Osservatorio TG

Europee: campagna elettorale assente, o quasi, dall’informazione di primetime

115

Campagna elettorale “in folle”, temi europei pressoché assenti dall’informazione dei Tg nelle prime due settimane di campagna. Meno del 6% del totale dei titoli delle edizioni di primetime sono stati riservati ad argomenti, dichiarazioni o riflessioni che dovrebbero accompagnare la discussione prima del voto.

È quanto emerge dai primi risultati del progetto di monitoraggio, realizzato dall’Osservatorio Tg dell’Eurispes, degli spazi e dei temi dedicati alla campagna elettorale europea dalle edizioni di primetime delle 7 reti generaliste. Lo studio, curato da Christian Ruggiero e Luca Baldazzi, rientra all’interno della collaborazione avviata tra Eurispes e Coris (Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale) della Sapienza Università di Roma.

Nel periodo analizzato, che inquadra le prime due settimane di campagna elettorale dichiarata, dal lunedì 29 aprile a domenica 12 maggio, su circa 660 titolazioni delle edizioni di primetime, solo 38 contenevano riferimenti diretti ai temi europei, ossia meno del 6% del totale delle titolazioni.

Come anche nella passata campagna elettorale, gli scontri e le frizioni tra le forze politiche, che quest’anno si riflettono soprattutto nelle tensioni interne alla maggioranza, hanno fagocitato gli spazi che avrebbero dovuto fornire una riflessione sui temi dell’Europa. La quasi totalità dei titoli, finora proposti, hanno infatti costituito un “richiamo” al “voto utile” avanzato dalla maggior parte delle forze politiche. Emblematiche in questo senso, in particolare, le dichiarazioni del Vicepremier Salvini che, domenica 12 aprile, ha parlato del voto europeo come di un “referendum” sull’operato della Lega (in apertura per Rai e Tg delle 20); ma lo si è visto tanto nelle dichiarazioni della sinistra quanto, soprattutto, in quelle di Berlusconi.

Proprio Berlusconi risulta, ad una prima analisi, l’uomo politico più attivo sulle tematiche europee. Su 38 titoli totali, il suo nome risulta presente in 17 occasioni, superando la coppia Salvini-Di Maio fermi a 14, e soverchiando le presenze del Premier Conte e di Zingaretti, rispettivamente a 6 e 4 presenze.

La situazione si riequilibra, solo in parte, all’interno dei servizi: su 78 coperture dedicate ai temi dell’Europa, Berlusconi è presente con ben 20 interventi in audio/video, seguito da Salvini che compare 16 volte e quindi da Tajani, Di Maio e Zingaretti (10 volte).

La coppia Berlusconi-Tajani, rispettivamente Presidente e Vicepresidente di Forza Italia, ha collezionato in 14 giorni ben 30 interventi “de visu” sulle testate del primetime: un successo dovuto non alla rilevanza elettorale di questi personaggi, ma al “volume di fuoco” garantito a Forza Italia dalle testate Mediaset, con assist saltuari del Tg2.

Sempre nell’ambito delle citazioni, la sinistra risulta altresì poco rappresentata. Su 38 titoli, il leader Pd Zingaretti figura solo 6 volte, con menzioni nei 10 servizi, gli stessi riservati a Tajani.

Se si tratta di disattenzione da parte delle testate, o di un assenza di proposta politica, non sta a noi dirlo. Ma questa assenza di voci della sinistra la riscontriamo, soprattutto, in àmbito europeo. Se guardiamo alle presenza dei leader politici europei nelle edizioni del primetime, individuiamo 4 interventi di esponenti del Ppe, tra i quali spicca Angela Merkel, e 6 riprese o richiami di leader populisti o anti europei (Orban, Farage, ect.) e solo una menzione della sinistra europea con un esponente dell’En Marche di Macron.

Passando dalle presenze dei politici alla qualità delle coperture offerte dalle singole testate, un confronto tra titoli e servizi presenta un quadro abbastanza evidente: se i Tg Mediaset battono le testate Rai in termini di numero dei titoli (18 a 14), a livello di servizi la Tv pubblica più che doppia (50 contro 22) la televisione privata, che finora ha esaurito le sue copertine in una ripresa, pedissequa, delle dichiarazione del suo editore.

A capitanare l’approfondimento sul voto europeo sono Tg3 e Tg2, rispettivamente con 25 e 23 servizi, che da sole sommano più coperture di tutte le altre testate insieme. Se Tg2 indaga il contesto del voto europeo riflettendo sulle battaglie del Vicepremier Salvini (visita ad Orban, incontro tra le destre europee, l’ascesa di Farage ed il populismo in Francia), Tg3 ha invece il merito di essere l’unica testata ad aver prodotto una riflessione sui temi dell’Europa slegata dalle dichiarazioni delle forze politiche. Lo sta facendo attraverso la rubrica #stavoltavoto, presentata dal 31 marzo nell’edizione delle ore 15 e riproposto con regolarità giornaliera nell’edizione delle 19; a questi servizi s’accompagna, inoltre, l’offerta di alcuni approfondimenti sulla percezione di queste elezioni da parte degli italiani, a cominciare dalle generazioni più giovani, anche attraverso diversi sondaggi.

Una ulteriore riflessione andrebbe aperta sul Tg1, che al momento risulta in parte disimpegnato dalla campagna elettorale, forse perché troppo occupato a bilanciare gli spazi d’intervento delle forze della maggioranza per poter rilanciare le prospettive europee di un Movimento 5 Stelle che, almeno nell’ultimo periodo, ha balbettato su questa dimensione.

Ultime notizie
Europa

European Parliament elections: Europe seen from Russian

"The European elections are a complex process of rethinking the balance between national and supranational sovereignty". The European views from Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee 2019, l’Europa vista dalla Russia. “Il rafforzamento dei sovranisti è opportunità di dialogo”

"Le elezioni europee sono il riflesso di una tendenza più profonda che si sta sviluppando nell'Ue. Oggi è in corso un complesso processo di ripensamento dell'equilibrio tra sovranità nazionale e sovranazionale". Le europee viste dalla Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee, campagna elettorale tra social e fast politics. “Ma la dimensione rimane nazionale”

I temi della campagna elettorale, il suo linguaggio e le modalità espressive. L'uso dei social e l'affermazione della fast politics. Ne parliamo con Alberto Bitonti, docente di Teoria politica e di Comunicazione politica presso l’Università della Svizzera Italiana.
di Raffaella Saso
Europa

Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione. I dati del Rapporto Italia 2019.
di redazione
Criminalità e contrasto

Strage di Capaci, Caselli: “Ancora troppo ingombrante il nesso mafia-politica. Meglio non vedere”

Il 1992 è l’anno del punto più alto di una strategia assassina decisa da Cosa Nostra finalizzata a cancellare per sempre l’azione di quel pool antimafia, ideato da Giovanni Falcone, che aveva cambiato profondamente i metodi investigativi e di conseguenza la capacità di contrasto del fenomeno criminale. Il ricordo di Gian Carlo Caselli.
di Massimiliano Cannata
Cultura

La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

Al Salone di Torino, la “comunità del libro” ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo e confronto.
di Massimiliano Cannata
Europa

Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.
di Alberto Mattiacci
Attualità

Video selfie, poi lo schianto. I numeri tragici del “killfie”

Video selfie a 220 km all'ora, poi lo schianto mortale. È l'ultima tragedia “killfie” avvenuta, questa volta, alla guida di un'auto lanciata a tutta velocità sull'asfalto di un'autostrada e documentata da un video postato sui Social. I numeri.
di redazione
Cultura

Serie Tv-mania, delirio dei fan per il “the end” del Il trono di spade

Il delirio dei fan per la conclusione, dopo otto stagioni, de Il Trono di Spade. Raffaella Saso ricostruisce la “serie tv-mania” dagli anni Cinquanta agli ultimi grandi successi.
di Raffaella Saso
Cultura

Il cartoon, l’arte che spiega il mondo ai bambini. Concluso il Festival School in Motion

Si è concluso il Primo Festival Internazionale dell'Animazione Educativa School in Motion, che nasce dall’esigenza di inserire elementi di didattica innvativa all’interno dell’insegnamento, facendo interfacciare animatori professionisti e creativi con il mondo dell’istruzione.
di Valentina Renzopaoli