Film e fiction sui Finanzieri, uno sguardo sull’Italia di ieri e di oggi

Un libro dedicato ai film e alle fiction televisive che, nel corso di oltre mezzo secolo di storia, hanno “ripreso” e documentato il lavoro della Guardia di Finanza e, di riflesso, anche i cambiamenti economico-sociali avvenuti nel nostro Paese. “La Guardia di Finanza nel cinema e nella fiction Tv” di Gerardo Severino e Giandomenico Belliotti è un’opera unica nel suo genere, edita dalla Gangemi editore è stata presentata a Roma lo scorso novembre.

unnamed

Riavvolgendo la pellicola virtuale di questo libro, frutto di un lavoro durato quattro anni, si scopre che i primi Finanzieri a calcare un set cinematografico li troviamo a fronteggiare i “contrabbandieri galantuomini” in Abbasso la miseria! (1945), interpretato da Anna Magnani, con la regia di Gennaro Righelli, mentre gli ultimi li vediamo alla prese con uno scandalo finanziario in Sotto una buona stella (2014), regia di Carlo Verdone, con Paola Cortellesi. Ma poi, tornando con un pizzico di nostalgia al “bianco e nero”, come non citare Barriera a settentrione (1949) di Luis Trenker, con Amedeo Nazzari; La banda degli onesti (1956) di Camillo Mastrocinque con Totò e Peppino De Filippo e I tartassati (1959), celebre film di Steno, ancora con Totò e Aldo Fabrizi. Dal 1986 al 2002 in Puglia è in corso una vera e propria guerra con una nuova generazione di contrabbandieri, spietati e senza scrupoli, che uccidono senza pensarci due volte. Sul campo cadono alcuni Finanzieri. Scatta l’operazione “Primavera” e il film di Lucio Giordano Le bande (2005) testimonia gli sforzi compiuti dal Corpo per debellare questo grave fenomeno criminale. Nelle fiction tv la Guardia di Finanza esordisce con Nucleo centrale investigativo (1974), regia di Vittorio Armentano. Ultima apparizione in Qualunque cosa succeda (2014), regia di Alberto Negrin, con Pierfrancesco Favino nei panni dell’avvocato Giorgio Ambrosoli. Nel mezzo, piace ricordare altri due importanti tasselli per comprendere la controversa realtà dei nostri tempi: Blindati (2002), regia di Claudio Fragasso e le due serie de Il Capitano (2005 e 2007), dirette dal regista Vittorio Sindoni che ha raccontato la sua esperienza durante la presentazione del libro alla quale hanno partecipato anche il Generale Luciano Luciani, Presidente del Museo Storico della Guardia di Finanza e Giuseppe Fiorello, autore della prefazione al libro.

Insomma, anche cinema e fiction “possono far capire molto di questo nobile mestiere”, nonostante la realtà sia molto più complessa. Parola di Giuseppe Fiorello che, bambino, giocava a fare il Finanziere ammirando la divisa che indossava l’indimenticato padre Nicola.

Come ci spiega uno degli autori del libro, Giandomenico Belliotti: “Il libro è frutto di un lavoro di ricerca durato circa quattro anni, necessario per reperire il materiale iconografico e fotografico riguardante i film e le fiction che, nel corso di oltre mezzo secolo di storia, hanno “ripreso” e documentato il lavoro della Guardia di Finanza. Per questo motivo, colgo l’occasione per ringraziare la Cineteca Nazionale – Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, l’Istituto Luce Cinecittà e tutte le case di produzione e distribuzione cinematografiche che ci hanno fornito la loro preziosa collaborazione nelle ricerche. Per ogni film e fiction, abbiamo realizzato una scheda riassuntiva che riporta il cast degli attori, una breve trama e i più suggestivi scatti di scena attraverso cui è possibile ricostruire anche l’evoluzione delle uniformi in uso al Corpo. In alcuni casi siamo tornati, per così dire, anche sui set cinematografici riportando le cronache dell’epoca, raccontate in alcuni servizi fotogiornalistici pubblicati dal periodico “Il Finanziere” (il mensile ufficiale della Guardia di Finanza fondato nel 1886 ndr), con interviste a registi ed attori protagonisti dei film”.

guardiafinanza 2

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili