Attualità

Il Decreto Rilancio monopolizza il prime time. Silvia Romano: per Tg4 è “Corano-virus”. L’analisi dei Tg

La presentazione, dopo lunghi rinvii, del Decreto Rilancio – “la più grande manovra finanziaria da decenni” (Tg La7) –, reclama le prime pagine del prime time, collezionando 16 aperture. Spazio alle valutazioni delle parti sociali, con i Tg Mediaset che raccolgono le critiche degli industriali. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dall’11 al 15 maggio.
Giovedì Tg5 rilancia un lungo intervento di Berlusconi, mentre Tg2 interpella Crimi, il leader del Movimento 5 Stelle, sul nodo delle regolarizzazioni dei migranti – il quale aveva fatto traballare la maggioranza. Su questo elemento – che costituisce il versante più “politico” del provvedimento – torna venerdì il Tg3, sola testata ad interpellare e raccogliere le posizioni del sindacato sul mezzo milione di lavoratori stranieri che questa misura verrebbe a regolarizzare, facendoli emergere dal lavoro in nero.

Oltre al confronto acceso sulle misure del Decreto Rilancio, nei servizi del prime time hanno trovato ampio spazio le polemiche sulla liberazione di Silvia Romano, la cooperante riportata in Italia lunedì (apertura per tutti); la conversione all’Islam della giovane, che sul Web ha provocato reazioni inconsulte e spregevoli, ha fatto emergere nei Tg gli orientamenti delle diverse testate anche prima che questa vicenda privata venisse fagocitata dalla politica. È il caso del Tg4 che già lunedì, in apertura, titolava su di un nuovo caso di “Corano-virus”, per poi commentare la vicenda con il giornalista Magdi Allam. Le dichiarazioni di mercoledì del deputato del carroccio Pagano, che aveva definito “neo-terrorista” la giovane, sono state invece messe sotto il tappeto da Tg4 e Tg5 (nei titoli per tutti gli altri, in apertura per Studio Aperto). Tg2 propone giovedì un’intervista a Mara Carfagna, Vicepresidente della Camera, in cui si critica il linguaggio vergognoso della politica, concepito per «aizzare gli odiatori da tastiera». L’intervista, tuttavia, vira poi verso la critica alla propaganda fatta dal Governo sulla pelle della ragazza mentre, in evidenza, è la dissociazione di Salvini dalle parole di Pagano (sono poi seguite le scuse). Assai duro Enrico Mentana, secondo cui: «Parole così non hanno giustificazioni. Pagano ha offeso tutti noi e la sua intelligenza dicendo quella solenne fesseria nell’aula della Camera».

Dopo due mesi di predominio nelle scalette, i dati del contagio figurano per molte testate da metà edizione, restando primo titolo solo per Tg4 (3 edizioni) e Tg5. Grande attenzione all’imminente riapertura, ma anche agli effetti della crisi economica, con Tg5 che giovedì dedica la copertina ai nuovi poveri italiani. Plauso trasversale alla professione degli infermieri, che il 12 maggio hanno celebrare la loro giornata internazionale: molti i servizi, tra cui un editoriale di Tg5 e l’apertura del Tg2. Attenzione mercoledì ai casi di violenza sulle donne in aumento – anche per via delle misure di quarantena –, con un buon servizio di Studio Aperto.

Per gli esteri spazi ridotti, con l’interesse che si concentra sulla guerra all’epidemia negli Stati Uniti e in Russia, dove crescono i contagi. Gli appelli di venerdì del Papa, il quale ha richiamato l’attenzione sugli altri fronti di crisi nel mondo – anche più letali del Covid-19 – trovano spazio solo sui Tg Rai.

Dopo 9 mesi dalla sua formazione, il Governo Conte 2 produce i suoi effetti sugli assetti del Servizio Pubblico, con la nomina di Mario Orfeo alla direzione del Tg3. La direttrice uscente, Giuseppina Paterniti – la quale diverrà responsabile dell’Offerta informativa del Servizio Pubblico –, venerdì ha salutato il suo pubblico con un lungo intervento che, al pari di un discorso programmatico, ha passato in rassegna le posizioni assunte dalla testata sui grandi temi e le battaglie che attraversano la nostra società. L’Osservatorio Tg saluta la direttrice Paterniti, segnalando che con lei se ne va l’ultimo direttore donna nel panorama delle testate generaliste (escludendo Rosanna Ragusa, che è co-direttrice di Tg4).

Ultime notizie
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*
Società

Disuguaglianza di genere e violenza sulle donne. Un’emergenza nell’emergenza

La violenza di genere è un fenomeno che affonda le sue radici nella disuguaglianza di genere e persiste nell’affermarsi come una fra le più importanti violazioni dei diritti umani in tutte le società. Non a caso, è stata definita dall’ONU come un “flagello mondiale”.
di Lavinia Ferrari e Giulia Putzolu
Criminalità e contrasto

L’evasione fiscale brucia ogni secondo lo stipendio annuale di un infermiere

Il primo studio sullo Stato della giustizia fiscale realizzato da Tax Justice Network indica che ogni anno vanno in fumo 427 miliardi di dollari a causa dell’evasione fiscale. La fetta maggiore di evasione è praticata dalle multinazionali, che anziché pagare le tasse dovute al paese in cui originano e operano, trasferiscono la sede legale nei paradisi fiscali.
di Roberta Rega
Cultura

I primi cento anni di Gianni Rodari, genio “riverente” della letteratura per l’infanzia

Che cosa avrebbe pensato Gianni Rodari delle tante attenzioni che ha ricevuto in occasione della recente ricorrenza del centenario della nascita? Abbiamo pensato di rendergli omaggio con l’aiuto dei suoi critici più attenti: i bambini.
di Giuseppe Pulina
Lavoro

Gig economy e nuove frontiere del lavoro. Quali diritti per i riders?

La Gig economy è l’emblema di un sistema di produzione avanzato e non retrogrado, normato e fondato sul rapporto fra coloro che utilizzano il lavoro umano e coloro che invece lo forniscono, comprendendo una gamma assai ampia di lavoro autonomo fasullo. Anche l’Italia è investita da questo fenomeno, in particolar modo per quanto riguarda i riders.
di Marco Omizzolo
Intervista

11 milioni di italiani con meno cure. Sanità non è solo fermare il Covid

La prima ondata della pandemia ha causato importanti disagi e ripercussioni a carico degli undici milioni di cittadini affetti dalle patologie diverse dal Covid, cioè i pazienti oncologici, ematologici e cardiologici. Intervista al Prof. Francesco Cognetti Presidente Federazione Foce.
di Emilio Albertario
Cultura

Gli Hate speech online, quando la comunicazione dell’odio è organizzata

Nella Rete l’hate speech inizia ad essere sempre meno legato allo spontaneismo digitale e sempre più legato al fenomeno dei cosiddetti appaltatori dell’odio. L’intervento dell’Avv. Prof. Roberto De Vita, Presidente dell’Osservatorio Cybersecurity dell’Eurispes alla conferenza online promossa da Unar.
di Roberto De Vita
Criminalità e contrasto

L’emergenza della Calabria è un’emergenza nazionale. Intervista al Presidente della Commissione Parlamentare antimafia, Nicola Morra

La complessità della situazione in Calabria dove la Sanità resta senza una guida nel pieno della seconda ondata della pandemia, il ruolo dei boss in carcere e le infiltrazioni negli organi dello Stato. Questi i temi toccati nell’intervista a Nicola Morra, Presidente della Commissione Parlamentare antimafia.
di Emilio Albertario
Video

Come se non ci fosse più un Natale

  Una famosa frase attribuita a Mao, ma che in realtà era di Confucio, dice pressappoco cosi: «Grande è la confusione sotto il...
di Emilio Albertario