Lavoro

Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

248

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David frutto di un’appassionante conversazione con Lelio Demichelis, Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete (ed. Jaca Book),

Oltre la fabbrica, intesa come tradizionale luogo della produzione fisicamente bel delimitato, nella nuova realtà della “impresa rete”, c’è una nuova importante partita da giocare: la difesa del lavoro e dei diritti fondamentali. Viviamo il tempo delle contraddizioni, una strana epoca in cui ai bagliori del progresso tecnologico sta facendo da contraltare una crescente sensazione di precarietà, di paura, di incertezza. Risalire la china, invertendo una tendenza negativa che ha assunto i toni drammatici della crisi, è un imperativo che impone a governi e Istituzioni di alzare la soglia dell’attenzione. Consapevole di tutto questo, l’autrice alla guida della FIOM (Federazione Impiegati Operai Metallurgici) lancia un messaggio molto preciso: senza l’azione puntuale del sindacato sarà difficile attuare il disegno di una società più giusta, che possa scandire una linea di progresso reale della storia.
Che si potesse aprire una fase di riflessione in tema di civiltà del diritto, c’era da aspettarselo. Negli ultimi anni una certa “cattiva” politica, aveva provato a marginalizzare il ruolo dei corpi intermedi, in nome di una disintermediazione dei processi, che di fatto sta rischiando di minare le fondamenta della democrazia occidentale. Per comprendere appieno i pericoli connessi alla deriva tecnopolitica, è utile richiamare l’insegnamento di Stefano Rodotà: «Nel nuovo spazio globale delle reti digitali – ha scritto il grande giurista – senza un’adeguata evoluzione del diritto, non ci potranno essere né democrazia né pace tra i popoli mentre stiamo assistendo alla profilazione di nuove modalità di acquisizione del consenso, alle quali non sempre corrisponde una nuova distribuzione del potere. La dimensione della democrazia elettronica non deve essere confusa con la possibilità di essere chiamati a dire un sì o un no, che viene alla fine di un processo di decisione interamente gestito da altri». Sulla stessa lunghezza d’onda è stato anche il nostro Presidente della Repubblica, che a Modena in occasione della commemorazione della tragica scomparsa del giuslavorista Marco Biagi ha detto, senza usare mezzi termini: «La teoria secondo la quale occorre emarginare i corpi sociali intermedi ha reso tutti fragili».

Per avere l’idea della profondità del “baratro” dentro il quale stiamo rischiando di cadere, basta osservare con spirito critico l’attualità. Mentre gli “algoritmi” decidono chi e dove assumere, i fatti di cronaca ci parlano continuamente di una percentuale drammatica di morti sul lavoro (fenomeno che grida vendetta nel contesto di una società che si dice evoluta e ipertecnologica), della quantità di esuberi generati dalle crisi aziendali, oltre 800 posti in ballo nel caso Sirti, 600 nel gruppo Carrefour; intanto, si temono notizie analoghe provenienti dalla grande distribuzione cooperativa. Esiste, inoltre, una preoccupante tendenza al ridimensionamento e alle ristrutturazioni che andrà tamponata al più presto: i casi di Embraco, Amazon, senza trascurare Ryanair e l’ex Seat pagine Gialle, per non parlare della triste vicenda della Thyssenkrupp, mettono sul piatto la grande questione della difesa dei diritti inalienabili dei lavoratori. Diritti spesso calpestati, in un totale disconoscimento dei valori della libertà e della dignità dell’uomo, che sono costati secoli di guerre e di faticose conquiste.

Governare il cambiamento (tema che verrà dibattuto all’XI Congresso SNFIA che si terrà sul Lago di Garda dal 2 al 4 del prossimo mese di aprile), vorrà dire prima di tutto creare le condizioni perché si possa affermare la prospettiva di un “neoumanesimo” solidale, in cui le imprese dovranno, prima di tutto, porsi il problema di coniugare etica e business, interpretando nella chiave più alta e impegnativa la mission di una responsabilità sociale. Bisognerà, in una parola, tornare a battersi, come suggerisce in uno dei suoi ultimi scritti il grande sociologo francese Edgar Morin), per una “globalizzazione dei diritti, non solo dei mercati”, per rispondere alle esigenze primarie di milioni di individui, che vivono ai “margini”.

Lo studio ha il merito di evidenziare molto bene i lineamenti di un capitalismo che ha mutato profilo e dinamiche, nel contesto che vede una “frantumazione del lavoro” e un’eclissi della Politica (con la p maiuscola). La “metamorfosi” che ha subìto un’accelerazione preoccupante in questo difficile decennio segnato dalla crisi, ha avuto origine nella progressiva finanziarizzazione dell’economia, che ha finito col condizionare le scelte decisive di una classe dirigente che troppo spesso ha dimostrato di non essere all’altezza dei compiti. Sono così venuti meno gli assetti organizzativi e produttivi, che avevano retto dalla rivoluzione industriale ad oggi, in una commistione di idee, ma soprattutto di valori che ha lasciato un senso di incertezza, precarietà e disorientamento, molto diffuso nella collettività. Non è ancora chiaro verso quali equilibri stiamo andando.

“Cambiata la scacchiera”, come spiega molto bene Alessandro Baricco nel suo saggio sulla civiltà digitale The Game, sono mutati anche il nostro assetto mentale e il nostro metodo di conoscenza del mondo. Ora bisogna ritrovare un equilibrato rapporto tra uomo e macchina, per non far risorgere una parola-chiave che attraversa la trattazione: “alienazione”. Pensavamo che fosse tramontata, con la fine dei Tempi moderni di Chaplin; invece, è un termine che risorge, nell’orizzonte di un neo-proletariato tecnologico, fuori dal recinto ideologico della lotta di classe, ma di certo non meno destabilizzante per la vita di milioni di individui nei diversi angoli del Pianeta.

Ultime notizie
Intervista

Camilleri come Verga e Pirandello. “Il vigatese è italiano come la lingua dei Malavoglia”

Andrea Camilleri non è solo un caso letterario. È una figura poliedrica di intellettuale, capace di esprimere la corda universale della sicilianità, come hanno fatto i grandi della letteratura isolana: da Verga a Pirandello. Ne parliamo con Franco Lo Piparo, professore filosofia del linguaggio all’Università di Palermo.
di Massimiliano Cannata
Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di...
di Gian Maria Fara
agricoltura

Mafia nei mercati ortofrutticoli. Sud Pontino epicentro della filiera criminale

Mafia nei mercati ortofrutticoli: quando la criminalità riesce a mettere le mani sui grandi mercati ortofrutticoli o sul sistema della logistica, condiziona l'intera filiera agricola italiana e internazionale. Si tratta di un avanzamento importante e pericoloso della strategia delle agromafie italiane.
di Marco Omizzolo
Intervista

Salvini e il bluff della crisi di “ferragosto”. Il Papeete è un format politico

Crisi di governo: Matteo Salvini protagonista del “mistero buffo” di Ferragosto. L'analisi di Aldo Cazzullo, cronista di razza, editorialista e firma di punta del Corsera. «Più passano i giorni, più l'azzardo di Salvini si rivela sempre più tale. La mia impressione è che abbia sbagliato i tempi».
di Massimiliano Cannata
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Istruzione

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua