Il Decreto Rilancio monopolizza il prime time. Silvia Romano: per Tg4 è “Corano-virus”. L’analisi dei Tg

La presentazione, dopo lunghi rinvii, del Decreto Rilancio – “la più grande manovra finanziaria da decenni” (Tg La7) –, reclama le prime pagine del prime time, collezionando 16 aperture. Spazio alle valutazioni delle parti sociali, con i Tg Mediaset che raccolgono le critiche degli industriali. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dall’11 al 15 maggio.
Giovedì Tg5 rilancia un lungo intervento di Berlusconi, mentre Tg2 interpella Crimi, il leader del Movimento 5 Stelle, sul nodo delle regolarizzazioni dei migranti – il quale aveva fatto traballare la maggioranza. Su questo elemento – che costituisce il versante più “politico” del provvedimento – torna venerdì il Tg3, sola testata ad interpellare e raccogliere le posizioni del sindacato sul mezzo milione di lavoratori stranieri che questa misura verrebbe a regolarizzare, facendoli emergere dal lavoro in nero.

Oltre al confronto acceso sulle misure del Decreto Rilancio, nei servizi del prime time hanno trovato ampio spazio le polemiche sulla liberazione di Silvia Romano, la cooperante riportata in Italia lunedì (apertura per tutti); la conversione all’Islam della giovane, che sul Web ha provocato reazioni inconsulte e spregevoli, ha fatto emergere nei Tg gli orientamenti delle diverse testate anche prima che questa vicenda privata venisse fagocitata dalla politica. È il caso del Tg4 che già lunedì, in apertura, titolava su di un nuovo caso di “Corano-virus”, per poi commentare la vicenda con il giornalista Magdi Allam. Le dichiarazioni di mercoledì del deputato del carroccio Pagano, che aveva definito “neo-terrorista” la giovane, sono state invece messe sotto il tappeto da Tg4 e Tg5 (nei titoli per tutti gli altri, in apertura per Studio Aperto). Tg2 propone giovedì un’intervista a Mara Carfagna, Vicepresidente della Camera, in cui si critica il linguaggio vergognoso della politica, concepito per «aizzare gli odiatori da tastiera». L’intervista, tuttavia, vira poi verso la critica alla propaganda fatta dal Governo sulla pelle della ragazza mentre, in evidenza, è la dissociazione di Salvini dalle parole di Pagano (sono poi seguite le scuse). Assai duro Enrico Mentana, secondo cui: «Parole così non hanno giustificazioni. Pagano ha offeso tutti noi e la sua intelligenza dicendo quella solenne fesseria nell’aula della Camera».

Dopo due mesi di predominio nelle scalette, i dati del contagio figurano per molte testate da metà edizione, restando primo titolo solo per Tg4 (3 edizioni) e Tg5. Grande attenzione all’imminente riapertura, ma anche agli effetti della crisi economica, con Tg5 che giovedì dedica la copertina ai nuovi poveri italiani. Plauso trasversale alla professione degli infermieri, che il 12 maggio hanno celebrare la loro giornata internazionale: molti i servizi, tra cui un editoriale di Tg5 e l’apertura del Tg2. Attenzione mercoledì ai casi di violenza sulle donne in aumento – anche per via delle misure di quarantena –, con un buon servizio di Studio Aperto.

Per gli esteri spazi ridotti, con l’interesse che si concentra sulla guerra all’epidemia negli Stati Uniti e in Russia, dove crescono i contagi. Gli appelli di venerdì del Papa, il quale ha richiamato l’attenzione sugli altri fronti di crisi nel mondo – anche più letali del Covid-19 – trovano spazio solo sui Tg Rai.

Dopo 9 mesi dalla sua formazione, il Governo Conte 2 produce i suoi effetti sugli assetti del Servizio Pubblico, con la nomina di Mario Orfeo alla direzione del Tg3. La direttrice uscente, Giuseppina Paterniti – la quale diverrà responsabile dell’Offerta informativa del Servizio Pubblico –, venerdì ha salutato il suo pubblico con un lungo intervento che, al pari di un discorso programmatico, ha passato in rassegna le posizioni assunte dalla testata sui grandi temi e le battaglie che attraversano la nostra società. L’Osservatorio Tg saluta la direttrice Paterniti, segnalando che con lei se ne va l’ultimo direttore donna nel panorama delle testate generaliste (escludendo Rosanna Ragusa, che è co-direttrice di Tg4).

Ultime notizie
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Storia

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day