Immigrazione

Abuso sessuale e sfruttamento del lavoro. Ecco cos’è il reato di “tratta”

269

A febbraio del 2019, su delega della Direzione distrettuale antimafia, la polizia di Catania ha eseguito un’ordinanza di misura cautelare nei confronti di cinque persone ritenute responsabili dei reati di tratta di persone pluriaggravata. Le aggravanti sono la transnazionalità del reato, l’aver agito in danno di minori ed esposto le persone offese a un grave pericolo per la vita e l’integrità fisica facendo loro attraversare il continente di origine sotto il controllo di criminali che le sottoponevano a privazioni di ogni genere e a diverse forme di violenza.
Per approfondire, sia pure in sintesi, le caratteristiche prevalenti della tratta internazionale a scopo di sfruttamento lavorativo e sessuale, è utile partire dal Protocollo di Palermo del 2000, strumento di fondamentale importanza per conoscere in modo corretto il tema, il quale definisce la tratta di persone, all’art. 3, paragrafo a, un fenomeno caratterizzato da tre elementi distinti ma interconnessi. Il primo riguarda il reclutamento, il trasporto, il trasferimento, l’ospitare o accogliere persone.
Il secondo, invece, l’impiego o la minaccia di impiego della forza o di altre forme di coercizione, di rapimento, frode, inganno, abuso di potere o di una posizione di vulnerabilità o tramite il dare e il ricevere somme di denaro o vantaggi per ottenere il consenso di una persona che ha autorità su un’altra a scopo di sfruttamento. Il terzo, infine, riguarda lo scopo di dette attività e cioè lo sfruttamento della prostituzione altrui o altre forme di sfruttamento sessuale, il lavoro forzato o prestazioni forzate, schiavitù o pratiche analoghe, l’asservimento o il prelievo di organi.
La definizione del Protocollo, sebbene chiara in prima lettura, solleva alcune questioni fondamentali. In primis, in relazione all’elemento del movimento. Nella Convenzione, infatti, si distingue fra la tratta degli esseri umani e il traffico di migranti. È bene precisare che lo scopo del traffico di migranti è l’attraversamento illegale delle frontiere, mentre l’obiettivo della tratta è lo sfruttamento della persona trafficata. In altre parole, il traffico di migranti riguarda soprattutto la protezione degli Stati contro la migrazione irregolare, mentre la tratta interessa, in prima istanza, la protezione specifica della persona da fenomeni di sfruttamento e di abuso.

Un criterio di distinzione, quindi, fra il traffico di migranti e la tratta, è l’esistenza di una vittima, cioè di una persona i cui diritti individuali non sono stati rispettati. Tuttavia, accade sovente, nella pratica, che le persone in condizione di clandestinità generata dal traffico di migranti diventino anche vittime di violazioni di diritti umani. Si può inoltre entrare in un paese legalmente ed essere trafficate in una fase successiva. Concentrarsi sugli elementi legati allo spostamento risulta problematico anche nell’affrontare le dimensioni del lavoro forzato o delle pratiche paraschiavistiche connesse alla tratta. Alcune ricerche dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) hanno indagato le ragioni che spingono i migranti in situazioni di lavoro forzato e non in tutti i casi le vittime sono state trafficate, come concepito tradizionalmente. In alcuni casi, i migranti sono entrati nel paese di destinazione attraverso altri mezzi e, solo in seguito, sono finiti in situazioni di lavoro forzato o coinvolti in pratiche paraschiavistiche.
Il secondo elemento costitutivo del reato di tratta è la presenza di coercizione, inganno, abuso di potere o qualunque altra sua forma. La coercizione, tranne che nel caso di tratta di minori, indica che il risultato dello sfruttamento deve configurarsi come lavoro o prestazioni forzate, compresi i servizi sessuali forzati, la schiavitù o condizioni analoghe alla schiavitù. In genere, si ritiene che la caratteristica fondamentale della schiavitù sia quella di privare una persona della sua libertà di movimento e della capacità di prendere le decisioni per sé. Ciò significa che la schiavitù, le condizioni analoghe alla schiavitù e il lavoro forzato includono la mancanza del consenso. Ne deriva che, nei casi in cui i lavoratori acconsentono a quello che nella realtà è lavoro forzato o pratiche paraschiavistiche, si potrebbe pensare che essi non siano stati trafficati. In realtà, si deve considerare che, in primo luogo, una decisione libera quale un consenso liberamente fornito implica anche la possibilità di non dare il consenso o, più precisamente, di rifiutare del tutto l’azione specifica che la vittima dovrebbe realizzare o che dovrebbe tollerare. Stabilire se una decisione è stata presa liberamente è possibile solo verificando ogni singolo atto che l’individuo compie e questo è in sé assai complicato. Secondariamente, il consenso della vittima deve essere dato riguardo a tutte le circostanze relative ad ogni singolo atto. Il consenso reale è possibile e riconoscibile legalmente quando tutti i fattori pertinenti sono conosciuti e una persona è libera di acconsentirvi oppure no.

Un altro aspetto di fondamentale importanza e che è utile chiarire allo scopo di non replicare diffusi stereotipi, riguarda il superamento della falsa distinzione tra “vittime innocenti” e “vittime colpevoli”. Questa distinzione presuppone che queste ultime non siano meritevoli di protezione contro il lavoro forzato, la schiavitù o condizioni analoghe, visto che gli abusi a cui sono sottoposte sono ritenute essere una conseguenza di una loro presunta colpa.
Secondo questo approccio le vittime “innocenti” sono quelle capaci di provare di essere state forzate a diventare prostitute, le vittime “colpevoli”, al contrario, sono coloro che erano già coinvolte nella prostituzione prima di essere trafficate, supponendo che esse sarebbero o sono consenzienti a svolgere questa attività anche in condizioni non coercitive.
La conseguenza diretta di questa distinzione è che, in molti casi, anziché perseguire il responsabile, è la vittima che deve provare la sua “innocenza”, con un pericoloso spostamento di attenzione dagli atti del trafficante alla moralità della vittima. Nella pratica tutto ciò costituisce un grave ostacolo per la donna trafficata nel mercato del sesso rispetto alla decisione di denunciare o di agire in qualità di testimone. Un’ulteriore conseguenza è che molti casi di tratta nei quali sono coinvolte prostitute non vengono perseguiti perché gli abusi subiti sono considerati conseguenze della volontà di essere una prostituta. Si tratta di una contorsione concettuale che trasforma la vittima in soggetto consenziente e dunque favorevole alle condizioni di sfruttamento e violenza praticate. Questa distinzione impedisce anche il contrasto al lavoro forzato e alle situazioni paraschiavistiche nell’ambito del mercato del sesso.

Ultime notizie
Giustizia

Salvini e i casi Gregoretti e Diciotti: due vicende a confronto

L’ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, il 17 febbraio tornerà davanti all’assemblea del Senato che dovrà decidere se autorizzare o meno il giudizio...
di Vincenzo Macrì
Animali

Incendi in Australia, tra climate change e fake news. Quanto ne sappiamo?

Roghi in Australia: oltre un miliardo gli animali morti, tra gli 8 e i 10 milioni gli ettari bruciati. Ma quanto ne sappiamo di ciò che è accaduto?
di Noemi Nicoletti
International

Usa e Cina, il voto di Taiwan vara la linea “sovranista”

Lo scorso 11 gennaio a Taiwan sono stati eletti il Presidente e il Parlamento per i prossimi quattro anni. La netta vittoria di Tsai ha evidenziato la forte volontà degli elettori taiwanesi di confermare la linea della fermezza nei confronti della Cina.
di Raffaele Cazzola Hofmann
Informazione

L’Italia più autentica è quella dell’altruismo. Mattarella richiama alla responsabilità

Speranza, fiducia, responsabilità, dialogo: questi i termini più ricorrenti con cui il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, si è rivolto agli italiani per aprire il nuovo anno. Un richiamo alla responsabilità e al valore della cultura.
di Massimiliano Cannata
Luciano Maria Teodori

Iran-Usa, i sogni muoiono all’alba

Due droni, a Baghdad, compiono la missione di uccidere il generale Soleimani. La tragedia irachena continua, insieme al coinvolgimento sempre più forte dell'Iran....
di Luciano Maria Teodori
Attualità

Iran Usa, guerra per la primazia geoeconomica sull’Iraq. Medio Oriente bollente

L’escalation della tensione in Medio Oriente ha toccato uno dei livelli più allarmanti degli ultimi anni con l’uccisione del generale iraniano Qassem Suleimani. Chi era il generale ucciso e quali sono le strategie.
di Antonio De Chiara
Giustizia

Salvini e i casi Gregoretti e Diciotti, vicende a confronto

Il 17 febbraio l’ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, tornerà davanti all’assemblea del Senato che dovrà decidere se autorizzare o meno il giudizio...
di Vincenzo Macrì
Giustizia

Canapa per uso personale, la sentenza sulla “legittima coltivazione”. Il ribaltone

Chi coltiva la cannabis in àmbito domestico e per impiego individuale non è perseguibile penalmente. Lo scorso 19 dicembre la Corte di Cassazione a Sezioni unite penali ha emesso una sentenza destinata a suscitare forti reazioni contrapposte ma anche a rompere consolidati tabù.
di Vincenzo Macrì
Europa

Europa e sicurezza, i nuovi equilibri geopolitici impongono un nuovo ruolo

I nuovi equilibi geopolitici de pianeta impongono che l’Europa recuperi in fretta un’iniziativa politica forte e un’identità perduta. Questo il messaggio che arriva dal saggio La difesa dell’Europa di Pasquale Preziosa e Dario Velo.
di Massimiliano Cannata
Informazione

La democrazia non esiste. Odifreddi: “M5S eversivo, la Costituzione è superata”

La democrazia è un'illusione e il populismo ne è la conseguenza. E il più eversivo è quello dei 5 Stelle perché non si sa chi lo comanda. I rimedi: riformare la Costituzione e il sistema dei media, che ha perso equidistanza e funzione. Intervista a Piergiorgio Odifreddi
di Alfonso Lo Sardo