L'opinione

Il sultano e lo zar

87

I Tg di mercoledì 2 dicembre – Le gravissime accuse lanciate dal ministero della difesa russo che denunciano traffici di petrolio tra la Turchia e lo Stato Islamico gestiti da parenti dello stesso presidente turco Erdogan, sono l’apertura per tutte le testate (eccetto Studio Aperto). Diversi gli atteggiamenti dell’informazione di serata verso una conferenza stampa dai toni d’altri tempi che contrappongono due recenti super alleati, il Sultano e lo Zar (come li definisce Tg3). Tg4 è lapidario nel preannunciare un’escalation inevitabile. Posizioni più sfumate vengono assunte dalle ammiraglie Rai e Mediaset, che riportano il sostegno del Pentagono alla linea di Erdogan, che respinge tutte le accuse. Tg3 e Tg La7 presentano degli approfondimenti che non mancano di illuminare le evidenti ambiguità di Ankara nei territori di poco oltre i suoi confini. L’invito della Nato alla piccola Repubblica balcanica del Montenegro per un ingresso nell’Alleanza Atlantica viene registrato dai Tg Rai e Tg5 come una sorta di “provocazione” alla Russia, cui seguiranno, senza dubbio, ulteriori reazioni.

Le tensioni tra Mosca ed Ankara vengono inquadrate da tutte le testate come il maggior ostacolo alla lotta contro l’Isis. Tg1 e Tg La7 documentano fin dai titoli l’adesione ufficiale della Germania e del Regno Unito alla coalizione militare anti-califfato. Alto sui Tg Mediaset l’appello a tutto campo dell’ex premier Berlusconi che ribadisce come una risposta comune contro il terrorismo dovrà includere necessariamente anche la Russia.

Schiacciate in secondo piano, come di consueto in queste giornate di grandi manovre internazionali, le notizie di politica. La 29esima votazione per l’elezione dei 3 giudici costituzionali dopo 17 mesi di stallo (e che già prefigura l’ennesima fumata nera) compare a fine edizione su tutte le testate. Maggior spazio ottiene il dibattito nel centro sinistra sulle eventuali primarie per le elezioni dei sindaci in primavera, mentre le divisioni interne al gruppo parlamentare di Forza Italia, con la leadership di Brunetta alla Camera, trovano menzione solo su Tg3 e Tg La7.

I dati Istat sulla maggiore fiducia nella ripresa e le previsioni di Confcommercio che annunciano un aumento dei consumi (il primo dopo 7 anni) in vista delle feste natalizie, sono ripresi da tutte le testate. Singolare la copertura di Tg4 che, sin dal titolo, accompagna le rilevazioni statistiche con uno scettico “ma sarà vero?”. Sempre su Tg4 continuano le attenzioni alle moschee “estremiste” nel nostro Paese: stasera il terrorismo si nasconderebbe a Trieste, dove una associazione islamica avrebbe, “nel silenzio”, acquistato un palazzo nel centro della città per farne una moschea, provocando l’inquietudine della cittadinanza. Non vanno bene, quindi, ne’ le moschee “abusive”, ne’ quelle “ufficiali”.

Segnaliamo l’attenzione delle tre testate Mediaset alla tematica del cyberbullismo, con la notizia dell’iniziativa di un preside di una scuola media di Parma che ha deciso di rendere pubblici ai genitori i post aggressivi scritti da alcuni dei loro figli contro diversi compagni “vittime”.

La notizia di un nuovo, pesantissimo scandalo doping in vista delle Olimpiadi di Rio 2016 che questa volta vedrebbe coinvolti 26 atleti italiani per aver omesso i controlli, occupa i titoli di Tg2, Tg3 e Tg La7, con Mentana che parla apertamente di una “mazzata” per l’atletica leggera italiana.

La conferenza per il Clima è ancora in corso a Parigi, ma risulta già praticamente scomparsa dalle scalette dei Tg. Questa sera ad occuparsene è il solo Tg3 che ci presenta un interessante servizio sugli effetti a lungo termine dell’aumento delle temperature oceaniche e sul progressivo shift dei consumi energetici globali negli ultimi e nei prossimi decenni.

Chiudiamo con la segnalazione che il Tg2 riesce a dare in extremis della sparatoria in California, dopo aver dedicato un buon approfondimento al tema della “sanità difensiva” e della crisi delle specializzazioni in chirurgia causate dai rischi legali che molti medici incontrano.

Altre opinioni dell'Autore
Osservatori

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot