Sicurezza

Vigili del fuoco delusi: “Il governo trovi 100 milioni”

4134

I Vigili del Fuoco restano sotto organico e sottopagati. Il decreto attuativo della “legge delega” sul Corpo, approvato giovedì scorso dal Governo, non ha toccato questi due gravi problemi; e dunque la battaglia per essere riconosciuti alle stregua delle altre Forze dell’ordine continua, sostenuta anche dall’Eurispes, che ha preso posizione attraverso il generale Tullio Del Sette, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza dell’Istituto, e dall’86 per cento degli italiani, che apprezzano oltremodo i pompieri, secondo il Rapporto Italia 2018.
«Non si può fare il riordino del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco mettendo sul tavolo appena 16 milioni di euro: ce ne vogliono almeno 100», commenta Pompeo Mannone, Segretario Generale della Fns, la Federazione nazionale sicurezza della Cisl, il più importante sindacato di categoria. Ma la speranza non è persa: «Sia Salvini che Di Maio avevano riconosciuto che siamo pochi e che guadagniamo poco. Ci vuole una nuova legge delega».

Il provvedimento del Governo è da respingere in toto?
Questo no, ci sono anche alcuni aspetti positivi. Certamente il provvedimento è migliore del precedente che risale al 2005. Ma si poteva fare molto di più se avessero seguito le indicazioni fornite dal mio Sindacato sia durante il confronto con l’Amministrazione sia nelle audizioni fatte presso le Commissioni Affari Costituzionali. Positivo, in ogni caso, che sia stato ridotto il numero delle qualifiche: fino ad oggi erano quattro, adesso sono tre, e dunque la carriera diventa più rapida e si diventa Vigile coordinatore in 12 anni. Poi un’altra novità apprezzabile: da Capo squadra a Capo reparto prima si passava per concorso, adesso invece c’è il ruolo aperto: significa che, dopo dieci anni di anzianità da Capo squadra, puoi diventarlo senza concorso. Intendiamoci, stiamo parlando di persone che hanno oltre 25 anni di anzianità sulle spalle, e che adesso avranno anche una stabilità territoriale.

Che con il concorso non veniva garantita?
No, oltre a doverlo affrontare, e vincerlo, erano costretti a prendere servizio nella nuova qualifica di Capo reparto anche a distanze di centinaia di chilometri. Nel caso poi dei Capo squadra, molti Comandi del Nord ne sono sprovvisti ed alcuni sono coperti dai non residenti, con tutti i prevedibili disagi degli interessati e gli effetti sul servizio: Milano, ad esempio, è piena di campani e di sardi, perché i Vigili coordinatori locali sono tutti giovani. Un altro aspetto che apprezziamo, e che interessa circa 300 persone nel caso degli operativi, è l’aver creato un ruolo direttivo speciale ad esaurimento che riconosce il valore di personale di concetto, che per molti anni ha coordinato teatri operativi complessi e operato sulla prevenzione degli incendi, ed ora vengono equiparati al personale laureato.

Lei aveva poi lamentato il basso numero dei Capo squadra. Il Governo ha risolto il problema?
In questo caso l’intervento c’è stato, ma del tutto insufficiente. I Capo squadra hanno un ruolo strategico, di coordinamento delle operazioni, i Vigili si affidano totalmente a loro. Sono 7mila in tutto, e quanto si decidono misure per aumentare l’organico dei Vigili del Fuoco, ci si dimentica regolarmente di aumentare in rapporto percentuale i Capo squadra. Ne hanno previsti altri 500, ma ce ne vogliono almeno il doppio per garantire l’attività. Sì: almeno mille.

Sugli organici, il piatto piange. Quante nuove assunzioni ci vorrebbero?
Sono soltanto 30mila, i Vigili del Fuoco effettivi, “sul campo”. Ce ne vorrebbero altri 15 o 20mila per decentrare il servizio e renderlo efficace facendo in modo che si arrivi in modo rapido sul luogo dell’evento. Il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha annunciato, del resto, assunzioni straordinarie e ci aspettiamo che queste figurino nella legge di bilancio che vedrà la luce a fine mese. E poi rimane la nostra richiesta sacrosanta di essere retribuiti alla stregua dei poliziotti, dei carabinieri, dei finanzieri. Non siamo certo inferiori. Anzi, il vigile del fuoco vale molto di più. Perché lui deve guadagnare in media 1.200-1.300 euro al mese e un poliziotto 1.500-1.550?

E come farete ad essere accontentati?
Ci vuole una nuova “legge delega” sul riordino del Corpo dei Vigili del Fuoco. Questa che ha finito il suo iter, in fondo, era ereditata dal Governo precedente. Non possiamo aspettare altri vent’anni. È un dato politico, questo. Se il governo vuole risolvere davvero il problema, deve mettere in campo almeno 100 milioni di euro, non 16 come questa volta. Se poi la somma fosse pari ai due terzi, o alla metà, e diluita in un paio d’anni, sarebbe comunque la traccia forte di un percorso che i due vicepremier, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, hanno del resto già annunciato.

Ultime notizie
Giustizia

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo