L'opinione

Il sultano e lo zar

82

I Tg di mercoledì 2 dicembre – Le gravissime accuse lanciate dal ministero della difesa russo che denunciano traffici di petrolio tra la Turchia e lo Stato Islamico gestiti da parenti dello stesso presidente turco Erdogan, sono l’apertura per tutte le testate (eccetto Studio Aperto). Diversi gli atteggiamenti dell’informazione di serata verso una conferenza stampa dai toni d’altri tempi che contrappongono due recenti super alleati, il Sultano e lo Zar (come li definisce Tg3). Tg4 è lapidario nel preannunciare un’escalation inevitabile. Posizioni più sfumate vengono assunte dalle ammiraglie Rai e Mediaset, che riportano il sostegno del Pentagono alla linea di Erdogan, che respinge tutte le accuse. Tg3 e Tg La7 presentano degli approfondimenti che non mancano di illuminare le evidenti ambiguità di Ankara nei territori di poco oltre i suoi confini. L’invito della Nato alla piccola Repubblica balcanica del Montenegro per un ingresso nell’Alleanza Atlantica viene registrato dai Tg Rai e Tg5 come una sorta di “provocazione” alla Russia, cui seguiranno, senza dubbio, ulteriori reazioni.

Le tensioni tra Mosca ed Ankara vengono inquadrate da tutte le testate come il maggior ostacolo alla lotta contro l’Isis. Tg1 e Tg La7 documentano fin dai titoli l’adesione ufficiale della Germania e del Regno Unito alla coalizione militare anti-califfato. Alto sui Tg Mediaset l’appello a tutto campo dell’ex premier Berlusconi che ribadisce come una risposta comune contro il terrorismo dovrà includere necessariamente anche la Russia.

Schiacciate in secondo piano, come di consueto in queste giornate di grandi manovre internazionali, le notizie di politica. La 29esima votazione per l’elezione dei 3 giudici costituzionali dopo 17 mesi di stallo (e che già prefigura l’ennesima fumata nera) compare a fine edizione su tutte le testate. Maggior spazio ottiene il dibattito nel centro sinistra sulle eventuali primarie per le elezioni dei sindaci in primavera, mentre le divisioni interne al gruppo parlamentare di Forza Italia, con la leadership di Brunetta alla Camera, trovano menzione solo su Tg3 e Tg La7.

I dati Istat sulla maggiore fiducia nella ripresa e le previsioni di Confcommercio che annunciano un aumento dei consumi (il primo dopo 7 anni) in vista delle feste natalizie, sono ripresi da tutte le testate. Singolare la copertura di Tg4 che, sin dal titolo, accompagna le rilevazioni statistiche con uno scettico “ma sarà vero?”. Sempre su Tg4 continuano le attenzioni alle moschee “estremiste” nel nostro Paese: stasera il terrorismo si nasconderebbe a Trieste, dove una associazione islamica avrebbe, “nel silenzio”, acquistato un palazzo nel centro della città per farne una moschea, provocando l’inquietudine della cittadinanza. Non vanno bene, quindi, ne’ le moschee “abusive”, ne’ quelle “ufficiali”.

Segnaliamo l’attenzione delle tre testate Mediaset alla tematica del cyberbullismo, con la notizia dell’iniziativa di un preside di una scuola media di Parma che ha deciso di rendere pubblici ai genitori i post aggressivi scritti da alcuni dei loro figli contro diversi compagni “vittime”.

La notizia di un nuovo, pesantissimo scandalo doping in vista delle Olimpiadi di Rio 2016 che questa volta vedrebbe coinvolti 26 atleti italiani per aver omesso i controlli, occupa i titoli di Tg2, Tg3 e Tg La7, con Mentana che parla apertamente di una “mazzata” per l’atletica leggera italiana.

La conferenza per il Clima è ancora in corso a Parigi, ma risulta già praticamente scomparsa dalle scalette dei Tg. Questa sera ad occuparsene è il solo Tg3 che ci presenta un interessante servizio sugli effetti a lungo termine dell’aumento delle temperature oceaniche e sul progressivo shift dei consumi energetici globali negli ultimi e nei prossimi decenni.

Chiudiamo con la segnalazione che il Tg2 riesce a dare in extremis della sparatoria in California, dopo aver dedicato un buon approfondimento al tema della “sanità difensiva” e della crisi delle specializzazioni in chirurgia causate dai rischi legali che molti medici incontrano.

Altre opinioni dell'Autore
Attualità

Migrazioni, le “false” tesi che diffondono odio e repulsione

Molte tesi riguardanti le migrazioni internazionali spesso usano la demografia per spiegare l’origine dei flussi migratori e giustificare politiche finalizzate più alla...
di Marco Omizzolo
Economia

Infrastrutture, trasporti e logistica: nasce l’Osservatorio dell’Eurispes

Nel quadro delle attività istituzionali, l’Eurispes ha dato vita a un Osservatorio permanente su Infrastrutture, Trasporti e Logistica e ne ha affidato la Presidenza a Luca Danese
di redazione
Criminalità e contrasto

Terrorismo, l’enciclopedia kolossal che racconta la storia buia dell’Italia

Il fenomeno del terrorismo, raccontato in tutte le sue declinazioni ed estensioni, dal punto di vista storico, sociologico, religioso, economico, politico, criminale e giuridico. Ecco l'Enciclopedia "kolossal"
di Fabio Iadeluca
Recensioni

Glaucoma, il libro sulla malattia. Nino Castelnuovo “testimonial”

Il glaucoma colpisce in Italia oltre un mln di persone. Il libro "Glaucoma: Apriamo gli occhi sulla malattia" tocca tutti gli aspetti della patologia, dall’impatto psico-sociale a quello socioeconomico
di redazione
Politica

Un Paese senza leader. «Sovranismo e populismo non dureranno»

Il mix di sovranismo e populismo che governa l’Italia non è destinato a durare. Lo sostiene Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera e autore di Un Paese senza leader. L'intervista
di Massimiliano Cannata
Politica

“Burocrate a chi? Ci condiziona la politica, ecco come uscirne”

Sulla carta è così: il ministro fissa gli obiettivi e il dirigente pubblico è responsabile della gestione e dei risultati, con tanto...
di Corrado Giustiniani
Cultura & Turismo

Carabinieri custodi della bellezza. Il Belpaese nel Calendario 2019

Carabinieri custodi della bellezza: il Calendario 2019 si ispira ai valori secolari dell'Arma e alla protezione dei beni culturali, in particolare a quelli riconosciuti patrimonio dell'Unesco.
di Emma Evangelista
Intervista

Il web annichilisce la politica. «Il populismo rende grottesca la realtà»

Fabrizio Di Marzio «Oggi la società della comunicazione, del web e dei Social media prevale sulla politica e condiziona la democrazia. Il populismo? Un modo infantile e pericoloso di leggere la realtà».
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Sesso come “esercizio ginnico”: il vero tabù è il sentimento

Sesso slegato dai sentimenti, diventa esercizio ginnico e sfogo. I tabù del sesso sono sdoganati ma la verà difficoltà è proprio parlare della propria interiorità. I dati del rapporto Eurispes “Giovani e Sesso”
di Diego Sambucini
Il punto

Il turismo serve ma non paga. Un bel paradosso italiano

Uno spettro si aggira per l’Italia: è il turista. Ne perlustra le città d’arte, enclave di bellezza dovute all’opera dei nostri illuminati...
di Alberto Mattiacci