I due capisaldi della geopolitica del Governo Draghi

draghi

Alle congratulazioni, per una volta non formali, che da ogni parte piovevano su Palazzo Chigi dopo l’amplissima ratifica parlamentare del suo incarico, il nuovo premier Mario Draghi ha voluto rispondere subito ricordando quali sono i due capisaldi della politica estera italiana: il legame con l’Unione europea e la fedeltà al rapporto transatlantico.

L’impronta di Draghi alla politica estera non è banale

Qualcuno potrebbe osservare che in queste due scelte tradizionali non c’era motivo di particolare interesse, che Draghi aveva semplicemente sposato la continuità. Ma si tratterebbe di un errore. Dopo la presidenza Trump, che aveva gravemente danneggiato e indebolito l’alleanza tra l’Europa e gli Stati Uniti, dalle capitali della Ue, a cominciare dalla nostra, doveva arrivare al nuovo e ben più amichevole presidente Joe Biden un segnale forte sull’indissolubilità del legame storico tra le due rive dell’Atlantico e sulla persistenza dei valori democratici e libertari comuni. Segnale che Draghi ha lanciato, ben sapendo che nella sua vasta (troppo?) maggioranza parlamentare sedevano anche le saltuarie tentazioni filo-cinesi dei 5Stelle e i passati amori filo-russi di Matteo Salvini. Quanto all’Unione europea, qui sì, Mario Draghi sembra essere scivolato nella banalità. Sarebbe forse concepibile un governo da lui guidato che fosse tiepido verso quella Ue che proprio lui dalla BCE ha contribuito a tenere a galla quando incombeva il pericolo di naufragio? Eppure, Draghi non è stato scontato nemmeno in questo. Nella suddetta amplissima maggioranza di sostegno, non c’è forse chi ha troppi dubbi sull’Euro, e chi è assai più vicino all’ungherese Orbàn che alla tedesca Merkel?

Ripartire da una prospettiva europea

A modo suo, Draghi sta resuscitando nell’Italia prolissa e retorica una vecchia e buona abitudine della cremlinologia d’un tempo: attenti a ogni parola, perché ogni parola pesa. Ma è vero, come egli stesso ha detto nel suo discorso al Senato, che a stabilire la validità di questo approccio saranno i fatti, i concreti risultati. E se parliamo di fatti, i problemi aperti sono ancora piuttosto consistenti. Partiamo da una prospettiva europea, che è poi quella giusta per la politica estera italiana. C’è da esultare per le prime mosse dell’alleato Joe Biden, la volontà di tornare al multilateralismo, il ritorno alla comune difesa dell’ambiente, il prolungamento in extremis del trattato New Start tra Usa e Russia (chissà se un giorno potrà rinascere anche l’INF, che vietava i missili a gittata intermedia in Europa prima che la volontà di Trump e limitate violazioni russe lo affondassero), l’annuncio di voler riattivare gli accordi anti-nucleari del 2015 con l’Iran, anch’essi stracciati da Trump. Si direbbe che Biden stia smontando, pezzo per pezzo, le scelte di Trump come Trump aveva fatto con quelle di Obama, e questa è una buona notizia. Ma sul tema dei rapporti con la Cina, che gli Usa continuano a considerare un banco di prova dell’alleanza strategica con gli europei, basterà l’atteggiamento ondivago dell’Europa che ha i suoi interessi non sempre coincidenti con quelli statunitensi? E sulla ripresa dei negoziati con Teheran, gli europei non sono forse molto più disponibili degli americani, condizionati dal loro fronte interno? E l’eventuale ritiro parziale o totale degli Usa dall’Afghanistan, che coinvolge anche contingenti europei (circa ottocento militari italiani), potrà davvero avvenire in modo ordinato dopo tanta attesa e con i Talebani tanto vicini alla vittoria finale? L’attualità internazionale, in sintesi, è ancora ricca di possibili difficoltà tra le due sponde dell’Atlantico, anche se la Nato è bravissima nel diluire ogni contrasto che indebolisca l’Alleanza e anche se il tono del dialogo tra alleati è decisamente cambiato per il meglio dai tempi di Trump.

