Mattarella protagonista della settimana del prime time

Le celebrazioni per la festa della Repubblica hanno dominato la prima parte della settimana: 11 le aperture tra lunedì e martedì, con Tg1 e Tg La7 che propongono integralmente il discorso del Presidente della Repubblica. In primo piano anche Salvini a comizio sul Tg4. Proteste Usa: anche il Tg2 denuncia l’incapacità di Trump. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal primo al 5 giugno.

Proprio la figura di Mattarella è stata protagonista della narrazione del prime time, con ben 27 presenze nei titoli e molti servizi anche dopo mercoledì, quando il focus delle edizioni si è spostato sull’attesa riapertura della circolazione tra le Regioni.

L’immagine del Presidente della Repubblica ha incarnato l’Italia migliore, moderata e propositiva, cui si è contrapposta, in numerosi servizi, la polemica strisciante tra le forze politiche – scatenata dalle manifestazioni parallele delle destre. Le maggiori critiche sono arrivate da Tg La7 che oltre a censurare gli spregevoli slogan indirizzati (martedì) contro il Presidente dal corteo romano, ha parlato (giovedì) di un “clima politico fetido” per i nuovi attacchi contro il Quirinale ma, anche, per le staffilate all’opposizione di un insolito Bersani. Venerdì Mentana si esprime sulle polemiche sorte in Senato contro la Azzolina, etichettandole come una «pagliacciata a favor di telecamere». Da segnalare anche la forte esposizione del leader leghista Salvini che ha beneficiato di numerosi servizi su Tg2 (anche a causa del corteo di martedì), e giovedì di una lunghissima presenza da studio – oltre 20 minuti – su Tg4, che gli ha permesso di tenere un vero e proprio comizio.

Il rafforzamento del fondo anti pandemia della Bce – che si traduce in maggiori coperture per l’Italia sul piazzamento dei Btp – lascia, anche questa settimana, le testate abbastanza tiepide; aperture, comunque, su Tg3, Tg La7 e Tg5 (ed alcuni titoli venerdì). Il Tg di Mimun resta il solo ad avanzare proposte sul come investire queste risorse, dedicando la copertina di giovedì al problema delle grandi opere incompiute del Paese, le quali potrebbero sicuramente beneficiare di questi fondi.

Molta attenzione ricevono le proteste negli Stati Uniti per l’uccisione dell’afroamericano George Floyd: 17 titoli ed apertura del Tg La7 di martedì. Duro il giudizio di molte testate sulla presidenza Trump, con un editoriale del Direttore di Repubblica Molinari (ospite del Tg5) ed uno del Direttore del Tg2 Sangiuliano – il quale sorprende lunedì con un intervento in cui si critica l’incapacità di Trump nel garantire la concordia nazionale e l’immobilismo contro «il demone del razzismo, la più atroce ed inaccettabile espressione della storia». La testata non rinnega, tuttavia, le sue simpatie, e venerdì festeggia i segnali di ripresa dell’economia americana (titoli per i Tg delle 20) rilanciando le vittoriose parole di Trump. Giovedì l’anniversario della strage di Piazza Tienanmen è apertura per Tg2; nei titoli per i Tg Rai e La7.

I dati relativi al contagio restano alti, mentre le testate documentano la ripresa della libera circolazione tra le Regioni. Un’attenzione prospettica va alle nuove complessità che attendono il Sistema sanitario, il quale devrà smaltire tutte le operazioni posticipate a causa dell’epidemia. Tg4 e Tg5 dedicano gli spazi maggiori alle proteste del personale medico, gli eroi di ieri che oggi si scoprono abbandonati dalle Istituzioni. Tg La7 si concentra, invece, sui messaggi diffusi martedì dai cosiddetti “gilet arancioni”, chiamandoli “fessi” e criticando da studio la vacuità delle loro argomentazioni “no vax”.

 

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang