Made in Italy

Per una Politica dei miei Stivali …cioè, no, delle mie Scarpe

1003

Mattino, di un martedì qualsiasi. Fuori piove e, dentro, io sono in attesa di un caffè. Lascio che il mio sguardo scenda lungo le mie gambe. Arriva ai piedi: ci sono due scarpe. Non le ho mai guardate così attentamente ma oggi è una giornata speciale per le mie scarpe: se lo meritano. Oggi, infatti, sono tornate a casa. Le ho riportate dove sono nate.
Sono quasi emozionato per loro.

La casa delle mie scarpe è in Italia, più precisamente nel mezzo della Penisola; un po’ sulla destra, nei pressi della costa adriatica. L’indirizzo è Montegranaro. So bene che questo nome, ai più, non dirà nulla. Forse citando Fermo, o Sant’Elpidio, qualcuno localizzerà meglio il luogo.
Con Macerata, però, sicuramente ci tiriamo d’impaccio e capiamo grossomodo di quale parte d’Italia stiamo parlando.

In questo pezzo di Paese, vive e prospera(va) un particolare tipo di posto, fatto di capannoni industriali, bar e ristoranti, case e botteghe, sane rivalità e imprenditori con la valigia sempre pronta. Gente, per capirci, che, di mondo ne ha visto, eccome, anche se vive a Montegranaro; un posto che la maggior parte di noi fatica anche a tenere a mente: «Nella mia vita ho consumato otto passaporti, a forza di girare a far vedere i miei campionari», mi ha detto uno di loro, che può insegnarmi geografia e, forse, anche un po’ di antropologia.

Questo tipo di posto si chiama distretto manifatturiero ed è una delle cose per le quali il nostro Paese non è un posto qualsiasi di questo pianeta.

Il distretto da cui le mie scarpe provengono è piuttosto esteso e popolato da una grande quantità di piccole imprese, qualche media realtà e pochissimi grandi – e molto noti – protagonisti dell’industria calzaturiera.
Le mie scarpe di pelle sono uscite da una di queste fabbriche, e non necessariamente solo da una: magari le tomaie sono state realizzate in quella via alberata, poi portate in questo grande stabilimento dagli esterni molto ben curati e montate su una suola realizzata da qualcuno, lassù, in collina. Chissà, forse a lucidarle e metterle in bell’ordine nella scatola è stato proprio questo marcantonio che sta bevendosi una grappa accanto a me, sul bancone del bar, dietro al quale stanno appiccicate decine di foto di personaggi famosi sorridenti, ciascuno con in mano delle belle scarpe.

Vado col pensiero ai miei studi universitari: Beccattini e Lorenzoni, due eminenti studiosi italiani che hanno illustrato al mondo – e, in particolare, agli americani ‒ le virtù di un sistema di specializzazione produttiva territoriale di micro, piccole e medie realtà. Ricordo anche un passaggio della ricerca che condussi per la mia tesi di laurea – era sull’alto di gamma del Made in Italy ‒ in cui mi si parlava di RadioScarpa ‒ intendendo quel fenomeno per cui, all’interno di un distretto, le informazioni sul mercato, sulla concorrenza, sulle tendenze di domanda, passavano fra gli imprenditori assieme allo zucchero per il caffè al bar, o assieme al sale fra i commensali della stessa trattoria. Ricordo, poi, il grande scalpore suscitato dal fatto che uno dei consulenti economici di Bill Clinton citasse i distretti italiani come modello da imitare. Era il 1997 e sembra un secolo fa.

Già, perché molti dei distretti italiani, oggi, vivono i morsi di una crisi industriale fortissima, forse senza precedenti.
Vediamo le scarpe. I dati ci dicono che, in Italia, appena 15 anni fa si producevano 530 milioni di paia di scarpe. A fine 2018 se ne contavano appena 187 milioni. Gli stessi dati (la fonte è Confindustria) ci dicono che dai 153mila addetti di 15 anni fa si è arrivati ai 77mila di oggi: meno della metà.
Quando piove, l’acqua bagna tutto, anche Montegranaro, che pure è popolata di imprenditori che non si piangono addosso e, anzi, s’impegnano con ancora maggiore determinazione alla ricerca di una via per darsi e dare futuro.
Cosa è successo? Com’è stato possibile tutto ciò? Le ragioni sono numerose, ovviamente, e maturate per lunghi anni: nessuna crisi di sistema è improvvisa; i prodromi ci sono sempre, a volerli riconoscere. Anche le vie di uscita da una crisi del genere ci sono ma sono sempre articolate e richiedono tempo, risorse e nervi saldi.

In ogni caso, ci sono almeno tre buone ragioni per cui noi italiani dobbiamo curarci dei distretti, fare il tifo per loro, pretendere dai governanti la massima disponibilità, attenzione e impegno a loro favore. La prima è economica: i distretti sono ricchezza economico-finanziaria e della migliore, quella che viene dall’export. La seconda è sociale: una piccola impresa è anche una rete di legami affettivi, profondi e ogni rete di piccole imprese sul territorio è essa stessa comunità, solida e durevole. La terza è culturale: l’Italia ha storia collettiva e storie locali che si esprimono in una cultura del “bello, del buono e del ben fatto”, assolutamente unica. Di questa cultura siamo consapevoli già dal 1200: fatti non foste a viver come bruti, ammoniva Dante Alighieri.
Tre ragioni, insomma, perché la Politica, sì quella con la P alta, non quella minuscola di propaganda, si occupi delle mie scarpe. E dia loro la possibilità di avere molte, belle, sorelle minori, per tanti anni a venire.

Ultime notizie
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone
Criminalità e contrasto

Mafie e droga in Belgio ed Olanda

Criminalità organizzata, traffico internazionale di sostanze stupefacenti e organizzazioni mafiose in Belgio e in Olanda. Dopo avere trattato il fenomeno del riciclaggio di denaro sporco in Germania, Vincenzo Macrì spiega che anche in questi paesi esistono queste realtà.
di Vincenzo Macrì
Attualità

Nel post Covid-19, torneremo a respirare senza paura

Con la ripresa della vita sociale, torniamo ad assaporare la vita, ma lentamente. Perché sentiamo incombente la minaccia del Covid-19. Ci vorranno tempo e fatica per sconfiggere il virus, uno sforzo ancora maggiore per vincere timori e angosce.
di Angelo Perrone
Attualità

50 anni dallo Statuto dei lavoratori

Il 20 maggio di 50 anni fa nasceva lo Statuto dei Lavoratori. La crisi che stiamo vivendo porta con sé il rischio di un impatto enorme sul nostro sistema industriale; la vertigine delle trasformazioni sta modificando i canoni del capitalismo.
di Massimiliano Cannata
Società

Un superiore in grado

«Il Sistema è prigioniero di se stesso, della iperproduzione di regole e di norme così numerose e spesso in contrasto tra di...
di Gian Maria Fara