Film e fiction sui Finanzieri, uno sguardo sull’Italia di ieri e di oggi

Un libro dedicato ai film e alle fiction televisive che, nel corso di oltre mezzo secolo di storia, hanno “ripreso” e documentato il lavoro della Guardia di Finanza e, di riflesso, anche i cambiamenti economico-sociali avvenuti nel nostro Paese. “La Guardia di Finanza nel cinema e nella fiction Tv” di Gerardo Severino e Giandomenico Belliotti è un’opera unica nel suo genere, edita dalla Gangemi editore è stata presentata a Roma lo scorso novembre.

unnamed

Riavvolgendo la pellicola virtuale di questo libro, frutto di un lavoro durato quattro anni, si scopre che i primi Finanzieri a calcare un set cinematografico li troviamo a fronteggiare i “contrabbandieri galantuomini” in Abbasso la miseria! (1945), interpretato da Anna Magnani, con la regia di Gennaro Righelli, mentre gli ultimi li vediamo alla prese con uno scandalo finanziario in Sotto una buona stella (2014), regia di Carlo Verdone, con Paola Cortellesi. Ma poi, tornando con un pizzico di nostalgia al “bianco e nero”, come non citare Barriera a settentrione (1949) di Luis Trenker, con Amedeo Nazzari; La banda degli onesti (1956) di Camillo Mastrocinque con Totò e Peppino De Filippo e I tartassati (1959), celebre film di Steno, ancora con Totò e Aldo Fabrizi. Dal 1986 al 2002 in Puglia è in corso una vera e propria guerra con una nuova generazione di contrabbandieri, spietati e senza scrupoli, che uccidono senza pensarci due volte. Sul campo cadono alcuni Finanzieri. Scatta l’operazione “Primavera” e il film di Lucio Giordano Le bande (2005) testimonia gli sforzi compiuti dal Corpo per debellare questo grave fenomeno criminale. Nelle fiction tv la Guardia di Finanza esordisce con Nucleo centrale investigativo (1974), regia di Vittorio Armentano. Ultima apparizione in Qualunque cosa succeda (2014), regia di Alberto Negrin, con Pierfrancesco Favino nei panni dell’avvocato Giorgio Ambrosoli. Nel mezzo, piace ricordare altri due importanti tasselli per comprendere la controversa realtà dei nostri tempi: Blindati (2002), regia di Claudio Fragasso e le due serie de Il Capitano (2005 e 2007), dirette dal regista Vittorio Sindoni che ha raccontato la sua esperienza durante la presentazione del libro alla quale hanno partecipato anche il Generale Luciano Luciani, Presidente del Museo Storico della Guardia di Finanza e Giuseppe Fiorello, autore della prefazione al libro.

Insomma, anche cinema e fiction “possono far capire molto di questo nobile mestiere”, nonostante la realtà sia molto più complessa. Parola di Giuseppe Fiorello che, bambino, giocava a fare il Finanziere ammirando la divisa che indossava l’indimenticato padre Nicola.

Come ci spiega uno degli autori del libro, Giandomenico Belliotti: “Il libro è frutto di un lavoro di ricerca durato circa quattro anni, necessario per reperire il materiale iconografico e fotografico riguardante i film e le fiction che, nel corso di oltre mezzo secolo di storia, hanno “ripreso” e documentato il lavoro della Guardia di Finanza. Per questo motivo, colgo l’occasione per ringraziare la Cineteca Nazionale – Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, l’Istituto Luce Cinecittà e tutte le case di produzione e distribuzione cinematografiche che ci hanno fornito la loro preziosa collaborazione nelle ricerche. Per ogni film e fiction, abbiamo realizzato una scheda riassuntiva che riporta il cast degli attori, una breve trama e i più suggestivi scatti di scena attraverso cui è possibile ricostruire anche l’evoluzione delle uniformi in uso al Corpo. In alcuni casi siamo tornati, per così dire, anche sui set cinematografici riportando le cronache dell’epoca, raccontate in alcuni servizi fotogiornalistici pubblicati dal periodico “Il Finanziere” (il mensile ufficiale della Guardia di Finanza fondato nel 1886 ndr), con interviste a registi ed attori protagonisti dei film”.

guardiafinanza 2

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang