Emergenza sanitaria, Cesare Greco: “Rafforzare il ruolo dei medici di famiglia e dell’assistenza domiciliare”

L’emergenza del Covid-19 che si sono trovate a fronteggiare le strutture sanitarie italiane era imprevista e non prevedibile? Le risposte potrebbero essere di segno opposto ma soprattutto articolate. Una cosa è certa: l’abbandono della cosiddetta medicina territoriale è un gap da colmare immediatamente. Lo dicono i medici di prima linea, quelli che tutti i giorni sono a contatto con i malati. Uno di questi è il Prof. Cesare Greco, dell’Università Sapienza, Responsabile UOD Emodinamica B al Policlinico Umberto I di Roma.

Secondo quello che dicono alcuni studiosi, ci sarebbero legami fra le malattie cardiovascolari e l’insorgenza del Covid. Lei cosa dice?

No, in realtà non c’è una vicinanza. Nel senso che il Covid ha messo in evidenza un’estrema aggressività dal punto di vista della risposta infiammatoria. Questa risposta infiammatoria ha innescato una cascata coagulativa che ha provocato, in molti pazienti, la cosiddetta CID (Coagulazione Intravasale Disseminata). C’è stata un’altra circostanza grave, a mio parere. Quando questo fatto è stato denunciato, ricordo che ci fu un cardiologo di Ancona che disse: «Io facendo l’eco a questi pazienti che stanno in terapia intensiva, vedo i coaguli». Fu sbeffeggiato da chi, facendo l’esperto – in realtà non lavorava sui pazienti in urgenza, lavorava in laboratorio – si mostrò molto scettico. Successivamente, sono usciti anche dei lavori che hanno evidenziato come il virus sia in grado di penetrare all’interno delle cellule dei vasi. Quindi l’effetto del virus sul sistema cardiovascolare è stato devastante, però di questo ci si è accorti successivamente perché, fra l’altro, non si avevano gli strumenti diretti come l’autopsia, appunto, per verificare che ci fossero queste gravi trombosi.

Molti fondi arriveranno dall’Europa all’Italia, e molti fondi saranno destinati anche alla sanità, in particolare quelli del MES. Lei li prenderebbe subito?

Li prenderei sì, sono ad interesse negativo. Praticamente, una parte di questi soldi sono ad interesse negativo: non faccio l’economista, ma credo che, di fatto, siano a fondo perduto. Come fare a non prendere soldi a interesse bassissimo quando invece andando sul mercato con i titoli di Stato si pagano interessi superiori all’uno? Lo trovo folle.

In chiusura: quali sono le frontiere della medicina del futuro?

Le frontiere della medicina del futuro sono legate alla globalizzazione. Ovverosia, la globalizzazione ci ha dimostrato come patologie che consideravamo marginali non lo sono per niente, perché non viaggiano più con la velocità dei vascelli a vela, ma viaggiano con gli aerei supersonici; un mondo interconnesso è un mondo in cui anche le patologie si spostano velocemente. Fra le altre cose, le avvisaglie c’erano state tutte, perché c’era stata la Sars, c’era stata l’Aviaria, c’erano state diverse patologie che per fortuna erano abortite. Il Covid-19, invece, ha colpito pesantemente e non è escluso che possa ripresentarsi una nuova pandemia su nuove basi. Da anni si parla anche di eventuali superbatteri resistenti a tutti gli antibiotici: se dovesse avvenire una cosa di questo genere e la sanità non è pronta a fare fronte, credo che davvero sarebbe una strage.

 

Ultime notizie
Attualità

Natale e tanta voglia di leggerezza

Fare shopping è la parola d’ordine nei primi giorni di cauta (ufficialmente: molto cauta) apertura di negozi ed esercizi commerciali. Il Natale...
di Angelo Perrone*
Cultura

Musica, la riscossa del vinile: cresce il mercato degli LP

Musica, il vecchio LP continua a registrare un interesse senza precedenti, tanto che nell’industria americana i ricavi degli album in vinile rappresentano il 62% dei ricavi totali dei supporti fisici, vale a dire 232 milioni di dollari.
di Ilaria Tirelli
Vincenzo Macrì

Maxi riclaggio da 500 miliardi di euro, come le mafie condizionano l’economia mondiale

  Il quotidiano on line Corriere della Calabria del 27 novembre scorso pubblica un articolo a firma Pablo Petrasso che riferisce i risultati...
di Vincenzo Macrì
Europa

Povertà: ancora troppo grande il numero di senzatetto, 700mila solo in Europa

700mila persone in Europa vivono in strada e ogni notte sono costrette a cercare ricoveri di fortuna,. Oggi la disponibilità nei centri di accoglienza è ridotta, a causa del distanziamento reso necessario dalle misure sanitarie in atto contro il Covid.
di Roberta Rega
Metafore per l'Italia

Dov’è finito il Sud?

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.   Lo “spirito...
di Gian Maria Fara
Cosa vuol dire Mafia?

Cosa vuol dire Mafia? Dialogo con Marisa Manzini, procuratore aggiunto di Cosenza

Per cominciare a comprendere la complessità di un tessuto civile e sociale come quello calabrese, abbiamo dialogato con Marisa Manzini, Procuratore aggiunto della Procura di Cosenza. L’intervista è contenuta nella rubrica “Cosa vuol dire Mafia? Dialoghi sulla legalità” a firma di Sergio Nazzaro
di Sergio Nazzaro
Diritto

Web tax: il 2021 sarà l’anno della svolta?

Le multinazionali del Web godono di una non più ammissibile omessa tassazione dei loro miliardari profitti. Per affrontare fenomeni come quello della tassazione dell’economia digitale occorre adottare una nuova prospettiva.
di Giovambattista Palumbo*
Video

La luce, oltre la siepe

Quante volte vi siete chiesti: quando finirà? E quante volte vi siete sentiti rispondere: quando arriverà un vaccino. Ora sembra che stia...
di Emilio Albertario
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*