Politica

Al via la Leopolda

85

Oggi si apre la “Leopolda”. Appuntamento obbligato per i sostenitori del presidente del Consiglio. Matteo Renzi avrà il compito di fare chiarezza e di riportare unità tra i ranghi di un Pd diviso da correnti e differenziazioni. L’ottimismo del politico fiorentino non sarà comunque in sintonia con le dichiarazioni provenienti dai parlamentari di Sinistra italiana. Frasi e prese di posizione che hanno fatto capire come il “vecchio centrosinistra” sia ormai sparito. Dovranno essere quindi trovate nuove sintesi tra maggioranza renziana e minoranza Dem. Una sfida non semplice.

Alla Camera la commissione Bilancio porterà avanti l’esame delle legge di Stabilità. Nella serata di mercoledì è ufficialmente arrivato l’insieme di norme destinate al Mezzogiorno. Le aziende del Meridione – imprese agricole comprese – potranno godere dal prossimo anno di un credito d’imposta automatico per gli investimenti in macchinari, in impianti in e attrezzature per un totale di 2,4 miliardi di euro. Ma, nonostante il dibattito sia andato avanti per settimane, il pacchetto di misure annunciato si ferma per il momento qui. L’altra gamba dell’intervento, il prolungamento della decontribuzione, è infatti soggetto alla verifica delle risorse disponibili da parte dell’Agenzia di coesione, che dovrà fare il punto entro l’inizio della primavera prossima sulle effettive possibilità di impiego del Piano di azione e coesione 2007-2013. Arriva invece lo sblocco del turn-over, che consente quindi di fare nuove assunzioni per sostituire che va in pensione, per i comuni che sceglieranno di fondersi, facendo così economie di scala. L’emendamento del governo prevede che la normativa di vantaggio varrà per le imprese “ubicate nelle zone assistite di Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo”, con l’eccezione di quella attive nei settori dell’industria siderurgica, carbonifera, navale, energetica e bancaria. La misura introduce dei tetti fissati in base alle dimensioni d’impresa: il primo è pari a 1,5 milioni di investimento per le piccole imprese che godranno di uno sconto del 20%, il secondo si ferma a 5 milioni per le medie imprese, che potranno contare su uno sconto del 15%, il terzo è fissato invece a 15 milioni per le grandi imprese cui sarà destinato uno sgravio del 10%. Ora l’attesa dei partiti è focalizzata sugli interventi per tutelare i risparmiatori vittime dello stato di insolvenza di quattro banche. Istituti di credito che – almeno in base a quanto emerso nelle ultime ore – presentavano una situazione contabile e patrimoniale che avrebbe dovuto azionare meccanismi di controllo più decisi ed efficaci da parte della Banca d’Italia. Basti pensare che uno dei quattro istituti coinvolti – in base a quanto riferito da Bankitalia durante un’audizione in commissione Finanze della Camera – aveva sofferenze superiori al 40 per cento dei prestiti erogati. Un dato preoccupante che ha azionato solo blande contromisure da parte degli organismi di controllo. L’intervento sul comparto bancario del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, in Commissione potrebbe essere anticipato al tardo pomeriggio di oggi e da lì dovrebbe probabilmente emergere la linea del governo in materia, anche se, dopo le tensioni con l’Europa e il suicidio del pensionato di Civitavecchia, la questione sembra passata direttamente all’attenzione di Palazzo Chigi. Il premier ha dato ai suoi collaboratori l’indicazione di lavorare per dare sollievo innanzitutto agli obbligazionisti ma anche ai piccoli azionisti dei quattro istituti coinvolti, che “sono vittime e non colpevoli perché spesso – ragionano nel Pd – erano costretti all’acquisto delle azioni da un sistema bancario che era strutturato in maniera malsana”. Ieri mattina, secondo quanto raccontano fonti Dem, sono partite due telefonate. Una al gruppo Pd al Senato, perché venga proposta l’istituzione di una commissione d’inchiesta per accertare le responsabilità “a tutti i livelli” di chi ha permesso che si arrivasse a questo punto. L’altra al gruppo Dem al Parlamento europeo, perché si tenga aperto il dialogo con le istituzioni Ue e si sondino gli strettissimi margini di manovra. Bruxelles ha confermato infatti di non escludere una procedura di infrazione se gli aiuti messi in campo da governo e Parlamento dovessero essere in grado di violare la norma dei Trattati Ue che proibisce gli aiuti di Stato.

Alle 9 è convocato il Consiglio dei ministri. All’ordine del giorno non ci sono argomenti di particolare rilevanza. I ministri si confronteranno con alcuni trattati internazionali e con un decreto legislativo sulla normativa comunitaria in materia di tutela delle vittime di reato.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani