Europee, “countdown” per il voto. Legnano, migranti e sicurezza: rissa continua nel Governo

Countdown per le europee, ma l’attenzione rimane concentrata sulle tensioni tra Lega e M5S; contrasti alimentati anche dalle notizie che arrivano sulla “nuova tangentopoli” lombarda; anche questa settimana, poi, l’universo dell’estrema destra figura più volte nei servizi. L’analisi dell’Osservatorio Tg dell’Eurispes dal 13 al 17 maggio.

In una settimana scandita dal countdown per le elezioni europee, ritmato in più occasioni nei titoli da Rai e Mediaset, ad occupare le prime pagine restano le nuove vette raggiunte dalle tensioni nella maggioranza, alimentate dalle inchieste che hanno coinvolto esponenti di Lega e Forza Italia (e presenti in ben 20 titoli).

L’arresto del sindaco di Legnano, “luogo di nascita” del Carroccio, reclama, giovedì 16, tutte le aperture, con il ministro Di Maio che, tornando a parlare di “nuova tangentopoli”, rilancia un durissimo “o noi o loro” a scapito dell’alleato di Governo. Attacchi che, secondo la copertina (sempre giovedì) del Tg5, sono ormai “sul piano umano”, e costituiscono il “punto più basso” nei rapporti tra Lega e 5 Stelle. La “rissa continua” (Tg La7) si ripropone venerdì, con toni se possibile più accesi, sui temi dei migranti e della sicurezza, e sullo sfondo della vicenda della nave ong Sea Watch (titoli per Tg3 e Tg5), sino al giorno prima quasi del tutto assente nell’informazione di primetime.

I toni dello scontro, riproposto in “quantità industriali” dai Tg Mediaset, e invece in certa misura “attutiti” dalle testate Rai, riempiono le pagine della politica. L’attività del Premier Conte passa così in secondo piano, ed il suo incontro con Haftar, venerdì, è appena menzionato dai Tg Rai. A spiccare sono, invece, mercoledì le preoccupazioni per lo spread, arrivato a toccare i 290 punti, che raccolgono le aperture di Tg2, Tg3, Tg4, Tg5 e Tg La7. Anche in questo caso, più che la difesa del Ministro Tria, a stimolare interesse sono gli scambi tra un Salvini che vuole sforare il tetto del 3% e un Di Maio che gli dà dell’irresponsabile. Venerdì spicca invece il richiamo del Capo dello Stato (apertura per i Tg Rai), che in vista del voto europeo, invita l’Unione e ritrovare lo spirito delle sue origini.

Forza Nuova e Casapound: indagati e morosi. Salvini e la scuola di Palermo. Mentana: «Grave la censura, ma anche spararla grossa»
Anche questa settimana l’universo dell’estrema destra figura più volte nei servizi. Lunedì la visita dell’ex sindaco di Riace alla Sapienza, difesa dagli studenti e contestata dai neofascisti di Forza Nuova, è in apertura per Tg La7 (titolo per Tg3) e nei servizi per gli altri, con il Tg di Mentana che segnala anche l’episodio di uno schiaffo contro gli studenti da parte di un forzanuovista alla presenza delle Forze dell’Ordine (mentre nei servizi degli altri Tg si parla di una manifestazione “senza incidenti”); ulteriori titoli e servizi sono andati ai provvedimenti relativi ai disordini delle scorse settimane nella periferia della Capitale, e che vedono indagati oltre 60 esponenti tra esponenti di Forza Nuova e CasaPound. Tg3, Tg1, Tg5 e Tg La7 titolano inoltre sulle strumentalizzazioni contro gli abitanti morosi di un palazzo occupato in zona San Giovanni, nonostante proprio CasaPound abbia sede in uno stabile occupato, senza pagare da anni le bollette dell’elettricità.

La vicenda dell’insegnante di una scuola media di Palermo, sospesa per 15 giorni per un video elaborato dai suoi studenti in cui si equiparavano le politiche del Governo gialloverde a quelle dell’Italia fascista, raccoglie un notevole interesse (titoli venerdì per Tg2 e Tg3, servizi anche giovedì per i Tg delle 20). Mentana questa volta interviene segnalando l’assurdo della censura ma, allo stesso tempo, l’opportunità di non “spararla grossa”: il decreto Sicurezza, per quanto lo si possa non apprezzare, è il prodotto di un Paese democratico e non di un regime totalitario.

Alabama: vietato l’aborto. Gli Usa non più “punto di riferimento”
La pagina degli esteri rimane attenta alla guerra dei dazi tra Usa e Cina, che impatta sulla borsa americana. La decisione dei giudici dell’Alabama di rendere in pratica illegale l’aborto anche in caso di stupro, raccoglie mercoledì titoli su Tg3 e Tg La7, con Mentana che si dice “tentato” di aprire su questa notizia, che dimostra come l’America di Trump non costituisca più un {punto di riferimento per lo sviluppo dei paesi democratici».
Spazio, fin dai titoli, martedì per Tg2 e Tg5 agli attentati in Burkina Fasu, costati la vita ad altri cristiani. Il Tg2 di Sangiuliano riprende giovedì in apertura l’arresto in Danimarca di un 30enne musulmano che avrebbe accoltellato una donna ebrea in Svezia, dedicando un approfondimento all’integrazione nel Nord Europa, che viene giudicata fallimentare, e alla sicurezza delle comunità ebraiche – sia quella svedese che quella romana ‒ più esposte allo spirito della globalizzazione. Sempre Tg2 propone, tra martedì e giovedì, un approfondimento sulla Grecia, con una interessante intervista al greco Varoufakis, ex Ministro del governo di Tsipras, che denuncia gli errori della Troika.

Napoli, la sparatoria in ospedale riapre la “ferita”. Tg2 “in metrò” tra la città partenopea e La Capitale
La sparatoria di giovedì notte in un ospedale al centro di Napoli s’impone nelle pagine della cronaca: titoli per tutti, con le aperture di Studio Aperto e Tg4. Tg2 visita il pronto soccorso, inserito in un tessuto sociale di forte precarietà. La stessa testata approfondisce lo stato della metropolitana di Roma, tra «affollamento, stazioni chiuse, e la piaga dei borseggiatori»; in questo caso l’“esempio positivo” viene proprio da Napoli, dove il servizio pubblico sembra funzionare meglio e la metropolitana contribuisce ad illustrare le bellezze artistiche della città.

Tg3 e lo stato delle carceri. Immigrazione e reddito: per Tg La7 “aiutarli a casa loro” funziona
Segnaliamo, in chiusura, i due servizi del Tg3 dedicati alle condizioni delle carceri italiane, che, oltre a riproporre l’allarme lanciato dall’ Associazione Antigone per il sovraffollamento, illustrano alcuni esempi di recupero attraverso attività artistiche che impegnano i carcerati. Nel complesso, attenzione diffusa venerdì per la giornata mondiale contro l’omofobia, con buone coperture ed interviste da parte del Tg3 ma anche dei Tg Mediaset.

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra