Imprenditrice a 17 anni, insegna a costruire robot. La storia

Ha fondato la sua azienda di robotica a 16 anni, subito dopo uno stage al Mit, il prestigioso Massachusets Institute of Technology di Boston. Quasi subito ha deciso che in due era meglio, scegliendo, dopo un accurato colloquio, il suo socio venticinquenne, Francesco. Adesso che di anni ne ha 17, Valeria Cagnina insegna a costruire robot ai bambini piccoli, ai ragazzi delle medie, agli insegnanti con corsi certificati dal Miur, e persino a imprese del calibro di Cisco e Ibm. “Play make learn”, giocando s’impara, è il motto della loro azienda di S.Michele, vicino ad Alessandria, con il logo di un robottino che separa queste tre parole. È invitata ad eventi internazionali del settore, è stata premiata in tanti festival e… non ha ancora il diploma delle superiori.

Che scuola frequenti, Valeria?
L’Istituto Tecnico Alessandro Volta di Alessandria. Meglio dire: l’ho frequentato, sino alla quarta superiore. Perché alla preside non andava bene che avessi contemporaneamente un’azienda, e allora mi sono dovuta ritirare. Mi presenterò da privatista alla maturità, a giugno del 2019.

E come è nata la passione per i robot?
Ero piccola, avevo 11 anni e facevo la prima media, quando andai a Milano al “CoderDojo”, una community globale no profit, che in varie città europee crea eventi per avvicinare i bambini e i ragazzi all’informatica. Lì vidi una pianta digitale che sullo schermo interagiva con dei sensori, calcolava umidità e temperatura, e addirittura si mostrava più aperta e più contenta se qualcuno entrava nella stanza. Questa esperienza mi è piaciuta molto, e quando sono tornata a casa mi sono fatta regalare il kit base di Arduino Progetti e ho costruito il mio primo robot, che andava in giro per la casa evitando gli ostacoli.

E poi?
Non volevo più fermarmi, la robotica mi appassionava, scrivevo mail dappertutto per stringere contatti e avere nuove informazioni. E così, a 15 anni, riuscii ad andare al Mit di Boston, che stava realizzando un progetto chiamato Duckietown, la città delle papere. Si trattava di costruire un robot autonomo che potesse girare per le vie di una città simulata, rispettando la segnaletica ed evitando gli ostacoli. Venni presa come senior tester. Dovevo migliorare i tutorial universitari, e renderli fruibili ai ragazzi delle superiori. Missione compiuta. Ho passato a Boston un’intera estate, fantastica. Ed è lì, in quei palazzi rivestiti da splendide vetrate, che ho capito che si può imparare, e lavorare, giocando.

Dopo l’estate il ritorno in Italia. E a scuola…
Sì, ma ho deciso di dedicare tutto il mio tempo libero all’insegnamento della robotica. Ho iniziato con i bambini di tre anni, andando a casa loro. Con altri facevo lezioni a distanza, via Skype. La cosa funzionava e così un anno e mezzo fa nella mia San Michele, frazione di Alessandria, ho deciso di aprire una scuola di robotica. Ma ho capito subito che avevo bisogno di un socio. E sulla mia strada ho incontrato Francesco Baldassarre, otto anni più grande di me, laureato in informatica. E’ stato lui a leggere di me e a cercarmi. Io l’ho intervistato, e lui ha deciso di licenziarsi da un lavoro molto ben retribuito ma frustrante. È così che siamo diventati soci.

Siete rimasti in due?
Noi siamo soci, ma con i collaboratori, in tutto, saremo una decina. Lavoriamo come matti, insegniamo robotica e coding, e cioè come si fa la stesura di un programma. A persone di tutte le età. Abbiamo come allievi anche gli insegnanti, con tanto di certificazione del Ministero dei nostri corsi. Siamo entrati anche nelle aziende, come Cisco e Ibm e la cosa è destinata a crescere. Quando lavoriamo chiediamo a tutti di togliersi le scarpe e mettersi seduti per terra con noi. All’inizio qualche manager era perplesso, ma poi si sono adattati tutti. Quando non facciamo scuola, partecipiamo ad eventi “techno” in Italia e nel mondo.

A proposito di aziende, un mesetto fa avete portato una relazione a un convegno di Fondirigenti, il Fondo per la formazione dirigenti promosso da Confindustria, e lì hai scritto di essere una “whynotter”. Che cosa intendi con questo?
È il nostro motto. Nella vita si può essere “Yesbutter”, campioni di incertezza, ancorati al “sì, ma…” o “Whynotter”, ovvero, testimoni positivi del “perché no?”, aperti a nuove esperienze, nuovi incontri, nuovi viaggi, nuove contaminazioni. E noi siamo questo. Quanto a quella relazione, è stato buffo che chiedessero a me, che ho solo 17 anni, come vedevo il manager del futuro. Che poi è già quello di oggi. Ho risposto che deve essere una persona positiva e propositiva, con grande predisposizione al cambiamento. Dovrà sottoporsi a formazione continua per tutto l’arco della sua vita, perché le “soft skills” non si imparano a scuola. Dovrà avere flessibilità, apertura mentale e grande attenzione ai bisogni degli altri, viaggiare e contaminarsi, come diciamo noi, operando assieme a persone di altri mondi e di altre professioni.

Ma come la mettiamo con questa passione per i robot, che poi ci toglieranno il posto di lavoro?
No, no! Saranno sempre più diffusi, certo, ma si occuperanno delle attività più noiose, faticose e ripetitive. Lasceranno a noi i lavori creativi: ci divertiremo un sacco!

Per informazioni www.valeriacagnina.tech

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale