Informazione

Gino Falleri “pietra miliare” del giornalismo. “Aveva sempre la parola giusta”. Il ricordo

64

Gino Falleri era considerato l’Highlander del giornalismo, il paladino dei Pubblicisti, per i quali ha combattuto lunghe battaglie. La sua corporatura minuta nascondeva una volontà di ferro, che gli ha consentito di essere, per decenni, il punto di riferimento per migliaia di giovani e meno giovani che hanno scelto questa professione. In tanti hanno voluto omaggiare lo storico Vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti, il giorno del suo funerale nella parrocchia di San Mattia a Talenti, quartiere dove viveva. Scomparso il 18 marzo, aveva 92 anni.
Bruno Tucci, ex Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio ricorda: «Gino per il mondo del giornalismo ha rappresentato tanto. Ho vissuto con lui 18 anni, tutti i giorni, tutte le mattine per parecchie ore; a volte litigando, cercando di prendere decisioni giuste, in un periodo in cui è stato molto difficile gestire l’Ordine perché i provvedimenti disciplinari erano stabiliti direttamente da noi e punire un collega è una decisione difficoltosa e dolorosa. Gino è stata una pietra miliare perché aveva sempre una parola al posto giusto, e aveva sposato questa professione».
Roberto Natale, dal 2007 al 2013 Presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana dice: «Gino ha attraversato decenni del giornalismo italiano e li ha attraversati con un incredibile tratto umano. La sua straordinaria passione e la correttezza che utilizzava nei rapporti, anche quelli sindacali, hanno fatto sì che quando anche non si era d’accordo, la distanza non era mai così importante come quella che univa. Aveva veramente il senso forte della comunità professionale, che non è corporativismo, perché a questo senso della comunità lui collegava un senso vivissimo delle regole e della deontologia. In occasione del suo funerale, è emersa questa capacità di Gino di unire anche chi, negli anni, con lui aveva sindacalmente combattuto».
Nel 1982 Gino Falleri era stato cofondatore dell’Eurispes. Il Presidente Gian Maria Fara commenta: «Con Gino scompare un pezzo di storia dell’Istituto, che abbiamo fondato insieme nel 1982 e dal quale non si è mai allontanato, regalandoci l’aiuto del suo prezioso consiglio e dell’esperienza e della saggezza delle quali era portatore. Un dolore enorme. Cercheremo di mantenere la sua memoria, onorandolo con il nostro lavoro».

Ultime notizie
Società

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo