Emergenza sanitaria, Cesare Greco: “Rafforzare il ruolo dei medici di famiglia e dell’assistenza domiciliare”

L’emergenza del Covid-19 che si sono trovate a fronteggiare le strutture sanitarie italiane era imprevista e non prevedibile? Le risposte potrebbero essere di segno opposto ma soprattutto articolate. Una cosa è certa: l’abbandono della cosiddetta medicina territoriale è un gap da colmare immediatamente. Lo dicono i medici di prima linea, quelli che tutti i giorni sono a contatto con i malati. Uno di questi è il Prof. Cesare Greco, dell’Università Sapienza, Responsabile UOD Emodinamica B al Policlinico Umberto I di Roma.

Secondo quello che dicono alcuni studiosi, ci sarebbero legami fra le malattie cardiovascolari e l’insorgenza del Covid. Lei cosa dice?

No, in realtà non c’è una vicinanza. Nel senso che il Covid ha messo in evidenza un’estrema aggressività dal punto di vista della risposta infiammatoria. Questa risposta infiammatoria ha innescato una cascata coagulativa che ha provocato, in molti pazienti, la cosiddetta CID (Coagulazione Intravasale Disseminata). C’è stata un’altra circostanza grave, a mio parere. Quando questo fatto è stato denunciato, ricordo che ci fu un cardiologo di Ancona che disse: «Io facendo l’eco a questi pazienti che stanno in terapia intensiva, vedo i coaguli». Fu sbeffeggiato da chi, facendo l’esperto – in realtà non lavorava sui pazienti in urgenza, lavorava in laboratorio – si mostrò molto scettico. Successivamente, sono usciti anche dei lavori che hanno evidenziato come il virus sia in grado di penetrare all’interno delle cellule dei vasi. Quindi l’effetto del virus sul sistema cardiovascolare è stato devastante, però di questo ci si è accorti successivamente perché, fra l’altro, non si avevano gli strumenti diretti come l’autopsia, appunto, per verificare che ci fossero queste gravi trombosi.

Molti fondi arriveranno dall’Europa all’Italia, e molti fondi saranno destinati anche alla sanità, in particolare quelli del MES. Lei li prenderebbe subito?

Li prenderei sì, sono ad interesse negativo. Praticamente, una parte di questi soldi sono ad interesse negativo: non faccio l’economista, ma credo che, di fatto, siano a fondo perduto. Come fare a non prendere soldi a interesse bassissimo quando invece andando sul mercato con i titoli di Stato si pagano interessi superiori all’uno? Lo trovo folle.

In chiusura: quali sono le frontiere della medicina del futuro?

Le frontiere della medicina del futuro sono legate alla globalizzazione. Ovverosia, la globalizzazione ci ha dimostrato come patologie che consideravamo marginali non lo sono per niente, perché non viaggiano più con la velocità dei vascelli a vela, ma viaggiano con gli aerei supersonici; un mondo interconnesso è un mondo in cui anche le patologie si spostano velocemente. Fra le altre cose, le avvisaglie c’erano state tutte, perché c’era stata la Sars, c’era stata l’Aviaria, c’erano state diverse patologie che per fortuna erano abortite. Il Covid-19, invece, ha colpito pesantemente e non è escluso che possa ripresentarsi una nuova pandemia su nuove basi. Da anni si parla anche di eventuali superbatteri resistenti a tutti gli antibiotici: se dovesse avvenire una cosa di questo genere e la sanità non è pronta a fare fronte, credo che davvero sarebbe una strage.

 

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario