Finanza islamica: nasce Goldx, la prima criptovaluta Sharia compliant

La finanza islamica sta diventando ormai una realtà sempre più radicata anche nel sistema finanziario occidentale. E alcuni istituti finanziari occidentali hanno aperto da tempo rami aziendali che operano secondo i suoi precetti (Abn-Amro, Citibank, Dresdner, Unione delle banche svizzere).
La finanza islamica è peraltro anche aperta all’evoluzione tecnologica. L’Islamic Financial Services Board (IFSB, l’organo internazionale più importante della finanza islamica) nel suo Stability Report del 2017 ha del resto dedicato un’intera sezione al fintech e alle sue applicazioni, dimostrando come sia ormai sempre più diffusa l’idea che il fintech rappresenti la nuova frontiera anche per le banche islamiche. Che questo mondo dovesse incontrare anche quello delle criptovalute era dunque solo questione di tempo. E, infatti, con Goldx, creata da una società malese, è nata la prima criptovaluta Sharia compliant, in cui l’emissione di un token è supportata dall’oro fisico, conservato in un deposito a Singapore.

In pratica, la nuova criptovaluta (tra le circa 1500 esistenti) mira a consentire un accesso facile e conveniente all’oro, attraverso, sostanzialmente, una digitalizzazione dei lingotti. Ma, soprattutto, la nuova valuta digitale potrebbe rappresentare la porta d’accesso per i clienti musulmani al mercato delle criptovalute. E questa sarebbe una novità, dato che il rapporto tra valute digitali e mondo islamico è stato (ed è ancora, in alcuni casi), fino ad oggi, molto “turbolento”.
In Bangladesh, la banca centrale ha fatto sapere infatti che il trading di criptovalute può essere punito con pene fino a 12 anni di carcere. E, in Egitto, il primo gennaio di quest’anno il Gran Muftì (la massima autorità religiosa del Paese) ha lanciato una vera e propria fatwa contro i bitcoin, che sarebbero portatori di “frode, tradimento e ignoranza”, equiparandone il sistema a quello delle scommesse, vietate dal diritto islamico. La condanna dell’autorità religiosa giunge peraltro a supporto della decisione, già annunciata dall’Autorità egiziana di supervisione finanziaria (EFSA), di dichiarare illegittimo il commercio di bitcoin. In Algeria, poi, con la finanziaria del 2018, è stato vietato non solo il trading, ma anche il possesso di bitcoin e di altre criptovalute. E stesso atteggiamento ostile, infine, lo si registra anche in Marocco, Kuwait e Turchia, dove la Direzione turca per gli Affari religiosi (Diyanet), una sorta di Ministero per gli affari religiosi, ha emesso una fatwa per mettere in guardia i musulmani turchi dall’utilizzare i bitcoin, giudicati “immorali”.

Fanno eccezione, invece, nel mondo arabo, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, che, a dicembre 2017, hanno, tra l’altro, annunciato di lavorare ad una nuova moneta digitale per le transazioni di confine. Perché, comunque, in generale, questa avversione da parte del mondo islamico all’evoluzione delle criptovalute? Probabilmente perché, dato che le Banche Centrali, naturalmente, non possono coprire il valore dei bitcoin (la cui caratteristica è proprio quella di non avere un ente emittente), commerciare con questa valuta, secondo i precetti islamici, non è dissimile dal praticare l’usura, o comunque dal praticare attività finanziarie puramente speculative, finalizzate ad ottenere un mero interesse, laddove, però, nel Corano vige proprio il divieto di interesse (ribā), dato che il denaro non può creare denaro. Per tale motivo, a ben vedere, Goldx, comunque “garantita” dall’oro custodito a Singapore, potrebbe aprire le porte a nuove, più benevole, valutazioni.

Ultime notizie
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione
influencer
Società

Con 2 milioni di influencer l’Italia è il secondo mercato europeo

Gli ultimi mesi hanno visto in difficoltà uno dei più grandi imperi economici costruiti sui new-media. Il cosiddetto “caso Balocco” ha messo in crisi tutto un mondo che si muove ancora in un terreno incerto di norme, tra pubblicità, post a pagamento ed esibizione perenne della propria vita privata.
di Rosa Romano*
influencer