Politica

Al via la Leopolda

Oggi si apre la “Leopolda”. Appuntamento obbligato per i sostenitori del presidente del Consiglio. Matteo Renzi avrà il compito di fare chiarezza e di riportare unità tra i ranghi di un Pd diviso da correnti e differenziazioni. L’ottimismo del politico fiorentino non sarà comunque in sintonia con le dichiarazioni provenienti dai parlamentari di Sinistra italiana. Frasi e prese di posizione che hanno fatto capire come il “vecchio centrosinistra” sia ormai sparito. Dovranno essere quindi trovate nuove sintesi tra maggioranza renziana e minoranza Dem. Una sfida non semplice.

Alla Camera la commissione Bilancio porterà avanti l’esame delle legge di Stabilità. Nella serata di mercoledì è ufficialmente arrivato l’insieme di norme destinate al Mezzogiorno. Le aziende del Meridione – imprese agricole comprese – potranno godere dal prossimo anno di un credito d’imposta automatico per gli investimenti in macchinari, in impianti in e attrezzature per un totale di 2,4 miliardi di euro. Ma, nonostante il dibattito sia andato avanti per settimane, il pacchetto di misure annunciato si ferma per il momento qui. L’altra gamba dell’intervento, il prolungamento della decontribuzione, è infatti soggetto alla verifica delle risorse disponibili da parte dell’Agenzia di coesione, che dovrà fare il punto entro l’inizio della primavera prossima sulle effettive possibilità di impiego del Piano di azione e coesione 2007-2013. Arriva invece lo sblocco del turn-over, che consente quindi di fare nuove assunzioni per sostituire che va in pensione, per i comuni che sceglieranno di fondersi, facendo così economie di scala. L’emendamento del governo prevede che la normativa di vantaggio varrà per le imprese “ubicate nelle zone assistite di Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo”, con l’eccezione di quella attive nei settori dell’industria siderurgica, carbonifera, navale, energetica e bancaria. La misura introduce dei tetti fissati in base alle dimensioni d’impresa: il primo è pari a 1,5 milioni di investimento per le piccole imprese che godranno di uno sconto del 20%, il secondo si ferma a 5 milioni per le medie imprese, che potranno contare su uno sconto del 15%, il terzo è fissato invece a 15 milioni per le grandi imprese cui sarà destinato uno sgravio del 10%. Ora l’attesa dei partiti è focalizzata sugli interventi per tutelare i risparmiatori vittime dello stato di insolvenza di quattro banche. Istituti di credito che – almeno in base a quanto emerso nelle ultime ore – presentavano una situazione contabile e patrimoniale che avrebbe dovuto azionare meccanismi di controllo più decisi ed efficaci da parte della Banca d’Italia. Basti pensare che uno dei quattro istituti coinvolti – in base a quanto riferito da Bankitalia durante un’audizione in commissione Finanze della Camera – aveva sofferenze superiori al 40 per cento dei prestiti erogati. Un dato preoccupante che ha azionato solo blande contromisure da parte degli organismi di controllo. L’intervento sul comparto bancario del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, in Commissione potrebbe essere anticipato al tardo pomeriggio di oggi e da lì dovrebbe probabilmente emergere la linea del governo in materia, anche se, dopo le tensioni con l’Europa e il suicidio del pensionato di Civitavecchia, la questione sembra passata direttamente all’attenzione di Palazzo Chigi. Il premier ha dato ai suoi collaboratori l’indicazione di lavorare per dare sollievo innanzitutto agli obbligazionisti ma anche ai piccoli azionisti dei quattro istituti coinvolti, che “sono vittime e non colpevoli perché spesso – ragionano nel Pd – erano costretti all’acquisto delle azioni da un sistema bancario che era strutturato in maniera malsana”. Ieri mattina, secondo quanto raccontano fonti Dem, sono partite due telefonate. Una al gruppo Pd al Senato, perché venga proposta l’istituzione di una commissione d’inchiesta per accertare le responsabilità “a tutti i livelli” di chi ha permesso che si arrivasse a questo punto. L’altra al gruppo Dem al Parlamento europeo, perché si tenga aperto il dialogo con le istituzioni Ue e si sondino gli strettissimi margini di manovra. Bruxelles ha confermato infatti di non escludere una procedura di infrazione se gli aiuti messi in campo da governo e Parlamento dovessero essere in grado di violare la norma dei Trattati Ue che proibisce gli aiuti di Stato.

Alle 9 è convocato il Consiglio dei ministri. All’ordine del giorno non ci sono argomenti di particolare rilevanza. I ministri si confronteranno con alcuni trattati internazionali e con un decreto legislativo sulla normativa comunitaria in materia di tutela delle vittime di reato.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia