Innovazione

Imprenditrice a 17 anni, insegna a costruire robot. La storia

739

Ha fondato la sua azienda di robotica a 16 anni, subito dopo uno stage al Mit, il prestigioso Massachusets Institute of Technology di Boston. Quasi subito ha deciso che in due era meglio, scegliendo, dopo un accurato colloquio, il suo socio venticinquenne, Francesco. Adesso che di anni ne ha 17, Valeria Cagnina insegna a costruire robot ai bambini piccoli, ai ragazzi delle medie, agli insegnanti con corsi certificati dal Miur, e persino a imprese del calibro di Cisco e Ibm. “Play make learn”, giocando s’impara, è il motto della loro azienda di S.Michele, vicino ad Alessandria, con il logo di un robottino che separa queste tre parole. È invitata ad eventi internazionali del settore, è stata premiata in tanti festival e… non ha ancora il diploma delle superiori.

Che scuola frequenti, Valeria?
L’Istituto Tecnico Alessandro Volta di Alessandria. Meglio dire: l’ho frequentato, sino alla quarta superiore. Perché alla preside non andava bene che avessi contemporaneamente un’azienda, e allora mi sono dovuta ritirare. Mi presenterò da privatista alla maturità, a giugno del 2019.

E come è nata la passione per i robot?
Ero piccola, avevo 11 anni e facevo la prima media, quando andai a Milano al “CoderDojo”, una community globale no profit, che in varie città europee crea eventi per avvicinare i bambini e i ragazzi all’informatica. Lì vidi una pianta digitale che sullo schermo interagiva con dei sensori, calcolava umidità e temperatura, e addirittura si mostrava più aperta e più contenta se qualcuno entrava nella stanza. Questa esperienza mi è piaciuta molto, e quando sono tornata a casa mi sono fatta regalare il kit base di Arduino Progetti e ho costruito il mio primo robot, che andava in giro per la casa evitando gli ostacoli.

E poi?
Non volevo più fermarmi, la robotica mi appassionava, scrivevo mail dappertutto per stringere contatti e avere nuove informazioni. E così, a 15 anni, riuscii ad andare al Mit di Boston, che stava realizzando un progetto chiamato Duckietown, la città delle papere. Si trattava di costruire un robot autonomo che potesse girare per le vie di una città simulata, rispettando la segnaletica ed evitando gli ostacoli. Venni presa come senior tester. Dovevo migliorare i tutorial universitari, e renderli fruibili ai ragazzi delle superiori. Missione compiuta. Ho passato a Boston un’intera estate, fantastica. Ed è lì, in quei palazzi rivestiti da splendide vetrate, che ho capito che si può imparare, e lavorare, giocando.

Dopo l’estate il ritorno in Italia. E a scuola…
Sì, ma ho deciso di dedicare tutto il mio tempo libero all’insegnamento della robotica. Ho iniziato con i bambini di tre anni, andando a casa loro. Con altri facevo lezioni a distanza, via Skype. La cosa funzionava e così un anno e mezzo fa nella mia San Michele, frazione di Alessandria, ho deciso di aprire una scuola di robotica. Ma ho capito subito che avevo bisogno di un socio. E sulla mia strada ho incontrato Francesco Baldassarre, otto anni più grande di me, laureato in informatica. E’ stato lui a leggere di me e a cercarmi. Io l’ho intervistato, e lui ha deciso di licenziarsi da un lavoro molto ben retribuito ma frustrante. È così che siamo diventati soci.

Siete rimasti in due?
Noi siamo soci, ma con i collaboratori, in tutto, saremo una decina. Lavoriamo come matti, insegniamo robotica e coding, e cioè come si fa la stesura di un programma. A persone di tutte le età. Abbiamo come allievi anche gli insegnanti, con tanto di certificazione del Ministero dei nostri corsi. Siamo entrati anche nelle aziende, come Cisco e Ibm e la cosa è destinata a crescere. Quando lavoriamo chiediamo a tutti di togliersi le scarpe e mettersi seduti per terra con noi. All’inizio qualche manager era perplesso, ma poi si sono adattati tutti. Quando non facciamo scuola, partecipiamo ad eventi “techno” in Italia e nel mondo.

A proposito di aziende, un mesetto fa avete portato una relazione a un convegno di Fondirigenti, il Fondo per la formazione dirigenti promosso da Confindustria, e lì hai scritto di essere una “whynotter”. Che cosa intendi con questo?
È il nostro motto. Nella vita si può essere “Yesbutter”, campioni di incertezza, ancorati al “sì, ma…” o “Whynotter”, ovvero, testimoni positivi del “perché no?”, aperti a nuove esperienze, nuovi incontri, nuovi viaggi, nuove contaminazioni. E noi siamo questo. Quanto a quella relazione, è stato buffo che chiedessero a me, che ho solo 17 anni, come vedevo il manager del futuro. Che poi è già quello di oggi. Ho risposto che deve essere una persona positiva e propositiva, con grande predisposizione al cambiamento. Dovrà sottoporsi a formazione continua per tutto l’arco della sua vita, perché le “soft skills” non si imparano a scuola. Dovrà avere flessibilità, apertura mentale e grande attenzione ai bisogni degli altri, viaggiare e contaminarsi, come diciamo noi, operando assieme a persone di altri mondi e di altre professioni.

Ma come la mettiamo con questa passione per i robot, che poi ci toglieranno il posto di lavoro?
No, no! Saranno sempre più diffusi, certo, ma si occuperanno delle attività più noiose, faticose e ripetitive. Lasceranno a noi i lavori creativi: ci divertiremo un sacco!

Per informazioni www.valeriacagnina.tech

Ultime notizie
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata
Fisco

Autonomia differenziata. “Rischia di alimentare la fake news del Sud che “campa” alle spalle del Nord”

Per la prima volta nella storia della Repubblica è stata chiesta in maniera ufficiale un’indagine conoscitiva per appurare in modo oggettivo quale...
di Marco Ascione
International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali. L'approfondimento
di Giuliano Bifolchi
Ambiente

Corpo Forestale assorbito nell’Arma, per la Corte Costituzionale è legittimo. Del Sette: “Sentenza netta”

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata lo scorso 10 luglio, ha confermato la legittimità della riforma legislativa concernente l’assorbimento nell’Arma dei Carabinieri del disciolto Corpo Forestale dello Stato. Tullio Del Sette: "Sentenza netta, che ha spazzato via definitivamente, senza possibilità di appello, le riserve di alcuni sulla legittimità costituzionale".
di Tullio Del Sette
Criminalità e contrasto

Sicurezza e scandalo in magistratura, Sorgi: “Rischio per l’indipendenza dei magistrati”

Dal fenomeno del caporalato a quello del lavoro nero, passando per le infiltrazioni mafiose e della 'ndrina, in particolare, nella regione Emilia Romagna; fino alle misure previste dai decreti “sicurezza”, e ai recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. Intervista al magistrato Carlo Sorgi.
di Marco Omizzolo
Europa

Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato.
di Carmelo Cedrone
Ambiente

Ricerca: insetti per produrre energia e fertilizzanti agricoli. Il progetto del Centro Enea

Utilizzare gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione per la produzione di biocarburanti avanzati, materiali innovativi biodegradabili o fertilizzanti...
di redazione
Gioco

Giochi: la stretta normativa può accrescere l’illegalità. La Corte dei Conti conferma le tesi dell’Eurispes

La riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento unita all’inasprimento delle limitazioni delle distanze da luoghi cosiddetti sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, hanno determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali. Lo dice la Corte dei Conti.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Economia

La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Il “petro” in Venezuela, lo “yuan digitale” in Cina, il “payMon” nella Repubblica islamica: l'avvento della “criptovauta di Stato” rappresenta il tentativo di “imbrigliare” una tecnologia nata in base ad un principio di “anarchia finanziaria” in un sistema regolato e, quindi, nuovamente controllato.
di Giovambattista Palumbo
Finanza

Banche, la donna che “traghetta” l’Italia verso le nuove sfide dell’open banking

Trasformazione e digitalizzazione del sistema finanziario: negli ultimi anni, il sistema dei pagamenti e l'organizzazione delle imprese e delle banche è profondamente cambiato. Tra gli artefici e i protagonisti di questa transizione, il Consorzio CBI, da poche settimane diventato una società consortile per azioni. Ne parliamo con Liliana Fratini Passi, Direttore Generale di CBI S.c.p.a.
di Valentina Renzopaoli