Eccellenza

Bagnoregio è l’Eden: ‘no tax’, bus gratis e aiuti per le bollette

94

Il paese di Bengodi esiste davvero. I suoi abitanti non pagano tasse comunali, viaggiano gratis sui mezzi pubblici, parcheggiano liberamente nelle strisce blu, non versano un euro per la mensa scolastica dei bambini e nemmeno per lo scuolabus. E le famiglie meno abbienti ricevono persino un assegno a casa, per pagare le bollette. Sembra una favola e invece è realtà. Quel paese è 38 chilometri a nord di Viterbo, non lontano dalle rive del lago di Bolsena, e dista un po’ più di un’ora e mezza d’auto da Roma. Il suo nome? Bagnoregio.

E’ un paradosso che a rendere bella la vita ai suoi 3.700 abitanti sia la “Città che muore”, ovvero Civita di Bagnoregio, lo splendido borgo medievale che sorge a un chilometro e mezzo dal centro, abbarbicato su uno sperone tufaceo e collegato al resto del mondo grazie a un ponte lungo trecento metri. La ricetta della prosperità venne trovata nel 2013: mettere un varco all’inizio del ponte, imponendo un biglietto d’ingresso. Ricetta, è proprio il caso di dirlo, perché Francesco Bigiotti, il sindaco di Bagnoregio, che cinque anni fa era al suo primo mandato, è un farmacista. Soltanto che il costo, allora, venne fissato in un euro e mezzo, mentre di recente è stato alzato a tre euro e a cinque nei giorni festivi.

A Pasqua s’è toccata quota 6 mila 300 paganti, a Pasquetta più del doppio, oltre 13 mila biglietti staccati. Le due festività hanno reso al Comune 110 mila euro, ovvero 30 euro ad abitante. Senza contare le tariffe delle circa mille “strisce blu” (del tutto insufficienti) dove i visitatori hanno lasciato l’auto. Del resto, l’anno scorso sono stati venduti ben 850 mila biglietti. E nel 2018? “Quest’anno contiamo di superare il milione – risponde il sindaco, che guida per la seconda volta una giunta civica – Nel bilancio di previsione abbiamo inserito incassi per 2,8-3 milioni di euro, ma probabilmente andremo sopra. Paradossalmente, da quando abbiamo deciso il ticket, le presenze sono raddoppiate e i visitatori sono divenuti molto più rispettosi, quasi che Civita di Bagnoregio fosse più preziosa di prima”.

Ma in concreto, quali i vantaggi per gli abitanti? “Siamo la città italiana con la  minore pressione fiscale in assoluto – spiega orgoglioso Bigiotti – La prima decisione che abbiamo assunto, in anticipo sul governo nazionale, è stata l’abolizione dell’Imu sulla prima casa. Ma abbiamo chiesto alle Entrate il permesso per abolire anche l’imposta sulle seconde case, per le quali la nostra aliquota è oggi al minimo di legge, il 7,6 per mille. Inoltre a Bagnoregio non c’è Tasi e non c’è addizionale Irpef”. Poi i trasporti (i cittadini non pagano il biglietto nemmeno per andare a Bolsena), le ecografie per le quali prima bisognava andare a Viterbo, e invece ora, dopo l’acquisto di un apparecchio da 90 mila euro, è la gente che viene qui da altri paesi, il pool del consultorio, ricostituito grazie alla figura centrale di un assistente sociale, mense e scuolabus gratis e persino un insegnante di inglese alla scuole materne, pagato dal Comune. Infine, quell’assegno ai meno abbienti: “Sì, lo abbiamo previsto per quelle famiglie con reddito complessivo lordo inferiore ai 15 mila euro, ed finalizzato al pagamento delle utenze domestiche”.

Un punto d’onore, per la Giunta, è aver finanziato un accordo con la Croce Rossa per condurre al borgo disabili e infortunati, con automezzi realizzati ad hoc. Ma Il boom turistico, oltre a portare proventi, non solo al Comune, ma anche ad albergatori e ristoratori, crea però pure problemi. “A parte i biglietti venduti, calcoliamo che a Pasqua gli ospiti siano stati in tutto 7.500 e a Pasquetta addirittura 20 mila…Un po’ troppi, forse, per le nostre attuali capacità di accoglienza”.

Ultime notizie
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli