Governo Conte, Bombardieri (Uil): “Il lavoro è la priorità. Zingaretti al posto di Salvini? Tratteremo allo stesso modo”

717
Foto Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse30-08-2019 Roma, ItaliaPolitica Giuseppe Conte alle consultazioni alla Camera dei DeputatiDISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE - Obbligatorio citare la fonte LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili

Governo giallorosso ai nastri di partenza. Pd e Movimento 5 Stelle alleati per “rendere l’Italia migliore”. Ma quali sono i dubbi, le prospettive, le difficoltà all’orizzonte? E quali sono le misure che potrebbero favorire la crescita e la tutela del lavoro? Lo abbiamo chiesto a Pierpaolo Bombardieri, Segretario generale aggiunto della Uil.

Pierpaolo Bombardieri, quest’estate abbiamo fatto le valigie guardando le immagini di Salvini che, divertito, beveva mojito al Papeete; le abbiamo disfatte, seguendo la cronaca di una delle crisi di Governo più “pazze” della storia italiana. Nel giro di pochi giorni, l’Italia, o meglio chi la governa, ha cambiato volto e colori. Dipende da una politica che si è fatta sempre più “liquida”?
Una lettura di ciò che è accaduto è complicata. Noi sindacati abbiamo incontrato il Capo del Governo e il Vicepremier lo scorso 6 agosto, e nulla faceva immaginare che ci potesse essere una crisi di questa natura. Probabilmente, Salvini pensava di portare all’incasso il risultato delle Europee e, attraverso nuove elezioni, dare un nuovo quadro di rappresentanza all’interno del Parlamento. Ma abbiamo imparato che la politica, come dice lei, è molto liquida.

Quindi, Matteo Salvini ha sbagliato i suoi calcoli politici?
Se l’obiettivo era quello di andare alle elezioni anticipate, qualcosa non ha funzionato. Probabilmente, ha immaginato che i giudizi del Movimento 5 Stelle sul Pd e quelli che il Pd aveva riservato al M5S negli ultimi anni, fossero più solidi; invece, penso si sia accorto, pagando personalmente, che in politica si cambia spesso idea, e molto velocemente.

Ora Pd e Movimento 5 Stelle dovranno governare insieme. Un connubio impensabile fino a poche settimana fa.
Penso che abbia giocato un ruolo rilevante il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: si è comportato come un buon padre di famiglia che richiama i figli scavezzacollo al senso di responsabilità. Non credo sia stato facile ma l’interesse della nazione, a volte, prende il sopravvento. In ogni caso, immaginare che oggi il M5S possa governare insieme con ministri di area renziana è veramente qualcosa di incredibile.

Le forze sindacali avevano avviato da poco un percorso e un dialogo con il Governo gialloverde. Ora si ricomincia tutto daccapo o si punta a proseguire ciò che è stato iniziato?
Abbiamo un patrimonio importante, costituito dalle molte mobilitazioni fatte negli ultimi mesi con grandissima partecipazione; mobilitazioni organizzate per sostenere una piattaforma e non contro il Governo. Su quella piattaforma ci sono idee ben precise: c’è una idea di Paese, un modello di sviluppo, ovviamente diverso da quello che si stava facendo strada nelle scelte governative. Attraverso la piattaforma abbiamo sostenuto la necessità di fare più investimenti in questo Paese; di prestare più attenzione al lavoro; di preservare di più i lavoratori, i dipendenti e i pensionati dal punto di vista fiscale. Questo patrimonio rimane integro e rappresenta un percorso che riproporremo anche al nuovo Governo, tanto più che il Presidente del Consiglio non è cambiato. Il lavoro, secondo noi, deve tornare al centro delle scelte della politica: ci sembra che negli ultimi anni, le scelte fatte non sono state utili, come dimostrano i fatti, a rilanciare il lavoro, l’occupazione, la dignità del lavoro e dei lavoratori.

Con Nicola Zingaretti al posto di Salvini sarà più facile o più difficile proseguire il dialogo?
Per avere una risposta alla sua domanda dovremmo rifare l’intervista tra qualche mese. Quando ero Segretario del Lazio, ebbi modo di confrontarmi con Zingaretti, in quanto Governatore della Regione; facemmo degli accordi importanti, ma avemmo anche degli scontri importanti, che lui ricorda benissimo. E quando, recentemente, abbiamo fatto il primo incontro ufficiale tra la segreteria del Pd e i sindacati Cgil, Cisl e Uil, Zingaretti si è messo la mano sulla fronte dicendo: “Bombardieri, pure qui!”. Ad essere sincero, non sono in grado di dire se sarà peggio o meglio, ma posso garantire che tratteremo con questo Governo con le stesse modalità utilizzate con il precedente, al di là di identificazioni politiche o vicinanze ideologiche.

Veniamo alle misure concrete: “quota 100” è promossa o bocciata?
“Quota 100” è una misura promossa, ma non basta. Sosteniamo che va modificata la legge Fornero; in particolare, va smantellato il principio secondo il quale il lavoro è tutto uguale: tipologie diverse di lavoro meritano trattamenti diversi. Un altro aspetto sul quale intervenire è la gestione del sistema della previdenza: a nostro giudizio, si deve partire dal principio della separazione fra gli aspetti previdenziali e gli aspetti assistenziali. Le spiego: la spesa che noi identifichiamo nell’ambito della spesa pensionistica è considerata onnicomprensiva anche della parte assistenziale ‒ ammortizzatori sociali, pensioni di invalidità, ecc. ‒ perché le pensioni vengono erogate attraverso l’Inps. Se noi dividessimo questi due capitoli, ci accorgeremmo che la parte di Pil utilizzata per la spesa previdenziale non sta poi fuori dalle linee europee e questo permetterebbe di fare delle scelte diverse. In generale, sono convinto che sia necessario verificare la sostenibilità sociale delle misure che vengono assunte, e non soltanto la sostenibilità economica, altrimenti saremmo solo dei robot.

Qual è il vostro giudizio sul reddito di cittadinanza?
Se la intendiamo come una misura a favore dei più deboli, va bene; se, invece, pretende di essere considerata una politica attiva per il lavoro, secondo noi questo è falso, perché non crea nessun collegamento tra domanda e offerta di lavoro. Inoltre, il reddito di cittadinanza non affronta il tema di “come” si crea lavoro; il lavoro si crea con gli investimenti pubblici e privati, e con le infrastrutture. E questo nel reddito di cittadinanza non emerge.

Nell’ultima intervista (https://www.leurispes.it/trattativa-governo-sindacati-bombardieri-uil-italia-senza-politica-industriale/) avevamo parlato della proposta sul salario minimo. Crede che anche il nuovo Governo possa riproporla?
Abbiamo già spiegato quali sarebbero le ricadute negative di questa proposta. Inserire un salario minimo a 9 euro l’ora significherebbe equiparare ogni tipo di professionalità, dall’operaio all’ingegnere nucleare; il salario minimo, inoltre, non garantisce tutto quello che garantisce, invece, un contratto: il trattamento di fine rapporto, le ferie, la malattia, gli aspetti previdenziali, lo stesso mantenimento del posto di lavoro. Insomma, non garantisce la dignità del lavoro e la dignità dei lavoratori. Il salario minimo a 9 euro sarebbe, addirittura, una retribuzione più bassa di quella che è la retribuzione minima media dei contratti. Dal canto nostro, abbiamo presentato una controproposta, chiedendo di identificare i salari minimi ma di farli combaciare con quelli previsti dai contratti. A chi sostiene che ci sono tipologie di lavoro che non rientrano nei contratti, noi replichiamo dicendo che bisogna modificare i contratti (un esempio è la trattativa portata avanti per i riders che sono stati inseriti nella categoria della logistica). La nostra proposta è quella di dare ai contratti validità “erga omnes”: i contratti firmati dai sindacati maggiormente rappresentativi possono avere valore per tutti, e chi viene assunto deve essere assunto con una forma contrattuale ben precisa.

Infrastrutture e investimenti: Pd e Movimento 5 Stelle riusciranno a trovare punti di accordo su questi temi strategici, tenendo conto che la crisi di Governo si è aperta in occasione della votazione della mozione sulla Tav promossa dal Pd, votata dalla Lega, in contrapposizione ai 5 Stelle?
Lo vedremo. Noi abbiamo sempre dichiarato la nostra posizione favorevole alla Tav. Secondo il nostro giudizio, le politiche ambientali e di sviluppo ambientale sono strategiche per i prossimi anni, ma non ci sembra che il precedente Governo abbia mai fatto scelte chiare in questo senso. C’è un tema, in particolare, che reputiamo una priorità: come si affronta il periodo di transizione per arrivare alla blue economy o alla blue energy? Con quali strumenti? Il Governo deve decidere un percorso di accompagnamento che sia compatibile con l’ambiente, ma anche con le scelte economiche.

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Sicurezza

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario
Video

Zavoli, il socialista di Dio

      Non ho ricordi personali di Sergio Zavoli, se non la sua firma sotto la mia lettera di assunzione in Rai, 36 anni...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Un piano straordinario di investimenti pubblici

«Quello che serve è un piano straordinario di investimenti pubblici, finalizzato al riassetto del Paese. Un piano che acquisti evidenza per ampie...
di Gian Maria Fara
Il punto a Mezzogiorno

Mezzogiorno: tre strade per ribaltare un destino già segnato

Secondo Nino Foti, Presidente della Fondazione Magna Grecia, sono tre i passaggi obbligati per riuscire a riempire di contenuti e progettualità una “partenza nuova” alla quale in qualche modo ci obbliga il Recovery Fund per il Mezzogiorno.
di Nino Foti
scuola

Scuola, rischio abbandono con l’emergenza Covid. Le misure di sicurezza rischiano di favorirlo

Scuola, la chiusura forzata ha modificato profondamente le abitudini degli studenti e il lockdown potrebbe avere come effetto negativo l’aumento repentino degli abbandoni scolastici.
di Ilaria Tirelli
Ambiente

Bonus bici, impennata delle vendite. Ma l’Italia è un Paese bike friendly?

Il “bonus mobilità” – dedicato all’acquisto delle due ruote, ma anche monopattini elettrici, stabilito dal Governo nel decreto Rilancio –, ha fatto impennare le vendite che si stima, da maggio, siano state tra le 500 e le 600mila.
di Valentina Renzopaoli