Osservatorio TG

Risveglio della politica ?

I Tg di giovedì 14 gennaio – Mentre tutti i Tg aprono, inevitabilmente, sull’attentato di Giakarta (di cui tratteremo più avanti) vale la pena di segnalare come, in una fase in cui la politica arranca e certo non affascina, emerga un tema che manifesta una certa dignità. L’iter della legge sulle unioni civili e il forte dibattito interno al Pd sul rebus delle stepchild adoption (apertura Tg4, titoli per tutte le testate) preannunciano il riaccendersi da qui al 28 gennaio di uno scontro politico su temi “veri” che dividono tanto gli schieramenti (con Renzi e Berlusconi che concedono la libertà di coscienza) e le stesse coscenze dei cittadini; l’elemento concreto del contendere, la step child adoption, non viene pero’ più di tanto affrontata nei servizi, che privilegiano lo scontro senza spiegare. La cosa piu’ grave e’ che risulta oscurato il passeggio di civiltà che il Parlamento sta tardivamente affrontando.

Sempre per la politica continuano le beghe chiozzotte tra PD e M5S, con i Tg Mediaset che gongolano dietro le schermaglie sul web a colpi di “indagati” – le vicende di Quarto – e “sondaggi” – le dichiarazioni di Di Maio che si autodefinisce più popolare di Renzi -. Tg5 dedica non a caso un lungo servizio ai rapporti sempre conflittuali nella breve storia delle relazioni tra il Movimento ed il Partito Democratico.

Tutte le testate aprono sugli attentati a Giakarta, capitale dell’Indonesia, un paese molto lontano dalle sensibilità italiane, e di cui risulta difficile parlare. Ci provano i Tg Rai, raccontandoci della schiacciante maggioranza di cittadini musulmani (attorno ai 200 milioni) e dell’assenza di attentati dal 2009. Oggi l’Isis e Al Qaeda sarebbero in lotta per il monopolio dei gruppi fondamentalisti. Spostandoci sul fronte del Mediterraneo trovano poco spazio sia le minacce all’Italia da parte di Al Qaeda, che la dura offensiva turca contro il Daesh dopo gli attentati degli scorsi giorni. Tg La7 segue le manovre militari dell’Isis sul fronte libico, dove gli uomini del Daesh avrebbero preso in ostaggio 150 persone in un impianto petrolifero minacciando di ucciderle domani. Tg1 prosegue la sua inchiesta sull’Albania, paese crocevia di molti gruppi jihadisti.

L’anno scorso le notizie sugli arrivi e la gestione dei migranti si sono imposte nel panorama della comunicazione con un’attenzione risoltasi su alcune testate in campagne securitarie permanenti. Ciò che è però quasi sempre mancato, se escludiamo alcuni servizi di tg2 e Tg3, sono state le riflessioni sulle politiche d’integrazione efficaci. Stasera Tg4 ci racconta che ad Asti si sta sperimentando una nuova pratica d’accoglienza : 400 euro al mese alle famiglie che accolgono uno o più profughi. Non casualmente, il servizio punta a denigrare la pratica parlando di “soldi spesi per ospitare immigrati dati ad altri immigrati” visto come la maggior parte dei nuclei familiari che hanno preso parte all’iniziativa sono immigrati (regolari) di prima o seconda generazione. Ma c’è di più: al servizio si accompagna il commento di un parroco di Monferrato che offre la sua parrocchia ai bisognosi purchè questi cambino religione, e per il quale “è bene accetto solo chi vive da cristiano”: Cuius regio, eius religio”. Di altro tenore il Tg5, che dedica la sua copertina proprio alla “terribile ondata di odio religioso che attraversa l’Europa”: persecuzioni compiute verso gli egregious – con un commento del direttore del Foglio Claudio Cerasa – ma che colpiscono tutte le altre fedi, comprese le comunità islamiche “messe all’indice come se fossero tutte dei tagliagole dell’Isis”.

lo spettro di un altro caso Dieselgate, evocato da alcuni controlli negli impianti della casa francese Renault scuote le borse e figura nei titoli di molte testate. Il calo del prezzo del petrolio registra stasera l’interesse dei Tg Rai, con un approfondimento del Tg2 che inquadra gli effetti negativi sulle economie di molti paesi extraeuropei, e quelli positivi per quella italiana.

La Corte Europea che condanna l’Italia al risarcimento di 350 cittadini che hanno negli anni 80 ricevuto trasfusioni di sangue infetto è presente a fine edizione per molte testate. Tg La7 preannuncia l’imminente arrivo di nuovi guai per la Capitale per una nuova, grande inchiesta che già coinvolgerebbe decine di dirigenti e funzionari pubblici indagati per abuso d’ufficio.

Chiudiamo sulla singolare testimonianza offerta da Tg1, Tg4 e Studio Aperto in relazione agli arresti di una banda di giovane ladri tossicodipendenti a Pescara. Tutte e tre le testate ripropongono il video “del rito di iniziazione” del padre che insegna al figlio di tre anni in carrozzella le gioie del delinquere. “Bravo, primo furto a 2 anni”.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia