A me lo scontrino, please

 

 

È un classico scordarsi di chiedere lo scontrino e poi indignarsi nei confronti di chi non te lo rilascia.

Forse per questo l’evasione fiscale sembra un mostro invincibile, come l’Idra dalle sette teste.

È non solo per combattere i furbetti dello scontrino che nasce una “Lotteria” – come quella di Capodanno – accompagnata, per le Feste, da un incentivo ad usare le carte di credito.

Quest’ultimo si chiama cashback – ormai è sulla bocca di tutti – e prevede un rimborso di tot. euro a fronte di un acquisto con carta, di altri tot. euro.

Un meccanismo complesso per quelli che non sono nativi digitali.

Ma ce la possiamo fare muniti di APP e di SPID, anche queste parole non proprio di uso comune.

Mentre scriviamo non ci risulta che siano milioni coloro che hanno aderito alla novità strutturale introdotta dal Governo e che prevede un ristoro, a fine anno, sul conto corrente del 10% delle spese effettuate con il denaro di plastica.

Ad ogni buon conto, e per rimanere all’oggi, il caskback natalizio è previsto fino al termine di questo orribile 2020.

Poi si vedrà. Da gennaio 2021 arriverà un super-cashback con premi semestrali da 1.500 euro per i migliori 100mila utilizzatori della moneta elettronica, in sostanza tutta gente che se lo può permettere.

Ma torniamo agli scontrini.

Non dovrà, dunque, essere più una lotteria farseli dare perché possono nascondere un premio contante e non gettoni d’oro da cambiare.

Va riconosciuto che l’idea è buona e stuzzicante, e che potrebbe trovare anche future applicazioni che ci permettiamo di suggerire.

Se anche le parcelle di alcune categorie di professionisti riportassero un numerino magico, come gli scontrini, e prevedessero ricchi premi e cotillons, forse potremmo evitare una orribile sceneggiata.

Quella di sentirsi chiedere sottovoce prima di pagare: “con o senza fattura”?

Ultime notizie
Attualità

Può esistere una società dopo il Covid?

Le nostre abitudini sono state stravolte. Non è bastato. Ci ha turbato il senso di confusione provocato dal continuo mutamento delle regole....
di Angelo Perrone *
Ambiente

Energy sharing, verso la creazione di comunità energetiche

Le rinnovabili in Italia In Italia continua a crescere l’impiego delle fonti energetiche rinnovabili (FER): in questo senso, per consumi totali il nostro...
di redazione
Innovazione

Le innovazioni scientifiche e tecnologiche nella lotta al Covid

Il mondo è ancora immerso nel caos provocato dalla diffusione del Covid-19 e molte rimangono le incertezze riguardanti le conseguenze e le...
di Silvia Muscas
Economia

Mercato del lavoro, non solo Covid. La crisi è strutturale

Il XXII Rapporto del CNEL sul mercato del lavoro e della contrattazione collettiva, mette in luce alcune problematiche non originate dal Covid-19 ma da una persistente fragilità del Paese.
di Marco Omizzolo*
Opinioni e commenti

La politica della ignoranza

Prima del tragico assalto a Capitol Hill, il 6 gennaio, il presidente Joe Biden aveva scritto: «L’America è tornata ed è pronta a...
di Luciano Maria Teodori
Recensioni

Ezio Cesarini. Italiano, antifascista, giornalista

Ezio Cesarini – Italiano Antifascista Giornalista è il titolo dell’ultimo libro di Claudio Santini (Minerva Edizioni), che ripercorre, in poco più di...
di Ilaria Tirelli
Cultura

Il mondo del libro regge all’onda d’urto della pandemia

Il mondo del libro regge nell’anno più buio per molti settori chiave dell’economia. Dopo un anno passato per lo più tra le...
di Roberta Rega
Video

La città del quarto d’ora

  La città del quarto d’ora, come tante promesse elettorali, poteva rimanere in un cassetto, ma la Sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, vuole...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Cittadelle mummificate

Rimanere ancorati a modelli economici formalmente perfetti serve solo a salvaguardare le cittadelle mummificate dei soloni dell'economia ufficiale e a tutelare il diritto dinastico all’interno di corporazioni alla deriva in un mondo che non solo esse non riescono a interpretare, ma neanche a comprendere nelle sue strutture più elementari.
di Gian Maria Fara
Criminalità e contrasto

Traffico di farmaci: la frontiera in una fiala

Dopo armi e droga, i farmaci sono uno dei traffici illegali più redditizi. Non a caso la criminalità organizzata opera da tempo in questo settore con una capacità di penetrazione che tocca tutti i livelli del sistema.
di Sergio Nazzaro