Tempi da guru. Il “caso Panzironi”

Ho visto Panzironi. Cioè, non lo sapevo che quel tizio fosse Panzironi e, a dirla tutta, non sapevo nemmeno chi fosse, questo Panzironi. Poi capitano queste cose curiose: scopri una cosa e, nei giorni e nelle settimane che seguono, ti pare che tutti e tutto parlino di questa cosa.

Vediamo un po’. In una qualunque serata di agosto, armeggiando svogliatamente il telecomando, ho deciso di avventurarmi in quel hic sunt leones che è il territorio dei canali a due cifre. Passati i canali di televendita, l’occhio cade su una scena da telepredicatori americani (che considero adorabili, lo confesso) ma qualcosa non funziona. La gente lì dentro, assiepata dentro un edificio, che somiglia tanto al Palaeur, non sembra proprio americana. Troppo magri, nessun improbabile abbinamento di vestiario (più o meno…), più calvizie e riporti che righe scolpite, pochissimi cappellini stile rapper.

«No ‒ mi sono detto ‒ questi mi sembrano italiani, non americani». Questo dilemma ha fatto sì che mi fermassi sul canale 61 “Life Channel”, resistendo al formidabile richiamo di quello che passava il canale seguente: un rodeo americano 4.0, pieno di tori incavolati, cowboy intrepidi e, siccome siamo nel XXI secolo (e negli States), un trionfo di sponsorizzazioni, caschi, ogni genere di obiettivo fotografico. L’immancabile pubblico obeso, rubicondo e sorridente, e la sua diversità rispetto a quello del canale precedente mi confermavano la esattezza della mia deduzione: quelli là del canale 61, che applaudono entusiasti, che si sbracciano al passaggio di un tizio, la cui giacca ne tradisce il ruolo da leader, sono paesani miei e quello lì è proprio il PalaEur.

Si può vivere fino a 120 anni?
Sì, sostiene Adriano Panzironi. Questo ex giornalista ‒ lo scopro sul cellulare, facendo il telespettatore multitasking ‒ che ha al suo attivo qualche denuncia, radiazione e un cursus honorum da sorvegliato speciale, pensa proprio che sia possibile. Lo va a dire in giro da un po’ di tempo (ai primi di ottobre uscirà addirittura un docufilm nelle sale!). Panzironi racconta ricerca scientifica, suggerisce brillanti regimi alimentari e di vita quotidiana (non mangiare carboidrati, non fumare, fai movimento e cose del genere), sostenendo il tutto ‒ toh! ‒ con alcuni speciali integratori alimentari realizzati e commercializzati da suo fratello (un gemello imprenditore).
Tanto ottimismo sulle nostre prospettive di esistenza terrena è descritto nell’immancabile best (?) seller il cui titolo non dice un granché: Vivere fino a 120 anni. Infatti, è il sottotitolo che dice e lancia l’ancora: La verità che nessuno vuole raccontarti.

Ci risiamo.
Funziona sempre. In politica come nella vita: lasciare intendere che quelli là ce l’hanno con te; che ti hanno preso nel mirino; che non ti molleranno, decisi come sono a prosciugarti vita, coscienza e ‒ pensando male verrebbe da dire: soprattutto ‒ tasche. Quelli là, oltre che malvagi, sono organizzati in modo da sfuggire alla presa delle tue mani: sono, parola magica, delle m-u-l-t-i-n-a-z-i-o-n-a-l-i, quindi: non si sa dove abitano, né chi sono, né quanti sono (ma si sa che sono grossi, più di te e cattivi, mentre tu sei buono per definizione).

Questa roba funziona, piaccia o meno, perciò mi sono messo a ragionare sul perché e dopo qualche settimana ho tirato giù una conclusione: questa roba funziona perché poggia su tre gambe: i soldi che fa girare; la guruetudine, ovvero l’attitudine ad essere guru; lo spirito dei tempi, favorevole ai guru.

I soldi: Federsalus valorizza in 3,3 miliardi di euro il giro di affari al dettaglio dei prodotti integratori alimentari. Un mucchio di soldi che escono dalle tasche del 65% della popolazione italiana per entrare in quelle delle farmacie e parafarmacie (canali ove si realizza oltre il 95% del venduto). Come spesso accade, più degli stock parlano i flussi, ovvero la dinamica di questi valori: crescita a due cifre, ovvero, grandi opportunità e potenzialità. Siccome i soldi qui si muovono, allora le porte si aprono e quando le porte si aprono qualcuno che vi si infila c’è. Ieri, i Maurizio Arena, i Luigi Di Bella e le Wanne Marchi; oggi i Panzironi?
Quale che sia la storia, chi si infila in quella porta, prima o poi si atteggia da guru.

Ecco allora la guruetudine: cosa serve per diventare guru? Poche cose: un’idea chiara e la capacità di condensarla in un bit, facile da comunicare; un quid che caratterizzi, visivamente o graficamente, il guru, un certo physique du role insomma; un tempio, dove esercitare la professione (cosa meglio di un canale televisivo?); un po’ di apostoli e adepti ‒ di bocca buona, scarsi studi e modeste letture.

Il tempo che viviamo si presta all’emergere di guru: lo vediamo nella politica (non facciamo nomi), nel giornalismo, nello sport, eccetera. Laddove, insomma, vi sia la possibilità di guadagnare qualcosa, sia ciò denaro o potere, sul consenso e seguito generato, arriva il guru.
Questo spirito dei tempi è ricco di parole d’ordine, ora nuove ora antiche. Una, su tutte, si presta alle gesta dei guru nostrani di oggi: il nemico. Siccome siamo una civiltà che ha esaurito la propria spinta propulsiva; che, stanca e pasciuta, siede auto-contemplativa tutta presa da se stessa; che vede il mondo che scorre e, incapace di alzarsi e impigrita dal benessere, cerca qualche escamotage per fermarlo, rallentarlo, dissuaderlo; siccome siamo tutto questo, e non vogliamo dire a noi stessi che è colpa nostra se le cose della vita accadono, ci serve un obiettivo per il dito: il nemico. Le multinazionali; i politici; gli arbitri di calcio; gli imprenditori; ogni soggetto che possa funzionare come “loro”, “quelli là”.

Chissà se Panzironi durerà a lungo? Chissà se fonderà un partito? Scenderà in politica? Diventerà ricco? Quel che si sa è che, in questi tempi da guru, la fame non la farà (anche se la prescrive).

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario