Società

“Non sprecate!”… Nel Paese degli sprechi un tesoro nel cassonetto

107

Nel mondo, ogni anno, finisce nella spazzatura un terzo del cibo del pianeta, circa 1,3 miliardi di tonnellate di alimenti. Tanto basterebbe a nutrire il 12% dell’intera popolazione mondiale: addirittura 4 volte la quantità necessaria a nutrire gli 868 milioni di affamati del Terzo e Quarto Mondo. La fotografia dell’osservatorio Waste Watchers sembrerebbe il più imponente paradosso dei nostri tempi: dalle nostre case ai ristoranti, fino alla piccola e grande distribuzione, quantità impressionanti di alimenti, ancora in buono stato di conservazione, finiscono direttamente nell’immondizia. Solo in Italia ogni anno circa 6,6 milioni di tonnellate di derrate alimentari finiscono nel cassonetto: una quantità di cibo che basterebbe a nutrire per 365 giorni ben 17, 6 milioni di persone, un terzo della popolazione italiana. È così che nei cassonetti giace un tesoro del valore di 12,3 miliardi di euro. La maggior parte dei depositari di questo enorme spreco si trova nella distribuzione, dove si perde il 58% delle eccedenze alimentari che potrebbero essere destinate al sostentamento dei più poveri. Lo spiega uno studio di Fondazione per la sussidiarietà che lancia anche una proposta: sgravi fiscali alle aziende che donano le eccedenze invece di buttarle.

Ma lo spreco di cibo viaggia quasi parallelamente all’eccesso, negli acquisti e nella nutrizione. Una delle sindromi più diffuse in àmbito alimentare è la cosiddetta “fame visiva”: si mangia anche senza avere fame. Oltre allo stimolo fisico dovuto alla caduta dei livelli di zucchero nel sangue, stimola la fame anche solo la vista dei cibi invitanti. E proprio questo meccanismo sembra essere tra i principali imputati dell’obesità. Gli italiani non capitalizzano il loro carrello della spesa: al contrario, è alto lo spreco alimentare che si registra ogni anno, con 561 euro di prodotti da tavola, per lo più quelli freschi (39%) che vanno a finire nel cassonetto. È l’Adoc a fare i conti sugli sprechi alimentari degli italiani, nel sottolineare che i 561 euro sprecati nei cassonetti equivalgono al 10% della spesa totale effettuata.

Eppure destinare il 10% della nostra spesa annua alla pattumiera è un lusso che davvero non dovremmo permetterci, senza parlare dei risvolti etici che un simile irresponsabile comportamento ha sulla nostra società in tempi di crisi economica.

Le soluzioni ci sarebbero, dalla spesa intelligente alla cucina del riciclo per utilizzare scarti e avanzi nelle ricette, dal frigorifero “pensato” – con gli alimenti che scadono prima posizionati avanti a tutto il resto – fino alla condivisione del cibo avanzato e al “doggy bag” al ristorante.

Le individua e spiega bene Giancarlo Roversi, nel suo “Non sprecate! – Manuale di sobria vita quotidiana in tempo di autarchia”, edito da Minerva Edizioni, un saggio che esorta a una maggiore consapevolezza del cibo e dei rifiuti. Come ci spiega l’Autore: “Quello degli sprechi non è un problema recente, già alla fine dell’Ottocento Olindo Guerini scriveva un manuale sull’arte di utilizzare gli avanzi. Certo a quei tempi le quantità di cibo a disposizione erano minori e quindi minori erano anche gli sprechi alimentari. Oggi gettiamo tutto ciò che non sappiamo come utilizzare, non solo ciò che pensiamo non serva più”. E a proposito dei primi frigoriferi sociali, dei frigoriferi “condivisi”, riempiti da volontari del quartiere e appena inaugurati a Berlino, aggiunge: “Credo attuabile un’iniziativa del genere anche in Italia: oggi il Paese è meno individualista ed ha acquisito negli anni maggiore consapevolezza al fine di adottare stili di vita più ecologici. All’inizio anche le lavanderie a gettoni erano guardate con scetticismo, poi hanno attecchito: i frigoriferi comportano conservazione e riutilizzo consono, hanno un alto valore etico e simbolico e per questo credo nella loro potenziale riuscita. Davvero me lo auguro”.

Scarica l’audio dell’intervista a Giancarlo Roversi – “Non sprecate!”

Giancarlo Roversi è giornalista e scrittore. Autore di numerosi libri e saggi, ha fondato e diretto varie riviste (“Il Carrobbio”, “Quaderni culturali bolognesi”, “Culta Bononia”, “Il tempo i luoghi le immagini”). Vincitore di premi giornalistici e letterari, attualmente dirige: “Atmosfere” (rivista di bordo della Compagnia Aerea Meridiana),“Le Ali” (rivista di bordo della Compagnia Aerea Air Dolomiti / gruppo Lufthansa), “Mythos”, “Menù Magazine”.

Non sprecate

Pagine: 112
ISBN: 978-88-7381-570-9
Prezzo: 9,90€

 

 

 

Ultime notizie
Salute

Coronavirus, SMI: “Noi medici non abbiamo mascherine nè guanti. Le Regioni non sono in grado di adeguarsi”

"Noi medici non abbiamo mascherine, non abbiamo tute, non abbiamo guanti, non abbiamo niente. Anche quando cerchiamo di reperirli a nostre spese, c’è grande penuria e i prezzi sono esorbitanti". Intervista a Pina Onotri, Segretario nazionale del Sindacato Medici Italiani.
di Alberto Baldazzi
International

Ecco la faccia nascosta della Luna. Svelato il suo “lato oscuro”

Uno studio del Cnr-Irea e dell’Università Roma Tre, pubblicato oggi su Science Advances, ha rivelato per la prima volta la stratigrafia del sottosuolo del Polo Sud-Aitken, situato sulla faccia nascosta della Luna
di redazione
Giustizia

Riforma giustizia tributaria: lo stato del contenzioso tributario

In un recente articolo Giovambattista Palumbo fa prognosi di «un giusto, equo, veloce ed efficiente processo tributario affidato a Giudici professionisti e...
di Saverio Belviso
Editoriale

Il coronavirus come la corruzione: più li controlli, più li rendi percepibili

Nutriamo un profondo rispetto nei confronti di chi sta vivendo questa difficile (e un po’ surreale) esperienza del Coronavirus, sia questi un...
di Gian Maria Fara
Attualità

Coronavirus, Italia sotto attacco. La nuova apocalisse il destino dell’uomo

Il mondo sottosopra, l’assalto di un microrganismo ha gettato nel panico il Nord Italia, che “chiude per virus” come molti giornali hanno titolato. Anche il calcio si è fermato.
di Massimiliano Cannata
International

I valori dei giovani europei, politica e religione sempre più lontane

Salute e lavoro sono in cima ai valori dei ragazzi tra i 18 e i 30 di Italia, Germania, Polonia e Russia; la politica è in forte declino, così come il desiderio dei figli. È quanto emerge da un’indagine realizzata nei quattro paesi europei sui giovani e la loro idea di futuro.
di redazione
Cultura & Turismo

Boom degli affitti brevi e del sommerso. Roma secondo mercato europeo

L’Ente Bilaterale Turismo del Lazio presenta la prima indagine sul mercato degli affitti brevi a Roma: i valori relativi al non ufficiale superano ormai quelli relativi all’extra alberghiero. Ciò si traduce in circa 50 milioni di tassazione evasa.
di Raffaella Saso
Criminalità e contrasto

Nicola Graziano vince il Premio Falcone e Borsellino per il “manuale contro la mafia”

Con il loro "manuale per sconfiggere le mafie" Nicola Graziano e Livia De Gennaro hanno vinto il Premio “G.Falcone e P.Borsellino 2019” per la Sezione Dottrina dedicata alle opere in materia di diritto penale, processuale penale e criminologia.
di Susanna Fara
Intervista

Sicurezza sul lavoro e caporalato, Maurizio Martina: “La legge contro lo sfruttamento sta funzionando”

Dal lavoro nero alla sicurezza sui luoghi di lavoro, dal fenomeno del caporalato agli effetti della legge 199/2016, fino alle conseguenze dei Decreti Sicurezza di Salvini. L'ex Ministro Martina risponde alle domande di Marco Omizzolo.
di Marco Omizzolo
Informazione

La dittatura del terzo like. Il dibattito politico è sostituito dai post

Siamo dominati dalla dittatura del like, nella quale l’importante è il consenso della massa informe che agisce sui social; nella quale la politica dimentica il senso stesso del suo essere, rimanendo comodamente immobile innanzi ai post, ai like, all’ignoranza.
di Ilaria Tirelli