Mes, la politica strappa al Covid 5 aperture. L’analisi dei Tg

Anche se le aperture delle testate per più dei due terzi riprendono i quotidiani aggiornamenti della Protezione civile, le tensioni tra maggioranza ed opposizioni, riesplose gli scorsi giorni, tornano a reclamare gli spazi del prime time, ricevendo nella prima parte della settimana numerosi titoli e 5 aperture. L’analisi dell’Osservatorio tg Eurispes e Coris Sapienza dal 13 al 17 aprile.
A riservare il maggior spazio alle polemiche è Tg La7, che in tre edizioni apre sullo scontro politico attorno a Mes ed Eurobond, con Mentana che risale in cattedra avanzando gli approfondimenti più interessanti. Tra questi un servizio che lunedì ricostruisce la storia e le trasformazioni del Meccanismo Europeo di Stabilità, utile per inquadrare l’origine degli attuali scontri. Sempre lunedì, Mentana rintuzza gli attacchi ricevuti per i suoi commenti al messaggio del premier Conte di venerdì 10, ribadendo che a suo giudizio il Presidente del Consiglio non può attaccare l’opposizione durante un messaggio istituzionale, facendo oltretutto affermazioni imprecise.

Sempre in tema di Mes, le testate Mediaset non danno particolare spazio alle posizioni “estreme” di Meloni e Salvini, mentre si fanno megafono dei messaggi di Berlusconi (4 citazioni nei titoli) e Tajani, entrambi favorevoli all’utilizzo di quelle risorse. Tg2, intervista lunedì il Presidente della Camera, Roberto Fico, che invece reputa il Mes uno strumento insufficiente. Sia Rai che Mediaset accolgono, giovedì, le “scuse” della Presidente Ursula von der Leyen, che riconosce come l’Unione avrebbe dovuto (e debba) fare di più per l’Italia.

Il dibattito tra Governo e Regioni sulla ripartenza acquista sempre spazio. Diffusa attenzione agli interventi dei vertici della Protezione civile, con il commissario Arcuri intervistato sia dal Tg3 che dal Tg1. Le testate si mostrano tutte caute, e anche quelle più in linea con le istanze delle Regioni del Nord, manifestano dubbi e perplessità sulle riaperture anticipate. Mediaset dà comunque spazio al primo intervento del neo Presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, che ovviamente “spinge” per la riattivazione delle filiere produttive.

Interessante il sondaggio del Tg La7 di lunedì sulla fiducia dei cittadini europei verso le misure messe in atto da ciascun paese, che vede il 73% degli italiani apprezzare il fatto che «contro il contagio si stia facendo tutto il possibile».

Le inchieste sulle morti nelle Rsa sono nei titoli per tutti, ed oggetto di attenzione particolare da parte del Tg3 e del Tg1, che mercoledì vi dedicano l’apertura. La testata di Paterniti propone da lunedì una rubrica dedicata alle strutture in prima linea contro l’epidemia, cominciando con l’esperienza dell’ospedale di Lodi. Tg2 propone una rubrica analoga, che si concentra sull’impatto culturale e sociale generato dall’epidemia di Covid, proponendo il commento di vari intellettuali e divulgatori, tra cui Corrado Augias e Piero Angela.

La cronaca dell’epidemia assorbe anche questa settimana la pagina degli esteri, con i dati inquietanti ‒ sia in termini di vittime che di disoccupati ‒ provenienti in primo luogo dagli Stati Uniti. Infine, il tema degli sbarchi, riportato lunedì brevemente all’attenzione dei titoli, è relegato da martedì in alcuni servizi dei Tg Rai e Tg5.

Ultime notizie
Crescita

Il finanziamento possibile: il microcredito contro l’usura

In un periodo storico come quello che stiamo vivendo, la cui complessità e criticità derivano dagli effetti sociali ed economici (oltre che...
di Simone Cannaroli
Cosa vuol dire Mafia?

Riciclaggio: si può ancora parlare di un’economia pulita?

Pulire il denaro sporco, un ossimoro che è la chiave di volta di devastanti conseguenze sociali. Gli squilibri economici hanno anche e...
di Sergio Nazzaro
Storia

Come insegnare la Shoah e mantenere viva la memoria?

Chiedersi se si possa insegnare la Shoah può sembrare a dir poco un interrogativo irriverente o una sospetta curiosità. In realtà, porsi...
di Giuseppe Pulina
Ambiente

Ambiente e inquinamento, siamo pronti per impegnarci?

Ambiente, il riscaldamento globale incombe Climate change: se le economie mondiali non saranno convertite in uno stile di vita sostenibile, entro il...
di redazione
lotta alle mafie
Criminalità e contrasto

Una recente normativa antimafia può rivoluzionare la lotta alla criminalità organizzata

La lotta alle mafie non può arrestarsi per alcun motivo e anzi deve essere capace di allargare il proprio fronte per evitare...
di Marco Omizzolo
lotta alle mafie
Firenze
Opinioni e commenti

Firenze oh cara

Chi non ricorda il bellissimo film ambientato a Firenze, Camera con vista? In una scena la protagonista, la bravissima Helena Bonham Carter, diretta da...
di Luciano Maria Teodori
Firenze
Cosa vuol dire Mafia?

Criminalità e Covid-19: la mafia nella busta della spesa

La pandemia del Covid-19 ha investito prima la sanità, poi le carceri e immediatamente dopo l’economia. Un’immagine ha fatto il giro del...
di Sergio Nazzaro
mediterraneo
Europa

La Germania nel Mediterraneo: un nuovo competitor?

La Germania nel Mediterraneo: un nuovo protagonista che è stato capace di crearsi uno spazio strategico di prim’ordine in modo quasi silenzioso.
di Marco Ricceri*
mediterraneo
Futuro

La plastica nella placenta? È solo l’ultimo tassello della deriva inarrestabile dell’inquinamento ambientale

L’Eurispes.it incontra il Dottor Antonio Ragusa, Direttore del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina di Roma, alla ribalta per aver realizzato una ricerca che ha scoperto tracce di plastica nella placenta delle donne in gravidanza.
di Alessandro Di Legge
Attualità

Può esistere una società dopo il Covid?

Sono in atto, non solo per il Covid-19, processi di disgregazione sociale nel lavoro, negli affetti, nelle attività associative, nelle Istituzioni, con ricadute sulla democrazia. Il ripristino del senso di comunità richiede il superamento delle diseguaglianze.
di Angelo Perrone *