary disclosure. Dalle 14 la commissione Ambiente si misurerà con le risoluzioni concernenti “Criteri di assegnazione dei proventi delle aste per lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra” e “Disposizioni previste dallo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei ministri inerenti agli impianti di incenerimento di rifiuti urbani assimilati”. La commissione Attività produttive porterà avanti l’esame del testo unificato contenente “Disposizioni per l’introduzione di un sistema di tracciabilità dei prodotti finalizzato alla tutela del consumatore”. Lo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva Ue sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative alla lavorazione, alla presentazione e alla vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati sarà trattato dalla commissione Affari sociali che dovrà esprimere il proprio parere entro il 23 novembre.

 

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili