L'opinione

Protagonisti senza responsabilità

54

Come è potuto accadere? Chi è il responsabile o chi sono i responsabili di un disastro che rischia di annullare le conquiste e le presunte certezze della nostra società? Grazie al voto elettorale una nuova classe dirigente si è insediata al potere ed ancora non si è realizzato nulla del miracolo annunciato agli elettori.
Anzi, figuracce su figuracce. Ma, soprattutto sui social, una pioggia di annunci di trionfi sbandierati. Dilettanti allo sbaraglio si direbbe, con l’aggravante che la chiacchiera è realtà.
O per lo meno lo diventa per chi non legge e vive sui social. Credo infatti che, partendo dagli sms si sia creata una classe di nuovi “pseudo” pensatori che raccontano tranquillamente banalità su banalità senza senso del limite, del ridicolo e soprattutto senza alcuna responsabilità. Tutto è lecito ed anche il suo contrario. Frasi come «lei ha studiato, e allora?», denotano solo una cosa. La
fine di ogni pudore. Sembra quasi che da un mondo globalizzato noi, in Italia, siamo passati ad un mondo spudorato. Certo le responsabilità vanno tutte equamente divise. L’attuale opposizione ha fatto di tutto per diventarlo. Divisioni interne, balbettamenti politici, rincorse sbagliate verso temi reali trascurati per troppo tempo. Gli emarginati italiani hanno costruito cosi la loro vendetta.
Esattamente come negli USA. Chi sarà il nostro Trump?

Altre opinioni dell'Autore
Gioco

Il Governo “a senso unico” dei giochi. L’azzardo finanzia il Reddito di cittadinanza con 1,5 mld

"Siamo di fronte ad un governo dei giochi a senso unico: mentre l’obiettivo nobile “da campagna elettorale” è quello di contrastare il disturbo da gioco d’azzardo, il risultato concreto è quello di utilizzare il settore per esigenze di finanza, senza incidere realmente sulla lotta alla ludopatia”.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Innovazione

Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David "Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete".
di Massimiliano Cannata
Informazione

Gino Falleri “pietra miliare” del giornalismo. “Aveva sempre la parola giusta”. Il ricordo

Gino Falleri era considerato l’Highlander del giornalismo, il paladino dei Pubblicisti, per i quali ha combattuto lunghe battaglie. Il ricordo di Bruno Tucci, Roberto Natale e Gian Maria Fara.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Era Meglio Prima! Oppure no? Saggio breve contro i piagnucolosi e i brontoloni

Avete due ore di tempo? Che so: un pomeriggio di pioggia; un post-prandiale domenicale; un trasferimento in aereo o treno da riempire....
di Alberto Mattiacci
Politica

Vincoli di bilancio, investimenti al minimo storico ma gli “avanzi disponibili” ammontano a 5,3 mld

Nel 2017 gli investimenti degli Enti locali hanno toccato il minimo storico. Eppure, l'ammontare delle somme potenzialmente spendibili ha raggiunto i 5,3 mld di euro.
di redazione
Informazione

Lutto nel giornalismo. Oggi i funerali di Gino Falleri a Roma

Lutto nel mondo del giornalismo. Si celebrano martedì nella parrocchia di San Mattia, alle ore 15, i funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio, socio, fondatore e consigliere dell'Eurispes.
di redazione
Società

Festa del Papà: padri ottimisti, figli spaventati dal futuro. La ricerca

In occasione della Festa del Papà, l’Eurispes ha voluto focalizzare l’attenzione sull’opinione e la situazione degli uomini italiani rispetto ad alcuni aspetti della vita quotidiana.
di redazione
Economia

Politica industriale: la nuova Europa dei players globali secondo il Manifesto franco-tedesco

Francia e Germania, in occasione della presentazione del Manifesto franco-tedesco di politica industriale europea, hanno chiarito le posture dei due Paesi rispetto al futuro della concorrenza intra-Ue.
di Antonio De Chiara
Economia

La Cina è vicina. Belt and Road, la nuova Via della Seta è già realtà

Il Presidente della Repubblica Cinese viene in Italia a perfezionare la nuova Via della Seta, un’iniziativa strategica per il miglioramento dei collegamenti commerciali con i paesi nell’Eurasia. E all’improvviso c'è chi si è ricordato del porto di Palermo e del progetto dell’Eurispes.
di Alfonso Lo Sardo
Ambiente

Ambiente, l’emergenza clima non è una “moda”. I giovani ne sanno più degli adulti

La questione ambientale non è una moda e dopo il Global Climate Strike For Future, la protesta del 15 marzo, nessuno potrà più dire di non sapere. Con un totale di 2083 eventi, in 125 paesi, la protesta ha raggiunto ogni continente della Terra.
di Matteo Bruno Ricozzi