Europa

Germania, la nuova leadership nella Spd. Terrà il quarto governo Merkel?

42

Quando il comitato elettorale della “Willy Brandt Haus” ha diffuso l’esito definitivo del ballottaggio per l’elezione della nuova presidenza della Spd, si sono alternate reazioni contrapposte tra i presenti rimbalzate sui media in pochi minuti.

Una profonda delusione è apparsa evidente tra i seguaci del Vice Cancelliere Olaf Scholz, opposta a un gioioso entusiasmo dei militanti schierati con i parlamentari della sinistra Spd, Saskia Esken, e l’ex ministro delle finanze del Nordreno-Vestfalia, Norbert Walter-Borjans, usciti vincenti dalla votazione. Il 53% dei voti degli iscritti espressi per posta o via web sono infatti andati a Esken e Walter-Borjans che pure partivano dal 21% del primo turno.
La partita era incerta, ma il risultato ha spiazzato lo stesso Scholz, presentatosi con la deputata del Brandeburgo, Klara Geywitz, formando un tandem incapace di superare quota 45,3%, otto punti percentuali in meno della coppia vincente Esken e Walter-Borjans, super-critica nei confronti della Grande coalizione con Angela Merkel e schieratasi apertamente contro il fedelissimo duo Scholz-Geywitz, favorevole invece all’alleanza con Cdu e Csu fino alla fine della legislatura.

Il risultato è che a Berlino dal 30 novembre trema l’intero governo federale.
Per la prima volta dal 1890 i socialdemocratici hanno eletto una donna e un uomo alla guida del Partei, emulando Verdi e Linke che già avevano scelto la doppia candidatura di genere per la leadership dei rispettivi partiti. Serve ora solo la ratifica dei delegati del congresso della Spd, che si terrà a Berlino dal 6 all’8 dicembre e chiuderà il travagliato semestre di commissariamento a seguito delle improvvise dimissioni, a giugno, di Andrea Nahles, aprendo ad una nuova fase della politica interna tedesca non priva di insidie per la tenuta del quarto governo Merkel.
Saskia Esken e Norbert Walter-Borjans hanno avuto dalla loro parte gli Jusos, i Giovani socialisti (critici da sempre della “GroKo”) e la loro presidente Annika Klose che ha chiesto, compiaciuta del clamoroso ribaltone al Partei, «una nuova politica del lavoro basata sulla redistribuzione e sulla riduzione dell’orario di lavoro. Non ultima: la politica climatica socialmente giusta con la trasformazione dell’economia» o come Ina Czyborra, Vice Presidente della Spd del Land di Berlino, secondo cui «nella rinegoziazione dell’accordo con Cdu-Csu ci dovranno essere l’equa distribuzione del reddito e la partecipazione del governo federale sulla questione degli affitti su cui abbiamo già fatto molto a Berlino». Si sono poi distinte alcune figure politiche che ritengono di dover trovare una quadra programmatica tra la vecchia gestione Scholz e la nuova che avanza: Natascha Kohnen, leader Spd in Baviera, e Manuela Schwesig, governatrice del Meclemburgo-Pomerania, che, non a caso, hanno prudentemente invitato a sostenere “l’unità della Spd”.
Esken e Walter-Borjans non propongono, in buona sostanza, una uscita precipitosa dal quarto governo a guida Merkel ma intendono aprire un fronte di verifica sulle condizionalità che la Spd deve porre nel continuare a permanere nella “GroKo” con i cristiano-democratici. Il nuovo duo alla guida del Partei intende presentare un blocco di condizioni a Cdu-Csu da accettare in toto, a partire da temi sensibili per l’opinione pubblica tedesca come i finanziamenti per il clima, i fondi per modernizzare le infrastrutture, il salario minimo a 12 euro.
La segretaria della Cdu Annegret Kramp-Karrenbauer (Akk) non avrà vita facile nelle prossime settimane, stretta tra l’adattamento al nuovo indirizzo della Spd e la decisione di fare muro contro la rinegoziazione dell’accordo di coalizione, pena l’apertura di una crisi di governo al buio che inevitabilmente potrebbe condurre ad una scelta tra un governo di minoranza Cdu-Csu o le elezioni anticipate.
Difficile sarà evitare la rottura se a vincere nella Cdu sarà la linea di Kai Wegner, presidente dei cristiano-democratici a Berlino, che, all’indomani del cambio di guardia nella Spd, dalle colonne della Berliner Zeitung, ha tuonato: «La Spd adesso deve decidere se continuare a essere un partito di governo responsabile oppure sfuggire dalla responsabilità. Per quanto ci riguarda è sempre in vigore l’accordo di coalizione».

Ultime notizie
Sicurezza

Dalla sicurezza informatica alla digital forensics, Giannetti (Racis): “La criminalità rischia di essere più veloce della legge”

Intervista a Massimo Giannetti, Comandante Reparto tecnico informatico del Raggruppamento Carabinieri investigazioni scientifiche, RACIS, di Valentina Renzopaoli, realizzata in occasione del convegno "La globalizzazione e le nuove frontiere della (in)sicurezza" del 2 dicembre 2019, organizzato dall'Eurispes
di Valentina Renzopaoli
Sicurezza

Sicurezza in Rete: Ciardi: “Chi viaggia nel Web non è consapevole dei rischi”

Intervista con Nunzia Ciardi, Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, di Ilaria Tirelli realizzata in occasione del convegno "La globalizzazione e le nuove frontiere della (in)sicurezza" del 2 dicembre 2019, organizzato dall'Eurispes
di Ilaria Tirelli
Sicurezza

Sicurezza, Diana De Martino: “La mafia nigeriana è la più pericolosa tra le mafie straniere”

Intervista a Diana De Martino, Sostituto Procuratore DNA, di Valentina Renzopaoli realizzata in occasione del convegno "La globalizzazione e le nuove frontiere della (in)sicurezza" del 2 dicembre 2019, organizzato dall'Eurispes.
di Valentina Renzopaoli
Video

Sicurezza, il ruolo della intelligence. Caligiuri: “Da luogo oscuro a elemento di stabilizzazione”

Intervista al Prof. Mario Caligiuri, Presidente Società Italiana di Intelligence, di Valentina Renzopaoli a realizzata in occasione del convegno "La globalizzazione e le nuove frontiere della (in)sicurezza" del 2 dicembre 2019, organizzato dall'Eurispes
di Valentina Renzopaoli
Economia

Agricoltura, Italia prima in Europa per numero di giovani con le “mani nella terra”. Fara: “Il futuro nella tradizione”

Il fatturato del comparto agrifood in Italia si aggira sui 132 miliardi di euro (produzione e trasformazione); gli occupati superano i 3,2...
di Gian Maria Fara
Economia

Made in Italy, scarpe che passione. Ma il settore è in crisi e servono politiche europee di tutela

Il settore calzaturiero è uno dei principali pilastri dell’economia manifatturiera nazionale. Lo studio dell’Eurispes “Strategie di difesa attiva del Made in Italy calzaturiero” analizza il settore calzaturiero italiano, il valore del Made in Italy e le conseguenze della crisi economica dell’ultimo quindicennio.
di redazione
Europa

Germania, la nuova leadership nella Spd. Terrà il quarto governo Merkel?

Dopo la vittoria dei due outsider, Nobert Walter-Borjans e Saskia Esken, nuovi co-leader della Spd, il partito socialdemocratico tedesco, a Berlino trema l’intero governo federale. Terrà in Germania il quarto governo Merkel?
di Antonio De Chiara
Editoriale

Globalizzazione, Fara: “La sicurezza non esiste”

Tutta la storia politica e sociale dell’umanità può essere letta come un processo irrefrenabile e costante di riduzione della paura e di ricerca della sicurezza. Nella sua evoluzione la società non ha però eliminato la paura e non ha ridotto l’insicurezza. L’ha trasferita, in qualche altro luogo, l’ha frazionata, l’ha parcellizzata in segmenti e comparti, senza poterla debellare.
di Gian Maria Fara
Criminalità e contrasto

Sentenza Cassazione Mafia Capitale, Macrì: “Adottare diritto penale europeo”

Mafia Capitale: la recente sentenza della Cassazione ha escluso che l’associazione definita “mafia capitale” possa rientrare nell’ambito dell’associazione di tipo mafioso, suscitando molte polemiche; una decisone che alimenta riflessioni sui problemi interpretativi e terminologici della legislazione adottata nel settembre del 1982 con la legge 13 settembre n. 646. La riflessione di Vincenzo Macrì.
di Vincenzo Macrì
Immigrazione

Immigrazione, Morcone: «Fake news e manipolazione usati a vantaggio del risultato elettorale»

Intervento del Prefetto Mario Morcone, Direttore Cir, al convegno di Napoli “Immigrazione. È ora di voltare pagina”.
di Mario Morcone