Germania, la nuova leadership nella Spd. Terrà il quarto governo Merkel?

Quando il comitato elettorale della “Willy Brandt Haus” ha diffuso l’esito definitivo del ballottaggio per l’elezione della nuova presidenza della Spd, si sono alternate reazioni contrapposte tra i presenti rimbalzate sui media in pochi minuti.

Una profonda delusione è apparsa evidente tra i seguaci del Vice Cancelliere Olaf Scholz, opposta a un gioioso entusiasmo dei militanti schierati con i parlamentari della sinistra Spd, Saskia Esken, e l’ex ministro delle finanze del Nordreno-Vestfalia, Norbert Walter-Borjans, usciti vincenti dalla votazione. Il 53% dei voti degli iscritti espressi per posta o via web sono infatti andati a Esken e Walter-Borjans che pure partivano dal 21% del primo turno.
La partita era incerta, ma il risultato ha spiazzato lo stesso Scholz, presentatosi con la deputata del Brandeburgo, Klara Geywitz, formando un tandem incapace di superare quota 45,3%, otto punti percentuali in meno della coppia vincente Esken e Walter-Borjans, super-critica nei confronti della Grande coalizione con Angela Merkel e schieratasi apertamente contro il fedelissimo duo Scholz-Geywitz, favorevole invece all’alleanza con Cdu e Csu fino alla fine della legislatura.

Il risultato è che a Berlino dal 30 novembre trema l’intero governo federale.
Per la prima volta dal 1890 i socialdemocratici hanno eletto una donna e un uomo alla guida del Partei, emulando Verdi e Linke che già avevano scelto la doppia candidatura di genere per la leadership dei rispettivi partiti. Serve ora solo la ratifica dei delegati del congresso della Spd, che si terrà a Berlino dal 6 all’8 dicembre e chiuderà il travagliato semestre di commissariamento a seguito delle improvvise dimissioni, a giugno, di Andrea Nahles, aprendo ad una nuova fase della politica interna tedesca non priva di insidie per la tenuta del quarto governo Merkel.
Saskia Esken e Norbert Walter-Borjans hanno avuto dalla loro parte gli Jusos, i Giovani socialisti (critici da sempre della “GroKo”) e la loro presidente Annika Klose che ha chiesto, compiaciuta del clamoroso ribaltone al Partei, «una nuova politica del lavoro basata sulla redistribuzione e sulla riduzione dell’orario di lavoro. Non ultima: la politica climatica socialmente giusta con la trasformazione dell’economia» o come Ina Czyborra, Vice Presidente della Spd del Land di Berlino, secondo cui «nella rinegoziazione dell’accordo con Cdu-Csu ci dovranno essere l’equa distribuzione del reddito e la partecipazione del governo federale sulla questione degli affitti su cui abbiamo già fatto molto a Berlino». Si sono poi distinte alcune figure politiche che ritengono di dover trovare una quadra programmatica tra la vecchia gestione Scholz e la nuova che avanza: Natascha Kohnen, leader Spd in Baviera, e Manuela Schwesig, governatrice del Meclemburgo-Pomerania, che, non a caso, hanno prudentemente invitato a sostenere “l’unità della Spd”.
Esken e Walter-Borjans non propongono, in buona sostanza, una uscita precipitosa dal quarto governo a guida Merkel ma intendono aprire un fronte di verifica sulle condizionalità che la Spd deve porre nel continuare a permanere nella “GroKo” con i cristiano-democratici. Il nuovo duo alla guida del Partei intende presentare un blocco di condizioni a Cdu-Csu da accettare in toto, a partire da temi sensibili per l’opinione pubblica tedesca come i finanziamenti per il clima, i fondi per modernizzare le infrastrutture, il salario minimo a 12 euro.
La segretaria della Cdu Annegret Kramp-Karrenbauer (Akk) non avrà vita facile nelle prossime settimane, stretta tra l’adattamento al nuovo indirizzo della Spd e la decisione di fare muro contro la rinegoziazione dell’accordo di coalizione, pena l’apertura di una crisi di governo al buio che inevitabilmente potrebbe condurre ad una scelta tra un governo di minoranza Cdu-Csu o le elezioni anticipate.
Difficile sarà evitare la rottura se a vincere nella Cdu sarà la linea di Kai Wegner, presidente dei cristiano-democratici a Berlino, che, all’indomani del cambio di guardia nella Spd, dalle colonne della Berliner Zeitung, ha tuonato: «La Spd adesso deve decidere se continuare a essere un partito di governo responsabile oppure sfuggire dalla responsabilità. Per quanto ci riguarda è sempre in vigore l’accordo di coalizione».

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa