Finanza islamica: nasce Goldx, la prima criptovaluta Sharia compliant

La finanza islamica sta diventando ormai una realtà sempre più radicata anche nel sistema finanziario occidentale. E alcuni istituti finanziari occidentali hanno aperto da tempo rami aziendali che operano secondo i suoi precetti (Abn-Amro, Citibank, Dresdner, Unione delle banche svizzere).
La finanza islamica è peraltro anche aperta all’evoluzione tecnologica. L’Islamic Financial Services Board (IFSB, l’organo internazionale più importante della finanza islamica) nel suo Stability Report del 2017 ha del resto dedicato un’intera sezione al fintech e alle sue applicazioni, dimostrando come sia ormai sempre più diffusa l’idea che il fintech rappresenti la nuova frontiera anche per le banche islamiche. Che questo mondo dovesse incontrare anche quello delle criptovalute era dunque solo questione di tempo. E, infatti, con Goldx, creata da una società malese, è nata la prima criptovaluta Sharia compliant, in cui l’emissione di un token è supportata dall’oro fisico, conservato in un deposito a Singapore.

In pratica, la nuova criptovaluta (tra le circa 1500 esistenti) mira a consentire un accesso facile e conveniente all’oro, attraverso, sostanzialmente, una digitalizzazione dei lingotti. Ma, soprattutto, la nuova valuta digitale potrebbe rappresentare la porta d’accesso per i clienti musulmani al mercato delle criptovalute. E questa sarebbe una novità, dato che il rapporto tra valute digitali e mondo islamico è stato (ed è ancora, in alcuni casi), fino ad oggi, molto “turbolento”.
In Bangladesh, la banca centrale ha fatto sapere infatti che il trading di criptovalute può essere punito con pene fino a 12 anni di carcere. E, in Egitto, il primo gennaio di quest’anno il Gran Muftì (la massima autorità religiosa del Paese) ha lanciato una vera e propria fatwa contro i bitcoin, che sarebbero portatori di “frode, tradimento e ignoranza”, equiparandone il sistema a quello delle scommesse, vietate dal diritto islamico. La condanna dell’autorità religiosa giunge peraltro a supporto della decisione, già annunciata dall’Autorità egiziana di supervisione finanziaria (EFSA), di dichiarare illegittimo il commercio di bitcoin. In Algeria, poi, con la finanziaria del 2018, è stato vietato non solo il trading, ma anche il possesso di bitcoin e di altre criptovalute. E stesso atteggiamento ostile, infine, lo si registra anche in Marocco, Kuwait e Turchia, dove la Direzione turca per gli Affari religiosi (Diyanet), una sorta di Ministero per gli affari religiosi, ha emesso una fatwa per mettere in guardia i musulmani turchi dall’utilizzare i bitcoin, giudicati “immorali”.

Fanno eccezione, invece, nel mondo arabo, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, che, a dicembre 2017, hanno, tra l’altro, annunciato di lavorare ad una nuova moneta digitale per le transazioni di confine. Perché, comunque, in generale, questa avversione da parte del mondo islamico all’evoluzione delle criptovalute? Probabilmente perché, dato che le Banche Centrali, naturalmente, non possono coprire il valore dei bitcoin (la cui caratteristica è proprio quella di non avere un ente emittente), commerciare con questa valuta, secondo i precetti islamici, non è dissimile dal praticare l’usura, o comunque dal praticare attività finanziarie puramente speculative, finalizzate ad ottenere un mero interesse, laddove, però, nel Corano vige proprio il divieto di interesse (ribā), dato che il denaro non può creare denaro. Per tale motivo, a ben vedere, Goldx, comunque “garantita” dall’oro custodito a Singapore, potrebbe aprire le porte a nuove, più benevole, valutazioni.

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu