Abuso sessuale e sfruttamento del lavoro. Ecco cos’è il reato di “tratta”

A febbraio del 2019, su delega della Direzione distrettuale antimafia, la polizia di Catania ha eseguito un’ordinanza di misura cautelare nei confronti di cinque persone ritenute responsabili dei reati di tratta di persone pluriaggravata. Le aggravanti sono la transnazionalità del reato, l’aver agito in danno di minori ed esposto le persone offese a un grave pericolo per la vita e l’integrità fisica facendo loro attraversare il continente di origine sotto il controllo di criminali che le sottoponevano a privazioni di ogni genere e a diverse forme di violenza.
Per approfondire, sia pure in sintesi, le caratteristiche prevalenti della tratta internazionale a scopo di sfruttamento lavorativo e sessuale, è utile partire dal Protocollo di Palermo del 2000, strumento di fondamentale importanza per conoscere in modo corretto il tema, il quale definisce la tratta di persone, all’art. 3, paragrafo a, un fenomeno caratterizzato da tre elementi distinti ma interconnessi. Il primo riguarda il reclutamento, il trasporto, il trasferimento, l’ospitare o accogliere persone.
Il secondo, invece, l’impiego o la minaccia di impiego della forza o di altre forme di coercizione, di rapimento, frode, inganno, abuso di potere o di una posizione di vulnerabilità o tramite il dare e il ricevere somme di denaro o vantaggi per ottenere il consenso di una persona che ha autorità su un’altra a scopo di sfruttamento. Il terzo, infine, riguarda lo scopo di dette attività e cioè lo sfruttamento della prostituzione altrui o altre forme di sfruttamento sessuale, il lavoro forzato o prestazioni forzate, schiavitù o pratiche analoghe, l’asservimento o il prelievo di organi.
La definizione del Protocollo, sebbene chiara in prima lettura, solleva alcune questioni fondamentali. In primis, in relazione all’elemento del movimento. Nella Convenzione, infatti, si distingue fra la tratta degli esseri umani e il traffico di migranti. È bene precisare che lo scopo del traffico di migranti è l’attraversamento illegale delle frontiere, mentre l’obiettivo della tratta è lo sfruttamento della persona trafficata. In altre parole, il traffico di migranti riguarda soprattutto la protezione degli Stati contro la migrazione irregolare, mentre la tratta interessa, in prima istanza, la protezione specifica della persona da fenomeni di sfruttamento e di abuso.

Un criterio di distinzione, quindi, fra il traffico di migranti e la tratta, è l’esistenza di una vittima, cioè di una persona i cui diritti individuali non sono stati rispettati. Tuttavia, accade sovente, nella pratica, che le persone in condizione di clandestinità generata dal traffico di migranti diventino anche vittime di violazioni di diritti umani. Si può inoltre entrare in un paese legalmente ed essere trafficate in una fase successiva. Concentrarsi sugli elementi legati allo spostamento risulta problematico anche nell’affrontare le dimensioni del lavoro forzato o delle pratiche paraschiavistiche connesse alla tratta. Alcune ricerche dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) hanno indagato le ragioni che spingono i migranti in situazioni di lavoro forzato e non in tutti i casi le vittime sono state trafficate, come concepito tradizionalmente. In alcuni casi, i migranti sono entrati nel paese di destinazione attraverso altri mezzi e, solo in seguito, sono finiti in situazioni di lavoro forzato o coinvolti in pratiche paraschiavistiche.
Il secondo elemento costitutivo del reato di tratta è la presenza di coercizione, inganno, abuso di potere o qualunque altra sua forma. La coercizione, tranne che nel caso di tratta di minori, indica che il risultato dello sfruttamento deve configurarsi come lavoro o prestazioni forzate, compresi i servizi sessuali forzati, la schiavitù o condizioni analoghe alla schiavitù. In genere, si ritiene che la caratteristica fondamentale della schiavitù sia quella di privare una persona della sua libertà di movimento e della capacità di prendere le decisioni per sé. Ciò significa che la schiavitù, le condizioni analoghe alla schiavitù e il lavoro forzato includono la mancanza del consenso. Ne deriva che, nei casi in cui i lavoratori acconsentono a quello che nella realtà è lavoro forzato o pratiche paraschiavistiche, si potrebbe pensare che essi non siano stati trafficati. In realtà, si deve considerare che, in primo luogo, una decisione libera quale un consenso liberamente fornito implica anche la possibilità di non dare il consenso o, più precisamente, di rifiutare del tutto l’azione specifica che la vittima dovrebbe realizzare o che dovrebbe tollerare. Stabilire se una decisione è stata presa liberamente è possibile solo verificando ogni singolo atto che l’individuo compie e questo è in sé assai complicato. Secondariamente, il consenso della vittima deve essere dato riguardo a tutte le circostanze relative ad ogni singolo atto. Il consenso reale è possibile e riconoscibile legalmente quando tutti i fattori pertinenti sono conosciuti e una persona è libera di acconsentirvi oppure no.

Un altro aspetto di fondamentale importanza e che è utile chiarire allo scopo di non replicare diffusi stereotipi, riguarda il superamento della falsa distinzione tra “vittime innocenti” e “vittime colpevoli”. Questa distinzione presuppone che queste ultime non siano meritevoli di protezione contro il lavoro forzato, la schiavitù o condizioni analoghe, visto che gli abusi a cui sono sottoposte sono ritenute essere una conseguenza di una loro presunta colpa.
Secondo questo approccio le vittime “innocenti” sono quelle capaci di provare di essere state forzate a diventare prostitute, le vittime “colpevoli”, al contrario, sono coloro che erano già coinvolte nella prostituzione prima di essere trafficate, supponendo che esse sarebbero o sono consenzienti a svolgere questa attività anche in condizioni non coercitive.
La conseguenza diretta di questa distinzione è che, in molti casi, anziché perseguire il responsabile, è la vittima che deve provare la sua “innocenza”, con un pericoloso spostamento di attenzione dagli atti del trafficante alla moralità della vittima. Nella pratica tutto ciò costituisce un grave ostacolo per la donna trafficata nel mercato del sesso rispetto alla decisione di denunciare o di agire in qualità di testimone. Un’ulteriore conseguenza è che molti casi di tratta nei quali sono coinvolte prostitute non vengono perseguiti perché gli abusi subiti sono considerati conseguenze della volontà di essere una prostituta. Si tratta di una contorsione concettuale che trasforma la vittima in soggetto consenziente e dunque favorevole alle condizioni di sfruttamento e violenza praticate. Questa distinzione impedisce anche il contrasto al lavoro forzato e alle situazioni paraschiavistiche nell’ambito del mercato del sesso.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare