Vigili del fuoco delusi: “Il governo trovi 100 milioni”

I Vigili del Fuoco restano sotto organico e sottopagati. Il decreto attuativo della “legge delega” sul Corpo, approvato giovedì scorso dal Governo, non ha toccato questi due gravi problemi; e dunque la battaglia per essere riconosciuti alle stregua delle altre Forze dell’ordine continua, sostenuta anche dall’Eurispes, che ha preso posizione attraverso il generale Tullio Del Sette, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza dell’Istituto, e dall’86 per cento degli italiani, che apprezzano oltremodo i pompieri, secondo il Rapporto Italia 2018.
«Non si può fare il riordino del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco mettendo sul tavolo appena 16 milioni di euro: ce ne vogliono almeno 100», commenta Pompeo Mannone, Segretario Generale della Fns, la Federazione nazionale sicurezza della Cisl, il più importante sindacato di categoria. Ma la speranza non è persa: «Sia Salvini che Di Maio avevano riconosciuto che siamo pochi e che guadagniamo poco. Ci vuole una nuova legge delega».

Il provvedimento del Governo è da respingere in toto?
Questo no, ci sono anche alcuni aspetti positivi. Certamente il provvedimento è migliore del precedente che risale al 2005. Ma si poteva fare molto di più se avessero seguito le indicazioni fornite dal mio Sindacato sia durante il confronto con l’Amministrazione sia nelle audizioni fatte presso le Commissioni Affari Costituzionali. Positivo, in ogni caso, che sia stato ridotto il numero delle qualifiche: fino ad oggi erano quattro, adesso sono tre, e dunque la carriera diventa più rapida e si diventa Vigile coordinatore in 12 anni. Poi un’altra novità apprezzabile: da Capo squadra a Capo reparto prima si passava per concorso, adesso invece c’è il ruolo aperto: significa che, dopo dieci anni di anzianità da Capo squadra, puoi diventarlo senza concorso. Intendiamoci, stiamo parlando di persone che hanno oltre 25 anni di anzianità sulle spalle, e che adesso avranno anche una stabilità territoriale.

Che con il concorso non veniva garantita?
No, oltre a doverlo affrontare, e vincerlo, erano costretti a prendere servizio nella nuova qualifica di Capo reparto anche a distanze di centinaia di chilometri. Nel caso poi dei Capo squadra, molti Comandi del Nord ne sono sprovvisti ed alcuni sono coperti dai non residenti, con tutti i prevedibili disagi degli interessati e gli effetti sul servizio: Milano, ad esempio, è piena di campani e di sardi, perché i Vigili coordinatori locali sono tutti giovani. Un altro aspetto che apprezziamo, e che interessa circa 300 persone nel caso degli operativi, è l’aver creato un ruolo direttivo speciale ad esaurimento che riconosce il valore di personale di concetto, che per molti anni ha coordinato teatri operativi complessi e operato sulla prevenzione degli incendi, ed ora vengono equiparati al personale laureato.

Lei aveva poi lamentato il basso numero dei Capo squadra. Il Governo ha risolto il problema?
In questo caso l’intervento c’è stato, ma del tutto insufficiente. I Capo squadra hanno un ruolo strategico, di coordinamento delle operazioni, i Vigili si affidano totalmente a loro. Sono 7mila in tutto, e quanto si decidono misure per aumentare l’organico dei Vigili del Fuoco, ci si dimentica regolarmente di aumentare in rapporto percentuale i Capo squadra. Ne hanno previsti altri 500, ma ce ne vogliono almeno il doppio per garantire l’attività. Sì: almeno mille.

Sugli organici, il piatto piange. Quante nuove assunzioni ci vorrebbero?
Sono soltanto 30mila, i Vigili del Fuoco effettivi, “sul campo”. Ce ne vorrebbero altri 15 o 20mila per decentrare il servizio e renderlo efficace facendo in modo che si arrivi in modo rapido sul luogo dell’evento. Il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha annunciato, del resto, assunzioni straordinarie e ci aspettiamo che queste figurino nella legge di bilancio che vedrà la luce a fine mese. E poi rimane la nostra richiesta sacrosanta di essere retribuiti alla stregua dei poliziotti, dei carabinieri, dei finanzieri. Non siamo certo inferiori. Anzi, il vigile del fuoco vale molto di più. Perché lui deve guadagnare in media 1.200-1.300 euro al mese e un poliziotto 1.500-1.550?

E come farete ad essere accontentati?
Ci vuole una nuova “legge delega” sul riordino del Corpo dei Vigili del Fuoco. Questa che ha finito il suo iter, in fondo, era ereditata dal Governo precedente. Non possiamo aspettare altri vent’anni. È un dato politico, questo. Se il governo vuole risolvere davvero il problema, deve mettere in campo almeno 100 milioni di euro, non 16 come questa volta. Se poi la somma fosse pari ai due terzi, o alla metà, e diluita in un paio d’anni, sarebbe comunque la traccia forte di un percorso che i due vicepremier, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, hanno del resto già annunciato.

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione