L’Europa e l’Italia. Governo Draghi: un’opportunità

Forse è giunto il momento in cui l’Italia potrà tornare ad essere protagonista in Europa. Il periodo è cruciale, per noi e per l’Unione.

Il cambio di passo avvenuto può rappresentare una svolta non solo a livello nazionale, ma anche a livello europeo, e questo senza credere ai “miracoli”. Infatti, se non scatta il senso di responsabilità, se non costruiamo adesso una visione, quando lo faremo? Con la crisi sanitaria che ritorna e si aggrava sempre più, con le conseguenze economiche già molto pesanti, cos’altro dobbiamo aspettare per fare dei passi avanti?

Il ritardo dell’Europa nella corsa ai vaccini è tutto ancora da colmare

Solo i vaccini potranno arrestare la pandemia. Ma siamo in forte ritardo. La Commissione Europea si è mossa piuttosto ingenuamente; ha fatto quello che poteva, solo che lo ha fatto male. È caduta in confusione, si è fidata delle case farmaceutiche. Non ha pagato i vaccini in anticipo come hanno fatto gli USA, il Regno Unito, Israele, e così via, per cui mancano le dosi e la campagna vaccinale langue. Non è un bell’esempio di efficienza e la conseguenza è che aumenterà il prezzo economico da pagare, così come aumenterà il debito. Ma non poteva essere diversamente, visti i limiti dell’Unione. Solo la BCE interviene concretamente.

È ora di fare l’Europa

Quello che manca, purtroppo, è la volontà, un’iniziativa che metta al centro il rilancio dell’Unione, con la creazione di una “entità istituzionale” politica e democratica. Un percorso da iniziare senza ulteriori attese. Un percorso parallelo a quello italiano, perché anche l’Italia ha bisogno di rimodellare il suo sistema istituzionale per rafforzare l’azione del Governo e di attuare alcune riforme ormai quasi secolari. Fra queste, quella della Pubblica amministrazione, solo per fare un esempio, visto il fallimento di tutti i tentativi che si sono avvicendati nell’ultimo secolo. C’è bisogno di un’azione mirata a ridurre drasticamente i passaggi e gli interventi a cui la stessa PA è chiamata, compresa l’emanazione di una miriade di decreti attuativi per ogni decreto o legge dello Stato. Un retaggio “bizantino” che va soppresso. Serve semplificare, semplificare, semplificare. Non altro. Troppi passaggi, troppe leggi, troppi decreti attuativi, troppe circolari, più quelle che chiariscono altre circolari. Servono solo a produrre corruzione, sottomissione, clientelismo e ritardi come tante ricerche – comprese quelle dell’Eurispes – hanno ampiamente dimostrato più volte.

Il cambio di passo dell’Italia

Sia in Europa, l’anno scorso, sia in Italia, sembrava che tutto stesse precipitando. Poi a luglio 2020 l’Unione ha fatto un passo, modesto, solo un segnale sufficiente per evitare la fine. Lo stesso vale per l’Italia vista la situazione in cui si era cacciata alla fine dell’anno, con un Governo nascosto dietro la pandemia per prolungare la sua durata e per coprire la mancanza di visione e l’assenza di un programma capace di produrre cambiamenti e di rimettere in moto crescita e occupazione. Perciò occorre lavorare affinché il mutamento avvenuto in questi giorni sia salutare ed efficace. Al di là dei limiti che si possono sempre intravedere, il cambio di passo effettuato è molto significativo e pieno di attese. Forse anche troppe. Può comunque rappresentare un’occasione per il nostro Paese. Non ha senso il paragone col Governo Monti che aveva il compito di attuare una politica di austerità, d’ispirazione tedesca, imposta dalla crisi finanziaria.

Leggi anche

Ma quello che ha sbalordito di più anche gli osservatori stranieri non è solo Mario Draghi a capo del Governo, una risorsa che molti ci invidiano, ma la grande maggioranza “europeista” che si è creata attorno a lui, in particolare la conversione all’Europa della Lega. Una vera novità che, se si consolidasse, oltre a premiare lo spirito unitario del Presidente del Consiglio, visto come “un dovere”, rafforza il nostro Paese in àmbito europeo ed internazionale.

Infatti, è su questo fronte che si gioca la scommessa: Italia ed Ue insieme. Ma per farlo l’Europa non può rimanere quella che è oggi, perché in àmbito internazionale ha un ruolo molto limitato, è interlocutrice solo nel contesto dell’OMC (Organizzazione Mondiale del Commercio). Per il resto è quasi assente, vittima della politica, spesso divisiva, degli Stati membri. Lo abbiamo visto, come dicevamo, anche con la pandemia e con l’emergenza sanitaria, non solo nel Mediterraneo. È quasi come se non esistesse, tant’è che Cina e Russia hanno buon gioco e fanno di tutto per indebolirla ulteriormente.

La sfida di Draghi e dell’Italia

Non è molto diverso sul piano interno, dove la sua capacità di azione e le carenze non risultano minori. È su questo fronte interno all’Europa che si giocherà la sfida di Draghi e dell’Italia. Già dinanzi alle scadenze immediate – come la sospensione del Patto di Stabilità da mantenere, la procedura per eccesso di bilancio, la questione del debito, l’Unione bancaria, ecc. –, ci faranno tribolare e non poco. Ma la sfida principale, come dicevamo, si gioca sulla costruzione dell’Unione, politica e democratica. Su questo fronte il nostro Paese, ricco della sua tradizione, dovrà fare quadrato, coinvolgendo i cittadini (non solo i partiti) per imporre un’agenda insieme a Francia, Spagna e Germania con l’obiettivo di cambiare l’Unione.

È quello a cui il Laboratorio Europa e l’Eurispes lavorano da tempo. Il momento di agire è arrivato. Ci sono tutte le condizioni: l’occasione va colta, e non persa.

 

*Carmelo Cedrone è il coordinatore del Laboratorio Europa dell’Eurispes.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento