agricoltura

Marco Omizzolo Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

188

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l’onorificenza al Merito della Repubblica Italiana a Marco Omizzolo, giornalista, studioso, ricercatore Eurispes e Responsabile scientifico dell’Associazione In Migrazione.

Un importante riconoscimento per il suo impegno civile, per la dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani. In particolare, si fa riferimento alla «sua coraggiosa opera in difesa della legalità attraverso il contrasto al fenomeno del caporalato. Ha più volte denunciato, anche con dettagliati dossier, il fenomeno del caporalato e dello sfruttamento degli stranieri nei campi. Segue da anni il fenomeno dei braccianti nell’Agro Pontino: ha descritto la rete dei caporali, raccontato le condizioni di vita, i problemi di salute e lo stato delle abitazioni di questi lavoratori. Da quando ha cominciato ad impegnarsi sulla questione, riceve avvertimenti e minacce di morte».
Grande esperto dei fenomeni di mafia e criminalità, in particolare, nel settore dell’agricoltura, profondo conoscitore delle minoranze straniere e della comunità Sikh, Marco Omizzolo collabora da anni al Rapporto Agromafie Eurispes-Coldiretti.
«Non so se meritato ma certo costituisce uno stimolo a continuare i miei studi e le mie battaglie: diventare Cavaliere della Repubblica significa, per me, impegnarsi ancor più nella battaglia contro ogni forma di ingiustizia e illegalità», commenta Marco Omizzolo. «Devo, oltre che ringraziare il Presidente per questo onore, ringraziare anche molti amici e compagni di viaggio, a partire dalla coop. In Migrazione, senza la quale il percorso fatto non ci sarebbe mai stato, continuando per tutti quei braccianti indiani e non solo che più di me hanno avuto il coraggio della denuncia e della ribellione contro caporali, trafficanti, padroni e padrini. Loro meritano molto più di me questo riconoscimento. E soprattutto meritano quella giustizia che da anni viene loro negata per bramosia di potere e di denaro. Infine, devo ringraziare la mia famiglia che non ha mai ceduto ad alcuna minaccia e mai mi ha chiesto di fare passi indietro. In particolare ringrazio mio padre, che ora sta vivendo una fase molto difficile, perché mi ha insegnato ad essere uomo prima di tutto e a stare dalla parte giusta e mai da quella più conveniente. Grazie a chi c’è stato con onestà, gratuità e generosità. E grazie a chi mi ha amato nonostante tutto. Ora, la battaglia contro ogni forma di razzismo, discriminazione, sfruttamento e mafia continua».

Ultime notizie
Rapporto Italia

RItalia 2020. Inizia il viaggio verso il 32° Rapporto Italia

Rapporto Italia è, da oltre trent’anni, una delle più efficaci narrative del Paese.È un ragionamento complesso, che ogni anno assume la forma...
di Alberto Mattiacci
Economia

Minibot, l’Italia gioca a poker. Ecco la verità nascosta

Dei minibot smetteremo presto di sentir parlare, accantonati in quel simpatico ripostiglio di “perle” assolute della politica contemporanea. Ma perché mai gli estensori di questa proposta si sono lanciati in una mossa (apparentemente) suicida e autolesionista? La riflessione di Alberto Mattiacci.
di Alberto Mattiacci
Cultura

La cultura dell’innovazione, unico antidoto contro la crisi del sistema

L’innovazione è un termine complesso, che presenta mille sfaccettature. Roberto Panzarani, docente di Innovation Management, nel suo ultimo saggio sottolinea che l'innovazione non è mai stata così al centro dell’attenzione: «Dalla tecnologia al marketing, alla definizione dei piani di business, nulla si potrebbe ottenere in assenza di questo motore».
di Massimiliano Cannata
Economia

Lotta al contante, 60 mld di cash nelle cassette di sicurezza in Italia. La proposta per far emergere il sommerso

Se in Italia aumentassero i pagamenti digitali e diminuissero le transazioni regolate in contanti si ridurrebbe l’incidenza dell’economia sommersa e dell’Iva evasa rispetto al Pil, fino a toccare valori, rispettivamente, compresi tra l’11,8% e l’8,8% e l’1,6% e lo 0,4%. Le proposte dell'Osservatorio sulle Politiche Fiscali dell'Eurispes per far emergere il sommerso.
di Giovambattista Palumbo
Immigrazione

La fabbrica della paura. Amnesty International: “Paese in preda a paure e rancori”

La politica italiana sull'immigrazione, la “salute” dei diritti umani nel nostro Paese, il fenomeno del caporalato e il “nuovo razzismo”; ma anche la questione della legittima difesa e lo stato dell'arte sul “caso Regeni”. Intervista con Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.
di Marco Omizzolo
Gioco

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette