L'opinione

Il sultano e lo zar

86

I Tg di mercoledì 2 dicembre – Le gravissime accuse lanciate dal ministero della difesa russo che denunciano traffici di petrolio tra la Turchia e lo Stato Islamico gestiti da parenti dello stesso presidente turco Erdogan, sono l’apertura per tutte le testate (eccetto Studio Aperto). Diversi gli atteggiamenti dell’informazione di serata verso una conferenza stampa dai toni d’altri tempi che contrappongono due recenti super alleati, il Sultano e lo Zar (come li definisce Tg3). Tg4 è lapidario nel preannunciare un’escalation inevitabile. Posizioni più sfumate vengono assunte dalle ammiraglie Rai e Mediaset, che riportano il sostegno del Pentagono alla linea di Erdogan, che respinge tutte le accuse. Tg3 e Tg La7 presentano degli approfondimenti che non mancano di illuminare le evidenti ambiguità di Ankara nei territori di poco oltre i suoi confini. L’invito della Nato alla piccola Repubblica balcanica del Montenegro per un ingresso nell’Alleanza Atlantica viene registrato dai Tg Rai e Tg5 come una sorta di “provocazione” alla Russia, cui seguiranno, senza dubbio, ulteriori reazioni.

Le tensioni tra Mosca ed Ankara vengono inquadrate da tutte le testate come il maggior ostacolo alla lotta contro l’Isis. Tg1 e Tg La7 documentano fin dai titoli l’adesione ufficiale della Germania e del Regno Unito alla coalizione militare anti-califfato. Alto sui Tg Mediaset l’appello a tutto campo dell’ex premier Berlusconi che ribadisce come una risposta comune contro il terrorismo dovrà includere necessariamente anche la Russia.

Schiacciate in secondo piano, come di consueto in queste giornate di grandi manovre internazionali, le notizie di politica. La 29esima votazione per l’elezione dei 3 giudici costituzionali dopo 17 mesi di stallo (e che già prefigura l’ennesima fumata nera) compare a fine edizione su tutte le testate. Maggior spazio ottiene il dibattito nel centro sinistra sulle eventuali primarie per le elezioni dei sindaci in primavera, mentre le divisioni interne al gruppo parlamentare di Forza Italia, con la leadership di Brunetta alla Camera, trovano menzione solo su Tg3 e Tg La7.

I dati Istat sulla maggiore fiducia nella ripresa e le previsioni di Confcommercio che annunciano un aumento dei consumi (il primo dopo 7 anni) in vista delle feste natalizie, sono ripresi da tutte le testate. Singolare la copertura di Tg4 che, sin dal titolo, accompagna le rilevazioni statistiche con uno scettico “ma sarà vero?”. Sempre su Tg4 continuano le attenzioni alle moschee “estremiste” nel nostro Paese: stasera il terrorismo si nasconderebbe a Trieste, dove una associazione islamica avrebbe, “nel silenzio”, acquistato un palazzo nel centro della città per farne una moschea, provocando l’inquietudine della cittadinanza. Non vanno bene, quindi, ne’ le moschee “abusive”, ne’ quelle “ufficiali”.

Segnaliamo l’attenzione delle tre testate Mediaset alla tematica del cyberbullismo, con la notizia dell’iniziativa di un preside di una scuola media di Parma che ha deciso di rendere pubblici ai genitori i post aggressivi scritti da alcuni dei loro figli contro diversi compagni “vittime”.

La notizia di un nuovo, pesantissimo scandalo doping in vista delle Olimpiadi di Rio 2016 che questa volta vedrebbe coinvolti 26 atleti italiani per aver omesso i controlli, occupa i titoli di Tg2, Tg3 e Tg La7, con Mentana che parla apertamente di una “mazzata” per l’atletica leggera italiana.

La conferenza per il Clima è ancora in corso a Parigi, ma risulta già praticamente scomparsa dalle scalette dei Tg. Questa sera ad occuparsene è il solo Tg3 che ci presenta un interessante servizio sugli effetti a lungo termine dell’aumento delle temperature oceaniche e sul progressivo shift dei consumi energetici globali negli ultimi e nei prossimi decenni.

Chiudiamo con la segnalazione che il Tg2 riesce a dare in extremis della sparatoria in California, dopo aver dedicato un buon approfondimento al tema della “sanità difensiva” e della crisi delle specializzazioni in chirurgia causate dai rischi legali che molti medici incontrano.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata