A me lo scontrino, please

 

 

È un classico scordarsi di chiedere lo scontrino e poi indignarsi nei confronti di chi non te lo rilascia.

Forse per questo l’evasione fiscale sembra un mostro invincibile, come l’Idra dalle sette teste.

È non solo per combattere i furbetti dello scontrino che nasce una “Lotteria” – come quella di Capodanno – accompagnata, per le Feste, da un incentivo ad usare le carte di credito.

Quest’ultimo si chiama cashback – ormai è sulla bocca di tutti – e prevede un rimborso di tot. euro a fronte di un acquisto con carta, di altri tot. euro.

Un meccanismo complesso per quelli che non sono nativi digitali.

Ma ce la possiamo fare muniti di APP e di SPID, anche queste parole non proprio di uso comune.

Mentre scriviamo non ci risulta che siano milioni coloro che hanno aderito alla novità strutturale introdotta dal Governo e che prevede un ristoro, a fine anno, sul conto corrente del 10% delle spese effettuate con il denaro di plastica.

Ad ogni buon conto, e per rimanere all’oggi, il caskback natalizio è previsto fino al termine di questo orribile 2020.

Poi si vedrà. Da gennaio 2021 arriverà un super-cashback con premi semestrali da 1.500 euro per i migliori 100mila utilizzatori della moneta elettronica, in sostanza tutta gente che se lo può permettere.

Ma torniamo agli scontrini.

Non dovrà, dunque, essere più una lotteria farseli dare perché possono nascondere un premio contante e non gettoni d’oro da cambiare.

Va riconosciuto che l’idea è buona e stuzzicante, e che potrebbe trovare anche future applicazioni che ci permettiamo di suggerire.

Se anche le parcelle di alcune categorie di professionisti riportassero un numerino magico, come gli scontrini, e prevedessero ricchi premi e cotillons, forse potremmo evitare una orribile sceneggiata.

Quella di sentirsi chiedere sottovoce prima di pagare: “con o senza fattura”?

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione