Al vaglio misure extra per il Mezzogiorno

La commissione Bilancio del Senato porterà avanti l’esame della legge di Stabilità. Il faro a Palazzo Madama è puntato sul Sud: in particolare sui maxi-ammortamenti degli investimenti in beni strumentali e sulla decontribuzione per le assunzioni. Ma da quanto si apprende, le due misure sarebbero alternative. Probabili anche una serie di ritocchi sul fronte della casa, dagli sconti per i genitori separati agli affitti concordati, mentre sarà battaglia sulle misure per l’innalzamento del tetto del contante che molti gruppi – minoranza Pd e Sel – vorrebbero riportare a mille euro ed altri – come Forza Italia – alzare anche oltre i diecimila. La prima prova che devono intanto superare gli oltre 3.500 emendamenti è fissata per oggi con il vaglio delle ammissibilità, dopodiché sarà la volta della formalizzazione delle proposte a firma del governo, che saranno poche e relative esclusivamente a temi non affrontati già dai senatori. Se Regioni, province e giochi sono argomenti che saranno trattati alla Camera, il Senato – dove le votazioni in commissione sono previste a partire da domani – sarà invece impegnato con le norme in materia di finanza e tassazione. Per quanto riguarda il Mezzogiorno, due le misure al centro dell’attenzione: i maxiammortamenti del 160%, anziché del 140%, degli investimenti in beni strumentali destinati esclusivamente alle imprese delle Regioni meridionali che rientrano dell’obiettivo convergenza (Campania, Puglia, Calabria Sicilia, Basilicata) e un rafforzamento degli sgravi per le assunzioni. Su tutto pesa però il tema delle coperture. Per quanto riguarda i lavori delle altre Commissioni, la commissione Industria audirà i rappresentanti di Utilitalia, Assopetroli-Assoenergia, Energia concorrente, Assoelettrica, Assogasliquidi e Federchimica nell’ambito dell’esame della Legge annuale sul mercato e la concorrenza. Alle 12 la Commissione porterà avanti l’iter dello schema di decreto legislativo sull’efficienza energetica.

Alla Camera proseguirà la discussione delle proposte di legge sulla modifica del Codice delle leggi antimafia in materia di gestione dei beni confiscati. Sarà inoltre affrontato il disegno di legge delega sugli appalti. I deputati saranno poi chiamati a votare la questione pregiudiziale presentata al disegno di legge di conversione del dl sulla proroga delle missioni internazionali delle Forze armate. Nel corso della seduta sarà portato avanti l’iter delle proposte sulla tutela delle biodiversità in ambito agricolo e delle mozioni concernenti iniziative, anche in sede europea, per la tutela del settore risicolo italiano, con particolare riferimento all’importazione del riso dalla Cambogia. In commissione Affari costituzionali continuerà l’esame del disegno di legge di revisione costituzionale con cui si punta all’abolizione del bicameralismo paritario e alla ridefinizione dei rapporti tra lo Stato e le Regioni. La commissione Finanze porterà avanti il dibattito sul ddl di conversione del decreto-legge con cui si sono sterilizzate le clausole di salvaguardia e si sono prorogati i termini per l’adesione alla voluntary disclosure. Nel pomeriggio proseguirà in commissione Attività produttive l’audizione del presidente dell’Associazione nazionale filiera industria automobilistica (ANFIA), Roberto Vavassori, sull’impatto della vicenda Volkswagen sulla filiera nazionale dell’automotive, sui consumatori e sull’ambiente. Il testo unificato contenente “Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario” proseguirà il suo cammino in seno alla commissione Affari sociali.

Intanto arrivano buone notizie per la politica economica del governo. L’Ocse migliora le sue previsioni per l’Italia e si congratula con Roma per le riforme messe in atto, in particolare in materia di lavoro. Un giudizio che viene a supportare le parole del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, che, in un’intervista al quotidiano tedesco Die Welt, afferma che “i nostri progressi non sono un fuoco di paglia acceso dalla Bce, ma il risultato del nostro impegno nelle riforme”. Non senza aggiungere una bacchettata alla Germania, invitandola a ridurre il suo esorbitante surplus commerciale. Nel suo Economic outlook, l’organizzazione parigina ritocca al rialzo di 0,1 punti percentuali rispetto a settembre le stime per la crescita del Pil italiano 2015 e 2016, portandole rispettivamente a +0,8% e +1,4%. Tornando ai temi della politica domestica, si segnalano le turbolenze nel centrodestra. In Forza Italia si teme una “deriva salviniana” del centrodestra e molti degli attuali parlamentari azzurri, già temono di essere esclusi dalle liste elettorali.

 

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città