Per una Politica dei miei Stivali …cioè, no, delle mie Scarpe

Mattino, di un martedì qualsiasi. Fuori piove e, dentro, io sono in attesa di un caffè. Lascio che il mio sguardo scenda lungo le mie gambe. Arriva ai piedi: ci sono due scarpe. Non le ho mai guardate così attentamente ma oggi è una giornata speciale per le mie scarpe: se lo meritano. Oggi, infatti, sono tornate a casa. Le ho riportate dove sono nate.
Sono quasi emozionato per loro.

La casa delle mie scarpe è in Italia, più precisamente nel mezzo della Penisola; un po’ sulla destra, nei pressi della costa adriatica. L’indirizzo è Montegranaro. So bene che questo nome, ai più, non dirà nulla. Forse citando Fermo, o Sant’Elpidio, qualcuno localizzerà meglio il luogo.
Con Macerata, però, sicuramente ci tiriamo d’impaccio e capiamo grossomodo di quale parte d’Italia stiamo parlando.

In questo pezzo di Paese, vive e prospera(va) un particolare tipo di posto, fatto di capannoni industriali, bar e ristoranti, case e botteghe, sane rivalità e imprenditori con la valigia sempre pronta. Gente, per capirci, che, di mondo ne ha visto, eccome, anche se vive a Montegranaro; un posto che la maggior parte di noi fatica anche a tenere a mente: «Nella mia vita ho consumato otto passaporti, a forza di girare a far vedere i miei campionari», mi ha detto uno di loro, che può insegnarmi geografia e, forse, anche un po’ di antropologia.

Questo tipo di posto si chiama distretto manifatturiero ed è una delle cose per le quali il nostro Paese non è un posto qualsiasi di questo pianeta.

Il distretto da cui le mie scarpe provengono è piuttosto esteso e popolato da una grande quantità di piccole imprese, qualche media realtà e pochissimi grandi – e molto noti – protagonisti dell’industria calzaturiera.
Le mie scarpe di pelle sono uscite da una di queste fabbriche, e non necessariamente solo da una: magari le tomaie sono state realizzate in quella via alberata, poi portate in questo grande stabilimento dagli esterni molto ben curati e montate su una suola realizzata da qualcuno, lassù, in collina. Chissà, forse a lucidarle e metterle in bell’ordine nella scatola è stato proprio questo marcantonio che sta bevendosi una grappa accanto a me, sul bancone del bar, dietro al quale stanno appiccicate decine di foto di personaggi famosi sorridenti, ciascuno con in mano delle belle scarpe.

Vado col pensiero ai miei studi universitari: Beccattini e Lorenzoni, due eminenti studiosi italiani che hanno illustrato al mondo – e, in particolare, agli americani ‒ le virtù di un sistema di specializzazione produttiva territoriale di micro, piccole e medie realtà. Ricordo anche un passaggio della ricerca che condussi per la mia tesi di laurea – era sull’alto di gamma del Made in Italy ‒ in cui mi si parlava di RadioScarpa ‒ intendendo quel fenomeno per cui, all’interno di un distretto, le informazioni sul mercato, sulla concorrenza, sulle tendenze di domanda, passavano fra gli imprenditori assieme allo zucchero per il caffè al bar, o assieme al sale fra i commensali della stessa trattoria. Ricordo, poi, il grande scalpore suscitato dal fatto che uno dei consulenti economici di Bill Clinton citasse i distretti italiani come modello da imitare. Era il 1997 e sembra un secolo fa.

Già, perché molti dei distretti italiani, oggi, vivono i morsi di una crisi industriale fortissima, forse senza precedenti.
Vediamo le scarpe. I dati ci dicono che, in Italia, appena 15 anni fa si producevano 530 milioni di paia di scarpe. A fine 2018 se ne contavano appena 187 milioni. Gli stessi dati (la fonte è Confindustria) ci dicono che dai 153mila addetti di 15 anni fa si è arrivati ai 77mila di oggi: meno della metà.
Quando piove, l’acqua bagna tutto, anche Montegranaro, che pure è popolata di imprenditori che non si piangono addosso e, anzi, s’impegnano con ancora maggiore determinazione alla ricerca di una via per darsi e dare futuro.
Cosa è successo? Com’è stato possibile tutto ciò? Le ragioni sono numerose, ovviamente, e maturate per lunghi anni: nessuna crisi di sistema è improvvisa; i prodromi ci sono sempre, a volerli riconoscere. Anche le vie di uscita da una crisi del genere ci sono ma sono sempre articolate e richiedono tempo, risorse e nervi saldi.

In ogni caso, ci sono almeno tre buone ragioni per cui noi italiani dobbiamo curarci dei distretti, fare il tifo per loro, pretendere dai governanti la massima disponibilità, attenzione e impegno a loro favore. La prima è economica: i distretti sono ricchezza economico-finanziaria e della migliore, quella che viene dall’export. La seconda è sociale: una piccola impresa è anche una rete di legami affettivi, profondi e ogni rete di piccole imprese sul territorio è essa stessa comunità, solida e durevole. La terza è culturale: l’Italia ha storia collettiva e storie locali che si esprimono in una cultura del “bello, del buono e del ben fatto”, assolutamente unica. Di questa cultura siamo consapevoli già dal 1200: fatti non foste a viver come bruti, ammoniva Dante Alighieri.
Tre ragioni, insomma, perché la Politica, sì quella con la P alta, non quella minuscola di propaganda, si occupi delle mie scarpe. E dia loro la possibilità di avere molte, belle, sorelle minori, per tanti anni a venire.

Ultime notizie
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane