Le condizionalità del Fondo europeo per la Ripresa: chi informa imprese e lavoratori? 

Le condizionalità del Fondo per la Ripresa

A quali condizionalità è legato l’accordo europeo di luglio 2020 che ha portato alla approvazione del Fondo per la Ripresa (Recovery Fund)? Come potrà il mondo dell’economia reale, delle imprese e del lavoro, utilizzare al meglio questa grande opportunità costruita a livello comunitario? Sono domande che vengono spontanee perché nei tanti commenti, giustamente positivi, su questa importante iniziativa è difficile registrare un’attenzione sufficiente e approfondita agli indirizzi strategici a cui la Ue ha legato le politiche di ripresa. In sostanza, ciò che sembra scarsamente valutato è che il Fondo per la Ripresa non è uno strumento isolato, a sé stante, rispetto al contesto delle politiche europee di sviluppo; ma, al contrario, è parte integrante di tali politiche, ne segue gli indirizzi e le logiche, ne riflette le condizionalità.

Lo stato dell’Unione secondo Ursula. Chi lo farà?

Gli operatori economici potrebbero essere impreparati

Se non si ha chiaro questo passaggio e non si mettono gli operatori economici nelle condizioni di essere adeguatamente informati e di comprenderne la portata, si corre il rischio reale di non trovarsi preparati a sufficienza nel momento in cui i finanziamenti del Fondo saranno concretamente messi a disposizione. Il Fondo per la Ripresa, per il massimo della chiarezza, è legato agli obiettivi strategici ed alle politiche che fanno riferimento al Green Deal europeo ed alla “Strategia annuale di crescita sostenibile 2020” presentati dalla Commissione Europea lo scorso dicembre 2019, cioè poco prima del blocco per la crisi pandemica. Documenti con i quali da un lato la Ue ha cercato di rispondere alle sollecitazioni dell’Onu per una accelerazione delle iniziative di correzione dell’attuale modello di sviluppo al fine di evitare “danni irreversibili” al nostro sistema comune (GSDR, 2019) e, dall’altro, di imprimere una svolta all’attuale sistema produttivo europeo per orientarlo sulla qualità piuttosto che sulla quantità dello sviluppo e recuperare in tal modo anche un ruolo guida a livello mondiale nelle politiche per la sostenibilità.

Verso un’economia circolare

Questa strategia europea, che punta ad accelerare la duplice transizione “verde” e “digitale” del sistema produttivo comunitario, ha preso corpo ed è stata ben definita in una serie di documenti presentati e in parte approvati proprio nel periodo della chiusura generale causata dalla diffusione della pandemia; esattamente nei mesi di febbraio-marzo, in concomitanza con il Consiglio europeo che ha avviato il confronto sul Fondo per la Ripresa. Quali sono questi documenti? Tra i principali si segnalano, ad esempio: il “Piano europeo di investimenti per il Green Deal – EGDIP”, (14 gennaio 2020), rafforzato dalla definizione degli strumenti operativi, il Just Transition Mechanism e il Just Transition Fund; la “Strategia europea sui dati” (del 19 febbraio 2020); la proposta di una “Legge europea per il clima” (del 4 marzo 2020); “Una nuova strategia industriale per l’Europa”, “Una strategia per le Piccole e Medie Imprese (SME) per una Europa sostenibile e digitale”, “Il Piano di azione per il Mercato Unico” (tutti provvedimenti del 10 marzo 2020); il “Piano di Azione per l’Economia Circolare” (dell’11 marzo 2020), “L’ Agenda sulle competenze per una competitività sostenibile” (del 1° luglio 2020).

Rivedere le regole della concorrenza

Forse sarebbe bene che gli operatori economici ne prendessero buona nota e ne leggessero bene il contenuto perché in questi documenti sono delineate le condizionalità che dovranno essere rispettate anche nell’utilizzo delle risorse finanziarie messe a disposizione dal Fondo. Nella strategia sulla nuova politica industriale, ad esempio, la Ue chiede agli Stati di rivedere le regole della concorrenza entro il 2021, di garantire dei mercati aperti; chiede alle industrie siderurgiche di adottare processi produttivi a emissioni zero di carbonio; alle industrie chimiche di trovare prodotti a rischio zero per la salute delle popolazioni; ai servizi del lavoro di promuovere politiche attive di qualificazione della manodopera («nei prossimi cinque anni 120 milioni di lavoratori europei dovranno essere riqualificati»). Le trasformazioni “verdi” dovranno coinvolgere tutti i partecipanti ad una determinata catena di produzione di valore, dalle piccole imprese alle grandi società, superando una frammentazione ritenuta eccessiva e spesso controproducente. Analoghi impegni e condizionalità di forte impatto sono stati definiti nella strategia sulla economia circolare dove si parla di “prodotti sostenibili”.

L’Europa ancora ferma. Garantisce la Germania?

Innovazione nel modo di produrre

In pratica, i finanziamenti e gli incentivi saranno a disposizione di quelle imprese che sapranno innovare processi e prodotti secondo il principio complesso della sostenibilità, dimostrando l’impegno concreto a passare da un’economia “lineare” (produco-consumo-getto), appunto, ad un’economia circolare (produco-consumo-riutilizzo); e le indicazioni della Ue, in questo caso, non sono di carattere generale ma entrano nello specifico indicando una prima serie di prodotti sostenibili: Elettronica e TIC, Batterie, Autoveicoli, Imballaggi, Plastica, Prodotti tessili, Costruzione e edilizia, Prodotti alimentari, Acque e nutrienti. Una prima serie – va aggiunto – che sarà completata il prossimo anno. Da segnalare, ancora, a titolo di esempio, gli impegni delineati per gli Stati al fine di promuovere la diffusione e il rafforzamento delle piccole e medie imprese. Tra i tanti indirizzi indicati in questa strategia specifica risalta, ad esempio, la portata dei provvedimenti per la semplificazione legislativa. In questo àmbito la Ue si impegna a verificare l’adeguatezza e l’efficacia della propria legislazione sulla base del principio “one in, one out” (OI-OO); un atto di documentazione in entrata e un atto in uscita per la massima semplificazione nel rapporto tra il cittadino, l’imprenditore e l’istituzione comunitaria. Ma l’applicazione dello stesso principio e delle relative pratiche è richiesto anche agli Stati membri.

Gli investimenti disponibili

Come è richiesto di eliminare i ritardi nei pagamenti, in particolare alle piccole e medie imprese (solo il 40% delle imprese della Ue è pagato puntualmente), di assicurare a tali imprese la partecipazione agli “appalti verdi” e ad un adeguato sistema di informazioni e dati. Un ulteriore elemento da tener presente riguarda il ruolo di motore dello sviluppo che la Ue ha affidato alla Banca Europea degli Investimenti-BEI con un fondo di 200 miliardi da impegnare fin da subito a favore del mondo imprenditoriale. Ottima scelta: ma in base a quali princìpi e criteri opera la BEI? Anche a questo riguardo, sarebbe importante che gli operatori economici prendessero una attenta visione dei modelli di sostenibilità economica, ambientale e sociale utilizzati dalla BEI per la concessione dei finanziamenti a sostegno dei progetti di sviluppo. In effetti, si tratta di modelli molto condizionanti e vincolanti, soggetti ad un continuo aggiornamento e monitoraggio, per indurre l’impresa a percorrere il nuovo cammino della qualità dello sviluppo. Ed è chiaro, come per le nuove strategie Ue sopra descritte, che anche nel rapporto con la BEI le grandi opportunità che essa offre saranno soltanto a disposizione di quelle imprese orientate ed attrezzate a rispettarne le codizioni. Da qui una riflessione conclusiva: la Ue con il Fondo per la Ripresa ha compiuto un passo definito come storico ed offre una grande opportunità; ma le condizionalità che ha delineato per coglierla richiederebbero quanto meno la organizzazione di un grande “Piano Informativo” destinato a imprese e lavoratori, con una mobilitazione concordata di servizi pubblici, agenzie, associazioni di categoria. Senza una diffusa, tempestiva conoscenza e consapevolezza di questo nuovo sistema europeo, il 2021 potrebbe riservare delle cocenti delusioni nella possibilità di utilizzo dei finanziamenti comunitari da parte degli operatori, i diretti interessati.

*Segretario generale dell’Eurispes  

 

 

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali