agricoltura

Marco Omizzolo Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

54

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l’onorificenza al Merito della Repubblica Italiana a Marco Omizzolo, giornalista, studioso, ricercatore Eurispes e Responsabile scientifico dell’Associazione In Migrazione.

Un importante riconoscimento per il suo impegno civile, per la dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani. In particolare, si fa riferimento alla «sua coraggiosa opera in difesa della legalità attraverso il contrasto al fenomeno del caporalato. Ha più volte denunciato, anche con dettagliati dossier, il fenomeno del caporalato e dello sfruttamento degli stranieri nei campi. Segue da anni il fenomeno dei braccianti nell’Agro Pontino: ha descritto la rete dei caporali, raccontato le condizioni di vita, i problemi di salute e lo stato delle abitazioni di questi lavoratori. Da quando ha cominciato ad impegnarsi sulla questione, riceve avvertimenti e minacce di morte».
Grande esperto dei fenomeni di mafia e criminalità, in particolare, nel settore dell’agricoltura, profondo conoscitore delle minoranze straniere e della comunità Sikh, Marco Omizzolo collabora da anni al Rapporto Agromafie Eurispes-Coldiretti.
«Non so se meritato ma certo costituisce uno stimolo a continuare i miei studi e le mie battaglie: diventare Cavaliere della Repubblica significa, per me, impegnarsi ancor più nella battaglia contro ogni forma di ingiustizia e illegalità», commenta Marco Omizzolo. «Devo, oltre che ringraziare il Presidente per questo onore, ringraziare anche molti amici e compagni di viaggio, a partire dalla coop. In Migrazione, senza la quale il percorso fatto non ci sarebbe mai stato, continuando per tutti quei braccianti indiani e non solo che più di me hanno avuto il coraggio della denuncia e della ribellione contro caporali, trafficanti, padroni e padrini. Loro meritano molto più di me questo riconoscimento. E soprattutto meritano quella giustizia che da anni viene loro negata per bramosia di potere e di denaro. Infine, devo ringraziare la mia famiglia che non ha mai ceduto ad alcuna minaccia e mai mi ha chiesto di fare passi indietro. In particolare ringrazio mio padre, che ora sta vivendo una fase molto difficile, perché mi ha insegnato ad essere uomo prima di tutto e a stare dalla parte giusta e mai da quella più conveniente. Grazie a chi c’è stato con onestà, gratuità e generosità. E grazie a chi mi ha amato nonostante tutto. Ora, la battaglia contro ogni forma di razzismo, discriminazione, sfruttamento e mafia continua».

Ultime notizie
Politica

Manovra economica, al Sud tagliati 800 mln. La ripresa non ci sarà

Manovra economica: manca una visione d’insieme per il Sud. Più investimenti ma diminuisce la spesa pubblica. Nessun piano di infrastrutturazione. Il sostegno al reddito? Un’incognita.
di Alfonso Lo Sardo
Società

La Notte Bianca del Classico. In difesa del principe dei Licei

Venerdì 11 gennaio si è svolta, in tutta Italia, la Notte Bianca del Liceo Classico. È una bella idea, nata in quel...
di Alberto Mattiacci
Politica

Giulio Andreotti nasceva (solo) 100 anni fa, ma sembra preistoria

Il 14 gennaio 2019 sono stati cento anni dalla nascita di Giulio Andreotti. Cosa che pochi mai avrebbero previsto, sono molti quelli che ora lo rimpiangono. Il ricordo nel libro di Roberto Cotroneo.
di Patrizio J. Macci
Criminalità e contrasto

Corruzione in Italia, ecco come si altera la reputazione di un Paese

Dipingere un paese come corrotto o anche più corrotto di quanto realmente non sia può avere effetti diretti e indiretti sull’economia. L’econometria della corruzione è alla base della ricerca realizzata da Eurispes
di redazione
Criminalità e contrasto

Mafie straniere in Italia. “Mancano interpreti e collaboratori di giustizia”

Dalla mafia nigeriana a quella cinese, rumena e albanese: le associazioni criminali straniere che hanno “preso casa” in Italia convivono con le mafie autoctone, si spartiscono traffici e attività illegali. Cesare Sirignano, Sostituto Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, ha fotografato il fenomeno.
di Raffaella Saso
Innovazione

Dalla smart city alla smart land, la città è ovunque

Essere smart è un modo di essere, una condizione ontologica. La rivoluzione è già avvenuta e la “città del futuro” più vicina di quanto possiamo immaginare. Anzi, la città è già ovunque, la città è sprawl.
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Spreco di cibo nel mondo: nel secchio un terzo di quello prodotto

I dati choc dello spreco alimentare. Un terzo del cibo prodotto sul pianeta, viene sprecato senza neanche arrivare a tavola. Con il cibo che finisce tra i rifiuti, si potrebbero sfamare 200 milioni di persone.
di Alfonso Lo Sardo
agricoltura

Marco Omizzolo Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l'onorificenza al Merito della Repubblica Italiana a Marco Omizzolo, giornalista, studioso, ricercatore Eurispes e Responsabile scientifico dell'Associazione In Migrazione.
di redazione
Economia

Misure fiscali: tutte le novità per il 2019. La guida per orientarsi

Una web tax al 3% sui servizi digitali delle grandi imprese, con lo scopo principale di tassare le vendite online delle multinazionali. Ma sono molte le misure fiscali introdotte con la legge di Bilancio 2019. Ecco la guida per orientarsi.
di Giovambattista Palumbo
Attualità

Amos Oz: “Per la pace in Medio Oriente i leader non sono pronti”

A pochi giorni dalla scomparsa, riproponiamo un'intervista realizzata tempo fa con lo scrittore Amos Oz. «Verrà un giorno in cui bisognerà accettare il compromesso, e vi sarà un’ambasciata palestinese in Israele e un’ambasciata Israeliana in Palestina».
di Massimiliano Cannata