La voce dell’Italia sulla scena internazionale

Ma detto in sintesi, della cornice internazionale, occorre ora dire qualcosa che attiene alla politica estera italiana, agli interessi nazionali dell’Italia che continuano ad esistere inquadrati nelle scelte di fondo della Ue e dell’Alleanza Atlantica. E qui il discorso diventa a dir poco preoccupante, per Draghi e per quella “voce” che l’Italia meriterebbe di avere sulla scena internazionale e che purtroppo non ha. Su questa atavica debolezza della politica estera italiana sono stati versati fiumi di inchiostro che vanno dalla “politica della delega” scelta nel dopoguerra perché meno impegnativa oltre che bene accetta dalla DC e anche dal PCI, ad una cronica mancanza di iniziativa e un eccesso di prudenza, al fatto che la politica estera classica sia stata troppo spesso sostituita (bene, diciamo noi) dalle missioni di pace militari, così chiamate anche quando si trattava di sparare. Non è questa la sede per un simile dibattito, ma un caso recente può essere citato ad esempio di una politica estera certamente deficitaria nei processi decisionali riservati e persino nella sua rappresentazione pubblica: il caso della Libia, dove tra l’altro, proprio oggi a Benghazi, giurerà il nuovo governo di unità del Premier Dbeibah, il primo esecutivo unitario da 7 anni.

 

Senza dover tornare agli anni non lontani nei quali di Libia si discuteva soltanto in termini di rivalità italo-francese, e si pensava che fossero utili maxi-conferenze che mai a qualche progresso sul terreno hanno portato (quella italiana fu a Palermo, con gran dispendio di mezzi e di azioni diplomatiche a corto raggio), basterà constatare quali sono i poteri che si fanno valere in Libia: Russia, Emirati (per conto dei sauditi) ed Egitto in Cirenaica e in parte nel Fezzan; Turchia e Qatar in Tripolitania, dove, fino allo scorso venerdì, all’ombra di un governo debole ma legittimo, Ankara ha messo sotto tutela  numerosi e importanti interessi nazionali italiani.

Che cosa è accaduto in Libia?

In estrema sintesi: che il governo di Tripoli, anche ma non soltanto per fronteggiare l’offensiva del generale Haftar, si è rivolto ai paesi amici reclamando urgenti forniture di armamenti. Consultata come altri, l’Italia ha detto no: non si trattava più di motoscafi veloci per aiutare la Guardia costiera libica a frenare le ondate migratorie, ma di equipaggiamenti da guerra. Era forse possibile che l’Italia dicesse di sì, magari parzialmente? Conoscendo il nostro “fronte interno” non lo crediamo, ogni concessione a Fayez al-Sarraj avrebbe provocato un putiferio. La Turchia, invece, ha detto “ci penso io” e ha mandato forze in Tripolitania mentre i russi facevano la stessa cosa sul fronte opposto. E noi, come i francesi ed altri, dobbiamo oggi constatare che in Libia comandano turchi e russi, almeno fino a quando il processo appena iniziato per la formazione di un governo libico unitario, non avrà raggiunto un auspicabile sbocco positivo. L’errore della politica estera italiana in Libia è in parte dovuto alle nostre farraginosità decisionali interne, come abbiamo detto. Ma la “perdita” della Tripolitania rivela sbagli più antichi, e anche più gravi: il nostro appiattimento aprioristico sull’Onu, la costante mancanza di iniziative efficaci, il rilievo quasi caricaturale dato, a livello diplomatico come sui media, alle investiture verbali americane in occasione di visite ufficiali, da parte di Obama e poi di Trump. Senza alcun seguito, però, alle troppo timide richieste italiane di impegnare maggiormente gli Usa in Libia e dintorni.

La Libia ci indica un vuoto esemplare e troppo frequente della politica estera italiana. Mario Draghi è chiamato a tentare di riempirlo, e il suo compito non sarà facile.

*Franco Venturini, giornalista,  è membro del Comitato Scientifico dell’Osservatorio permanente sui Temi Internazionali dell’Eurispes. 

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione