Governo Conte, Bombardieri (Uil): “Il lavoro è la priorità. Zingaretti al posto di Salvini? Tratteremo allo stesso modo”

Foto Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse30-08-2019 Roma, ItaliaPolitica Giuseppe Conte alle consultazioni alla Camera dei DeputatiDISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE - Obbligatorio citare la fonte LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili

Governo giallorosso ai nastri di partenza. Pd e Movimento 5 Stelle alleati per “rendere l’Italia migliore”. Ma quali sono i dubbi, le prospettive, le difficoltà all’orizzonte? E quali sono le misure che potrebbero favorire la crescita e la tutela del lavoro? Lo abbiamo chiesto a Pierpaolo Bombardieri, Segretario generale aggiunto della Uil.

Pierpaolo Bombardieri, quest’estate abbiamo fatto le valigie guardando le immagini di Salvini che, divertito, beveva mojito al Papeete; le abbiamo disfatte, seguendo la cronaca di una delle crisi di Governo più “pazze” della storia italiana. Nel giro di pochi giorni, l’Italia, o meglio chi la governa, ha cambiato volto e colori. Dipende da una politica che si è fatta sempre più “liquida”?
Una lettura di ciò che è accaduto è complicata. Noi sindacati abbiamo incontrato il Capo del Governo e il Vicepremier lo scorso 6 agosto, e nulla faceva immaginare che ci potesse essere una crisi di questa natura. Probabilmente, Salvini pensava di portare all’incasso il risultato delle Europee e, attraverso nuove elezioni, dare un nuovo quadro di rappresentanza all’interno del Parlamento. Ma abbiamo imparato che la politica, come dice lei, è molto liquida.

Quindi, Matteo Salvini ha sbagliato i suoi calcoli politici?
Se l’obiettivo era quello di andare alle elezioni anticipate, qualcosa non ha funzionato. Probabilmente, ha immaginato che i giudizi del Movimento 5 Stelle sul Pd e quelli che il Pd aveva riservato al M5S negli ultimi anni, fossero più solidi; invece, penso si sia accorto, pagando personalmente, che in politica si cambia spesso idea, e molto velocemente.

Ora Pd e Movimento 5 Stelle dovranno governare insieme. Un connubio impensabile fino a poche settimana fa.
Penso che abbia giocato un ruolo rilevante il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: si è comportato come un buon padre di famiglia che richiama i figli scavezzacollo al senso di responsabilità. Non credo sia stato facile ma l’interesse della nazione, a volte, prende il sopravvento. In ogni caso, immaginare che oggi il M5S possa governare insieme con ministri di area renziana è veramente qualcosa di incredibile.

Le forze sindacali avevano avviato da poco un percorso e un dialogo con il Governo gialloverde. Ora si ricomincia tutto daccapo o si punta a proseguire ciò che è stato iniziato?
Abbiamo un patrimonio importante, costituito dalle molte mobilitazioni fatte negli ultimi mesi con grandissima partecipazione; mobilitazioni organizzate per sostenere una piattaforma e non contro il Governo. Su quella piattaforma ci sono idee ben precise: c’è una idea di Paese, un modello di sviluppo, ovviamente diverso da quello che si stava facendo strada nelle scelte governative. Attraverso la piattaforma abbiamo sostenuto la necessità di fare più investimenti in questo Paese; di prestare più attenzione al lavoro; di preservare di più i lavoratori, i dipendenti e i pensionati dal punto di vista fiscale. Questo patrimonio rimane integro e rappresenta un percorso che riproporremo anche al nuovo Governo, tanto più che il Presidente del Consiglio non è cambiato. Il lavoro, secondo noi, deve tornare al centro delle scelte della politica: ci sembra che negli ultimi anni, le scelte fatte non sono state utili, come dimostrano i fatti, a rilanciare il lavoro, l’occupazione, la dignità del lavoro e dei lavoratori.

Con Nicola Zingaretti al posto di Salvini sarà più facile o più difficile proseguire il dialogo?
Per avere una risposta alla sua domanda dovremmo rifare l’intervista tra qualche mese. Quando ero Segretario del Lazio, ebbi modo di confrontarmi con Zingaretti, in quanto Governatore della Regione; facemmo degli accordi importanti, ma avemmo anche degli scontri importanti, che lui ricorda benissimo. E quando, recentemente, abbiamo fatto il primo incontro ufficiale tra la segreteria del Pd e i sindacati Cgil, Cisl e Uil, Zingaretti si è messo la mano sulla fronte dicendo: “Bombardieri, pure qui!”. Ad essere sincero, non sono in grado di dire se sarà peggio o meglio, ma posso garantire che tratteremo con questo Governo con le stesse modalità utilizzate con il precedente, al di là di identificazioni politiche o vicinanze ideologiche.

Veniamo alle misure concrete: “quota 100” è promossa o bocciata?
“Quota 100” è una misura promossa, ma non basta. Sosteniamo che va modificata la legge Fornero; in particolare, va smantellato il principio secondo il quale il lavoro è tutto uguale: tipologie diverse di lavoro meritano trattamenti diversi. Un altro aspetto sul quale intervenire è la gestione del sistema della previdenza: a nostro giudizio, si deve partire dal principio della separazione fra gli aspetti previdenziali e gli aspetti assistenziali. Le spiego: la spesa che noi identifichiamo nell’ambito della spesa pensionistica è considerata onnicomprensiva anche della parte assistenziale ‒ ammortizzatori sociali, pensioni di invalidità, ecc. ‒ perché le pensioni vengono erogate attraverso l’Inps. Se noi dividessimo questi due capitoli, ci accorgeremmo che la parte di Pil utilizzata per la spesa previdenziale non sta poi fuori dalle linee europee e questo permetterebbe di fare delle scelte diverse. In generale, sono convinto che sia necessario verificare la sostenibilità sociale delle misure che vengono assunte, e non soltanto la sostenibilità economica, altrimenti saremmo solo dei robot.

Qual è il vostro giudizio sul reddito di cittadinanza?
Se la intendiamo come una misura a favore dei più deboli, va bene; se, invece, pretende di essere considerata una politica attiva per il lavoro, secondo noi questo è falso, perché non crea nessun collegamento tra domanda e offerta di lavoro. Inoltre, il reddito di cittadinanza non affronta il tema di “come” si crea lavoro; il lavoro si crea con gli investimenti pubblici e privati, e con le infrastrutture. E questo nel reddito di cittadinanza non emerge.

Nell’ultima intervista (https://www.leurispes.it/trattativa-governo-sindacati-bombardieri-uil-italia-senza-politica-industriale/) avevamo parlato della proposta sul salario minimo. Crede che anche il nuovo Governo possa riproporla?
Abbiamo già spiegato quali sarebbero le ricadute negative di questa proposta. Inserire un salario minimo a 9 euro l’ora significherebbe equiparare ogni tipo di professionalità, dall’operaio all’ingegnere nucleare; il salario minimo, inoltre, non garantisce tutto quello che garantisce, invece, un contratto: il trattamento di fine rapporto, le ferie, la malattia, gli aspetti previdenziali, lo stesso mantenimento del posto di lavoro. Insomma, non garantisce la dignità del lavoro e la dignità dei lavoratori. Il salario minimo a 9 euro sarebbe, addirittura, una retribuzione più bassa di quella che è la retribuzione minima media dei contratti. Dal canto nostro, abbiamo presentato una controproposta, chiedendo di identificare i salari minimi ma di farli combaciare con quelli previsti dai contratti. A chi sostiene che ci sono tipologie di lavoro che non rientrano nei contratti, noi replichiamo dicendo che bisogna modificare i contratti (un esempio è la trattativa portata avanti per i riders che sono stati inseriti nella categoria della logistica). La nostra proposta è quella di dare ai contratti validità “erga omnes”: i contratti firmati dai sindacati maggiormente rappresentativi possono avere valore per tutti, e chi viene assunto deve essere assunto con una forma contrattuale ben precisa.

Infrastrutture e investimenti: Pd e Movimento 5 Stelle riusciranno a trovare punti di accordo su questi temi strategici, tenendo conto che la crisi di Governo si è aperta in occasione della votazione della mozione sulla Tav promossa dal Pd, votata dalla Lega, in contrapposizione ai 5 Stelle?
Lo vedremo. Noi abbiamo sempre dichiarato la nostra posizione favorevole alla Tav. Secondo il nostro giudizio, le politiche ambientali e di sviluppo ambientale sono strategiche per i prossimi anni, ma non ci sembra che il precedente Governo abbia mai fatto scelte chiare in questo senso. C’è un tema, in particolare, che reputiamo una priorità: come si affronta il periodo di transizione per arrivare alla blue economy o alla blue energy? Con quali strumenti? Il Governo deve decidere un percorso di accompagnamento che sia compatibile con l’ambiente, ma anche con le scelte economiche.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica