Attualità

Il Decreto Rilancio monopolizza il prime time. Silvia Romano: per Tg4 è “Corano-virus”. L’analisi dei Tg

71

La presentazione, dopo lunghi rinvii, del Decreto Rilancio – “la più grande manovra finanziaria da decenni” (Tg La7) –, reclama le prime pagine del prime time, collezionando 16 aperture. Spazio alle valutazioni delle parti sociali, con i Tg Mediaset che raccolgono le critiche degli industriali. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dall’11 al 15 maggio.
Giovedì Tg5 rilancia un lungo intervento di Berlusconi, mentre Tg2 interpella Crimi, il leader del Movimento 5 Stelle, sul nodo delle regolarizzazioni dei migranti – il quale aveva fatto traballare la maggioranza. Su questo elemento – che costituisce il versante più “politico” del provvedimento – torna venerdì il Tg3, sola testata ad interpellare e raccogliere le posizioni del sindacato sul mezzo milione di lavoratori stranieri che questa misura verrebbe a regolarizzare, facendoli emergere dal lavoro in nero.

Oltre al confronto acceso sulle misure del Decreto Rilancio, nei servizi del prime time hanno trovato ampio spazio le polemiche sulla liberazione di Silvia Romano, la cooperante riportata in Italia lunedì (apertura per tutti); la conversione all’Islam della giovane, che sul Web ha provocato reazioni inconsulte e spregevoli, ha fatto emergere nei Tg gli orientamenti delle diverse testate anche prima che questa vicenda privata venisse fagocitata dalla politica. È il caso del Tg4 che già lunedì, in apertura, titolava su di un nuovo caso di “Corano-virus”, per poi commentare la vicenda con il giornalista Magdi Allam. Le dichiarazioni di mercoledì del deputato del carroccio Pagano, che aveva definito “neo-terrorista” la giovane, sono state invece messe sotto il tappeto da Tg4 e Tg5 (nei titoli per tutti gli altri, in apertura per Studio Aperto). Tg2 propone giovedì un’intervista a Mara Carfagna, Vicepresidente della Camera, in cui si critica il linguaggio vergognoso della politica, concepito per «aizzare gli odiatori da tastiera». L’intervista, tuttavia, vira poi verso la critica alla propaganda fatta dal Governo sulla pelle della ragazza mentre, in evidenza, è la dissociazione di Salvini dalle parole di Pagano (sono poi seguite le scuse). Assai duro Enrico Mentana, secondo cui: «Parole così non hanno giustificazioni. Pagano ha offeso tutti noi e la sua intelligenza dicendo quella solenne fesseria nell’aula della Camera».

Dopo due mesi di predominio nelle scalette, i dati del contagio figurano per molte testate da metà edizione, restando primo titolo solo per Tg4 (3 edizioni) e Tg5. Grande attenzione all’imminente riapertura, ma anche agli effetti della crisi economica, con Tg5 che giovedì dedica la copertina ai nuovi poveri italiani. Plauso trasversale alla professione degli infermieri, che il 12 maggio hanno celebrare la loro giornata internazionale: molti i servizi, tra cui un editoriale di Tg5 e l’apertura del Tg2. Attenzione mercoledì ai casi di violenza sulle donne in aumento – anche per via delle misure di quarantena –, con un buon servizio di Studio Aperto.

Per gli esteri spazi ridotti, con l’interesse che si concentra sulla guerra all’epidemia negli Stati Uniti e in Russia, dove crescono i contagi. Gli appelli di venerdì del Papa, il quale ha richiamato l’attenzione sugli altri fronti di crisi nel mondo – anche più letali del Covid-19 – trovano spazio solo sui Tg Rai.

Dopo 9 mesi dalla sua formazione, il Governo Conte 2 produce i suoi effetti sugli assetti del Servizio Pubblico, con la nomina di Mario Orfeo alla direzione del Tg3. La direttrice uscente, Giuseppina Paterniti – la quale diverrà responsabile dell’Offerta informativa del Servizio Pubblico –, venerdì ha salutato il suo pubblico con un lungo intervento che, al pari di un discorso programmatico, ha passato in rassegna le posizioni assunte dalla testata sui grandi temi e le battaglie che attraversano la nostra società. L’Osservatorio Tg saluta la direttrice Paterniti, segnalando che con lei se ne va l’ultimo direttore donna nel panorama delle testate generaliste (escludendo Rosanna Ragusa, che è co-direttrice di Tg4).

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Recensioni

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
La sfida dei Sindaci

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone