Sicurezza

Vigili del fuoco delusi: “Il governo trovi 100 milioni”

4268

I Vigili del Fuoco restano sotto organico e sottopagati. Il decreto attuativo della “legge delega” sul Corpo, approvato giovedì scorso dal Governo, non ha toccato questi due gravi problemi; e dunque la battaglia per essere riconosciuti alle stregua delle altre Forze dell’ordine continua, sostenuta anche dall’Eurispes, che ha preso posizione attraverso il generale Tullio Del Sette, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza dell’Istituto, e dall’86 per cento degli italiani, che apprezzano oltremodo i pompieri, secondo il Rapporto Italia 2018.
«Non si può fare il riordino del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco mettendo sul tavolo appena 16 milioni di euro: ce ne vogliono almeno 100», commenta Pompeo Mannone, Segretario Generale della Fns, la Federazione nazionale sicurezza della Cisl, il più importante sindacato di categoria. Ma la speranza non è persa: «Sia Salvini che Di Maio avevano riconosciuto che siamo pochi e che guadagniamo poco. Ci vuole una nuova legge delega».

Il provvedimento del Governo è da respingere in toto?
Questo no, ci sono anche alcuni aspetti positivi. Certamente il provvedimento è migliore del precedente che risale al 2005. Ma si poteva fare molto di più se avessero seguito le indicazioni fornite dal mio Sindacato sia durante il confronto con l’Amministrazione sia nelle audizioni fatte presso le Commissioni Affari Costituzionali. Positivo, in ogni caso, che sia stato ridotto il numero delle qualifiche: fino ad oggi erano quattro, adesso sono tre, e dunque la carriera diventa più rapida e si diventa Vigile coordinatore in 12 anni. Poi un’altra novità apprezzabile: da Capo squadra a Capo reparto prima si passava per concorso, adesso invece c’è il ruolo aperto: significa che, dopo dieci anni di anzianità da Capo squadra, puoi diventarlo senza concorso. Intendiamoci, stiamo parlando di persone che hanno oltre 25 anni di anzianità sulle spalle, e che adesso avranno anche una stabilità territoriale.

Che con il concorso non veniva garantita?
No, oltre a doverlo affrontare, e vincerlo, erano costretti a prendere servizio nella nuova qualifica di Capo reparto anche a distanze di centinaia di chilometri. Nel caso poi dei Capo squadra, molti Comandi del Nord ne sono sprovvisti ed alcuni sono coperti dai non residenti, con tutti i prevedibili disagi degli interessati e gli effetti sul servizio: Milano, ad esempio, è piena di campani e di sardi, perché i Vigili coordinatori locali sono tutti giovani. Un altro aspetto che apprezziamo, e che interessa circa 300 persone nel caso degli operativi, è l’aver creato un ruolo direttivo speciale ad esaurimento che riconosce il valore di personale di concetto, che per molti anni ha coordinato teatri operativi complessi e operato sulla prevenzione degli incendi, ed ora vengono equiparati al personale laureato.

Lei aveva poi lamentato il basso numero dei Capo squadra. Il Governo ha risolto il problema?
In questo caso l’intervento c’è stato, ma del tutto insufficiente. I Capo squadra hanno un ruolo strategico, di coordinamento delle operazioni, i Vigili si affidano totalmente a loro. Sono 7mila in tutto, e quanto si decidono misure per aumentare l’organico dei Vigili del Fuoco, ci si dimentica regolarmente di aumentare in rapporto percentuale i Capo squadra. Ne hanno previsti altri 500, ma ce ne vogliono almeno il doppio per garantire l’attività. Sì: almeno mille.

Sugli organici, il piatto piange. Quante nuove assunzioni ci vorrebbero?
Sono soltanto 30mila, i Vigili del Fuoco effettivi, “sul campo”. Ce ne vorrebbero altri 15 o 20mila per decentrare il servizio e renderlo efficace facendo in modo che si arrivi in modo rapido sul luogo dell’evento. Il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha annunciato, del resto, assunzioni straordinarie e ci aspettiamo che queste figurino nella legge di bilancio che vedrà la luce a fine mese. E poi rimane la nostra richiesta sacrosanta di essere retribuiti alla stregua dei poliziotti, dei carabinieri, dei finanzieri. Non siamo certo inferiori. Anzi, il vigile del fuoco vale molto di più. Perché lui deve guadagnare in media 1.200-1.300 euro al mese e un poliziotto 1.500-1.550?

E come farete ad essere accontentati?
Ci vuole una nuova “legge delega” sul riordino del Corpo dei Vigili del Fuoco. Questa che ha finito il suo iter, in fondo, era ereditata dal Governo precedente. Non possiamo aspettare altri vent’anni. È un dato politico, questo. Se il governo vuole risolvere davvero il problema, deve mettere in campo almeno 100 milioni di euro, non 16 come questa volta. Se poi la somma fosse pari ai due terzi, o alla metà, e diluita in un paio d’anni, sarebbe comunque la traccia forte di un percorso che i due vicepremier, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, hanno del resto già annunciato.

Ultime notizie
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone
Criminalità e contrasto

Mafie e droga in Belgio ed Olanda

Criminalità organizzata, traffico internazionale di sostanze stupefacenti e organizzazioni mafiose in Belgio e in Olanda. Dopo avere trattato il fenomeno del riciclaggio di denaro sporco in Germania, Vincenzo Macrì spiega che anche in questi paesi esistono queste realtà.
di Vincenzo Macrì
Attualità

Nel post Covid-19, torneremo a respirare senza paura

Con la ripresa della vita sociale, torniamo ad assaporare la vita, ma lentamente. Perché sentiamo incombente la minaccia del Covid-19. Ci vorranno tempo e fatica per sconfiggere il virus, uno sforzo ancora maggiore per vincere timori e angosce.
di Angelo Perrone
Attualità

50 anni dallo Statuto dei lavoratori

Il 20 maggio di 50 anni fa nasceva lo Statuto dei Lavoratori. La crisi che stiamo vivendo porta con sé il rischio di un impatto enorme sul nostro sistema industriale; la vertigine delle trasformazioni sta modificando i canoni del capitalismo.
di Massimiliano Cannata
Società

Un superiore in grado

«Il Sistema è prigioniero di se stesso, della iperproduzione di regole e di norme così numerose e spesso in contrasto tra di...
di Gian Maria Fara
Attualità

Coronavirus, i “taxi della bontà” consegnano buoni spesa alle famiglie in difficoltà

A Firenze, i “taxi della bontà” con a bordo 10 volontari si sono dati appuntamento a piazza della Signoria per attraversare la città e consegnare venticinque buoni spesa ad altrettanti nuclei familiari, individuati dai servizi sociali del Comune.
di Massimiliano Cannata