Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Politica

Al via la Leopolda

Oggi si apre la “Leopolda”. Appuntamento obbligato per i sostenitori del presidente del Consiglio. Matteo Renzi avrà il compito di fare chiarezza e di riportare unità tra i ranghi di un Pd diviso da correnti e differenziazioni. L’ottimismo del politico fiorentino non sarà comunque in sintonia con le dichiarazioni provenienti dai parlamentari di Sinistra italiana. Frasi e prese di posizione che hanno fatto capire come il “vecchio centrosinistra” sia ormai sparito. Dovranno essere quindi trovate nuove sintesi tra maggioranza renziana e minoranza Dem. Una sfida non semplice.

Alla Camera la commissione Bilancio porterà avanti l’esame delle legge di Stabilità. Nella serata di mercoledì è ufficialmente arrivato l’insieme di norme destinate al Mezzogiorno. Le aziende del Meridione – imprese agricole comprese – potranno godere dal prossimo anno di un credito d’imposta automatico per gli investimenti in macchinari, in impianti in e attrezzature per un totale di 2,4 miliardi di euro. Ma, nonostante il dibattito sia andato avanti per settimane, il pacchetto di misure annunciato si ferma per il momento qui. L’altra gamba dell’intervento, il prolungamento della decontribuzione, è infatti soggetto alla verifica delle risorse disponibili da parte dell’Agenzia di coesione, che dovrà fare il punto entro l’inizio della primavera prossima sulle effettive possibilità di impiego del Piano di azione e coesione 2007-2013. Arriva invece lo sblocco del turn-over, che consente quindi di fare nuove assunzioni per sostituire che va in pensione, per i comuni che sceglieranno di fondersi, facendo così economie di scala. L’emendamento del governo prevede che la normativa di vantaggio varrà per le imprese “ubicate nelle zone assistite di Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo”, con l’eccezione di quella attive nei settori dell’industria siderurgica, carbonifera, navale, energetica e bancaria. La misura introduce dei tetti fissati in base alle dimensioni d’impresa: il primo è pari a 1,5 milioni di investimento per le piccole imprese che godranno di uno sconto del 20%, il secondo si ferma a 5 milioni per le medie imprese, che potranno contare su uno sconto del 15%, il terzo è fissato invece a 15 milioni per le grandi imprese cui sarà destinato uno sgravio del 10%. Ora l’attesa dei partiti è focalizzata sugli interventi per tutelare i risparmiatori vittime dello stato di insolvenza di quattro banche. Istituti di credito che – almeno in base a quanto emerso nelle ultime ore – presentavano una situazione contabile e patrimoniale che avrebbe dovuto azionare meccanismi di controllo più decisi ed efficaci da parte della Banca d’Italia. Basti pensare che uno dei quattro istituti coinvolti – in base a quanto riferito da Bankitalia durante un’audizione in commissione Finanze della Camera – aveva sofferenze superiori al 40 per cento dei prestiti erogati. Un dato preoccupante che ha azionato solo blande contromisure da parte degli organismi di controllo. L’intervento sul comparto bancario del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, in Commissione potrebbe essere anticipato al tardo pomeriggio di oggi e da lì dovrebbe probabilmente emergere la linea del governo in materia, anche se, dopo le tensioni con l’Europa e il suicidio del pensionato di Civitavecchia, la questione sembra passata direttamente all’attenzione di Palazzo Chigi. Il premier ha dato ai suoi collaboratori l’indicazione di lavorare per dare sollievo innanzitutto agli obbligazionisti ma anche ai piccoli azionisti dei quattro istituti coinvolti, che “sono vittime e non colpevoli perché spesso – ragionano nel Pd – erano costretti all’acquisto delle azioni da un sistema bancario che era strutturato in maniera malsana”. Ieri mattina, secondo quanto raccontano fonti Dem, sono partite due telefonate. Una al gruppo Pd al Senato, perché venga proposta l’istituzione di una commissione d’inchiesta per accertare le responsabilità “a tutti i livelli” di chi ha permesso che si arrivasse a questo punto. L’altra al gruppo Dem al Parlamento europeo, perché si tenga aperto il dialogo con le istituzioni Ue e si sondino gli strettissimi margini di manovra. Bruxelles ha confermato infatti di non escludere una procedura di infrazione se gli aiuti messi in campo da governo e Parlamento dovessero essere in grado di violare la norma dei Trattati Ue che proibisce gli aiuti di Stato.

Alle 9 è convocato il Consiglio dei ministri. All’ordine del giorno non ci sono argomenti di particolare rilevanza. I ministri si confronteranno con alcuni trattati internazionali e con un decreto legislativo sulla normativa comunitaria in materia di tutela delle vittime di reato.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare