Per una Politica dei miei Stivali …cioè, no, delle mie Scarpe

Mattino, di un martedì qualsiasi. Fuori piove e, dentro, io sono in attesa di un caffè. Lascio che il mio sguardo scenda lungo le mie gambe. Arriva ai piedi: ci sono due scarpe. Non le ho mai guardate così attentamente ma oggi è una giornata speciale per le mie scarpe: se lo meritano. Oggi, infatti, sono tornate a casa. Le ho riportate dove sono nate.
Sono quasi emozionato per loro.

La casa delle mie scarpe è in Italia, più precisamente nel mezzo della Penisola; un po’ sulla destra, nei pressi della costa adriatica. L’indirizzo è Montegranaro. So bene che questo nome, ai più, non dirà nulla. Forse citando Fermo, o Sant’Elpidio, qualcuno localizzerà meglio il luogo.
Con Macerata, però, sicuramente ci tiriamo d’impaccio e capiamo grossomodo di quale parte d’Italia stiamo parlando.

In questo pezzo di Paese, vive e prospera(va) un particolare tipo di posto, fatto di capannoni industriali, bar e ristoranti, case e botteghe, sane rivalità e imprenditori con la valigia sempre pronta. Gente, per capirci, che, di mondo ne ha visto, eccome, anche se vive a Montegranaro; un posto che la maggior parte di noi fatica anche a tenere a mente: «Nella mia vita ho consumato otto passaporti, a forza di girare a far vedere i miei campionari», mi ha detto uno di loro, che può insegnarmi geografia e, forse, anche un po’ di antropologia.

Questo tipo di posto si chiama distretto manifatturiero ed è una delle cose per le quali il nostro Paese non è un posto qualsiasi di questo pianeta.

Il distretto da cui le mie scarpe provengono è piuttosto esteso e popolato da una grande quantità di piccole imprese, qualche media realtà e pochissimi grandi – e molto noti – protagonisti dell’industria calzaturiera.
Le mie scarpe di pelle sono uscite da una di queste fabbriche, e non necessariamente solo da una: magari le tomaie sono state realizzate in quella via alberata, poi portate in questo grande stabilimento dagli esterni molto ben curati e montate su una suola realizzata da qualcuno, lassù, in collina. Chissà, forse a lucidarle e metterle in bell’ordine nella scatola è stato proprio questo marcantonio che sta bevendosi una grappa accanto a me, sul bancone del bar, dietro al quale stanno appiccicate decine di foto di personaggi famosi sorridenti, ciascuno con in mano delle belle scarpe.

Vado col pensiero ai miei studi universitari: Beccattini e Lorenzoni, due eminenti studiosi italiani che hanno illustrato al mondo – e, in particolare, agli americani ‒ le virtù di un sistema di specializzazione produttiva territoriale di micro, piccole e medie realtà. Ricordo anche un passaggio della ricerca che condussi per la mia tesi di laurea – era sull’alto di gamma del Made in Italy ‒ in cui mi si parlava di RadioScarpa ‒ intendendo quel fenomeno per cui, all’interno di un distretto, le informazioni sul mercato, sulla concorrenza, sulle tendenze di domanda, passavano fra gli imprenditori assieme allo zucchero per il caffè al bar, o assieme al sale fra i commensali della stessa trattoria. Ricordo, poi, il grande scalpore suscitato dal fatto che uno dei consulenti economici di Bill Clinton citasse i distretti italiani come modello da imitare. Era il 1997 e sembra un secolo fa.

Già, perché molti dei distretti italiani, oggi, vivono i morsi di una crisi industriale fortissima, forse senza precedenti.
Vediamo le scarpe. I dati ci dicono che, in Italia, appena 15 anni fa si producevano 530 milioni di paia di scarpe. A fine 2018 se ne contavano appena 187 milioni. Gli stessi dati (la fonte è Confindustria) ci dicono che dai 153mila addetti di 15 anni fa si è arrivati ai 77mila di oggi: meno della metà.
Quando piove, l’acqua bagna tutto, anche Montegranaro, che pure è popolata di imprenditori che non si piangono addosso e, anzi, s’impegnano con ancora maggiore determinazione alla ricerca di una via per darsi e dare futuro.
Cosa è successo? Com’è stato possibile tutto ciò? Le ragioni sono numerose, ovviamente, e maturate per lunghi anni: nessuna crisi di sistema è improvvisa; i prodromi ci sono sempre, a volerli riconoscere. Anche le vie di uscita da una crisi del genere ci sono ma sono sempre articolate e richiedono tempo, risorse e nervi saldi.

In ogni caso, ci sono almeno tre buone ragioni per cui noi italiani dobbiamo curarci dei distretti, fare il tifo per loro, pretendere dai governanti la massima disponibilità, attenzione e impegno a loro favore. La prima è economica: i distretti sono ricchezza economico-finanziaria e della migliore, quella che viene dall’export. La seconda è sociale: una piccola impresa è anche una rete di legami affettivi, profondi e ogni rete di piccole imprese sul territorio è essa stessa comunità, solida e durevole. La terza è culturale: l’Italia ha storia collettiva e storie locali che si esprimono in una cultura del “bello, del buono e del ben fatto”, assolutamente unica. Di questa cultura siamo consapevoli già dal 1200: fatti non foste a viver come bruti, ammoniva Dante Alighieri.
Tre ragioni, insomma, perché la Politica, sì quella con la P alta, non quella minuscola di propaganda, si occupi delle mie scarpe. E dia loro la possibilità di avere molte, belle, sorelle minori, per tanti anni a venire.

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità