Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David frutto di un’appassionante conversazione con Lelio Demichelis, Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete (ed. Jaca Book),

Oltre la fabbrica, intesa come tradizionale luogo della produzione fisicamente bel delimitato, nella nuova realtà della “impresa rete”, c’è una nuova importante partita da giocare: la difesa del lavoro e dei diritti fondamentali. Viviamo il tempo delle contraddizioni, una strana epoca in cui ai bagliori del progresso tecnologico sta facendo da contraltare una crescente sensazione di precarietà, di paura, di incertezza. Risalire la china, invertendo una tendenza negativa che ha assunto i toni drammatici della crisi, è un imperativo che impone a governi e Istituzioni di alzare la soglia dell’attenzione. Consapevole di tutto questo, l’autrice alla guida della FIOM (Federazione Impiegati Operai Metallurgici) lancia un messaggio molto preciso: senza l’azione puntuale del sindacato sarà difficile attuare il disegno di una società più giusta, che possa scandire una linea di progresso reale della storia.
Che si potesse aprire una fase di riflessione in tema di civiltà del diritto, c’era da aspettarselo. Negli ultimi anni una certa “cattiva” politica, aveva provato a marginalizzare il ruolo dei corpi intermedi, in nome di una disintermediazione dei processi, che di fatto sta rischiando di minare le fondamenta della democrazia occidentale. Per comprendere appieno i pericoli connessi alla deriva tecnopolitica, è utile richiamare l’insegnamento di Stefano Rodotà: «Nel nuovo spazio globale delle reti digitali – ha scritto il grande giurista – senza un’adeguata evoluzione del diritto, non ci potranno essere né democrazia né pace tra i popoli mentre stiamo assistendo alla profilazione di nuove modalità di acquisizione del consenso, alle quali non sempre corrisponde una nuova distribuzione del potere. La dimensione della democrazia elettronica non deve essere confusa con la possibilità di essere chiamati a dire un sì o un no, che viene alla fine di un processo di decisione interamente gestito da altri». Sulla stessa lunghezza d’onda è stato anche il nostro Presidente della Repubblica, che a Modena in occasione della commemorazione della tragica scomparsa del giuslavorista Marco Biagi ha detto, senza usare mezzi termini: «La teoria secondo la quale occorre emarginare i corpi sociali intermedi ha reso tutti fragili».

Per avere l’idea della profondità del “baratro” dentro il quale stiamo rischiando di cadere, basta osservare con spirito critico l’attualità. Mentre gli “algoritmi” decidono chi e dove assumere, i fatti di cronaca ci parlano continuamente di una percentuale drammatica di morti sul lavoro (fenomeno che grida vendetta nel contesto di una società che si dice evoluta e ipertecnologica), della quantità di esuberi generati dalle crisi aziendali, oltre 800 posti in ballo nel caso Sirti, 600 nel gruppo Carrefour; intanto, si temono notizie analoghe provenienti dalla grande distribuzione cooperativa. Esiste, inoltre, una preoccupante tendenza al ridimensionamento e alle ristrutturazioni che andrà tamponata al più presto: i casi di Embraco, Amazon, senza trascurare Ryanair e l’ex Seat pagine Gialle, per non parlare della triste vicenda della Thyssenkrupp, mettono sul piatto la grande questione della difesa dei diritti inalienabili dei lavoratori. Diritti spesso calpestati, in un totale disconoscimento dei valori della libertà e della dignità dell’uomo, che sono costati secoli di guerre e di faticose conquiste.

Governare il cambiamento (tema che verrà dibattuto all’XI Congresso SNFIA che si terrà sul Lago di Garda dal 2 al 4 del prossimo mese di aprile), vorrà dire prima di tutto creare le condizioni perché si possa affermare la prospettiva di un “neoumanesimo” solidale, in cui le imprese dovranno, prima di tutto, porsi il problema di coniugare etica e business, interpretando nella chiave più alta e impegnativa la mission di una responsabilità sociale. Bisognerà, in una parola, tornare a battersi, come suggerisce in uno dei suoi ultimi scritti il grande sociologo francese Edgar Morin), per una “globalizzazione dei diritti, non solo dei mercati”, per rispondere alle esigenze primarie di milioni di individui, che vivono ai “margini”.

Lo studio ha il merito di evidenziare molto bene i lineamenti di un capitalismo che ha mutato profilo e dinamiche, nel contesto che vede una “frantumazione del lavoro” e un’eclissi della Politica (con la p maiuscola). La “metamorfosi” che ha subìto un’accelerazione preoccupante in questo difficile decennio segnato dalla crisi, ha avuto origine nella progressiva finanziarizzazione dell’economia, che ha finito col condizionare le scelte decisive di una classe dirigente che troppo spesso ha dimostrato di non essere all’altezza dei compiti. Sono così venuti meno gli assetti organizzativi e produttivi, che avevano retto dalla rivoluzione industriale ad oggi, in una commistione di idee, ma soprattutto di valori che ha lasciato un senso di incertezza, precarietà e disorientamento, molto diffuso nella collettività. Non è ancora chiaro verso quali equilibri stiamo andando.

“Cambiata la scacchiera”, come spiega molto bene Alessandro Baricco nel suo saggio sulla civiltà digitale The Game, sono mutati anche il nostro assetto mentale e il nostro metodo di conoscenza del mondo. Ora bisogna ritrovare un equilibrato rapporto tra uomo e macchina, per non far risorgere una parola-chiave che attraversa la trattazione: “alienazione”. Pensavamo che fosse tramontata, con la fine dei Tempi moderni di Chaplin; invece, è un termine che risorge, nell’orizzonte di un neo-proletariato tecnologico, fuori dal recinto ideologico della lotta di classe, ma di certo non meno destabilizzante per la vita di milioni di individui nei diversi angoli del Pianeta.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare