Diario per il futuro. Bilancio integrato per ricostruire un positivo rapporto tra le imprese private e lo Stato

Nel quadro delle operazioni di rilancio dell’economia e del nuovo rapporto che sarà necessario creare tra l’Amministrazione pubblica e le imprese private, un punto importante sul quale intervenire riguarda un vero chiarimento sul contributo che le aziende offrono allo sviluppo complessivo, sostenibile della comunità, alla diffusione dei benefici sul sistema sociale e ambientale delle comunità in cui operano.

Questa operazione di chiarezza ha un duplice scopo: mettere in evidenza la funzione sociale delle imprese (la loro “utilità sociale”, secondo l’art. 41 della Costituzione italiana) e creare le condizioni affinché in un periodo di crisi/cambiamento strutturale come quello attuale il rapporto tra l’Amministrazione pubblica e l’impresa privata sia re-impostato non più sulla semplice sovvenzione e assistenza dalla prima alla seconda, dello Stato alle aziende, ma su uno scambio di reciproche utilità e convenienze. È la chiarezza sui reali termini di questo scambio che può dare una forte giustificazione alla necessità dei sostegni pubblici alle imprese private.

Per raggiungere questo scopo, che per le imprese private costituisce un “interesse obiettivo” tanto più grande quanto è difficile questo periodo di riassestamento e ristrutturazione, è necessario che proprio dal mondo delle imprese emerga una iniziativa adeguata che faccia perno su una diversa formulazione dei loro bilanci e sia finalizzata a promuovere l’adozione del cosiddetto “bilancio integrato”. Non è certo un’operazione facile, tanto più in un periodo di vera emergenza in cui la prima esigenza è quella di sopravvivere a questa incredibile crisi mondiale. Un’operazione che richiede anche un cambio di sensibilità e di cultura presso gli imprenditori privati ‒ più integrata o sistemica si potrebbe definire ‒ ai quali un contributo potrebbe essere fornito dalle associazioni di categoria. Ma è una operazione che fa uscire l’imprenditore privato dalla condizione di essere un semplice richiedente di sussidi e assistenza pubblica e lo mette, invece, nella posizione di poter dimostrare che con la sua attività, chiaramente finalizzata al profitto, produce anche benefici molteplici e diffusi per la comunità; ed ha perciò un titolo ben più valido per partecipare alla distribuzione delle risorse pubbliche.

La attività di una impresa privata è chiaramente finalizzata alla massimizzazione del profitto e la rendicontazione e il bilancio tradizionale, come elaborati in genere degli imprenditori, riflettono e sono limitati ad evidenziare questa finalità primaria. Negli ultimi anni, tuttavia, gli accordi sulla sostenibilità dello sviluppo, siglati tra gli Stati nell’ambito delle maggiori Istituzioni internazionali (ad esempio, l’accordo di Parigi sul clima (COP21) e gli obiettivi definiti dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite), nell’evidenziare il ruolo fondamentale che le imprese private devono svolgere a questo fine, hanno raccomandato l’adozione di nuovi modelli di business, nuove tipologie di investimenti, ma anche l’adozione di nuovi parametri nella formulazione delle loro rendicontazioni e bilanci. Questo genere di raccomandazioni e impegni, i quali possono sembrare indicazioni anche molto lontane ad una impresa privata che sta operando nell’attuale emergenza, stanno registrando una crescente attenzione da parte, ad esempio, dei grandi gruppi di interesse internazionali, come i fondi finanziari e le banche multilaterali di sviluppo, i quali si stanno orientando sempre più a sostenere quelle attività d’impresa che operano e adottano nelle loro rendicontazioni e bilanci questi nuovi parametri. In sostanza, l’adozione del “bilancio integrato” può aprire alle imprese private delle ulteriori opportunità aggiuntive a quelle dei provvedimenti tradizionali degli Stati nazionali e delle rispettive Amministrazioni.

A livello internazionale, vedi l’Integrated Reform Framework IFF, sono state individuate le principali categorie di capitale che un’impresa privata dovrebbe far emergere e comunicare insieme ai risultati delle proprie attività nel proprio bilancio integrato. Queste categorie sono:

Capitale finanziario, o insieme dei fondi disponibili ottenuti da finanziatori esteri o da autofinanziamento;
Capitale manifatturiero, o insieme di macchinari e strumenti fisici destinati alla produzione di beni e servizi;
Capitale intellettuale, o insieme delle conoscenze immateriali come brevetti, licenze, software oltre al “capitale organizzativo” come le conoscenze informali, le procedure e i protocolli;
Capitale umano, o l’insieme delle competenze, capacità ed esperienza delle persone impiegate all’interno dell’azienda, la loro motivazione, la condivisione del modello di management e dei valori etici esplicitatati dall’azienda;
Capitale sociale e relazionale, o l’insieme delle relazioni tra le differenti comunità. Gruppi di stakeholders e la capacità di condividere le informazioni per incrementare e migliorare il benessere individuale e collettivo,
Capitale naturale, o insieme delle risorse sia quelle rinnovabili che non rinnovabili. Include l’aria, l’acqua, il territorio, i minerali e le foreste oltre ai livelli di biodiversità e gli ecosistemi.

A questo riguardo, la circostanza da sottolineare è la seguente: quanto più un’impresa privata saprà elaborare un bilancio facendo riferimento e integrandolo con i suddetti parametri, tanto più sarà nelle condizioni di dimostrare i valori esterni che sta contribuendo a creare nella comunità di riferimento. Presentando e diffondendo un tale bilancio avrà, in sostanza, i titoli adeguati non per chiedere una semplice assistenza emergenziale ma per attivare con lo Stato una logica di scambio tra i sostegni pubblici che l’operatore pubblico eroga e i benefici che l’azienda, insieme al proprio profitto privato, comunque diffonde in tutta la società. Lo strumento del bilancio integrato serve, dunque, proprio a questo: a dimostrare il valore dei benefici che l’impresa privata diffonde nella società. L’adozione di un simile strumento da parte delle imprese può aiutare molto anche l’azione dello Stato dal momento che, in questo caso, i famosi prestiti e sovvenzioni di cui tanto si parla in questo periodo a livello nazionale ed europeo non sarebbero più da interpretare come una perdita per le casse dello Stato ma come un riconoscimento della utilità pubblica delle imprese, un investimento sulle loro iniziative.

Certamente, il modo in cui i capitali non finanziari e la produzione di valori esterni entrano nel modello di business dell’impresa privata e nel suo bilancio richiede l’adozione di standard e parametri di riferimento ben precisi; un’operazione tutt’altro che facile. Da concordare sono, ad esempio, le metriche per calcolare i valori esterni prodotti dall’azienda, e le modalità con cui si elabora un bilancio integrato nei due aspetti dell’utile aziendale e degli impatti positivi all’esterno dell’azienda.

Ma non vi è dubbio che questa è una via innovativa per riportare, in termini corretti e adeguati alle sfide future, l’impresa al centro del territorio, valorizzare il buon lavoro di un imprenditore, ricostruire un corretto e costruttivo rapporto tra pubblico e privato, che la prevalente logica assistenziale rischia di distruggere in questa situazione di emergenza, con vero pregiudizio per le prospettive future.

Fabrizio Zucca
Accademic fellow, Bocconi Business School, Milano
Business Advisor per l’Italia della Banca Europea di Ricostruzione e Sviluppo (BERS)
Membro del Comitato Scientifico dell’Eurispes

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica