A me lo scontrino, please

 

 

È un classico scordarsi di chiedere lo scontrino e poi indignarsi nei confronti di chi non te lo rilascia.

Forse per questo l’evasione fiscale sembra un mostro invincibile, come l’Idra dalle sette teste.

È non solo per combattere i furbetti dello scontrino che nasce una “Lotteria” – come quella di Capodanno – accompagnata, per le Feste, da un incentivo ad usare le carte di credito.

Quest’ultimo si chiama cashback – ormai è sulla bocca di tutti – e prevede un rimborso di tot. euro a fronte di un acquisto con carta, di altri tot. euro.

Un meccanismo complesso per quelli che non sono nativi digitali.

Ma ce la possiamo fare muniti di APP e di SPID, anche queste parole non proprio di uso comune.

Mentre scriviamo non ci risulta che siano milioni coloro che hanno aderito alla novità strutturale introdotta dal Governo e che prevede un ristoro, a fine anno, sul conto corrente del 10% delle spese effettuate con il denaro di plastica.

Ad ogni buon conto, e per rimanere all’oggi, il caskback natalizio è previsto fino al termine di questo orribile 2020.

Poi si vedrà. Da gennaio 2021 arriverà un super-cashback con premi semestrali da 1.500 euro per i migliori 100mila utilizzatori della moneta elettronica, in sostanza tutta gente che se lo può permettere.

Ma torniamo agli scontrini.

Non dovrà, dunque, essere più una lotteria farseli dare perché possono nascondere un premio contante e non gettoni d’oro da cambiare.

Va riconosciuto che l’idea è buona e stuzzicante, e che potrebbe trovare anche future applicazioni che ci permettiamo di suggerire.

Se anche le parcelle di alcune categorie di professionisti riportassero un numerino magico, come gli scontrini, e prevedessero ricchi premi e cotillons, forse potremmo evitare una orribile sceneggiata.

Quella di sentirsi chiedere sottovoce prima di pagare: “con o senza fattura”?

Ultime notizie
Cosa vuol dire Mafia?

Amministrare la legalità: il difficile mestiere del Sindaco

Renato Natale, Sindaco di Casal di Principe, ci spiega la quotidianità dell’Amministrare un Comune come quello di Casal di Principe, un luogo di rinascita e di riscatto.
di Sergio Nazzaro
Metafore per l'Italia

Era il 1998*

Il Sud: metafora dell’incompiutezza L’insofferenza del Nord-Est e la sofferenza del Meridione rappresentano i poli di una tra le più profonde e antiche...
di Gian Maria Fara
Senza categoria

It was 1998

The South: a metaphor for incompleteness The intolerance of the North-East and the South's suffering represent the two sides of one of Italy's...
di Gian Maria Fara*
tigrai
Attualità

Il conflitto del Tigrai: una guerra civile e regionale che rischia di estendersi

Secondo Addis Abeba quella in corso in Tigrai non sarebbe neanche una guerra. Si tratterebbe “solo” di un’operazione interna di ordine pubblico. In realtà si tratta di una guerra insieme civile e regionale, che rischia di minacciare gli equilibri dell'intera regione.
di Marco Omizzolo*
tigrai
europa
Europa

Una Conferenza per il futuro dell’Europa

I presidenti del Parlamento Europeo, del Consiglio e della Commissione hanno annunciato l’intenzione di convocare una conferenza per raccogliere pareri e proposte dei cittadini e, in particolare, dei giovani, su come “plasmare il futuro del progetto europeo”.
di *Roberto Nigido
europa
leadership
Intervista

La funzione collettiva della leadership. Videointervista al Generale Fernando Giancotti, Presidente del CASD

La leadership è una funzione dell’azione collettiva, che la orienta sugli scopi comuni; quando essa si interfaccia con problemi e con sistemi molto complessi e rapidamente mutanti, deve avere una capacità di visione strategica, secondo il Generale di Squadra Aerea Fernando Giancotti, intervistato da Emilio Albertario
di emilio albertario
leadership
Internazionale

The Tigray conflict: a civil and regional war that risks spreading

According to Addis Ababa Government, the ongoing war in Tigray is not even a war.  Instead, it is an internal operation of public order to bring to justice the Popular Liberation Front leaders (PLF), which has apparently put itself outside the constitution, threatening the Ethiopian nation’s very integrity.  
di Marco Omizzolo*
Internazionale

Administering legality: the challenging job of a Mayor

Renato Natale, Mayor of Casal di Principe, explains the daily routine of managing a municipality like that of Casal di Principe, a place of rebirth and redemption.
di Sergio Nazzaro
criminale
Criminalità e contrasto

Petrol-mafie, la crisi globale non ferma le infiltrazioni criminali nell’economia legale

Le organizzazioni criminali approfittano della crisi per infiltrarsi nella economia legale: è quanto attestato anche dalla recente operazione Petrol-mafie condotta dalla Guardia di Finanza, che ha portato a 71 misure cautelari per i reati di frode fiscale e riciclaggio e al sequestro di beni per milioni di euro.
di redazione
criminale
foto
Attualità

Perché facciamo così tante foto?

Siamo tutti fotografi e inondiamo il mondo di immagini, in una sfida perenne con la parola. Perché facciamo così tante foto? Non solo perché abbiamo sempre a portata di mano gli smartphone, ma è anche perché siamo alla ricerca dell’attimo perfetto, dell’istante da immortalare e da condividere, per affidare poi tale narrazione al web.
di Alfonso Lo Sardo
foto