L’Europa e l’Italia. Governo Draghi: un’opportunità

Forse è giunto il momento in cui l’Italia potrà tornare ad essere protagonista in Europa. Il periodo è cruciale, per noi e per l’Unione.

Il cambio di passo avvenuto può rappresentare una svolta non solo a livello nazionale, ma anche a livello europeo, e questo senza credere ai “miracoli”. Infatti, se non scatta il senso di responsabilità, se non costruiamo adesso una visione, quando lo faremo? Con la crisi sanitaria che ritorna e si aggrava sempre più, con le conseguenze economiche già molto pesanti, cos’altro dobbiamo aspettare per fare dei passi avanti?

Il ritardo dell’Europa nella corsa ai vaccini è tutto ancora da colmare

Solo i vaccini potranno arrestare la pandemia. Ma siamo in forte ritardo. La Commissione Europea si è mossa piuttosto ingenuamente; ha fatto quello che poteva, solo che lo ha fatto male. È caduta in confusione, si è fidata delle case farmaceutiche. Non ha pagato i vaccini in anticipo come hanno fatto gli USA, il Regno Unito, Israele, e così via, per cui mancano le dosi e la campagna vaccinale langue. Non è un bell’esempio di efficienza e la conseguenza è che aumenterà il prezzo economico da pagare, così come aumenterà il debito. Ma non poteva essere diversamente, visti i limiti dell’Unione. Solo la BCE interviene concretamente.

È ora di fare l’Europa

Quello che manca, purtroppo, è la volontà, un’iniziativa che metta al centro il rilancio dell’Unione, con la creazione di una “entità istituzionale” politica e democratica. Un percorso da iniziare senza ulteriori attese. Un percorso parallelo a quello italiano, perché anche l’Italia ha bisogno di rimodellare il suo sistema istituzionale per rafforzare l’azione del Governo e di attuare alcune riforme ormai quasi secolari. Fra queste, quella della Pubblica amministrazione, solo per fare un esempio, visto il fallimento di tutti i tentativi che si sono avvicendati nell’ultimo secolo. C’è bisogno di un’azione mirata a ridurre drasticamente i passaggi e gli interventi a cui la stessa PA è chiamata, compresa l’emanazione di una miriade di decreti attuativi per ogni decreto o legge dello Stato. Un retaggio “bizantino” che va soppresso. Serve semplificare, semplificare, semplificare. Non altro. Troppi passaggi, troppe leggi, troppi decreti attuativi, troppe circolari, più quelle che chiariscono altre circolari. Servono solo a produrre corruzione, sottomissione, clientelismo e ritardi come tante ricerche – comprese quelle dell’Eurispes – hanno ampiamente dimostrato più volte.

Il cambio di passo dell’Italia

Sia in Europa, l’anno scorso, sia in Italia, sembrava che tutto stesse precipitando. Poi a luglio 2020 l’Unione ha fatto un passo, modesto, solo un segnale sufficiente per evitare la fine. Lo stesso vale per l’Italia vista la situazione in cui si era cacciata alla fine dell’anno, con un Governo nascosto dietro la pandemia per prolungare la sua durata e per coprire la mancanza di visione e l’assenza di un programma capace di produrre cambiamenti e di rimettere in moto crescita e occupazione. Perciò occorre lavorare affinché il mutamento avvenuto in questi giorni sia salutare ed efficace. Al di là dei limiti che si possono sempre intravedere, il cambio di passo effettuato è molto significativo e pieno di attese. Forse anche troppe. Può comunque rappresentare un’occasione per il nostro Paese. Non ha senso il paragone col Governo Monti che aveva il compito di attuare una politica di austerità, d’ispirazione tedesca, imposta dalla crisi finanziaria.

Leggi anche

Ma quello che ha sbalordito di più anche gli osservatori stranieri non è solo Mario Draghi a capo del Governo, una risorsa che molti ci invidiano, ma la grande maggioranza “europeista” che si è creata attorno a lui, in particolare la conversione all’Europa della Lega. Una vera novità che, se si consolidasse, oltre a premiare lo spirito unitario del Presidente del Consiglio, visto come “un dovere”, rafforza il nostro Paese in àmbito europeo ed internazionale.

Infatti, è su questo fronte che si gioca la scommessa: Italia ed Ue insieme. Ma per farlo l’Europa non può rimanere quella che è oggi, perché in àmbito internazionale ha un ruolo molto limitato, è interlocutrice solo nel contesto dell’OMC (Organizzazione Mondiale del Commercio). Per il resto è quasi assente, vittima della politica, spesso divisiva, degli Stati membri. Lo abbiamo visto, come dicevamo, anche con la pandemia e con l’emergenza sanitaria, non solo nel Mediterraneo. È quasi come se non esistesse, tant’è che Cina e Russia hanno buon gioco e fanno di tutto per indebolirla ulteriormente.

La sfida di Draghi e dell’Italia

Non è molto diverso sul piano interno, dove la sua capacità di azione e le carenze non risultano minori. È su questo fronte interno all’Europa che si giocherà la sfida di Draghi e dell’Italia. Già dinanzi alle scadenze immediate – come la sospensione del Patto di Stabilità da mantenere, la procedura per eccesso di bilancio, la questione del debito, l’Unione bancaria, ecc. –, ci faranno tribolare e non poco. Ma la sfida principale, come dicevamo, si gioca sulla costruzione dell’Unione, politica e democratica. Su questo fronte il nostro Paese, ricco della sua tradizione, dovrà fare quadrato, coinvolgendo i cittadini (non solo i partiti) per imporre un’agenda insieme a Francia, Spagna e Germania con l’obiettivo di cambiare l’Unione.

È quello a cui il Laboratorio Europa e l’Eurispes lavorano da tempo. Il momento di agire è arrivato. Ci sono tutte le condizioni: l’occasione va colta, e non persa.

 

*Carmelo Cedrone è il coordinatore del Laboratorio Europa dell’Eurispes.

Ultime notizie
pandemic
Futuro

Beyond the pandemic, an innovative American experience

The pandemic certainly has exasperated situations in balance. Positive psychology can help people and affect the sphere of economy and work, most of all young people and students affected by pandemic consequences on mental health.
di Laura Dryjanska
pandemic
civil aviation
Ambiente

“Green flights”: the cooperation model between Italy and China in civil aviation

The participation in the video-conference by the ambassadors of the respective countries, Luca Ferrari for Italy and Li Junhua for China, is...
di Marco Ricceri*
civil aviation
aviazione civile
Rapporti

“Voli green”: il modello di cooperazione tra Italia e Cina nell’aviazione civile

La partecipazione alla video-conferenza degli ambasciatori dei rispettivi paesi, Luca Ferrari per l’Italia e Li Junhua per la Cina, è un indice...
di Marco Ricceri*
aviazione civile
turismo di lusso
Economia

Il turismo di lusso non conosce crisi ed è già ai livelli del 2019

Il turismo di lusso ha sofferto meno la crisi del 2020, per la possibilità di offrire esperienze esclusive e in condizioni di sicurezza lontane dall’affollamento del turismo di massa e dei voli low cost. Sembra infatti che il settore sia ritornato già ai livelli pre-pandemia del 2019.
di Roberta Rega
turismo di lusso
Unione europea
Economia

Piano nazionale di ripresa, strategie territoriali per massimizzare l’impatto degli interventi

Ue, per massimizzare l’impatto degli interventi è importante agire in modo strategico e coordinato dalla fase di programmazione a quella di attuazione, e contribuendo a rafforzare gli obiettivi di addizionalità propri della coesione, in particolare nelle aree marginali del nostro Paese.
di Claudia Bugno*
Unione europea
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato